FastBuds seedbank #1 with 9695 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 9695 diaries on GrowDiaries

Come Aumentare La Resa Di Cannabis Con La CO2

La CO2 non fa magie ma se usata per integrare un buon spazio di coltivazione può aumentare i raccolti fino al 30%!
31 July 2022
13 min read
Come Aumentare La Resa Di Cannabis Con La CO2

Contenuti:
  • 1. Che cos'è esattamente la co2?
  • 2. In che modo le piante usano co2?
  • 2. a. Traspirazione
  • 2. b. Fotosintesi
  • 2. c. Respirazione
  • 3. Quando dovresti usare co2?
  • 4. Pro e contro della co2
  • 5. Quanta co2 dovrei usare?
  • 6. Raccomandazioni
  • 7. Calcolo della quantità di co2 necessaria
  • 8. Come aggiungere co2 nella tua grow room
  • 8. a. Metodi alternativi di iniezione di co2
  • 9. In conclusione

La CO2 si trova comunemente nell'aria a 400 ppm e le piante ne hanno bisogno tanto quanto hanno bisogno di NPK. L'anidride carbonica (CO2) è essenziale per la fotosintesi e quando ne aumentiamo i livelli (insieme all'ambiente appropriato) aiuteremo le nostre piante a crescere più velocemente, a irrobustirsi e a produrre più cime. Ma CO2 aumenta davvero le rese? Questa può essere una domanda difficile a cui rispondere! L'integrazione di CO2 nella tua grow room può aumentare le rese complessive fino al 30%, ma è importante capire che qualsiasi aumento delle rese sarà il risultato di una combinazione di fattori. Prima di fare il passo più lungo della gamba, esaminiamo rapidamente cos'è esattamente la CO2 e come la CO2 viene utilizzata dalle piante di cannabis, per capire come funziona.

1. CHE COS'È ESATTAMENTE LA CO2?

L'anidride carbonica, o CO2, è un gas presente in natura e vitale per tutta la vita sulla Terra. È un gas inodore composto da una parte di carbonio e due parti di ossigeno. Gli animali respirano ossigeno ed espirano anidride carbonica, mentre le piante assorbono anidride carbonica e rilasciano ossigeno. La CO2 è una parte essenziale dell'ecosistema del nostro pianeta e senza di essa non ci sarebbe la vita come la conosciamo. Con l'aumento della consapevolezza del riscaldamento globale negli ultimi due decenni, la CO2 si è guadagnata una cattiva reputazione. Certo, anche se tutti noi dovremmo essere consapevoli dell'aumento dei livelli di CO2 nell'atmosfera e cercare di fare del nostro meglio per ridurre l'uso di CO2 nella nostra vita quotidiana, integrare le nostre aree di coltivazione con minuscole quantità di questo gas è più che accettabile.

2. In che modo le piante usano CO2?

Come tutte le altre piante verdi, la cannabis utilizza un processo noto come "fotosintesi" per convertire l'energia luminosa in energia chimica. Durante la fotosintesi, le piante catturano l'energia luminosa che viene poi utilizzata per convertire H2O, CO2 e minerali in composti ricchi di energia come ossigeno e carboidrati (o zuccheri). Le piante "respirano" CO2 attraverso piccoli fori chiamati stomi, questo processo di respirazione insieme alla luce appropriata (lampada o luce solare) consentirà alla tua pianta di produrre più zuccheri e ossigeno; gli zuccheri utilizzati nella crescita delle piante e l'ossigeno l'ossigeno rilasciato nell'aria.

Proprio come tutte le piante, le piante di cannabis “respirano”, se fornite nel modo giusto, possono far sì che le loro cellule si moltiplichino più velocemente e producano raccolti più grandi. Assicurati solo di farlo correttamente perché la CO2 può essere dannosa, causando piante allungate con foglie gialle e senza gemme.

 

Aumentare le rese della cannabis con la CO2: come respira una pianta

Le piante di cannabis hanno bisogno di CO2 e luce per eseguire la fotosintesi, che viene effettuata attraverso le stomatiche.
 

Una maggiore quantità di CO2 consentirà alla tua pianta di eseguire la fotosintesi più velocemente, assorbendo più luce e sostanze nutritive, determinando una crescita più rapida e una resa maggiore perché i germogli si sviluppano più densi.

Traspirazione

I livelli di CO2 sono anche importanti per il processo di traspirazione che è vitale per tutte le piante, compresa la cannabis.

