FastBuds seedbank #1 with 9695 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10011 diaries on GrowDiaries

Coltivare Piante di Cannabis Autofiorenti con Fertilizzanti Organici

Coltivazione di piante di cannabis autofiorenti, dal seme al raccolto, nutrienti organici e cosa considerare.
11 September 2022
5 min read
Coltivare Piante di Cannabis Autofiorenti con Fertilizzanti Organici

Contenuti:
  • 1. Dal seme alla raccolta
  • 2. Di quali nutrienti ha bisogno una autofiorente?
  • 2. a. Nutrientiprimari
  • 2. b. Nutrientisecondari
  • 2. c. Oligoelementi
  • 3. Nutrienti biologici per piante di cannabis
  • 4. Booster organici per la fioritura
  • 4. a. Fosforo
  • 4. b. Potassio
  • 4. c. Nutrienti a base di melassa
  • 5. Guano di pipistrello
  • 6. Si può fare un flushing organico?
  • 7. In conclusione

Non c'è niente di più gratificante che coltivare la tua stessa medicina biologica, nel comfort di casa tua. Se stai piantando indoor o outdoor, l'uso di nutrienti organici è un modo ecologico ed ecologico per coltivare la tua medicina. In questo articolo, spieghiamo tutto sulla coltivazione della cannabis autofiorente utilizzando metodi biologici, booster per le fasi di crescita e fioritura e l'importanza del flushing.

1. Dal Seme alla Raccolta

Le piante di cannabis autofiorenti hanno la capacità di essere piantate e raccolte tra 9-10 settimane. Indipendentemente dalla quantità di illuminazione ricevuta, le piante inizieranno a fiorire dopo un periodo di 21 giorni.

 

Coltivare la cannabis dai semi al raccolto

Coltivazione di cannabis dal seme al raccolto.
 

Da questo punto in poi, le piante si concentreranno sulla transizione verso il fiore, il che significa che si allungheranno in altezza e inizieranno a produrre gemme rivestite di resina.

2. Di Quali Nutrienti ha Bisogno una Autofiorente?

Nutrienti Primari

Questi sono noti come macronutrienti e consistono nelle tre sostanze nutritive principali di una pianta di Cannabis autofiorente (o di qualsiasi altra pianta, se è per questo) utilizzerà durante il suo ciclo di vita. L'azoto, il fosforo e il potassio sono essenziali nello sviluppo della crescita delle radici, dello stelo, della foglia e della produzione di fiori. Questi sono responsabili della produzione di ormoni, proteine, vitamine e produzione di clorofilla.

 

Booster organici per la fioritura

Assicurati che la tua pianta riceva sempre abbastanza azoto (N), fosforo (P) e potassio (K) sul suo stadio vegetativo.

AZOTO

L'azoto è il primo macronutriente di cui una pianta ha bisogno ed è il principale nutriente responsabile della fase di crescita vegetativa del ciclo di vita della pianta di cannabis. Svolge inoltre un ruolo fondamentale nella produzione di clorofilla, e senza di esso la fotosintesi subisce un impatto negativo. L'azoto costituisce anche i mattoni degli aminoacidi, che a loro volta sono i mattoni delle proteine. Proprio come noi umani, le piante con bassi livelli di sviluppo e disponibilità di proteine saranno fragili e deboli. Ha anche un ruolo nello sviluppo dell'ATP (Adenosina Trifosfato), che è direttamente responsabile del controllo della distribuzione dell'energia in tutta la pianta.

FOSFORO

Il fosforo è il macronutriente più vitale per un corretto e completo sviluppo del fiore. Svolge il ruolo di mediatore e rende biodisponibili al sistema vegetale tutti gli altri macro e micronutrienti. Senza fosforo, una pianta non può sviluppare una zolla radicale forte e sana, con conseguente sottosviluppo dell'intero sistema vegetale. Inoltre, contribuisce a operazioni biochimiche fondamentali come la sintesi di proteine e carboidrati, rafforza la struttura della pianta, aumenta la resistenza a malattie e parassiti, ottimizza l'utilizzo dell'acqua da parte della pianta e assicura il miglior sviluppo possibile dei germogli.

POTASSIO

Il potassio svolge una serie di compiti e ruoli importanti. Insieme all'azoto, il potassio svolge un ruolo fondamentale nella produzione di ATP, contribuisce alla resistenza ai parassiti e alle malattie e svolge un ruolo fondamentale nell'osmoregolazione, ovvero la regolazione passiva delle concentrazioni di acqua e sale. Il potassio è direttamente coinvolto nel controllo degli stomi, che sono i pori presenti nelle foglie della pianta di cannabis. Questi pori si aprono e si chiudono, permettendo alla pianta di sudare. È così che le piante di cannabis controllano i loro tassi di CO2, H2O e ossigeno.

Nutrienti Secondari 

Il magnesio, lo zolfo e il calcio sono classificati come nutrienti secondari e saranno usati in combinazione con i nutrienti primari e gli oligoelementi. Sono molto importanti e svolgono un ruolo enorme nel metabolismo e nella funzione cellulare delle piante di cannabis.

