FastBuds seedbank #1 with 10426 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10426 diaries on GrowDiaries
Affrettati! Acquista 1 Ottieni 1 gratis! Compra ora!

Qual È Il Miglior Terreno Per La Cannabis Autofiorente?

In questo articolo scoprirai il mezzo di coltura ideale per le tue piante di Cannabis autofiorenti, nonché cosa cercare quando si tratta di qualità.
07 July 2022
15 min read
Qual È Il Miglior Terreno Per La Cannabis Autofiorente?

Contenuti:
  • 1. I vantaggi della terra
  • 1. a. Additivi organici per il terreno
  • 2. Additivi che migliorano la qualità della terra
  • 2. a. Cocco
  • 2. b. Biochar
  • 2. c. Perlite
  • 2. d. Vermiculite
  • 3. Segni di un buon terreno
  • 4. Segni di un terreno cattivo
  • 5. Come preparare il proprio terriccio
  • 5. a. I migliori nutrienti per il terreno
  • 5. b. Miscela economica per il terriccio fai da te
  • 5. c. Il miglior terriccio per principianti
  • 5. d. Ph troppo alto o ph troppo basso
  • 5. e. Miglior terriccio per marijuana
  • 6. In conclusione

Quando si coltivano piante di cannabis autofiorenti, è molto importante fornire loro sostanze nutritive sotto forma di alimenti duri o liquidi. Il miglior terriccio per autofiorenti dipenderà dall'ambiente, dai fertilizzanti e dalla capacità di controllare il pH, quindi tienilo a mente se questo è il vostro primo ciclo di coltivazione; conoscere l'opzione migliore nel vostro caso può davvero indirizzarti verso raccolti abbondanti.

 

Sebastian Good vi spiega tutto quello che c'è da sapere sul miglior terriccio per autofiorenti.
 

Se ti stai chiedendo quale sia il terreno migliore per la coltivazione delle erbacce, di seguito ti spiegheremo cosa sapere, quali sono i segni di una buona e di una cattiva qualità del terreno e quali sono gli elementi da tenere in considerazione per la semina di quest'anno.

1. I Vantaggi della Terra

Il terriccio per autofiorenti o per qualsiasi altro tipo di pianta di cannabis è costituito da materiale organico in stato permanente di decomposizione. Grazie alla presenza di microrganismi benefici che sono responsabili della conversione delle sostanze nutritive alle radici della pianta, il terreno vivo è il modo in cui Madre Natura permette alle piante autofiorenti di lavorare in un rapporto simbiotico. Quando i piccoli microrganismi decompongono la materia organica, rendono disponibili le sostanze nutritive per le radici, che sono ora in grado di accedere a tutti i nutrienti e i minerali disponibili nella rete del terreno. Una volta instaurata questa simbiosi, l'unico vero requisito è che il terreno sia adeguatamente irrigato. Questa è fondamentalmente la forma più semplice di coltivazione biologica, perfetta per chi è alle prime armi, perché richiede pochissima manutenzione e manodopera, oltre a permettere al coltivatore di lavorare con un lento processo organico tampone, quindi se ti stavi chiedendo qual è il miglior terriccio per la coltivazione della erba, continua a leggere.

ADDITIVI ORGANICI PER IL TERRENO

L'uso di additivi o modifiche organiche del terreno contribuisce ad aumentare il numero di microrganismi benefici, a migliorare la ritenzione dell'umidità e a controllare la salute del terreno. In generale, dovresti aggiungere questi additivi prima di piantare. Ti aiuteranno a creare l'ambiente organico migliore per far prosperare l'apparato radicale, che si tradurrà in una crescita straordinaria e nella maturazione del profilo terpenico completo.

GUANO DI PIPISTRELLO

Il guano di pipistrello è uno degli additivi più utilizzati nella coltivazione della cannabis. È un fertilizzante organico ad azione rapida e altamente biodisponibile, con alti tassi di azoto e fosforo che lo rendono perfetto per la fase di crescita vegetativa. Inoltre, aiuta a migliorare il drenaggio e l'ossigenazione della miscela del terreno, contribuisce a potenziare l'immunità naturale contro parassiti, infestazioni fungine e malattie e può garantire la migliore produzione possibile di terpeni (anche se ci sono poche prove scientifiche a sostegno di questa affermazione).

 

Guano di pipistrello - Un po' di guano è molto utile.
 