La traspirazione è essenzialmente il flusso d'acqua che inizia con l'assorbimento dell'acqua da parte delle radici e termina quando quest'acqua viene rilasciata nell'aria attraverso gli stomi come vapore.

Questo processo è comune alla maggior parte degli esseri viventi, come le piante, gli esseri umani e gli animali, quindi probabilmente sai come funziona. Nelle piante, quasi il 100% dell'acqua viene rilasciata, permettendo alla pianta di trasportare e utilizzare le sostanze nutritive e assicurando che la pianta "funzioni" come dovrebbe.

 

La traspirazione è un processo vitale per la maggior parte degli esseri viventi.
 

La CO2 è importante in questo processo perché può influenzare quanto gli stomi si aprono o si chiudono, il che influenzerà il processo di traspirazione e per le piante più grandi che possono assorbire molta acqua, è essenziale che i livelli di CO2 siano a posto per evitare di rallentare la crescita.

Fotosintesi

Oltre ad essere importante per la traspirazione, i livelli di CO2 giocano un ruolo importante nella fotosintesi. Come saprai, le piante fanno la fotosintesi per produrre zuccheri che sono essenziali per la crescita delle piante.

Le piante usano la CO2 e l'energia del sole (o della luce) per produrre le molecole di zucchero e l'ossigeno che vengono poi sintetizzati grazie al processo di traspirazione, producendo il glucosio che è vitale per la crescita delle piante di cannabis e di tutte le altre piante.

Respirazione

Il processo di respirazione è un processo vitale che utilizza gli zuccheri prodotti durante la fotosintesi ed è fondamentalmente una reazione chimica che avviene nelle cellule di tutti gli esseri viventi, utilizzata per fornire energia alla crescita delle piante. Nelle piante, questi scambi di ossigeno e CO2 avvengono attraverso i pori (chiamati stomi) che si trovano nelle foglie, nei fusti e nelle radici, mentre la fotosintesi avviene solo nelle foglie e nei fusti.

Quando si verifica questo processo di respirazione, le piante utilizzano il glucosio prodotto durante la fotosintesi per fornire energia alla pianta

Ma a differenza della fotosintesi, ci sono due tipi di respirazione:

  • Respirazione oscura;
  • E la fotorespirazione.

Fotorespirazione

Durante il giorno, le piante assumono CO2 e rilasciano ossigeno attraverso la fotosintesi (in presenza di luce) che è il processo di base che la maggior parte di noi ha imparato a scuola e conosce.

 

Durante la fotorespirazione, le piante rilasciano ossigeno e assorbono CO2.
 

Ma quando una pianta non sta eseguendo la fotosintesi, ha ancora bisogno di "respirare", ed è qui che entra in gioco la respirazione oscura.

Respirazione oscura 

La respirazione oscura è una forma di respirazione che si verifica quando le piante non stanno eseguendo la fotosintesi, cioè non sono sotto la luce del sole o l'illuminazione artificiale. Durante questo processo, le piante rilasciano CO2 a causa dei processi che stanno eseguendo e assorbono ossigeno attraverso le radici.

 

Durante la respirazione oscura le piante rilasciano CO2 e assorbono ossigeno.
 

Tieni presente che la respirazione al buio non è esclusiva delle piante di cannabis, anche altri esseri viventi come i microrganismi eseguono la respirazione al buio, quindi potresti avere familiarità o averne sentito parlare.

3. Quando dovresti usare CO2?

L'anidride carbonica può essere utilizzata in fase vegetativa e di fioritura, ma le piante hanno bisogno di CO2 solo quando si esegue la fotosintesi, quindi è necessario iniettarla solo quando le luci sono accese.

Inoltre, non dovresti aumentare sempre i livelli di CO2, l'anidride carbonica dovrebbe essere utilizzata in combinazione con una serie di fattori, senza questi elementi potresti essere in grado di vedere un miglioramento ma non sarà quello che ti aspetti.

Fase vegetativa

Quando usi CO2 durante la fase vegetativa, le tue piante cresceranno più velocemente, più forti e più sane, e se fatte correttamente trarrai beneficio dalle maggiori rese e in altre cose come non doverti preoccupare di dare supporto ai rami.

Fase di fioritura

Alcuni coltivatori affermano che dovresti iniettare anidride carbonica solo durante le prime 2-3 settimane di fioritura, anche se altri sostengono che un aumento del livello di CO2 fino a 2 settimane prima del raccolto può portare a gemme più dense, non ci sono prove e dipende essenzialmente da te e cosa trovi opere nel tuo caso.

