30% di sconto su tutti i prodotti a causa della situazione attuale col COVID-19 Compra ora!

Quanto Spesso Dovrei Innaffiare Le Mie Piante Di Cannabis?

Conoscere il momento giusto per annaffiare le tue piante può dipendere da molte variabili, scopri di seguito quello da tenere in mente per un sistema di irrigazione efficiente.
3 days ago
6 min read
Quanto Spesso Dovrei Innaffiare Le Mie Piante Di Cannabis?

Contents:

Se sei nuovo alla coltivazione della cannabis, avere una conoscenza approfondita della frequenza con cui dovresti annaffiare o quando esttamente le tue piante lo richiedono può essere abbastanza difficile. Ci sono molti fattori che giocano un ruolo importante, come la varietà, maturità della pianta, temperatura e umidità della stanza, rapidità del substrato a seccarsi così come quanta soluzione nutritiva trattiene, ciclo di crescita scelto e molto altro. Di seguito spiegheremo cosa c'è da sapere quando stai annaffiando le tue piante di Cannabis. 

1. Il Miglior Modo Per Annaffiare Le Piante

Non esiste un modo stabilito per annaffiare le piante di cannabis o qualsiasi tipo di pianta domestica, tuttavia ogni coltivatore ha un suo metodo preferito, basato su ciò che gli è più pratico.

Innaffiare dall' alto piccole quantità frequentemente: questo è il modo più semplice per innaffiare le piante senza inzupparle troppo. Normalmente un coltivatore aggiungerà acqua a sufficienza fino a quando il terreno di coltura non diventerà umido. Innaffiando in questo modo, il mezzo di coltivazione rimarrà sempre ben saturo, ma non sarà mai propenso ad asciugarsi e aumenta la capacità di aerazione.

Irrigazione fino al deflusso: questo metodo è uguale al precedente, tuttavia con l'intenzione di versare abbastanza acqua o soluzione nutritiva e attendere circa 30-60 secondi affinché un rilascio lento di acqua emerga dal fondo del vaso. Uno dei vantaggi dell'irrigazione in questo modo è che l'ossigeno viene rilasciato attraverso l'intero mezzo di coltura man mano che l'acqua fuoriesce e si verifica la rimozione delle sacche d'aria.

.

 

 

 

Irrigazione dal basso: Un modo molto semplice e infallibile per innaffiare le tue piante permettendo alle radici di aspirare l'acqua. Questo accade correttamente solo quando il terreno di coltura è abbastanza asciutto, da provocare un'azione assorbente che attirerà l'acqua verso le radici. Molti coltivatori giurano che l'alimentazione in questo modo sia la più vantaggiosa, sebbene molti discuteranno che l'accumulo di sali è di gran lunga maggiore.

Applicazioni idroponiche: Considerato il modello di coltivazione su scala commerciale, l' innaffiatura mediante irrigazione a tempo non solo fa risparmiare lavoro fisico, ma assicura anche che le piante ricevano la stessa quantità esatta, su una base costante. I mezzi di coltivazione biologici alimentati a goccia cresceranno molto più rapidamente rispetto all'irrigazione manuale e si replicano su enormi scale nel settore agricolo.

2. Semplicemente Acqua o Soluzione Nutritiva? 

L'idratazione di una pianta è una cosa, tuttavia alimentarla con una soluzione nutritiva è diversa e ci sono alcune cose da considerare. I peletti radicali di una pianta di Cannabis devono entrare in contatto colo con un sottile film d'acqua per poter attingere ed estrarre ciò di cui hanno bisogno.

Irrigare Solo Con Acqua

Non c'è nulla di più organico e semplice, lasciando a Madre Natura fare il resto. Poiché tutti gli elementi primari e necessari sono presenti in abbondanza all'interno di un "living soil", è sufficiente mantenere i livelli di umidità adeguati per i microrganismi viventi. Il compost dipende anche da temperature e livelli di umidità specifici per consentire la decomposizione della materia organica nel tempo.

Con Soluzione Nutritiva

La maggior parte dei coltivatori che seguono una tabella di alimentazione dei nutrienti userà un mix di diversi nutrienti fino alle ultime settimane. L' ultima parte del ciclo di fioritura è il periodo di "lavaggio" in cu si darà solo acqua normale alle piante per due motivi.

Sciogliere I Sali Accumulati

L'accumulo di sali nutritivi accumulatisi in un periodo di 10 settimane o più può essere piuttosto eccessivo. Soprattutto se si utilizzano nutrienti a base chimica progettati per sistemi idroponici. L'acqua è sia fonte di vita che un solvente a modo suo, ciò significa che gli ultimi 14 giorni aiuteranno a lavare via i sali rimanenti aumentando il sapore e la qualità della cenere.

Utilizzare La Riserva Di Nutrienti

Anche se può sembrare un drastico cambiamento passare da una soluzione nutritiva ai massimi livelli a zero nutrienti, è necessario per rendere la pianta affamata costringendola a consumare tutti i nutrienti presenti nel substrato. Così facendo le piante di cannabis inizieranno a presentare carenze rapide ed è un segno che i nutrienti vengono consumati.

