Fertilizzanti Cannabis: Programma di Alimentazione Autofiorenti

Di solito i nutrienti vengono con istruzioni per piante fotoperiodiche, quindi come regolare tale quantità per le Auto?
13 May 2020
7 min read
Fertilizzanti Cannabis: Programma di Alimentazione Autofiorenti

Contenuti:
  • 1. Concimazione cannabis: differenti tipi di fertilizzanti per autofiorente
  • 2. Fertilizzanti cannabis: nutrienti per la fase semenzale
  • 3. Fertilizzanti cannabis: nutrienti per la fase vegetativa
  • 4. Fertilizzanti cannabis: nutriente per la fase di pre-fioritura e fertilizzante per fioritura
  • 5. Fertilizzanti cannabis: programma di nutrienti per autofiorenti
  • 6. Programma di nutrienti per autofiorenti
  • 7. In conclusione

Per far crescere in modo adeguato una pianta di marijuana, è necessario scegliere i migliori fertilizzanti cannabis.

Per questo motivo, vedremo insieme quale sia il programma di alimentazione più adatto per le piante autofiorenti.

Come qualsiasi altra pianta, tutte le piante di cannabis autofiorenti hanno bisogno di nutrienti per sopravvivere e crescere forti e questi gli vengono forniti attraverso i fertilizzanti per marijuana.

I nutrienti delle piante sono divisi in macro e micro:

  • i macronutrienti sono sostanze nutritive che le piante usano in grandi quantità, quali azoto (N), fosforo (P) e potassio (K);
  • i micronutrienti sono elementi secondari e vengono assorbiti in quantità molto minori, come magnesio (Mg), calcio (Ca), zolfo (Su), rame (Cu), zinco (Zn), ferro (Fe), manganese (Mn) tra gli altri.

Sia i macronutrienti che i macronutrienti vengono erogati innaffiando con nutrienti misti, terreno pre-modificato o polvere a rilascio lento.

Ricorda che puoi sempre aggiungere, ma non togliere i nutrienti, quindi dosa bene quanto fertilizzante cannabis somministrare alla tua pianta. 

Infatti, se il fertilizzante cannabis autofiorente è fornito in misura sbagliata, puoi correre il rischio di sovralimentare o sottoalimentare la pianta, danneggiandola.

 

1. Concimazione Cannabis: Differenti Tipi di Fertilizzanti per Autofiorente

I nutrienti possono essere trasmessi alla pianta in diverse forme, di cui le più comuni sono: diluiti in acqua, miscelati con il terreno e in polvere, per essere usati come una medicazione a rilascio lento o per essere miscelati con il terreno. 

C'è una grande differenza tra i nutrienti organici e inorganici: infatti, se è vero che entrambi possono presentarsi nelle tre diverse forme di cui abbiamo parlato sopra, è altrettanto vero che questi funzionano in modi completamente diversi.

Organico vs Inorganico

L’organico si concentra sulla creazione e il mantenimento di un terreno ricco di microrganismi. 

Usando i nutrienti organici, non si alimenta direttamente la pianta, ma si arricchisce il mezzo attraverso cui i microrganismi presenti si nutrono dei nutrienti, scomponendoli e facilitandone l'assorbimento da parte della pianta.

Poiché non la stai alimentando direttamente, la pianta può decidere quando e quali nutrienti assorbire, per cui, a meno che tu non lo faccia apposta, è davvero difficile avere problemi legati ad eccesso o mancanza di nutrienti.

I fertilizzanti per cannabis inorganici funzionano fornendo una quantità esatta di nutrienti: per poterlo fare senza alcun danno al tuo impianto, devi conoscere veramente le necessità della tua autofiorente. 

I nutrienti necessari per una crescita ottimale variano da ceppo a ceppo, quindi è davvero difficile sapere esattamente di cosa ha bisogno. 

Il consiglio è di iniziare a sperimentare: se vedi segni di sottosviluppo o carenze, allora sarà preferibile aumentare l’alimentazione.

Inoltre, dovrai regolare la quantità data ad un'autofiorente per evitare di sprecare sostanze nutritive (organiche) ed evitare di bruciare le tue piante (inorganiche). 

