Varietà di Cannabis Autofiorenti: Pro e Contro

Le autofiorenti crescono più velocemente e sono più corte delle regolari, ma puoi ottenere risultati sorprendenti
25 June 2020
5 min read
Varietà di Cannabis Autofiorenti: Pro e Contro

Contenuti:
  • 1. Che cos'è la cannabis autofiorente?
  • 2. Semi autofiorenti regolari
  • 3. Semi autofiorenti femminizzati
  • 4. Autofiorente vs fotoperiodica
  • 5. Resa delle piante autofiorenti
  • 6. Guida al terriccio
  • 7. Quanto tempo impiegano le autofiorenti dalla semina alla raccolta
  • 8. Semi autofiorenti: pro e contro
  • 8. a. Pro
  • 8. b. Contro
  • 9. In conclusione

1. Che cos'è la cannabis autofiorente?

La cannabis autofiorente è il risultato di incroci tra genetica Indica o Sativa con una sottospecie di cannabis chiamata Ruderalis.

Questa sottospecie è originaria di luoghi in Asia, Europa centrale e orientale dove ha sviluppato la caratteristica autofiorente a causa dei climi estremamente rigidi.

L'autofiorente significa che non ha bisogno di un fattore esterno e inizierà a fiorire in base all'età, quindi quando sarà maturo per iniziare a produrre gemme, lo farà.

2. Semi autofiorenti regolari

Proprio come la cannabis fotoperiodica, le piante autofiorenti possono essere maschili o femminili, anche se è abbastanza difficile trovare semi autofiorenti non femminizzati nella maggior parte delle banche di semi, esistono e sono essenziali nella creazione di varietà di cannabis autofiorenti.

Questo perché come tutte le altre piante di cannabis regolari, le piante di cannabis autofiorenti regolari producono piante maschili e femminili.

 

Le piante maschili producono polline mentre le femmine producono infiorescenze.

Le piante maschili autofiorenti producono polline e le femmine autofiorenti producono cime, quando verrà il momento, i maschi rilasceranno il loro polline e impollineranno le gemme, producendo semi auto.

3. Semi autofiorenti femminizzati

Come forse saprai, i semi autofiorenti femminizzati sono quelli che producono solo piante femminili, questo significa che non dovrai sprecare denaro e tempo per fare sesso ogni pianta, anche se questo non è sempre desiderato perché alcuni coltivatori anche allevano e producono semi.

I semi femminizzati sono ricercati dai coltivatori che coltivano per il loro consumo e non hanno bisogno di produrre semi.

Prima di scoprire che i semi femminizzati potevano essere generati, la maggior parte dei coltivatori soffriva di piante maschili che impollinavano le loro piante femminili, finendo con gemme piene di semi, questo riduce la potenza e le rese, quindi dovevano stare alla ricerca di piante maschili e toglierle dalle loro spazio crescente prima che rilasciassero il polline.

4. Autofiorente vs fotoperiodica

Anche se tutte le piante di cannabis hanno differenze (come effetto, altezza, colore, ecc.), C'è una differenza chiave tra la cannabis autofiorente e quella fotoperiodica.

 

Le piante di cannabis possono avere differenze sostanziali nel colore, nella struttura, nel sapore e nell'aroma.

Come dice il nome, la cannabis fotoperiodica dipende dalla quantità di oscurità e luce che riceve per innescare la fioritura, questo significa che una pianta di cannabis fotoperiodica ha bisogno di ottenere 12 ore di oscurità o più per iniziare a fiorire e non fiorirà fino a quando non la ottiene, quindi può continua a crescere per mesi prima che il fotoperiodo cambi (in natura / all'aperto) o prima che raggiunga una buona dimensione e desideri cambiare il ciclo di luce (al chiuso).

5. Resa delle piante autofiorenti

Nonostante la credenza popolare che le piante autofiorenti producano meno delle piante fotoperiodiche, non è sempre vero.

{Inserire: 959}

È vero che la ruderalis produce pochissimo e le gemme di solito non sono potenti, ma la ruderalis è stata migliorata e incrociata con la genetica Indica e Sativa nel corso degli anni, dando luogo a piante auto ad alto rendimento.

Le piante autofiorenti possono produrre più o meno delle piante fotoperiodiche a seconda della tensione, della configurazione crescente e delle cure che prendi, anche se le piante fotoperiodiche hanno più tempo per fiorire e vegetare, quindi di solito hanno più siti di gemme, a volte con una resa maggiore.

Se vuoi un'autofiorente ad alto rendimento devi iniziare con la migliore genetica che puoi. Offriamo una vasta gamma di semi autofiorenti ad alto rendimento, tra cui i nostri nuovi Gorilla Cookies Auto.

Questa varietà produce grandi gemme dense su tutta la cola principale e sui rami laterali.