Fai attenzione alla quantità che introduci nel substratto, perché il guano di pipistrello è una sostenza piuttosto forte. Un po' di prodotto è molto importante. Può essere usato sia in forma fresca che secca e di solito si trova in polvere o in pellet. Può essere usato in molti modi, oltre che come additivo diretto al terreno. Molti coltivatori hanno usato il guano di pipistrello come infuso fertilizzante o come spray fogliare. Si può anche usare come top dressing, cospargendolo direttamente intorno alla base della pianta e poi innaffiandolo. Per preparare un infuso di guano di pipistrello super efficace sono sufficienti 15 grammi di guano di pipistrello, 1 litro di acqua tiepida e una pompa ad aria. Mescola bene il guano e l'acqua e assicurati che l'acqua sia tiepida. L'acqua calda ucciderà la vita microbica che stai cercando di introdurre nella miscela. Mescola bene il tutto, inserisci la pompa e lascia aerare per almeno 24 ore. Questo tè può essere somministrato due volte alla settimana per tutto il ciclp della coltura.

COLATE DI VERMI

La colata di vermi, escrementi di vermi, è letteralmente il fertilizzante organico più biodisponibile, con livelli ridicoli di nutrienti e minerali. Chiamato anche vermicast, questo additivo di prim'ordine è perfetto per qualsiasi giardino di cannabis biologico. Non solo fornisce un nutrimento di lunga durata e a lento rilascio alla coltura, ma aumenta anche l'aerazione del terreno e fornisce un eccellente drenaggio. Puoi sostituire qualsiasi terriccio che usi con 100% di colate di vermi e non dovrai preoccuparti di problemi di bruciatura dei nutrienti. Creare un allevamento di vermi in casa è semplicissimo e può fornirti all'uso in qualsiasi momento, e fornire alle tue colture quasi tutto ciò di cui hanno bisogno per ottenere raccolti abbondanti.

LETAME

Il letame di mucca è un perfetto fertilizzante e lento rilascio. Di solito contiene una miscela molto equilibrata dei tre principali macronutrienti di cui le piante hanno bisogno per una crescita sana e vigorosa. Inoltre, il letame funziona come ammendante molto efficiente e contribuisce ad aumentare la quantità di vita microbica nel terreno, aumentando anche la ritenzione di umidità.  Ricordati che alcuni concimi possono presentare contaminazioni da erbicidi, quindi controlla sempre la confezione per assicurarti che sia completamente organico. Se vivi vicino a una fattoria e puoi acquistarlo direttamente alla fonte, meglio ancora!

È bene mescolare il concime prima della semina e assicurarsi che non siano previste piogge abbondanti per la settimana successiva, per evitare che tutta la bontà venga spazzata via. Il letame di pollo, invece, è considerato un concime "caldo", cioè può bruciare facilmente le piante se non viene lasciato riposare e maturare. In generale, non consigliamo l'uso di letame di pollo per le vostre coltivazioni di cannabis.

FARINA DI OSSA E FARINA DI SANGUE

La farina d'ossa si ottiene dalle ossa macinate dei bovini ed è una fantastica fonte di fosforo e calcio. È molto utilizza nelle coltivazioni di cannabis all'aperto, ma non è consigliata per i coltivatori all'interiore. Ha un livello di pH piuttosto acido che deve essere bilanciato, quindi non lo dimenticare. La farina di sangue si ricava, come hai indovinato, dal sangue dei bovini da carne. È molto ricca di azoto biodisponibile, ma può anche bruciare facilmente le piante se se ne fa un uso eccessivo.

 

La farina d'ossa e la farina di sangue possono essere molto utili per il raccolto, ma non bisogna esagerare.
 

Anch'esso ha un livello di pH piuttosto acido deve essere bilanciato. Entrambi questi additivi possono attirare l'attenzione di animali selvatici che possono facilmente distruggere il raccolto, quindi assicurati che le piante che utilizzano questi additivi siano ben recintate. Va da sé che questi additivi sono tutt'altro che vegani, quindi se questo aspetto è importante per te, scegli altre opzioni di fertilizzazione.

FARINA DI KELP

La farina di kelp è uno degli additivi più desiderati per le colture di cannabis, poiché è ricca di oltre 65 diversi elementi e minerali essenziali e contiene anche una dose molto salutare di potassio. Molti coltivatori pensano che la farina di kelp dia un enorme impulso al sapore e alla gamma di colori della cannabis, e siamo d'accordo.