Di solito, i produttori rendono disponibili le istruzioni abbinate ad un programma e gli importi approssimativi per i prodotti che vendono, ma, quasi sempre, sono diretti a impianti fotoperiodici. 

Tenendo presente ciò, con le autofiorenti, consigliamo di iniziare sempre con la metà della quantità consigliata.

 

2. Fertilizzanti Cannabis: Nutrienti per la Fase Semenzale  

I germogli di semenzale con due piccole foglie sono chiamati cotiledoni: queste foglie forniscono ciò di cui la pianta ha bisogno per sopravvivere fino a quando appare la prima serie di foglie vere. 

Le prime due settimane di crescita della cannabis sono le più cruciali, perché la piccola piantina sta stabilendo il suo apparato radicale ed è molto fragile.

A questo punto, devi stare attento a non alimentarlo eccessivamente. 

 

È importante capire come la tua autofiorente si sviluppa settimana dopo settimana poiché la quantità di nutrienti varia ogni settimana.

Puoi avviare la tua autofiorente con 1/8 dei nutrienti raccomandati o, meglio ancora, basta dare acqua alla pianta per il primo paio di settimane. 

Se hai sovralimentato la pianta in questa fase di crescita, è altamente possibile che non sopravviva o che riesca a sopravvivere, ma la resa complessiva dell'autofiorente danneggiata sarà notevolmente ridotta.

Suggerimento: l'alimentazione idrosolubile dà immediatamente alla pianta l'accesso ai nutrienti.

Se stai usando mezzi con nutrienti aggiunti, non devi nutrire la pianta per le prime due o tre settimane (fino alla fase di pre-fioritura), quindi puoi rilassarti e dimenticare quei nutrienti in questa fase della crescita.

Suggerimento: leggi sempre le raccomandazioni poiché gli strumenti modificati contengono diverse quantità di nutrienti. Alcuni possono avere la quantità necessaria per le prime settimane, ma altri possono avere la quantità necessaria fino alla fase di pre-fioritura.

3. Fertilizzanti Cannabis: Nutrienti per la Fase Vegetativa

Le piante di cannabis fotoperiodiche hanno uno stadio di crescita vegetativa, ma le piante di cannabis autofiorenti di solito passano dalla fase semenzale alla fioritura.

Alcuni coltivatori ritengono che il momento in cui la piantina raggiunge il suo vero insieme di foglie fino a quando inizia a fiorire sia la fase di crescita vegetativa per le autofiorenti. 

Tuttavia, a prescindere dal nome di questo particolare stadio, la pianta va nutrita come una normale pianta fotosensibile nel suo stadio vegetativo.

Quando noti che la pianta autofiorente inizia a crescere rapidamente, devi iniziare a darle più nutrienti: di solito, è meglio dare metà della dose raccomandata di sostanze nutritive, ma, se la pianta diventa davvero folta, puoi darle una dose completa.

A livello vegetativo, la cannabis ha bisogno di molto azoto (N) e una discreta quantità di fosforo (P) e potassio (K), sotto forma di fertilizzante NPK piante.

Concime NPK significato: i concimi NPK sono quelli che permettono di fornire alla pianta un apporto simultaneo di azoto, fosforo e potassio, appunto N, P e K.

 

Assicurati che la tua pianta riceva sempre abbastanza azoto (N), fosforo (P) e potassio (K) sul suo stadio vegetativo.

Non importa quale sia la percentuale degli altri nutrienti, assicurati solo che l'azoto (N) sia disponibile più degli altri due elementi. 

La cannabis autofiorente ha anche bisogno di fosforo e potassio, ma si tratta di componenti minori, che sono presenti nei fertilizzanti commerciali come miscela.

 

4. Fertilizzanti Cannabis: Nutriente Per la Fase di Pre-fioritura e Fertilizzante per Fioritura

Quando iniziano a comparire i primi pre-fiori, devi cambiare l’alimentazione della pianta in un mix di nutrienti per metà vegetativi e per metà fioriti. 

A questo punto, è necessario iniziare lentamente a introdurre più fosforo (P) e potassio (K).

