La Cannabis Medica Può Alleviare ll Dolore Cronico?

Scopri quali cannabinoidi sono adatti a diversi tipi di dolore e agli incredibili effetti medici della collaborazione con THC e CBD.
17 April 2020
8 min read
La Cannabis Medica Può Alleviare ll Dolore Cronico?

La cannabis è un'erba con molte potenti qualità curative, ma la mancanza di studi rende difficile per i medici prescrivere ciò che è buono per i loro pazienti. Pertanto, i pazienti fanno affidamento sul proprio istinto e provano la cannabis per vedere se funziona davvero. In effetti, la cannabis ha reso felici milioni di persone con la sua capacità di alleviare il dolore, anche se non troverai alcuna ricerca concreta su questo argomento. Quindi, la cannabis medica può alleviare il dolore cronico? Oppure è solo un mito? Scopriamolo…
Molti consumatori di cannabis terapeutica provano la marijuana dopo aver sentito meraviglie al riguardo. Per alcuni funziona davvero, ma altri rimangono delusi perché a) non sono stati in grado di gestire il THC e b) non hanno utilizzato il ceppo o il prodotto giusto. Inoltre, anche il tipo di dolore è importante. Ad esempio, il dolore derivante da una lesione è diverso dal dolore dovuto, per esempio, all'artrite.

Sapere quale cannabinoide usare ti aiuterà sicuramente nella tua ricerca per ridurre il dolore. Ecco alcuni disturbi comuni con cui la cannabis può effettivamente aiutarti:

 

CANNABIS E ARTRITE

Il THC - un cannabinoide presente nella pianta di cannabis - è stato al centro dell'attenzione di molti ricercatori. Gli studi1 mostrano che può ridurre l'infiammazione e ha più proprietà antidolorifiche rispetto ai prodotti acquistati al banco. È interessante notare che gli scienziati hanno scoperto2 un elevato numero di recettori CB2 nelle articolazioni di coloro che soffrono di artrite. Questo potrebbe essere il risultato del sistema endocannabinoide che difende attivamente il corpo. Con questa scoperta, è stato facile concludere che la cannabis aveva la capacità di ridurre l'infiammazione attivando i percorsi dei recettori CB2.

Recentemente il nostro team FastBuds ha sviluppato un ceppo medicinale puro che ha una potente percentuale di CBD (fino al 20%) e un contenuto di THC pari allo 0,3% soprattutto per i pazienti medici che combattono problemi come ansia, insonnia, cronica il dolore, l'infiammazione apprezzerebbero un ceppo completamente medicinale, come CBD 20:1. Ha il potenziale per alleviare molti dolori e disturbi e con livelli di THC così bassi, rendendolo perfettamente adatto a coloro che non sono consumatori regolari di cannabis.

CBD Auto 201
CBD Auto 20:1
Geni
Sativa 50%/Indica 50%
Genetica
CBD Auto
Raccolto
9 – 10 weeks
Produzione
350 – 450 gr/m2
Altezza
70 – 90 cm
THC
0.3 – 0.85 %
CBD
10 – 20 %
Autofiorente
Si
Buy seeds from 13,00 €
1 fem
13,00 €
2 fem
24,00 €
3 fem
36,00 €
5 fem
55,00 €
10 fem
99,00 €
25 fem
215,00 €
50 fem
365,00 €
100 fem
590,00 €
500 fem
1 950,00 €
1000 fem
3 400,00 €
Pack
3 fem
Aggiungi al carrello
36,00 €

THC E CBD LAVORANO IN COPPIA

Inutile dire che gli scienziati hanno scoperto che i pazienti possono gestire il dolore se colpiscono i recettori dei cannabinoidi3 attraverso la cannabis. È particolarmente utile per chi ha problemi nell'area del ginocchio. E questo accade perché entrambi i cannabinoidi, inclusi THC e CBD, lavorano insieme per ridurre il dolore.