 

Aumentare la resa della cannabis con la CO2: un impianto di illuminazione appropriato

È necessaria la luce adeguata per beneficiare della CO2.
 

Per utilizzare correttamente la CO2, è necessario utilizzare luci ad alta intensità e di buona qualità e, in base al tipo di luce, sarà necessario regolare i livelli di biossido di carbonio, la temperatura e la quantità di nutrienti perché la cannabis utilizza CO2 in presenza di luce, quindi maggiore è l'intensità, maggiore sarà l'anidride carbonica di cui avrà bisogno.

4. Pro e contro della CO2

Nonostante i vantaggi, aggiungere CO2 può essere costoso. Dovresti pensare se ne valgono i benefici prima di iniziare a iniettare CO2 nel tuo spazio in crescita.

Pro

Crescita più rapida e rese più elevate

Se sei un coltivatore esperto e hai uno spazio di coltivazione di prim'ordine, l'iniezione di CO2 può aiutarti a far crescere piante più grandi che producono una qualità migliore e gemme più grandi.

Coltivare a temperature più elevate

Poiché le piante di cannabis usano CO2 per "respirare", un'alta concentrazione (1200-1500 PPM) di anidride carbonica consente di avere temperature più elevate nella stanza di coltivazione, potendo raggiungere i 30°C.

Sicurezza

La CO2 può aiutarti a mascherare l'odore perché alcuni metodi d'iniezione di anidride carbonica creeranno un odore naturale che aiuta a coprire quello della cannabis.

 

Aumentare le rese della cannabis con la CO2: pro e contro

 Pro e contro dell'iniezione di CO2 nella tua tenda in crescita.

Contro

Non molto efficace se non hai buone luci

Le luci più comuni non sono abbastanza forti per usare la CO2 in modo appropriato, per poterne beneficiare sono necessari un LED o una lampadina molto potenti.

Ha bisogno di uno spazio ermetico

Quando si tenta di mantenere un PPM di CO2 elevato, è necessario uno spazio di crescita ermetico in modo che non si dissipi.

Costo

A seconda delle dimensioni della tua camera di coltivazione, può essere piuttosto costoso iniettare CO2 perché i metodi più economici non sono molto buoni a meno che tu non abbia un piccolo numero di piante, quindi dovrai investire un po '.

5. Quanta CO2 dovrei usare?

Le piante sono utilizzate per livelli elevati di anidride carbonica e anche se non lo vediamo, in realtà c'è CO2 nell'aria, che si trova a circa 400PPM.

Quando iniettiamo CO2, dobbiamo prima conoscere la nostra intensità di luce per poi conoscere il limite di quanta CO2 possono prendere le nostre piante ma tenendo presente che il massimo è intorno a 1500PPM, il seguente diagramma ti dà un'idea di come dovrebbe essere usato.

CO2 and Light intensity

Intensità della luce (μmol/m2/s)CO2 (PPM)Fotosintesi relativa %
200-4504000-25
450-80080025-50
800-1000140050-75
1000-1400+1400 (aumentare gradualmente, controllare e regolare)75-100

Relazione tra intensità della luce, livelli di CO2, temperatura e sostanze nutritive per un uso corretto delle iniezioni di biossido di carbonio.
 

Se vedi che le tue piante si indeboliscono o ingialliscono, smetti di usare CO2 e cerchi di scoprire cosa c'è che non va, in questo caso di solito si accumula troppo CO2 o fa troppo caldo.

Ricorda che la CO2 non fa magie e aumentare la CO2 senza l'ambiente appropriato danneggerà le tue piante.

 

Quando si immette anidride carbonica in un ambiente appropriato, inizierai a vedere segni di piante malsane.
 

Quando si coltiva in ambienti chiusi è fondamentale disporre di un sistema di ventilazione per lo scambio d'aria, in buone condizioni le piante possono utilizzare la CO2 molto velocemente e quando i livelli scendono a circa 200 ppm il tasso di crescita rallenta.

Se non vuoi investire in un aspiratore o CO2, puoi facilmente aumentarlo aprendo la finestra e lasciando entrare CO2 e ossigeno.