FUNGHI MICORRIZICI

Ogni singola coltivazione di cannabis, indipendemente dalmetodo o dalle tecniche applicate, dovrebbe essere arricchita da funghi micorrizici. Questo tipo di funghi svolge un ruolo molto importante nell'aiutare la pianta a nutrirsi delle sostanze nutritive, transformandole in una fonte più biodisponibile. Inoltre, aiutano a proteggere l'apparato radicale dall'attacco di parassiti, malattie e funghi dannosi.

2. Additivi Che Migliorano La Qualità Della Terra

Alcuni degli aspetti negativi dell'utilizzo di terreno proveniente direttamente dal suolo è che può diventare molto denso una volta annaffiato. Limitare la crescita delle radici durante le prime fasi della vita di una pianta di Cannabis non è mai consigliato, quindi aggiungere altri componenti nel tuo terreno vivente può essere molto vantaggioso.

 

L'aggiunta di altri substrati al terreno ti aiuterà a controllare la densità del tuo terreno per autofiorenti.
 

Cocco

Aggiungendo al tuo terreno della fibra di cocco con una proporzione del 25-50%, la qualità del mix diventerà molto ariosa e leggera. L'aggiunta di cocco migliorerà le sacche d'aria presenti, l'azione trasudante del mix, oltre a incoraggiare un'espansione della massa delle radici. Il cocco è molto facile da usare ed è associato a grandi rese. La cosa migliore dell'aggiunta di cocco è il fatto che è un mezzo di coltivazione inerte, quindi non ha alcun valore nutrizionale in termini di azoto, fosforo o potassio, inclusi inoltre gli oligoelementi.

VANTAGGI

  • Aumenta l'aerazione e trattiene meglio l'acqua: Grazie alle sue caratteristiche, la fibra di cocco può aumentare l'aerazione del terreno e può assorbire fino a 10 volte il suo peso in acqua, il che la rende vitale per i coltivatori che vivono il condizioni di clima secco
  • Economica: La fibra di cocco è relativamente economica e si presenta in varie forme. Si può trovare compressa in un panetto o già lavata e pronta all'uso in un sacchetto. Il prezzo può variare un po' a seconda delle preferenze, ma non sarà assurdamente costose. 
  • Facile da usare: Il cocco è un terreno sterile, quindi funghi e altri insetti lo evitano, rendendolo perfetto per la coltivazione della cannabis. Inoltre, grazie al suo pH neutro, puoi usarlo con le modifiche del terreno senza preoccuparti.

 

Vantaggi e svantaggi dell'aggiunta di cocco al terreno.

SVANTAGGI

  • Sterile: Poiché questo tipo di terreno di coltura è sterile, non contiene le sostanze nutritive di cui la pianta ha bisogno. Anche se è possibile mescolarlo con il terriccio o addirittura modificarlo, dovresti fornire tutte le sostanze nutritive di cui la pianta ha bisogno se utilizzi solo il cocco.
  • Deve essere lavorato: La qualità può variare da marca a marca, quindi, a seconnda della marca, dovrai metterlo a bagno e lavarlo un paio di volte per rimuovere le impurità prima di usarlo.
  • Difficile trovare una buona qualità: Anche se è relativamente facile trovare la fibra di cocco, può essere difficile trovarne di buona qualità. Questo non significa che tu non possa usarla, ma dovrai lavarla accuratamente e sperimentare un paio di marche prima di essere soddisfatti al 100%.

Biochar 

Un incredibile additivo biologico che ha ottime capacità di trattenere l'acqua, un'enorme potere di azione ed è una fonte di carbonio puro. Il biochar è realizzato riscaldando il legno a temperature tali che il risultato finale è un substrato cristallino nero carbone. Poiché è composto al 100% da carbonio e ha una durata di conservazione di migliaia di anni, in agricoltura organica si mescola il biochar con il terreno per migliorare la ritenzione idrica consentendo tempi di irrigazione inferiori, alimentando i microrganismi benefici con una ricca fonte di carbonio e si contribuisce pure a salvare il pianeta.

 

Gli additivi organici come la fibra di cocco e il biochar possono migliorare drasticamente la qualità del tuo terreno, migliorare la ritenzione idrica e aiutarti a salvare il pianeta.

