Tutto Quello che Dovete Sapere sull'Hashish

Tutto quello che c'è da sapere sul concentrato di cannabis più consumato!
09 December 2020
10 min read
Tutto Quello che Dovete Sapere sullHashish

Contenuti:
  • 1. Che cos'è l'hashish?
  • 2. La storia dell' hashish
  • 3. La storia della produzione di hashish: i tamburi del ketama e charas
  • 3. a. I tamburi del ketama
  • 3. b. Charas
  • 4. Come si fa l'hashish oggi
  • 4. a. Dry sift
  • 4. b. Water hash
  • 4. c. Dry ice hash
  • 5. Usare la lavatrice per fare l'hashish
  • 6. Qual è la differenza: hash vs erba
  • 7. Suggerimenti per mantenere il vostro hashish senza muffa
  • 8. In conclusione

Le origini dell'hashish sono un mistero, ma sappiamo che ha avuto origine migliaia di anni fa a causa dei suoi usi religiosi e medici da parte delle culture arabe. Questo concentrato si è diffuso rapidamente in tutto il mondo, soprattutto in Europa, che oggi è il maggior consumatore di hashish.

1. Che cos'è l'Hashish?

L'hashish deriva dal processo di separazione dei tricomi che sono le ghiandole di resina che contengono tutti i composti come terpeni, cannabinoidi e flavonoidi, che si trovano nella pianta di cannabis, facendo questo processo, si finisce con una massa di tricomi puri che è molto più forte delle cime di cannabis.

Questo processo che permette di ottenere la separazione della resina è stato praticato per secoli ed è stato usato per diversi motivi in tutto il mondo.

2. La storia dell' Hashish

Potremmo dire che la storia dell'hashish è lunga quanto la storia della cannabis, perché l'hashish è fatto con i tricomi che si trovano sulle piante di cannabis, per migliaia di anni le piante di cannabis sono state usate per il loro beneficio medicinale e le fibre che sono super forti sono state usate per fare un tessuto forte.

È difficile dire con esattezza quando sia apparso l'hashish, ma ci sono testimonianze che risalgono al 900 d.C. in Arabia, a quell'epoca l'hashish veniva consumato mangiandolo ed era già ampiamente diffuso.

 

Everything you need to know about hash: history

L'hashish è stato usato come medicina e nei rituali religiosi per migliaia di anni.
 

Inoltre, ci sono riferimenti all'hashish in letteratura, per esempio, in "Il racconto del mangiatore di hashish" dei 1001 racconti arabi, che è la storia di un uomo che ha speso tutti i suoi soldi per le donne e ha mangiato hashish per sognare di essere di nuovo ricco.

Man mano che l'hashish si diffondeva, sono venute fuori altre storie, come la leggenda degli hashashin (assassini) che ha avuto origine tra il 1000-1200 d.C. La leggenda dice che gli assassini persiani fumano hashish prima di andare in missione e molti storici dicono che la parola hashish ha avuto origine proprio da questo.

Nel 1300 d.C. Marco Polo confermò le storie non solo sugli hashashin che consumano hashish, ma anche sul fatto che l'uso dell'hashish era diffuso ovunque, il che lasciò tutti in Europa abbastanza curiosi di conoscere questo concentrato.

Nel 1800, l'hashish si è diffuso in Europa, soprattutto a causa dell'esposizione delle truppe all'hashish durante le loro campagne in Egitto, e man mano che l'hashish diventava più conosciuto, l'interesse dell'Europa cresceva man mano che medici e botanici iniziavano a promuovere i benefici dell'hashish.

 

Everything you need to know about hash: history

L'hashish è uno dei prodotti di cannabis più popolari in Europa al giorno d'oggi.
 

Nel 1839, un dottore stanziato in India pubblicò un articolo sull'uso della cannabis e dell'hashish, che considerava efficace nel trattamento di una serie di malattie; un anno dopo, diversi medici iniziarono a usare l'hashish per curare le loro malattie e cominciarono a raccomandarlo ai loro pazienti, e in un paio d'anni, l'uso dell'hashish in Europa aumentò molto.

Quando questo è successo, la domanda di hashish era molto alta, così la vendita di droga è aumentata e ha portato la gente a chiedere se l'hashish desse dipendenza? Presto scoprirono che l'hashish in sé non creava dipendenza, ma a causa del calo di qualità e di una variazione di potenza, poteva portare alla tossicodipendenza e a problemi di salute mentale.