6. Raccomandazioni

  • Assicurati sempre di beneficiare della CO2, l'uso di anidride carbonica in modo inappropriato può danneggiare le tue piante.
  • Per sapere se è necessario iniettare CO2 leggere le specifiche, la maggior parte dei produttori indicherà se è necessario aumentare i livelli e la quantità.
  • Avere un buon misuratore di CO2 nel tuo spazio di coltivazione perché i livelli che superano i 2000 ppm saranno tossici per le tue piante.
  • Puoi smettere di iniettare CO2 quando le luci sono spente perché le piante non possono eseguire la fotosintesi senza luce.

7. CALCOLO DELLA QUANTITÀ DI CO2 NECESSARIA

Quindi, coltiva da un po' di tempo. Le tue rese sono state buone, ma stai cercando un modo per aumentarle. La CO2 potrebbe essere la risposta, ma questo non significa che si debba correre subito a comprare una bombola di CO2, posizionarla nello spazio di coltivazione e aprire la valvola. Questo non solo sarebbe pericoloso per la tua salute, ma molto probabilmente ucciderebbe le tue piante. 

Fortunatamente, esiste un calcolo semplice e preciso che ti aiuterà a capire esattamente la quantità di CO2 da aggiungere alla tua grow room. Supponiamo di voler aumentare i livelli di CO2 a 1400 ppm. È sufficiente moltiplicare l'area cubica della stanza per 0,0014. Per trovare l'area cubica del tuo spazio di coltivazione dovrai conoscere le dimensioni esatte della tua stanza. Ad esempio, supponiamo che la stanza di coltivazione sia larga 5 metri, lunga 5 metri e alta 2 metri. Moltiplicando i numeri si ottiene l'area cubica, quindi 5 x 5 x 2 = 50 metri cubi. Quindi basta moltiplicare 50 x 0,0014 = 0,07 metri cubi di CO2 necessari nel tuo spazio di coltivazione.

8. Come aggiungere CO2 nella tua grow room

Esistono diversi modi per immettere anidride carbonica nella tua stanza di coltivazione, alcuni sono più adatti per le coltivazioni più grandi di altri e possono essere più costosi, ma ci sono modi per aumentare i livelli di CO2 in tutti i tipi di coltivazioni.

Tieni presente che l'aria normale contiene solo circa 400 PPM di CO2, quindi se non sigilli il tuo spazio di coltivazione, qualsiasi aggiunta di CO2 fuoriuscirà fino a quando l'atmosfera interna non si sarà regolata di nuovo a questa cifra di 400 PPM. Questo potrebbe non essere un grosso problema se hai intenzione di aumentare solo leggermente il livello di CO2, ma se vuoi mantenere una lettura costante di CO2 di 1100 - 1500 PPM devi assolutamente assicurarti che lo spazio di coltivazione sia completamente sigillato. In caso contrario, non farai altro che sprecare un sacco di CO2. Se decidi di sigillare la tua area di coltivazione e di integrare la CO2 ad alti livelli, ci sono alcuni dettagli chiave da tenere a mente. 

Molti coltivatori consigliano di mantenere la temperatura all'interno della stanza di coltivazione tra i 30°F e i 35°F, per garantire che le piante possano effettivamente assorbire tutta la CO2 supplementare. Assicurati di tenere sotto controllo le piante e di assicurati che non soffrano di stress da calore. Alcune varietà sopportano meglio di altre le temperature più elevate, quindi anche se queste temperature hanno funzionato bene per le coltivazioni precedenti, è meglio essere sempre consapevoli di come la tua coltivazione attuale sta affrontando l'aumento del calore. Può essere un po' più difficile controllare l'umidità una volta sigillata un'area di coltivazione. Le piante rilasciano vapore acqueo insieme all'ossigeno, che in un ambiente sigillato può aumentare rapidamente i livelli di umidità. Consiglio di cercare di mantenere i livelli di umidità al di sotto del 60% per le grow room sigillate. In questo caso potrebbe essere necessario un deumidificatore.

Generatore di CO2

I generatori di anidride carbonica sono facili da usare e possono avere un timer integrato che si accenderà o spegnerà automaticamente quando necessario, il rovescio della medaglia è che funzionano bruciando gas naturale o propano e produrranno calore, quindi è più adatto a grandi spazi di crescita in cui il clima è controllato.

 

Aumentare la resa della cannabis con la CO2: modi per iniettare CO2

Esistono diversi modi per iniettare CO2 in modo efficace, indipendentemente dalle dimensioni del tuo spazio di coltivazione.

Serbatoi di CO2 compressa

Questa è la scelta ideale per spazi di coltivazione più piccoli, a seconda di quando vivi, può essere abbastanza facile trovare serbatoi di CO2.