VANTAGGI

  • Aumenta la fertilità del suolo: Il biochar può aumentare la fertilità del suolo se usato in combinazione con un terreno modificato, perché impedisce la fuoriuscita dei nutrienti e fornisce carbonio che aumenta la disponibilità dei nutrienti nel terreno.
  • Trattiene i nutrienti e l'umidità: Grazie alla sua superficie porosa, il biochar è in grado di assorbire molta acqua e di assorbire i minerali essenziali per lo sviluppo delle piante.
  • Riduce la necessità di fertilizzanti: Essendo ricco di carbonio, il biochar accelera la decomposizione della materia organica, rendendo disponibili più nutrienti nel substrato, una scelta perfetta per i coltivatori biologici.

 

Vantaggi e svantaggi dell'aggiunta di biochar al terreno.

SVANTAGGI

  • Può influenzare le rese: A causa della sua caratteristica porosa, il biochar può assorbire troppa acqua e sostanze nutritive se usato in eccesso e può finire per stressare le piante autofiorenti che mostreranno segni di carenza.
  • Può essere contaminato: La qualità del biochar è influenzata dal materiale di cui è composto, quindi può essere contaminato da metalli pesanti o composti dannosi per le piante autofiorenti.
  • Nocivo per l'uomo: Se non viene trattato con cautela, si può finire per respirare la cenere, che è un problema se esposta quotidianamente; inoltre, può irritare se viene a contatto con gli occhi o la pelle per un lungo periodo di tempo.

PERLITE

La perlite viene solitamente utilizzata nelle miscele di terriccio per aumentare l'aerazione e migliorare la consistenza del terreno. Utilizzando la perlite nelle quantità corrette, non solo migliorerai il drenaggio, ma eviterai anche la compattazione, rendendo il terreno migliore per la crescita delle radici. Di solito, la perlite viene usata in combinazione con fibra di cocco e terriccio per fornire il mezzo migliore per le radici, mentre la perlite migliora l'aerazione, la fibra di cocco assobre l'acqua, bilanciando questi due elementi nel miglior rapporto possibile.

La perlite può essere usata anche per piantare i cloni: quando si mettono le talee nella perlite, le radici di solito crescono più forti e più velocemente perché hanno bisogno di ossigeno per crescere e la perlite contribuisce a fornirlo.

VANTAGGI

  • Maggiore aerazione: La perlite crea piccole sacche d'aria nel terreno e, se usata correttamente, può migliorare il tasso di crescita.
  • Terreno sterile: Essendo un terreno sterile, la perlite non influisce sul pH del terreno né aumenta la quantità di minerali prezenti. 
  • Evita la compattazione del terreno: La perlite deve essere mescolata accuratamente al terreno prima dell'uso, in modo da creare diverse sacche d'aria che rendono il terreno più soffice, evitando il compattamento.

 

Vantaggi e svantaggi dell'aggiunta di perlite al terreno.

SVANTAGGI

  • Può asciugare il terreno più velocemente: Dovrai controllare attentamente le tue piante autofiorenti perché con più ossigeno nel terreno dovrai annaffiare più spesso.
  • Deve essere lavata prima: se la marca che stai usando non lava preventivamente la perlite, potrebbe contenere una polvere fine che può essere dannosa se inalata, quindi ti consigliamo di lavare la perlite prima di usarla.
  • Ha bisogno di essere annaffiata più spesso: Poiché il substrato si asciuga più velocemente, sarà necessario annaffiare di più e questo significa che dovrai controllare le tue piante autofiorenti almeno 2 volte al giorno assicurarti che tutto vada come deve.

VERMICULITE

La vermiculite può essere usata per migliorare la qualità del terreno, proprio come la perlite, ma ha diverse qualità che faranno crescere più velocemente le vostre piante autofiorenti. Questo minerale aiuta ad aerare il terreno, trattiene l'acqua e le sostanze nutritive senza essere tossico o modificare il pH. Se il tuo terreno è compatto o non drena correttamente l'acqua, puoi aggiungere vermiculite per fornire alle radici un terreno migliore in cui crescere, ma assicurati di usare la giusta proporzione perché una quantità eccessiva può trattenere molte sostanze nutritive e acqua e finire per danneggiare le tue piante autofiorenti.

VANTAGGI

  • pH neutro: Essendo un substrato sterile, la vermiculite non altera il pH del terreno, quindi non c'è bisogno di controllare il deflusso ogni giorno.
  • Può prevenire la muffa: Se usata nella giusta proporzione, la vermiculite assorbe l'acqua in eccesso, prevenendo muffe e funghi nel terreno.
  • Migliora la qualità del terreno: Come la perlite, la vermiculite migliora la consistenza del terreno e lo rende più soffice, evitando il compattamento del suolo.