Oligoelementi

Questi sono essenziali per l'equilibrio della salute delle piante e dovrebbero essere usati insieme ai nutrienti primari e secondari.

3. Nutrienti Biologici per Piante di Cannabis

Se hai scelto di acquistare i nutrienti e il suolo da un marchio esistente, avrai tutto ciò di cui hai bisogno tra il suolo e i nutrienti in bottiglia per coprire i requisiti della pianta. Per i coltivatori principianti, seguire una tabella di alimentazione biologica è un modo eccellente per coltivare piante di cannabis, senza la necessità di alcun livello di abilità avanzato.

Per coloro che desiderano portare la coltivazione biologica a un altro livello, l'uso di suoli viventi, compost fatti in casa e getti di vermi e tè di compost aerato consentiranno alle piante di Cannabis di crescere con incredibile vigore, salute delle piante e con una superba resistenza, oltre a migliorare il sapore e l'aroma del fiore ancora di più.

4. Booster Organici per la Fioritura

Poiché il periodo di fioritura di una cultivar autofiorente può durare da 6-7 settimane, è importante integrare le piante con maggiori quantità di fosforo e potassio rispetto a prima. L'azoto non è essenziale e può essere eliminato durante la metà finale del periodo di fioritura.

Fosforo

  • Utilizzato per lo sviluppo delle radici e la produzione di fiori.
  • Aiuta nel trasferimento di energia e nella fotosintesi.
  • Necessario per la produzione di resina.
  • Essenziale per la produzione di sementi.

 

Il fosforo è il nutriente più usato dalle piante di Cannabis autofiorenti.

Potassio

  • Responsabile della combinazione di amidi e carboidrati.
  • Favorisce la produzione di clorofilla.
  • Aiuta a regolare la funzione degli stomi responsabile della CO2.
  • Aumenta il contenuto di olio e il profilo aromatico.

 

Assicurati che la tua pianta riceva sempre abbastanza azoto (N), fosforo (P) e potassio (K) sul suo stadio vegetativo.

Nutrienti a Base di Melassa

  • Questi saranno spessi e densi con un aspetto marrone scuro, caramello lucido.
  • Ricco di minerali e ricco di potassio.
  • Una ricca fonte di zucchero per la vita microbica del suolo.
  • Usato normalmente per aggiungere peso alle piante durante la fioritura.

5. Guano di Pipistrello

Una scelta molto popolare per i coltivatori che sono consapevoli dei benefici associati all'uso del pipistrello guano in forma di potere, come estratto prefabbricato o sotto forma di tè aerato. Le aziende nutritive forniranno il loro guano da tutto il mondo, dall'Indonesia, dalla Giamaica, dalla Spagna e da molti altri luoghi. A seconda della dieta e della posizione dei pipistrelli, e del tempo in cui il guano essiccato viene raccolto, le caverne dei pipistrelli possono determinare il valore di N-P-K. Normalmente il guano di pipistrello è ricco di fosforo e fungerà da eccellente nutriente per nutrire le piante durante il periodo di fioritura.

 

Bat Guano

Il Guano di pipistrello è un ottimo modo per sovralimentare suolo vivo.

I vantaggi associati

  • Il sapore è notevolmente migliorato.
  • Il guano di pipistrello è ricco di enzimi e batteri benefici.
  • Può essere utilizzato in polvere e miscelato in un terreno di coltura.
  • I tè di guano di pipistrello aerati sono eccezionali per stimolare la produzione di fiori.
  • La produzione di aromi e terpeni diventerà più avanzata.

6. Si può fare un Flushing Organico?

Se hai utilizzato qualsiasi tipo di nutriente oltre all'irrigazione del terreno, dovrai sciacquare le tue piante autofiorenti. Uno dei motivi principali è quello d'incoraggiare le piante in fiore a spingere ed esaurire tutte le loro riserve interne, e l'altro è a risciaquare il mezzo di coltivazione.

Durante il periodo di 10 settimane, ci saranno state molte soluzioni nutritive sotto forma di minerali di sale non sciolti che devono essere rimossi in modo pulito. L'acqua è essenzialmente un solvente e usando solo acqua aggiustata per pH, per gli ultimi 14 giorni prima della data di raccolta, avrai ripulito il terreno di coltura e incoraggiato uno scatto di crescita finale dalle tue piante.

7. In Conclusione

Coltivare la cannabis usando metodi biologici è un ottimo modo per conoscere come crescono le piante autofiorenti, la frequenza di irrigazione ideale e ottenere il miglior sapore possibile.

Segui semplici istruzioni e in alcuni casi aggiungi semplicemente solo acqua, le cultivar autofiorenti sono così resistenti e possono adattarsi bene a qualsiasi clima, quindi fornisci loro la massima nutrizione biologica e faranno il resto per te.

11 September 2022