Nel XIX secolo, man mano che i pericoli dell'hashish si diffondevano, la gente era più consapevole dei possibili pericoli derivanti dal suo uso frequente e ciò ha portato ad alternative all'hashish come i vaccini, l'aspirina e l'idrato di cloralio, che hanno portato ad un declino dell'uso dell'hashish, anche se è ancora ampiamente utilizzato nei rituali religiosi, per i suoi benefici medicinali e ricreativi in tutto il mondo.

3. La storia della produzione di hashish: I Tamburi del Ketama e Charas

Come ormai saprete, l'hashish non proviene da un solo luogo, a causa dei suoi molteplici usi, la gente ha escogitato diversi modi per produrlo.

I Tamburi del Ketama

Il Marocco è tra i maggiori produttori di hashish, e in una piccola città di non più di 1500 abitanti, c'è una terra di oltre 10 km dove la cannabis cresce liberamente; questa città è conosciuta come Ketama e si dice che è da qui che proviene uno dei migliori hashish del mondo.

Ketama produce hashish fin dal XV secolo, producendo un concentrato con i migliori sapori e la migliore qualità, ma vi starete chiedendo come viene prodotto questo hashish? Beh... ecco come.

 

Everything you need to know about hash: ketama drums

The cannabis fields of Ketama.
 

I Berberi che sono i produttori di hashish di questa zona asciugano la cannabis all'aperto quando fa freddo in modo che la resina esca facilmente, usano semplici secchi di plastica che coprono con una rete di nylon per coprire i secchi, poi mettono la cannabis sopra, e poi coprono la cannabis in modo che la resina non fuoriesca.

Dopo aver sistemato tutto, usano dei bastoncini di legno per pestare la cannabis proprio come si farebbe su un tamburo (da cui il nome), questo processo è una tradizione a cui partecipa tutta la famiglia ed è essenziale per la loro sopravvivenza perché dipendono dai soldi che provengono dalla vendita di questo hashish per poter vivere.

 

Everything you need to know about hash: ketama drums

Produzione di hashish a Ketama.
 

Secondo la tradizione, ci sono due modi per finire l'hashish, uno è usare il calore per attivare i composti e trasformarlo nell'hashish che conosciamo che finisce marrone scuro ed è l'hashish che di solito viene esportato, e l'altro è congelare il "polline" che finisce fondamentalmente come il kief.

Charas 

Il Charas è fondamentalmente hashish, ma è fatto a mano soprattutto in Afghanistan, Pakistan, Nepal e India, ed è una delle droghe più usate in India.

Questo concentrato è simile all'hashish del Ketama, per esempio, ma a differenza dell'hashish del Ketama, il Charaas è fatto con la resina di piante di cannabis fresche.

Fare il charaas è relativamente semplice perché è fatto strofinando le piante di cannabis nelle mani, ma anche se può essere semplice, richiede molto tempo; Ci vogliono circa 8 ore per produrre circa 7g di hashish, tuttavia, più lento è lo sfregamento, più alta è la qualità del prodotto finale 

 

Everything you need to know about hash: charas

Mano piena di charas.
 

I produttori di Charas che seguono la tradizione lo fanno scegliendo le cime migliori dalle piante vive, strappano le foglie più grandi del ventaglio e poi strofinano delicatamente le cime tra le mani per far aderire la resina alla pelle, una volta che uno spesso strato di hashish ricopre i palmi delle mani, lo raschiano, lo pressano per attivare i composti e poi lo arrotolano in palline.

Ora, ci sono altri modi di fare Charas, per esempio, alcuni produttori si vestono di pelle e camminano tra le piante di cannabis in modo che i tricomi si attacchino alla pelle, anche se, come detto sopra, il Charas fatto a mano è fatto con cime selezionate, e più lento è, meglio è, così questo metodo può finire in un prodotto di qualità inferiore.

 

Everything you need to know about hash: temple balls

Temple Ball fatta a mano.
 

Le charas si possono trovare anche come temple ball, che sono fondamentalmente le stesse, ma una piastra di ceramica riscaldata viene utilizzata per far rotolare la palla di charas e non solo attivare i composti, ma anche darle il mantello lucido che ogni consumatore di hashish conosce.