I serbatoi di CO2 contengono biossido di carbonio saturo, quindi non producono calore, ma se lo desideri dovrai acquistare attrezzature per automatizzarlo.

CO2 in bottiglia

Alcuni marchi vendono CO2 in bottiglia per coloro che non vogliono avere a che fare con attrezzature costose o pesanti, questo facile da lavorare con bombole di anidride carbonica preconfezionate che contengono CO2 pressurizzata che lo rilascerà lentamente nella tua stanza di coltivazione ma perché non puoi sigillare dopo, dovrai comprare una bottiglia ogni 5-7 giorni e può diventare costoso.

Non importa come lo fai finché lo fai correttamente e con l'attrezzatura appropriata, se lo fai correttamente vedrai sicuramente una grande differenza.

Metodi alternativi di iniezione di CO2

Se non vuoi spendere troppo con nessuna delle attrezzature di cui sopra, ci sono metodi alternativi che sono più economici all'inizio, ma possono finire per essere più costosi sia a causa del tempo che passerete o semplicemente perché non durano a lungo e non sono efficaci come i metodi più costosi.

Compost

Il compostaggio è simile al processo di fermentazione perché produrrà anche piccole quantità di CO2 e anche un cattivo odore all'interno del tuo spazio di coltivazione.

 

Il compostaggio rilascia CO2 ma non è il migliore se vuoi mantenere pulito il tuo spazio da coltivazione.
 

Proprio come il metodo menzionato sopra, si raccomanda di usarlo solo in spazi di coltivazione più piccoli a causa della scarsa efficacia e della possibilità di attirare insetti o muffe nella tua tenda.

Fermentazione

La fermentazione è un processo naturale che produce CO2, rendendolo un metodo economico e facile per iniettare CO2 nella tua tenda da coltivazione, ma ha i suoi lati negativi, per esempio, la fermentazione produce un cattivo odore che può attirare gli insetti nella tua  stanza da coltivazione. Inoltre, questo metodo non è sicuramente raccomandato per grandi spazi di crescita; Questo metodo aumenterà solo i livelli di CO2 un po 'così si consiglia di usarlo quando si coltivano circa 2-3 piante.

Sacchetti di CO2

I sacchetti di CO2 sono abbastanza popolari tra i coltivatori domestici a causa di essere relativamente a buon mercato; Questi sacchetti sono costituiti da funghi che crescono in materia organica, che produce CO2.

Lo svantaggio di questo metodo è che non è facile coltivare correttamente i funghi, quindi se sei un coltivatore principiante o non riesci a mantenere buone condizioni di crescita, potrebbe essere abbastanza difficile usare i sacchetti di CO2.

 

I sacchetti di CO2 sono ottimi per i piccoli spazi, ma potrebbero non essere ideali per le tende più grandi.
 

Come linea guida, avrai bisogno di 4 sacchetti di CO2 per 2m2, il che significa che questo metodo può diventare abbastanza costoso se state coltivando in uno spazio più grande perché non producono molta CO2

Ghiaccio secco

Il ghiaccio secco è fondamentalmente CO2 solida e fredda che viene rilasciata quando si scalda, rendendola una soluzione efficace a breve termine, ma non una soluzione a lungo termine molto buona a causa del costo. Questo perché si dovrà aggiungere il ghiaccio secco ogni giorno (o anche più volte al giorno) che può diventare un po' costoso a seconda di come lo userai.

9. In conclusione

Ora che sai come aumentare la resa della cannabis con la CO2, ricordati che una camera di coltivazione di CO2 è più adatta per i coltivatori che hanno già esaurito la loro attrezzatura di coltivazione e sono alla ricerca di alternative per migliorare i loro raccolti, se sei un nuovo coltivatore si può effettivamente provare, ma è meglio investire in buone attrezzature di coltivazione prima di provare l'anidride carbonica.

È impossibile sapere quanto i livelli di CO2 aumentino i raccolti, ma sicuramente la CO2 aumenta i raccolti se la si usa correttamente; questo perché, regolando i livelli di CO2, si sta regolando il modo in cui le piante eseguono i loro processi di base, quindi è meglio farlo una volta che si capiscono un po' questi processi e si sa cosa si sta facendo. 

Se usi la CO2 nella tua grow room, sentiti libero di condividere la tua esperienza, lascia un commento qui sotto!

 


Questo post è stato aggiornato di recente il 23 marzo 2022.

31 July 2022