 

Vantaggi e svantaggi della Vermiculite di perlite al terreno.

SVANTAGGI

  • Può essere costosa: A seconda di dove si vive, la vermiculite può essere relativamente difficile da trovare e un po' costosa, perché di solito non si trova nei normali negozi di coltivazione.
  • Può influire sulle piante autofiorenti se usata in eccesso: Poiché la perlite trattiene le sostanze nutritive e l'acqua, il suo uso eccessivo può portare a un eccesso di irrigazione e di alimentazione.
  • Si dice che sia dannosa: Se si acquista vermiculite di bassa qualità, può contenere amianto e può causare problemi ai polmoni. L'inalazione di queste minuscole fibre può causare asbestosi, mesotelioma e cancro ai polmoni in caso di esposizione prolungata, quindi è essenziale acquistare la migliore qualità possibile e lavarla prima di utilizzarla.

3. Segni di Un Buon Terreno

A causa del processo con cui il suolo viene prodotto naturalmente, ci sono alcuni fattori da considerare se hai intenzione di prepararne uno. Se acquisti del terreno da un marchio noto o dai prodotti economici nel tuo vivaio di fiducia, ci sono alcune cose da considerare.

  • Controlla la confezione per vedere il valore nutrizionale del terreno. Una buona marca offre un'analisi dei nutrienti del suolo mostrando i valori di N-P-K, la quantità di perlite, vermiculite, il compost, gli oligoelementi e il conteggio di batteri e funghi.
  • I vermi aerano il suolo mentre strisciano mangiando materia organica. Se vedi il tuo terreno pieno di vermi, non preoccuparti. Questi piccoli aiutanti non solo aerano il suolo, ma rilasciano anche batteri benefici mentre lo fanno.
  • Un buon terreno acquistato in negozio avrà perlite o cocco aggiunti per consentire l'equilibrio ideale tra ritenzione di aria e acqua. Evita i terreni che non hanno perlite a meno che tu non stia acquistando di proposito vermicompost.

 

Segnali positivi e negativi che possono aiutarti a scegliere un terriccio di buona qualità.

4. Segni di Un Terreno Cattivo

  • Il terreno cattivo avrà un odore sgradevole che è un segnale della presenza di batteri cattivi, che causano un terreno acido e sfavorevole.
  • Il drenaggio sarà scarso, rendendo il terreno denso e pesante. Questo può limitare la crescita delle radici e rallentare drasticamente lo sviluppo delle piante. Il rapporto tra capacità di ritenzione idrica, drenaggio e assorbimento dei liquidi sarà sbilanciato.

5. COME PREPARARE IL PROPRIO TERRICCIO

Per preparare la tua miscela di terriccio devi tenere a mente le condizioni che avrai durante il ciclo di coltivazione; elementi come la temperatura e l'umidità possono influire sulla miscela migliore, quindi assicurati di conoscere le condizioni prima di mescolare il terriccio.

 

Assicurati di mantenere le migliori condizioni durante il ciclo di crescita.

I MIGLIORI NUTRIENTI PER IL TERRENO

Raccomandiamo di usare sempre nutrienti organici quando si coltiva in terra, perché la terra è materia organica e contiene microrganismi che, se curati correttamente, possono dare grandi benefici alle piante autofiorenti. Non possiamo raccomandare una determinata marca o linea di nutrienti organici, ma se utilizzi nutrienti organici di alta qualità e li usi in modo appropriato, non avrai problemi. Assicurati solo che i nutrienti siano organici al 100% e tieni d'occhio il livello del pH, perché un aumento o una diminuzione drastica possono uccidere i microrganismi presenti nel tuo terreno.

 

I vantaggi di un terriccio di buona qualità e cosa tenere presente quando si cerca il miglior terriccio possibile per la cannabis.

MISCELA ECONOMICA PER IL TERRICCIO FAI DA TE

Anche se è possibile trovare nutrienti organici nei negozi di coltivazione locali, questi possono essere piuttosto costosi, quindi se hai un budget limitato ci sono valide alternative relativamente economiche.

Esistono diversi altri metodi per produrre i propri nutrienti organici, come il KNF e il Bokashi.

A seconda dello spazio a disposizione, puoi provare il compostaggio o il vermicompost, metodi che ti permettono di creare il tuo terriccio organico su misura che ti fornirà tutto ciò di cui hai bisogno senza spendere troppo.