4. Come Si Fa l'Hashish Oggi

Come accade per tutto, la gente ha adattato la produzione di hashish alla propria realtà e il processo di produzione dell'hashish si è evoluto molto, quindi ecco i metodi più usati dai produttori di hashish al giorno d'oggi.

Dry sift 

Il processo di produzione dell'hashish secco è molto simile al modo in cui viene prodotto l'hashish nel Ketama, questo processo consiste nello strofinare la cannabis su una rete di nylon, in questo modo la resina può passare attraverso mentre il materiale vegetale non lo fa.

Il modo in cui viene fatta la setacciatura a secco, inizia con lo spargere la cannabis secca su uno schermo o una rete di nylon, dopo averla sparsa, dovrete strofinare la cannabis sulla rete per un paio di minuti fino a quando non vedrete una buona quantità di kief sul fondo.

 

Everything you need to know about hash: dry sift

Dry sift è un modo semplice ed efficace per fare kief che può essere poi trasformato in hashish.
 

Ora, è possibile ripetere questo processo fino a 3 volte, ma la qualità sarà ridotta dopo ogni prova, una volta che si è soddisfatti della quantità di kief prodotta, è possibile utilizzare una carta di credito per ritirarla.

In questo modo si finisce con il kief, ora, se si vuole trasformarlo in hashish, si dovrebbe premere con una pressa per il polline o applicare il calore in qualsiasi altro modo si preferisce.

Water Hash 

L'hashish d'acqua è un altro modo per fare l'hashish, ora si può usare manualmente o usare "la lavatrice dell'hashish", in entrambi i casi, entrambi usano acqua, ghiaccio e agitazione per separare i tricomi dal materiale vegetale.

L'acqua e la cannabis vengono prima congelate per facilitare la rimozione della resina e poi viene agitata per rimuovere i tricomi che affondano mentre il materiale vegetale galleggia, quest'acqua viene poi versata attraverso diverse sacche di filtrazione (simili alla rete di nylon usata nel setaccio a secco) che separano i tricomi per dimensione.

 

Everything you need to know about hash: water hash

Water hash è simile al dry sift, ma il processo è molto diverso.
 

Una volta che i tricomi vengono raccolti nei sacchetti di filtrazione, vengono separati per qualità (quindi i sacchetti di filtrazione) e poi vengono essiccati e pronti per essere consumati, ma proprio come quando si setaccia a secco, i risultati finali sono simili al kief e si dovrebbe premere o applicare calore per trasformarlo nell'hashish marrone che tutti conosciamo.

Dry Ice Hash  

L'hashish di ghiaccio secco è fondamentalmente una combinazione di hashish d'acqua e setacciatura a secco, questo processo consiste nell'utilizzare i "bubble bag" che si usano per fare il water hash e seguire il processo utilizzato per la setacciatura a secco.

Per fare l'hashish di ghiaccio secco, basta congelare la cannabis e metterla nel sacchetto di filtraggio di vostra preferenza, insieme al ghiaccio secco.

Everything you need to know about hash: dry ice hash

Dry ice hash è fondamentalmente una combinazione dei processi utilizzati per la produzione di dry sif e water hash.
 

In questo modo, il ghiaccio secco renderà facile rimuovere i tricomi dal materiale vegetale e, scuotendolo, si separano le ghiandole di resina dalla cannabis, i tricomi passeranno poi attraverso i filtri e si otterrà un prodotto simile a quello che si otterrebbe con il setaccio a secco e l'hashish di acqua.

E, come detto prima, se volete fare l'hashish marrone che tutti conosciamo, dovrete premerlo e applicare il calore, ma non c'è bisogno di fare l'hashish, potete anche fare l'olio di hashish con il kief, che è un altro processo che dovreste esaminare se è quello che volete fare.

5. Usare la lavatrice per fare l'hashish

Se volete fare dell'hashish in acqua ma non potete permettervi o non riuscite a trovare una "lavatrice per l'hashish", potete usare la vostra normale lavatrice, anche se non è raccomandata se volete fare dell'hashish di alta qualità, è possibile farlo per il vostro consumo personale. 

Ecco un passo per aiutarvi a fare l'hashish nella vostra lavatrice!

Step 1

Assicuratevi che tutto sia pulito e riempite la lavatrice con acqua fredda e ghiaccio, dovreste usare circa 20-40 litri di acqua e 1,5-2,5 kg di ghiaccio, a seconda delle dimensioni della vostra lavatrice domestica.