Il fosforo è essenziale per la produzione di gemme e deve essere disponibile quando la tua autofiorente entra nella fase di fioritura. 

Una volta che la tua autofiorente inizierà davvero a produrre gemme, dovresti iniziare a nutrire solo i nutrienti in fiore.

Alcuni coltivatori pensano che si debba seguire rigorosamente il programma e che, se non si cambia il fertilizzante, la pianta non crescerà correttamente: la verità è che quasi tutti i fertilizzanti andranno bene

Puoi essere molto preciso e, se hai esperienza, puoi aumentare la tua resa con fertilizzanti adeguati, ma, per i principianti e i coltivatori autofiorenti di livello medio, non è così cruciale. 

È sempre meglio dare alle tue piante di cannabis meno cibo piuttosto che nutrirle troppo.

5. Fertilizzanti Cannabis: Programma di Nutrienti per Autofiorenti

I nutrienti a lento rilascio possono consistere in granuli o in polvere. 

In genere, sono utilizzati come condimento superiore o premiscelato con il terreno: questo è il modo più semplice di nutrirsi, perché rilascia lentamente i nutrienti durante l'irrigazione, per cui non devi preoccuparti di nutrire la pianta fino al raccolto, a meno che non veda segni di carenza.

Quando si utilizza l'alimentazione a lenta cessione, il modo migliore è annaffiare più spesso con meno acqua, così che i granuli o la polvere si dissolvano più velocemente, senza avere problemi.

Suggerimento: questo metodo di alimentazione richiede un paio di giorni per sciogliere i granuli o la polvere, se si innaffia ogni due giorni circa. Se vedi segni di carenza o noti che la tua autofiorente è affamata, puoi utilizzare una piccola quantità di nutrienti solubili in acqua per risolvere immediatamente il problema e dare ai nutrienti a lento rilascio un po' più di tempo per dissolversi.

Nota: questo modo di nutrirsi viene fornito anche con le istruzioni specifiche per le piante fotoperiodiche, quindi con le autofiorenti dovresti (generalmente) usare metà della quantità raccomandata.

6. Programma di Nutrienti per Autofiorenti

Le autofiorenti non amano essere sovraccaricate e possono facilmente bruciarsi a causa di ciò. La quantità necessaria per un'autofiorente dipende dallo sforzo e dall'ambiente di coltivazione. Il seguente programma dovrebbe essere regolato a seconda dell'inizio della fioritura della pianta.

Grafico per mezzi inerti:

Programma nutrizionale per le piante di cannabis autofiorenti.

Nota: questo programma si basa sulle quantità consigliate per le piante fotoperiodiche, per questo motivo utilizziamo quantità di ½, ¼ e ⅛. Se dovessi usare un mezzo con nutrienti pre-aggiunti, allora dovresti solo annaffiare fino a quando non vedi segni di pre-fioritura (intorno alla settimana 4) e solo allora iniziare a nutrire seguendo questo programma a partire dalla fase di Pre-fioritura.

7. In Conclusione

Non solo le autofiorenti, ma tutte le piante di cannabis sono diverse in un modo o nell'altro. Puoi seguire programmi come quello fornito sopra, ma il modo ottimale per nutrire le tue piante è capire l'ambiente in cui le stai crescendo e la cultivar che stai coltivando.

La nostra Purple Lemonade, per esempio, è una cultivar robusta e crescerà benissimo senza sostanze nutritive.

Tuttavia, se viene fatto un uso corretto delle sostanze nutritive di buona qualità, farà meraviglie assolute.

 

La quantità di acqua e di sostanze nutritive di cui ha bisogno l'autofiorente dipende dall'umidità, dalla temperatura, dal tipo di mezzo, dalla circolazione dell'aria e dalla genetica, quindi ti consigliamo di trascorrere un po' di tempo con le tue piante ogni giorno. 

Prestare attenzione ai piccoli dettagli e ai segni che la tua pianta ti dà farà la differenza tra coltivare una pianta buona e una pianta bella e sana al 100%. 

Inoltre, ti ricambierà producendo fiori densi e molto frizzanti.

13 May 2020