IL MIGLIOR TERRICCIO PER PRINCIPIANTI

Se sei un coltivatore principiante e non sai esattamente come funzionano le cose, ecco una ricetta generale per il terriccio che funzionerà in modo fantastico in quasi tutti i tipi di condizioni atmosferiche; ricorda solo che, con il passare del tempo e con l'esperienza, è ideale che tu la adatti alle tue esigenze specifiche.

 

La migliore miscela di terriccio per autofiorenti per i coltivatori principianti.

RICETTA GENERALE DEL TERRICCIO FAI DA TE:

  • 80% terriccio organico
  • 10% perlite
  • 10% fibra di cocco

Ricordati che puoi e dovete modificarlo in base alle tue esigenze, ma finché mantieni un rapporto simile le tue  piante autofiorenti cresceranno in modo eccezionale.

PH TROPPO ALTO O PH TROPPO BASSO

Se il pH del tuo terreno di coltura è troppo alto o troppo basso, dovresti controllare la soluzione nutritiva che stai somministrando, tenendo presente che la maggior parte degli additivi sono sterili e neutri, quindi se hai problemi di pH dovresti controllare la fonte d'acqua e la soluzione nutritiva.

MIGLIOR TERRICCIO PER MARIJUANA 

La migliore miscela di terriccio per autofiorenti o il miglior terriccio per marijuana, in generale, dipenderà dalle condizioni climatiche che avrai durante il tuo ciclo di coltivazione; seguendo la tabella potrai facilmente scegliere quello più adatto a te.

 

Vantaggi degli additivi per il terreno nella coltivazione di piante autofiorenti
AdditivoQuando usare Vantaggi
Fibra di coccoDa usare in ambienti secchi o per migliorare la qualità del suolo.Trattiene l'acqua e aiuta a evitare la compattazione del terreno.
BiocharDa usare in climi secchi o quando si coltiva in terreni organici.Migliora la ritenzione idrica e aiuta a decomporre più velocemente i nutrienti.
Perlite Usata per favorire l'aerazione del terreno in ambienti umidi.Aiuta ad asciugare il terreno più velocemente e aumenta l'aerazione.
VermiculiteUtilizzata in ambienti secchi, aiuta a mantenere il terreno umido.Migliora la qualità del terreno e contribuisce a mantenerlo umido.

Quando usare gli additivi per il terriccio per la migliore ricetta del terriccio per autofiorenti.
 

Come regola generale, si dovrebbe sempre usare il 70-80% di terriccio organico mescolato con l'additivo di tua scelta, tenendo sempre presente di usare additivi con proprietà diverse, per esempio, la vermiculite non dovrebbe essere usata con la fibra di cocco perché entrambi assorbono molta acqua e possono causare un'irrigazione eccessiva.

 

La migliore miscela di terriccio organico per coltivatori esperti.
 

  • 70% terriccio organico
  • 15% di perlite 
  • 15% di fibra di cocco o 15% di biochar o 15% di vermiculite

Per il miglior terriccio per piante autofiorenti, ti consigliamo di utilizzare un 70-80% di terriccio organico mescolato con un 15% di perlite e un 15% di fibra di cocco, oppure di sostituire il cocco con la vermiculite o il biochar, sempre rispettando le loro proprietà per evitare di avere ossigeno o acqua in eccesso. Ricordati che per ottenere il miglior substrato di coltivazione per gli autofiorenti, devi osservare i suggerimenti che ti danno le tue piante e regolare il rapporto se necessario.

6. In conclusione

Avere tutti i nutrienti essenziali a disposizione è la metà del lavoro per ottenere un terreno di alta qualità, tuttavia, dovrebbe anche avere il rapporto ideale tra drenaggio, sacche d'aria e azione assorbente. Una volta trovato il giusto equilibrio, ora puoi riutilizzare con sicurezza il tuo mezzo di coltivazione biologico per più colture essendo consapevole che più la rete alimentare del suolo vivente ha tempo di svilupparsi, maggiori saranno i risultati in termini di rendimento e resa delle piante.

 

RIFERIMENTI ESTERNI

  1. Soil Physics, Soil Conservation, Soil Quality, Soil Compaction, Runoff Modelling, Soil Loss Tolerance - Hadda, Manjit. (2020).
  2. Soil Health - Loehrlein, Marietta. (2020).
07 July 2022