FastBuds seedbank #1 with 9695 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10011 diaries on GrowDiaries

Radici Della Cannabis: Tutto Ciò Da Sapere

Le radici sono la parte più importante, senza di esse le piante non possono assorbire acqua e sostanze nutritive
05 July 2022
10 min read
Radici Della Cannabis: Tutto Ciò Da Sapere

Contenuti:
  • 1. Cosa sono le radici?
  • 2. La crescita delle radici
  • 3. La struttura delle radici
  • 4. Le funzioni delle radici
  • 5. Radici della cannabis durante la fioritura
  • 6. Lavaggio delle radici
  • 7. Principali problemi con le radici: eccesso e mancanza d'acqua
  • 8. La storia dell'uso medicinale delle radici di cannabis
  • 9. Modi per aumentare lo sviluppo delle radici
  • 10. In conclusione

La radice è la prima cosa che vedi quando germogli i semi di cannabis. Sono ciò che la pianta usa per assorbire acqua e sostanze nutritive per poter crescere ed è sicuramente la parte più importante della tua pianta.

1. Cosa sono le radici?

Le radici sono la parte più importante della pianta e sono la prima parte di essa a venire a contatto con il terreno dopo la germinazione.

La maggior parte delle piante ha tre tipi di radici: il fittone, le radici fibrose e le radici avventizie. Le radici fibrose sono le radici che crescono nel mezzo, le radici avventizie sono quelle che possono crescere dallo stelo verso il mezzo.

 

Le radici della cannabis: la radice a fittone, le radici fibrose e le radici avventizie

Radici di cannabis: radice di fittone, radici fibrose e radici avventizie.
 

La cannabis ha tutti e tre i tipi di radici, il fittone appare quando germina, radici fibrose quando si sta già sviluppando e radici avventizie durante la clonazione.

2. La crescita delle radici

La crescita delle radici avviene principalmente durante la fase vegetativa. Durante la fase vegetativa di una pianta, le radici cresceranno il più possibile e svilupperanno molte radici secondarie e capillari in modo che durante la fase di fioritura possano concentrarsi sull'assorbimento dei nutrienti e sulla produzione di grandi cime. Quando le radici crescono, è importante prestare particolare attenzione durante l'irrigazione. Le radici sono sempre alla ricerca di acqua nel substrato e se questo è troppo bagnato le radici non cresceranno in quanto non hanno bisogno di cercare acqua.

 

È fondamentale mantenere felici le radici, l'eccesso o la mancanza di acqua si tradurrà in rese inferiori.
 

Questo è il motivo per cui dobbiamo fornire la giusta quantità di acqua alla nostra pianta, questo garantirà una crescita vigorosa. L'eccesso di acqua è uno degli errori più comuni commessi durante la coltivazione di piante autofiorenti, se annaffi troppo le radici non avranno la necessità di cercare l'acqua e non cresceranno. Ciò può influire sul rendimento finale.

3. La struttura delle radici

Le radici crescono in un modo che ricorda una struttura a piramidi. La radice principale cresce nel terreno mentre le radici secondarie crescono orizzontalmente. Queste radici secondarie crescono radici più piccole (chiamate capillari), le radici sono responsabili dell'assorbimento e del trasporto di acqua e sostanze nutritive per l'intera pianta.

 

La struttura delle radici della Cannabis: i capillari

La struttura delle radici di cannabis: sviluppo dei capillari
 

Il modo in cui le radici crescono può essere influenzato dal tipo di mezzo in cui stai crescendo. Se usi un mezzo compatto, le radici avranno difficoltà a crescere. Ciò rallenterà le radici e comporterà una crescita lenta delle piante. Questo è comune tra i nuovi coltivatori, consigliamo di coltivare in un mix di fibra di cocco, perlite e / o terreno per i migliori risultati.

4. Le funzioni delle radici

Le radici sono responsabili di molte funzioni essenziali. Una delle principali funzioni delle radici è mantenere la pianta ben ancorata al terreno, se i sistemi radicali non sono ben sviluppati, la pianta avrà bisogno di supporto (come un bastoncino di bambù) per evitare che cada, specialmente durante la fioritura. Un'altra funzione molto importante è l'assorbimento di nutrienti e acqua. Se la pianta non ha sviluppato bene le radici, la crescita della pianta e la produzione di cime possono essere gravemente compromesse. Inoltre, insieme alle foglie e ai rami, fungono da deposito per gli amidi di cui la pianta ha bisogno per sopravvivere e contribuiscono a contrastare l'erosione del suolo, fornendo al contempo un'area in cui i batteri benefici possono vivere e nutrirsi.