{Prodotto: 147}

6. Guida al terriccio

Quando si coltiva la cannabis autofiorente, è essenziale fornire un buon mezzo per farli crescere, tenere presente che le auto crescono abbastanza velocemente e qualsiasi problema che si verifica con loro può influire sulle loro dimensioni e rese.

Il mezzo dipende esclusivamente da ciò di cui hai bisogno, se vivi in ​​un luogo asciutto (o hai un basso livello di umidità nella tua grow room) dovresti optare per qualcosa che trattiene più acqua (come terreno o cocco).

 

 

{caption:

A seconda del tuo ambiente, puoi modificare la composizione del tuo supporto per adattarlo meglio a te.}

* Per un ambiente secco 70% di terra + 30% di cocco.

Se vivi in ​​un luogo molto umido (o hai un alto livello di umidità nella tua grow room) dovresti aggiungere perlite o ciottoli di argilla per aiutare a ossigenare le radici se il terreno rimane bagnato per troppo tempo.

* Per un ambiente umido: 70% di suolo + 30% di perlite

Raccomandiamo queste "ricette" ma possono e devono essere adattate in base alle vostre preferenze e a ciò che avete a disposizione.

Se uno di questi soddisfa i tuoi bisogni, puoi creare la tua combinazione di ciottoli di perlite, cocco, terra o argilla, assicurati solo che non manchino ossigeno o acqua (e che non vi sia eccesso di nessuno di essi).

7. Quanto tempo impiegano le autofiorenti dalla semina alla raccolta

Come detto sopra, la genetica autofiorente è il risultato di incroci tra Ruderalis e altre specie di cannabis, in questo modo i breeders sono stati in grado di produrre ibridi con il tratto autofiorente.

Ciò significa che la cannabis autofiorente inizia a fiorire automaticamente e richiede molto meno tempo della cannabis fotoperiodica.

 

 

Cannabis plant growth week by week.
 

Autoflowering strains can take as little as 8 weeks from seed to harvest whereas photoperiodic cannabis can take 12 weeks or more, depending on what you wish to achieve, because of this, you can finish 1 or 2 cycle of autoflowering plants in the same time you finish 1 cycle of photoperiods.

8. Semi autofiorenti: Pro e Contro

Pro

• Fioritura e raccolta più veloci

Le varietà autofiorenti possono iniziare a fiorire in meno di 30 giorni, il che si traduce in un ciclo di crescita più rapido, che consente di far crescere più piante contemporaneamente ai fotoperiodi.

• Piante compatte e resistenti

A causa dell'eredità ruderalis, la maggior parte delle piante autofiorenti crescerà compatta, corta e più resistente ai parassiti e ai climi rigidi, questo le rende più facili da coltivare soprattutto all'aperto, dove sono esposte all'ambiente.

• Nessuna modifica al ciclo di luce

Le auto iniziano a fiorire in base all'età, questo significa che non dovrai cambiare il ciclo di luce e fornendo un ciclo di luce 18/6 (o 20/4) dai semi sarai in grado di raccogliere con successo.

• Adatto a principianti

Grazie alla discendenza ruderalis, le autofiorenti sono generalmente più resistenti e richiedono meno manutenzione, rendendole perfette per il principiante che sta imparando a coltivare cannabis.

 

Pianta di cannabis quasi pronta per essere raccolta.
 

Contro

• Resa minore

A causa del rapido sviluppo, di solito le autofiorenti producono meno, anche se ciò dipende esclusivamente dalla tua configurazione in crescita e dalla tensione che stai coltivando. Puoi ottenere più gemme da un autofiorente di un fotoperiodo se sai cosa stai facendo.

• Lo shock può affettare la resa

Come detto sopra, la cannabis autofiorente può richiedere fino a 8 settimane per essere pronta per il raccolto.

Questo può essere utile se sai cosa stai facendo. A molti coltivatori piace fare LST e altre tecniche di training, ma se non viene fatto correttamente, questo può scioccare le tue piante.

Quando le tue piante sono scioccate, potrebbero essere necessari un paio di giorni per riprendersi, se prendi in considerazione che possono essere necessarie 8 settimane per essere raccolte, un paio di giorni possono essere molto e possono ridurre il raccolto.

9. In Conclusione

Non c'è modo di dire che un tipo di cannabis sia migliore dell'altro, questo dovrebbe essere deciso dai growers in base al setup di coltivazione e a ciò che si desidera ottenere.

Alcuni preferiscono coltivare molte piante contemporaneamente e altri preferiscono coltivare un paio di piante per ciclo.

Se sei ancora indeciso, ti consigliamo di provare sia piante regolari che autofiorenti e raggiungere le tue conclusioni, anche se non devi per forza accontentarti di solo un tipo, molti infatti coltivano sia auto che non e sono completamente soddisfatti dei risultati, la decisione finale dipende da te.

25 June 2020
Comments