3. Irrigare In Eccesso Il Substrato 

Non c'è niente di peggio che avere la migliore intenzione, ma purtroppo finire coll' annaffiare in eccesso le tue piante. Nel caso in cui il tuo mezzo di coltivazione sia inadeguato per quanto riguarda il drenaggio e la capacità di assorbimento, il processo di essiccazione può andare per le lunghe provocando ulteriori complicazioni.

- La traspirazione che si verifica attraverso le foglie dovrà compensare l'eccessiva quantità di acqua attorno alle radici. Mentre le piante trovano un modo di trasportare l'acqua attraverso le foglie o le radici, irrigando eccessivamente si sta mettendo a repentaglio l'integrità della crescita della pianta, causando una crescita stentata.

 

 

- L'avvizzimento delle foglie principali è una chiara indicazione che hai dato troppa acqua alle radici e le piante non sono felici. Anche se l'essiccazione presenta lo stesso tratto, smetti con l' acqua e permetti al terreno di asciugarsi fino a che il vaso risulta leggero all' alzarlo da terra.

- Una zona delle radici fredda e umida pullulerà di batteri anaerobici il tuo giardino uccidendo le tue piante. È estremamente importante mantenere le radici ricche di ossigeno e questo è uno dei motivi per cui i vasi in feltro sono così popolari.

- Le piante di cannabis non assorbiranno alcun nutriente se l' acqua ha saturato il substrato. I risultati saranno un blocco dei nutrienti e una serie di carenze che inizieranno a verificarsi una dopo l'altro.  

4. Suggerimenti Per Quando Annaffiare Le Piante

- Un modo eccellente per sapere quando devi innaffiare è sollevare il vaso, se leggero, ha il minimo contenuto d'acqua. Così devono essere le tue piante ogni volta prima di annaffiare. In questo modo saprai sempre quando innaffiare senza correre il rischio di saturazione eccessiva.

- Utilizzare sempre una misurazione accurata dell'acqua in modo che le piante ricevano una quantità costante ogni volta. Il modo più semplice per farlo è utilizzare una bottiglia da 1 a 5 litri e dare ogni volta la stessa quantità.

- Se stai annaffiando a mano e non sei sicuro che il mezzo sia abbastanza bagnato, inserisci semplicemente il dito lungo il lato del vaso. Valuta quanto è umido o asciutto il tuo dito e questo dovrebbe darti una chiara indicazione di quando stai innaffiando.

 

- L'uso dell'irrigazione a goccia per innaffiare le tue piante di cannabis è meraviglioso e ti eviterà il mal di schiena, permettendoti di applicare i concetti di agricoltura usati su scala commerciale.

- È meglio annaffiare le piante con acqua a temperatura ambiente piuttosto che fredda, poiché quest' ultima può causare shock.

- Evita di annaffiare a tarda notte prima che le luci si spengano, poiché le piante non avranno la possibilità di usarlo fino a quando le luci si riaccendono. I livelli di umidità aumenteranno mentre i livelli di ossigeno e le temperature nella zona radicale diminuiranno.


5. Le 3 Varietà Raccomandate "Heavy Feeders"

Per tutti i coltivatori che amano dare alle loro piante i migliori nutrienti sul mercato, abbiamo scelto i nostri top 3 strains per farti compagnia nella grow room.

Orange Sherbet Auto
Orange Sherbet Auto
Geni
Mostly Sativa
Genetica
Orange Sherbet Auto
Raccolto
9-10 weeks
Produzione
500-650gr/m2
Altezza
110-150cm
THC
up to 24%
CBD
Very low
Autofiorente
Yes
Learn more
 

Quando si tratta delle più grandi cultivar autofiorenti in circolazione, questa signorina è sicuramente al top con raccolti extra-grandi e tanta voglia di nutrienti.

Gorilla Glue Auto
Gorilla Glue Auto
Geni
Sativa/Indica
Genetica
Gorilla Glue autoflowering
Raccolto
9-10 weeks
Produzione
XL
Altezza
60-100cm
THC
Very High
CBD
Low
Autofiorente
Yes
Learn more
 

Un'artista dura come una roccia che può essere nutrita spesso e in abbondaza, ricompensandoti con delle grosse cime.

Original Auto Northern Lights
Original Auto Northern Lights
Geni
Mostly Indica
Genetica
Northern Light Autoflowering
Raccolto
9 weeks
Produzione
500-600gr/m2
Altezza
90-120 cm
THC
Up to 20%
CBD
Low
Autofiorente
Yes
Learn more

Un' altra varietà che ama un alto apporto nutrizionale, grazie alla sua discendenza prevalentemente indica.


6. In Conclusione

Prendi come riferimento questo: quando il terreno si sente leggero, è tempo di innaffiare, un ottimo punto di partenza per un grower inesperto. Trovare l'equilibrio di quanto bevono le tue piante e quando hanno bisogno di respirare è questione di esperienza pratica e richiede aver sperimentato di persona durante vari cicli di crescita. Una volta trovato il mix perfetto, le tue piante di Cannabis risponderanno come meglio potranno e ricorda, a volte meno acqua dai meglio è.