5. Radici della cannabis durante la fioritura

Una volta iniziata la fase di fioritura, le radici non cresceranno come nella fase vegetativa. Dopo 2 settimane nella fase di fioritura, le radici ridurranno drasticamente il tasso di crescita e si concentreranno sull'assorbimento di più nutrienti possibile per garantire una buona produzione d'infiorescenze.

 

Radici di cannabis durante la fioritura

Radici di cannabis durante la fioritura.
 

In questa fase è fondamentale mantenere le radici in salute, l'eccesso o la mancanza di acqua si tradurrà in rese inferiori.

6. Lavaggio delle radici

Il lavaggio è un processo vitale per poter raccogliere cime della migliore qualità. Il lavaggio di solito viene eseguito nelle ultime 2 settimane di fioritura e consiste nell'irrigare le piante solamente con acqua (se vuoi regolata di PH) per rimuovere tutti i nutrienti rimasti nel terreno, pulendo il terreno da tutti gli elementi che rendono i fiori aspri.

 

Lavaggio delle piante di cannabis

Risciacquare le piante di cannabis nelle ultime 2 settimane di fioritura è molto importante in quanto aiuta a rimuovere tutti i nutrienti rimasti nel terreno.
 

La cosa più importante è che le foglie ingialliscono alla fine della fase di fioritura, questo significa che il terreno è privo di sostanze nutritive e hai eseguito il flush correttamente, otterrai così piante con un odore migliore e un sapore gustoso e morbido.

7. Principali problemi con le radici: eccesso e mancanza d'acqua

L'eccesso di acqua (noto come sovraccarico) si verifica quando vi è un'elevata quantità di acqua (nel mezzo) per un lungo periodo di tempo. Durante questo periodo la radice non riesce a ottenere ossigeno e inizia a diventare marrone. Quando ciò accade, le radici non sono in grado di assorbire i nutrienti e la pianta affogherà fino alla morte. Se lasciata così per alcuni giorni, la pianta inizierà a cadere e le foglie inizieranno a ingiallire. In questa fase la pianta sicuramente morirà e non c'è nulla che si possa fare per salvarla perché le radici sono già troppo cattive per essere salvate.

Proprio come nell'eccesso di acqua, la mancanza di acqua (sott'acqua) alla fine asciugherà tutte le radici e la pianta non sarà in grado di assorbire più acqua. Anche se la pianta può essere reidratata, le radici saranno già compromesse e molto probabilmente non saranno in grado di recuperare. Anche se riesci a recuperare la pianta, le radici che sono morte sono state essenziali per la pianta e la crescita e i raccolti ne risentiranno seriamente.

8. LA STORIA DELL'USO MEDICINALE DELLE RADICI DI CANNABIS

La storia documentata delle radici di cannabis in medicina risale a molto, molto tempo fa, viene citata più volte nel corso della storia documentata e sembra avere le sue radici in tutto il mondo. Le prime testimonianze scritte risalgono al 2700 a.C. nel Classico della Medicina Erboristica, un antico testo cinese della dinastia Shen-Nung. Questo testo ne descrive l'uso come antidolorifico e propone una ricetta in cui le radici vengono prima essiccate, poi macinate e mescolate con acqua per formare una pasta densa. Questa pasta veniva poi spalmata sulla zona interessata. In alcuni periodi è stata ampiamente utilizzata anche nell'Impero Romano. Gaio Plinio Secondo (23/24 d.C. - 79) - meglio noto come Plinio il Vecchio - è stato un autore romano, naturalista e filosofo naturale, la cui opera più nota è la Naturalis Historia. In essa descrive l'uso della radice come base per una tisana che veniva usata per trattare un'ampia gamma di disturbi, dalla gotta ai dolori articolari, fino ai crampi mestruali. Secondo alcuni rapporti, le radici di cannabis venivano usate come antiemorragico per fermare le emorragie nel mondo antico. Sebbene queste affermazioni abbiano meno riscontri storici, ci sono comunque alcune prove a sostegno di questa tesi. Nell'antica Grecia, il giornalista e scrittore medico Oreibasio (320 ca. - 403 ca.), che era anche il medico personale dell'imperatore romano Giuliano, scrisse che la radice di cannabis essiccata poteva essere usata per trattare e prevenire molti problemi di dermatite ed era efficace per lenire le ustioni se usata in forma di pasta. La regina Vittoria era nota per l'uso di una tintura di germogli e radici di cannabis per alleviare una serie di problemi medici e il noto medico inglese William Salmon, che esercitò durante il suo regno, combinò orzo e radice di cannabis per fare una pasta che veniva usata per trattare la sciatica e il dolore pelvico. È stata utilizzata anche nelle pratiche mediche moderne. Uno studio del 1971 ha scoperto che le radici di cannabis sono ricche di antiossidanti che proteggono il fegato. Fino all'entrata in vigore della proibizione dell'erba (e ben oltre), i medici americani utilizzavano la radice della pianta di canapa come efficace antinfiammatorio. Questo grazie alla presenza di chetoni triterpenici pentaciclici che hanno dimostrato di avere forti effetti antimicrobici e antinfiammatori.