 

 

Come? Bene, in primo luogo, il THC prende di mira le cellule immunitarie che sono fuori controllo. Queste cellule iniziano ad attaccare il corpo e diffondono ulteriormente l'infiammazione. Quando il THC uccide queste cellule (note come apoptosi), il CBD entra in gioco con i suoi agenti antinfiammatori e combatte l'artrite. Inoltre, il CBD possiede proprietà antiproliferative, il che significa che impedisce a quelle cellule immunitarie di diffondersi ulteriormente e creare scompiglio.

Entrambi i cannabinoidi CBD e THC riducono la produzione di citochine. Le citochine sono proteine ​​che aumentano l'infiammazione e sono prodotte dalle cellule immunitarie. Sono prodotti in grandi quantità in coloro che soffrono di artrite reumatoide. Inoltre, sia il THC che il CBD agiscono come antiossidanti che riducono ulteriormente il dolore e l'infiammazione. In generale, l'infiammazione e il dolore aumentano a causa dello stress ossidativo e il CBD e il THC impediscono che ciò accada, grazie alle loro proprietà antiossidanti.

I pazienti medici che mirano a trattare dolori e dolori, spasmi muscolari, crampi, alleviare sensazioni di nausea e malattia con la cannabis dovrebbero cercare i ceppi con un rapporto 1: 1 CBD: THC. Il nostro team ha curato e creato uno sforzo soprattutto per questa occasione. CBD Auto 1: 1 sarebbe sicuramente l'opzione giusta, inoltre allo stesso tempo aiuta a ridurre l'ansia, migliorare la chiarezza e la motivazione.

CBD Auto 11 CBD Crack
CBD Auto 1:1 (CBD Crack)
Geni
Sativa 35%/Indica 65%
Genetica
Green Crack x CBD autoflowering
Raccolto
9 – 10 weeks
Produzione
450 – 550 gr/m2
Altezza
80 – 110 cm
THC
Fino a 7%
CBD
Fino a 7%
Autofiorente
Si
Buy seeds from 9,00 €
1 fem
9,00 €
2 fem
16,00 €
3 fem
24,00 €
5 fem
40,00 €
10 fem
70,00 €
25 fem
150,00 €
50 fem
250,00 €
100 fem
420,00 €
500 fem
1 450,00 €
1000 fem
2 400,00 €
Pack
3 fem
Aggiungi al carrello
24,00 €

Mentre il THC si lega ai recettori CB1 presenti nel corpo, il CBD ha la capacità di legarsi ai recettori che non fanno nemmeno parte dell'ECS (sistema endocannabinoide). I recettori si legano a svolgere un ruolo chiave nella lotta contro il dolore e l'infiammazione.

CANNABIS E DOLORE INFIAMMATORIO

Si possono provare diversi tipi di dolore. Mentre a volte è dovuto a danni fisici o lesioni (dolore nocicettivo), potrebbe anche accadere per altri motivi. A volte, puoi provare dolore anche se non ti sei fatto male. Quando il dolore è nocicettivo i tessuti sono danneggiati e questi tessuti danneggiati prendono l'aiuto di diverse cellule immunitarie e cellule infiammatorie per ridurre il danno.

A loro volta, queste cellule producono sostanze chimiche e proteine che attivano numerosi recettori presenti sui nervi. Questi nervi inviano un messaggio al cervello che ti fa sentire il dolore.

Quindi, poiché il dolore si fa sentire dopo che i nervi hanno inviato un messaggio, non ha senso indebolire questi segnali in modo che il dolore stesso sia bloccato? Oppure, possono essere bloccati mentre viaggiano verso il midollo spinale e poi si dirigono verso il cervello per annunciare il dolore. Sorprendentemente, la cannabis adotta entrambi questi approcci per smorzare il dolore.

 

Poiché il CBD e il THC possiedono entrambi effetti antinfiammatori, hanno il potere di bloccare il dolore nel luogo in cui si è verificata una lesione. Entrambi questi cannabinoidi sono potenti e svolgono un lavoro migliore se combinati insieme. Se il THC funziona da solo, si lega ai recettori CB2 presenti sulle cellule immunitarie e li attiva. Tuttavia, alcuni pazienti potrebbero non apprezzare gli effetti psicoattivi che produce sebbene riduca il dolore.