Step 2

Mettete la vostra cannabis in lavatrice, usate un sacchetto filtro con una cerniera in modo da poterla chiudere e non rischiate di perdere la preziosa resina.

Step 3

Aggiungere del ghiaccio sulla parte superiore del sacchetto del filtro per mantenere la cannabis sommersa mentre la lavatrice la agita.

 

Everything you need to know about hash: make hash

Quello che serve per fare l'hashish a casa.
 

Step 4

Lasciate idratare la cannabis per 5 minuti e accendete la lavatrice per 10-20 minuti e fate mettere i sacchetti filtranti in un secchio se volete separare la resina in base alle dimensioni.

Step 5

Assicuratevi che il tubo di scarico sia posizionato nei sacchi filtranti in modo che l'acqua scoli nei secchi, una volta fatto questo, sciacquate i sacchi filtranti in modo che il materiale si concentri al centro.

Step 6

Raccogliete il kief e lasciatelo asciugare, poi usate il vostro metodo preferito per trasformare il kief in hashish.

6. Qual è la differenza: hash vs erba

Anche se l'hashish e l'erba provengono dalla pianta di cannabis, ci sono differenze fondamentali. 

A parte la potenza, non c'è molta differenza nel modo in cui la si fuma, ci si potrebbe chiedere come si fuma l'hashish? Beh, entrambi i prodotti a base di cannabis possono essere fumati in uno spinello, in un bong, in una pipa o in un vaporizzatore, ma l'hashish è molto più forte.

 

Everything you need to know about hash: hash vs weed

La differenza principale tra l'hashish e la marijuana è la loro potenza.
 

L'hashish contiene livelli molto alti di THC rispetto alle cime di cannabis, questo accade perché l'hashish estrae la resina dalle cime, eliminando tutto il materiale vegetale, quindi mentre le cime possono avere circa il 20-25% di THC, l'hashish può avere fino al 60%.

Questo significa che ci vuole molto meno hashish che cime per ottenere effetti psicoattivi, perché in pratica si stanno concentrando i composti che cerchiamo quando fumiamo la cannabis.

7. Suggerimenti per mantenere il vostro hashish senza muffa

Proprio come con le cime di cannabis, anche l'hashish può prendere la muffa se non si presta la dovuta attenzione, quindi ecco i nostri migliori consigli per mantenere il vostro hashish senza muffa.

#1 Prevenire la muffa durante la fase di crescita

Avere una corretta circolazione dell'aria ed è il modo migliore per evitare la muffa sulle vostre piante, perché l'irrigazione eccessiva può finire per causare una maggiore umidità, che può portare a muffe, in modo da avere una corretta circolazione dell'aria per evitarla.

 

Everything you need to know about hash: how to keep hash mold-free

Mantenere l'hashish nelle giuste condizioni è il modo migliore per mantenerlo senza muffe.
 

#2 Assicuratevi di avere un'adeguata stagionatura e asciugatura dell'hashish

La muffa è solitamente causata dall'umidità dell'hashish, quindi assicuratevi di asciugarlo correttamente e di stagionarlo, idealmente, dovreste asciugare l'hashish in una stanza con il 35% di umidità e una temperatura di 12°C.

#3 Conservare correttamente l'hashish

Evitate di tenere il vostro hashish in un ambiente caldo, è meglio tenerlo in un luogo fresco e inoltre, la muffa si fa strada attraverso l'aria quindi si dovrebbe tenere in un contenitore a tenuta d'aria.

8. In Conclusione

L'hashish non è affatto nuovo, questo prodotto a base di cannabis è stato prodotto e consumato per diverse migliaia di anni prima che la maggior parte di noi nascesse, anche se al giorno d'oggi abbiamo altri modi di consumare cannabis, come shatter, moonrocks, o thc diamonds, l'hashish è ancora il prodotto a base di cannabis più consumato al mondo.

Se avete altre informazioni sulla storia dell'hashish o alcuni consigli che vorreste condividere con altri produttori di hashish, sentitevi liberi di lasciare un commento nella sezione commenti qui sotto!

 

 

 

Riferimenti esterni

  1. Marijuana and hashish: perspectives on cannabis. - Chaléard, Jean-Louis. (2019). 
  2. Hashish traffickers, hashish consumers, and colonial knowledge in Mandatory Palestine. Middle Eastern Studies. - Ram, Haggai. (2016). 
09 December 2020
Comments