9. MODI PER AUMENTARE LO SVILUPPO DELLE RADICI

Esistono diversi modi per favorire la crescita e la salute delle radici delle piante. In orticoltura scientifica si parla di gestione integrata della zona radicale. Si usa quando un coltivatore prende in considerazione l'intera gamma di fattori di crescita delle radici per garantire le condizioni migliori per la stimolazione e la crescita delle radici. Ciò include i nutrienti, il gas, l'acqua, la temperatura e il substrato di coltivazione in cui risiede la zona radicale della pianta.

Per quanto riguarda le temperature, l'intervallo di crescita accettabile va dai 15 ai 30°C (da 59 a 86 °F), mentre le condizioni ottimali vanno dai 20 ai 24°C (da 68 a 75 °F). Quando le temperature superano i 30,5°C e scendono al di sotto dei 14,5°C, ci si può aspettare che la crescita delle radici della pianta (e di conseguenza dell'intera pianta) diminuisca, con livelli di potenza ridotti e rese minori. Se una pianta di cannabis è costretta a trascorrere più giorni a temperature inferiori a circa 11°C e superiori a circa 40°C, è probabile che la pianta muoia molto rapidamente. Quando si parla di gas, l'ossigeno gioca il ruolo più importante. Alcuni studi dimostrano che le aree della zona radicale con 20-30 ppm di O2 vanno bene per incoraggiare una crescita vigorosa delle radici. Se coltivate cannabis in terra, potete utilizzare materiali come la perlite o la vermiculite per aiutare la zona radicale a raggiungere livelli di ossigeno più elevati, oppure potete passare alla coltivazione in fibra di cocco. La fibra di cocco è un substrato inerte che offre molti dei vantaggi della coltivazione idroponica e di quella in terra e può portare a un aumento dell'ossigenazione della zona radicale fino al 70% rispetto alla coltivazione in terra pura.

Fornendo le giuste sostanze nutritive al momento giusto, darete alla vostra coltura di cannabis le migliori possibilità di produrre grandi e gelidi pezzetti. Sebbene il fosforo e il potassio siano i due principali nutrienti associati alla crescita delle radici, le quantità necessarie cambiano con lo sviluppo della pianta. Per fortuna oggi è disponibile una gamma quasi infinita di sostanze nutritive. Date un'occhiata alla nostra pratica guida all'alimentazione delle piante autofiorenti se avete bisogno di qualche indicazione diretta o alla nostra spiegazione dei nutrienti più importanti per lo sviluppo delle piante.

STIMOLATORI DELLE RADICI DI CANNABIS

Oltre ai macro e micronutrienti di cui tutte le piante hanno bisogno per vivere, esistono alcuni additivi che possono aiutare una coltura a raggiungere il suo pieno potenziale. Questi liquidi, gel o polveri per il radicamento utilizzano ormoni vegetali (auxine), vitamine e molti altri componenti per aiutare a promuovere una crescita vigorosa nelle prime fasi del ciclo di vita di una pianta di cannabis. Questa spinta iniziale può avere un effetto enorme sul prodotto finale. Alcuni dei nostri stimolatori di radicazione preferiti sono:

  • Canna Bio Rhizotonic - Canna è una delle aziende di nutrienti per cannabis più grandi e affidabili. Esiste da decenni e produce prodotti di altissima qualità sul mercato. Il loro Canna Bio Rhizotonic è uno stimolatore di radici certificato 100% organico ed è un prodotto fantastico e facile da usare.