Quando il CBD si combina con il THC, non solo riduce l'infiammazione, ma blocca anche diversi mediatori infiammatori che inviano messaggi che consentono di avvertire il dolore. Da essere pro-infiammatorie, le cellule di riparazione diventano anti-infiammatorie e iniziano a riparare il danno.

RUOLO DEL CBD

Il ruolo del CBD non è limitato ai soli recettori del sistema endocannabinoide. In realtà, colpisce anche i recettori situati all'esterno. È interessante notare che il CBD prende di mira i neurotrasmettitori GABA che sono responsabili dell'invio di messaggi attraverso il sistema nervoso e il cervello. Fondamentalmente, GABA assicura che vi sia un flusso costante di comunicazione tra le cellule cerebrali.

Mirando al GABA, il CBD assicura che blocca i segnali del dolore mentre iniziano a viaggiare fino al cervello. In altre parole, "hackera" il neurotrasmettitore che invia messaggi al cervello in modo che il cervello non riceva questi messaggi evidenziando il dolore. Pertanto, quando il cervello non riceve nemmeno questi messaggi, non senti dolore.

Inoltre, il CBD attiva anche i recettori della serotonina che ti fanno sentire bene. Quando ti senti felice e positivo, è meno probabile che tu provi dolore. Un umore positivo riduce notevolmente il dolore e presto smetterai di pensare al dolore. Quando la tua mente non si concentra solo sul dolore, diventa più facile guarire ed è così che la cannabis riduce il dolore in modi misteriosi. Ecco perché dovresti scegliere varietà che contengono sia CBD che THC.

Related story
Health benefits of CBD

Sì, può essere scomodo se non ti adegui agli effetti del THC, ma il CBD riduce gli effetti negativi del THC ogni volta che li combini. In effetti, cambia la forma dei recettori a cui si lega il THC, e questo aiuta a mitigare gli effetti in larga misura mentre vi godete gli effetti positivi.

In questo modo, puoi sperimentare le capacità antidolorifiche del THC e sperimentare anche gli effetti del CBD. Si noti che se si continua a utilizzare ceppi ricchi di THC per un periodo di tempo prolungato, gli effetti possono diventare meno forti dopo un po '. Questo perché il tuo corpo si adegua al THC e non sentirà più gli effetti.

OLI A SPETTRO COMPLETO

Chiamata anche "tolleranza" dai consumatori di cannabis, può renderti immune alla cannabis e ai suoi cannabinoidi come il THC. Per prevenire questo problema, usa oli che contengono tutti i cannabinoidi e i terpeni della pianta incluso il CBD. Conosciuto come olio a spettro completo, è il modo migliore per ridurre il dolore e aumentare anche l'efficacia dei prodotti a base di cannabis che stai utilizzando.

 

 

Puoi anche cambiare varietà se gli effetti diminuiscono col tempo. Alcuni consumatori di cannabis smettono di consumare o fumare cannabis nel tentativo di eliminare il THC dal loro sistema in modo da poter ricominciare da capo. Conosciuta come una pausa di tolleranza,  prova a smettere per un pò se vuoi assicurarti che il tuo corpo risponda alla cannabis nel modo che preferisci.

Generalmente, la maggior parte del THC esce dal sistema in meno di una settimana, mentre il restante THC immagazzinato nelle cellule adipose impiegherà un po' di tempo. Pertanto, puoi smettere di consumare o fumare marijuana per circa un mese se desideri ripristinare il sistema e ricominciare da capo.


FONTI ESTERNE

1. Marijuana shows potential in treating autoimmune disease - https://www.sciencedaily.com/releases/2014/06/140602150914.htm

 

2. Expression of cannabinoid receptor 2 and its inhibitory effects on synovial fibroblasts in rheumatoid arthritis - https://academic.oup.com/rheumatology/article/53/5/802/1798167

 

3. Cannabinoid CB2 receptors regulate central sensitization and pain responses associated with osteoarthritis of the knee joint - https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24282543 


LIMITAZIONE DI RESPONSABILITÀ MEDICA

Questo contenuto è solo a scopo didattico. Le informazioni fornite derivano da ricerche raccolte da fonti esterne

17 April 2020
Comments