FastBuds seedbank #1 with 9695 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10011 diaries on GrowDiaries

Richieste di riforma della cannabis nel Regno Unito mentre nuove iniziative vengono approvate negli Stati Uniti

I sostenitori e gli esperti dicono che le politiche punitive sulle droghe falliscono, la legalizzazione sembra sensata
10 August 2021
4 min read
Richieste di riforma della cannabis nel Regno Unito mentre nuove iniziative vengono approvate negli Stati Uniti

Una revisione indipendente recentemente pubblicata dalla professoressa Dame Carol Black usa un linguaggio forte come "inquietante", "scioccante", e "non adatto allo scopo" mentre descrive le attuali politiche sulle droghe del governo britannico.

Commentando questo rapporto e la situazione della guerra alle droghe nel paese in generale, un sostenitore della riforma della cannabis dice che il rifiuto di legalizzare e regolare la produzione, la distribuzione e la vendita della sostanza gioca direttamente nelle mani delle bande criminali che fanno miliardi vendendo droghe illecite sulle strade.

Pete Reynolds, che è il direttore esecutivo di CLEAR, la più vecchia e più grande organizzazione di riforma della cannabis nel Regno Unito, crede anche che gli obiettivi dichiarati di scoraggiare l'uso di droghe e di ridurre i loro danni alla società sono lontani dall'essere raggiunti come non mai.

A malapena sul radar del governo nonostante il crescente sostegno

Nel 2018, il paese ha fatto enormi progressi legalizzando la cannabis per scopi medici, e la mossa è stata salutata come un passo importante sulla strada per porre finalmente fine alla decennale proibizione della cannabis. Tuttavia, da allora il processo si è fermato.

L'apparente mancanza di interesse per un'ulteriore riforma tra i politici è in netto contrasto con il crescente sostegno pubblico. Secondo un recente sondaggio YouGov, ben il 52% delle persone nel Regno Unito crede che l'uso ricreativo della sostanza dovrebbe essere legalizzato. Reynolds, che ha fatto una campagna per la liberalizzazione delle leggi sulla cannabis fin dagli anni '70, dice che 10 anni fa potevano contare su 10 parlamentari come sostenitori della causa e ora sono più di 300. In qualche modo, tutto questo non si traduce in azione.

Mentre ogni proposta di cambiare la politica fallita con qualcosa di più sensato viene accolta con la promessa delle autorità di reprimere l'offerta di droga ancora più inesorabilmente, i critici dicono che questo potrebbe solo continuare a fare più danni.

Uno dei gruppi più seriamente danneggiati dalle politiche proibizioniste sono le persone disabili che sono spesso lasciate indietro dal programma della cannabis medica e continuano ad acquistare la loro medicina illegalmente, mettendo così in pericolo se stessi e rischiando allo stesso tempo un procedimento penale.

Un altro gruppo che sopporta l'ingiustizia delle leggi punitive sono le comunità nere. Anche se non è più probabile che siano fumatori di cannabis rispetto ai bianchi, i britannici neri hanno 9 volte più probabilità di essere fermati e perquisiti, con il possesso di droga citato come il motivo più comune. Questo è catastrofico per il modo in cui la polizia è vista nelle comunità BAME, con l'applicazione della legge vista come un altro livello di persecuzione.

Migliaia di persone citate per possesso di marijuana graziate a New Orleans

Il pregiudizio razziale nell'applicazione delle leggi sulle droghe è stato uno dei motivi principali per cui la città di New Orleans, Louisiana, ha deciso di graziare oltre 10.000 persone con citazioni in giudizio per possesso di marijuana. Inoltre, il consiglio comunale ha annunciato la grazia automatica per i futuri trasgressori.

Mentre il 60% della popolazione di New Orleans è nera, le statistiche mostrano che circa l'86% delle citazioni in giudizio emesse l'anno scorso riguardavano afroamericani. I membri del Consiglio hanno deciso che questa situazione deve cambiare e hanno votato per una mossa che si avvicina il più possibile alla legalizzazione della sostanza.

Fumare marijuana fuori dalle residenze private sarà ancora vietato, ma i trasgressori saranno multati solo per il fumo in pubblico, senza alcuna menzione dell'uso di droga. I legislatori della Louisiana hanno discusso due disegni di legge di legalizzazione in quest'ultima sessione, ma non sono riusciti a passarne nessuno.

La North Carolina Cherokee Tribe ha legalizzato la marijuana medica

Il consiglio tribale della Eastern Band of Cherokee Indians ha permesso la coltivazione, la vendita e l'uso di cannabis medica sul loro territorio in North Carolina. Essendo una nazione sovrana, i Cherokee lavorano con i governi statale e federale ma hanno le loro proprie leggi.

Il capo principale Richard Sneed ha detto giovedì che questa decisione è solo il primo passo verso la costruzione di un programma di marijuana medica. Non è immediatamente chiaro quando la coltivazione inizierà o quando la medicina sarà disponibile per la vendita. Secondo l'ordinanza, ai pazienti qualificati verrà rilasciata una carta che permetterà loro di acquistare non più di un'oncia di marijuana al giorno in un dispensario e che gli acquisti mensili non dovrebbero superare le sei once al mese.

Pittsburgh ha assegnato quattro zone per i negozi di marijuana ricreativa

Il consiglio comunale di Pittsburgh ha deciso che quattro zone della città, sia di tipo commerciale che industriale leggero, possono avere una gamma più ampia di attività legate alla cannabis. Questo include negozi al dettaglio, impianti di coltivazione e microimprese.

Le autorità prevedono che, in media, ogni dispensario di marijuana ricreativa genererà tra i 550.000 e i 650.000 dollari (396.000-468.000 sterline) all'anno in tasse. Parte delle entrate andranno al fondo generale della città perché i membri del consiglio decidano dove spendere il denaro.

Mentre questo nuovo flusso di entrate è allettante, il Consiglio ha concordato che le nuove attività non dovrebbero diventare un disturbo pubblico e ha aggiunto una protezione per i luoghi di culto. Secondo la nuova regola, i negozi di marijuana non possono essere più vicini di 600 piedi dalle chiese. Prima, solo i parchi, le biblioteche, le scuole, i giovani e gli asili sono stati protetti.

10 August 2021