 

  • Voodoo Juice - È uno degli stimolatori di radici più ricchi di ingredienti presenti sul mercato. Tra gli altri ingredienti, offre 5 ceppi di microbi diversi carichi di ormoni radicanti.

 

  • Hesi Root Complex - Ancora una volta, uno stimolatore di radici super-impilato proveniente da un paese con una ricca storia nel settore della coltivazione della cannabis. Include oligoelementi essenziali, enzimi e aminoacidi B1 e B2 - tutti questi elementi si combinano per promuovere la massima assimilazione possibile dei nutrienti.

MICRORGANISMI BENEFICI PER GLI APPARATI RADICALI DELLA CANNABIS

Il mondo sotterraneo degli apparati radicali è spesso trascurato, ma per avere un apparato radicale sano, deve esserci un ecosistema ancora più sano di nutrienti e microrganismi benefici. Questi includono funghi e batteru che si nutrono dell'apparato radicale e hanno un rapporto sinergico con la pianta. Esistono due tipi principali di funghi comunemente utilizzati negli additivi per orticoltura:

MICORRIZE

Le micorrize sono funghi benefici che sono stati implementati in modo diffuso in tutto il settore dell'orticoltura e sono stati utilizzati per aumentare i risultati della coltivazione della cannabis per decenni. Questi microrganismi naturali e organici crescono in associazione con le radici di una pianta ed estendono essenzialmente la portata dell'apparato radicale. Ciò favorisce l'assorbimento di macro e microelementi, migliora la velocità e l'efficacia dell'assorbimento dell'acqua, il che è utile nei periodi di siccità e di stress, aiuta a combattere le malattie eventualmente presenti nel terreno di coltura e contribuisce a ricostituire il terreno impoverito da stagioni di eccessivo utilizzo. Esiste un'abbondanza di prodotti specificamente commercializzati per i coltivatori di cannabis che contengono micorrize, e ogni negozio di prodotti idroelettrici affidabile dovrebbe averne una gamma disponibile. Di solito sono disponibili in polvere o in granuli e possono essere applicati in qualsiasi fase del ciclo di vita della pianta. Tenete presente che la formazione di una colonia di micorrize richiede circa un mese, quindi se coltivate in terra o in fibra di cocco può essere utile dosare il substrato in anticipo.

TRICHODERMA

Il Trichoderma è un fungo benefico che offre molteplici vantaggi ai coltivatori di erbacce. I motivi principali per cui è così ampiamente coinvolto nella coltivazione delle piante sono il controllo dei patogeni (in particolare è molto efficace nel combattere i funghi patogeni che possono distruggere rapidamente l'apparato radicale), aiuta la pianta a gestire meglio lo stress, favorisce la crescita e la profondità delle radici, aumenta la ritenzione idrica della zolla e del terreno circostante e stimola la crescita generale della pianta con l'aumento dei livelli di ormoni chiamati fitormoni. Poi ci sono i batteri benefici. Quando la maggior parte dei coltivatori sente la parola batteri, pensa immediatamente a quelli cattivi, ma ci sono un paio di ceppi di batteri che possono dare un enorme vantaggio alla coltivazione. Queste bellezze unicellulari offrono un'ampia gamma di vantaggi, i principali dei quali sono una decomposizione più rapida e la capacità di combattere le malattie. Cercate additivi che contengano:

  • Bacilus licheniformis
  • Bacilus azotoformans
  • Bacilus negaterium
  • Azotobacter chroococcum
  • Bacilus subtilis
  • Paenibacillus durum
  • Paenibacillus polymyxa
  • Pseudomonas fluorescens

10. In conclusione

Avendo tutte queste informazioni sulle radici, adesso si saprà certamente che dobbiamo essere estremamente cauti con le radici delle nostre piante. Sono ciò che fornisce i nutrienti e l'acqua per la sopravvivenza della nostra pianta, qualsiasi tipo di maltrattamento potrebbe avere gravi conseguenze. Se sei nuovo nella coltivazione della cannabis, è meglio iniziare a coltivare varietà più resistenti e in grado di tollerare bene i nutrienti. Consigliamo la nostri nuova Gorilla Cookies Auto.

 

Tollera molto bene una grande quantità di nutrienti soprattutto dalla settimana 3 ed è una buona opzione se sei un principiante e stai riscontrando problemi con l'eccessivo assorbimento.

05 July 2022