Excellent 4.8 out of 5 based on 4,357 reviews on Trustpilot
4.8 out of 5 based on 4,357 reviews on Trustpilot

Carenze di Micro e Macronutrienti Cannabis: Come Individuarle

Diversi tipi di nutrienti, segni di carenze e cosa considerare la prossima volta che stai alimentando il tuo giardino.
12 May 2020
6 min read
Carenze di Micro e Macronutrienti Cannabis: Come Individuarle

Contenuti:
  • 1. Carenze dei nutrienti primari
  • 1. a. Azoto (nitrogen)
  • 1. b. Fosforo (phosphorus)
  • 2. Carenze dei nutrienti secondari
  • 2. a. Calcio
  • 2. b. Magnesio
  • 2. c. Zolfo
  • 3. Spiegazione degli elementi di traccia
  • 4. In conclusione

Quali sono i nutrienti principali delle piante di cannabis e i segnali della loro carenza per intervenire in tempo ed evitare danni.

Coltivare la cannabis è molto divertente fino a quando le tue piante iniziano a manifestare i primi problemi e non sai a cosa sono dovuti.

Un motivo sicuramente c’è ma magari in quel momento ti sfugge o non hai abbastanza esperienza per individuarlo. Questo può essere molto frustrante, specialmente se hai curato le piante come se fossero i tuoi figli.

Tra i molti problemi che affliggono le piante, le carenze di micro e macronutrienti cannabis sono le più comuni.

È importante fornire alle tue piante di cannabis l'equilibrio perfetto tra nutrienti primari e secondari. Mentre le piante crescono e entrano in diverse fasi del loro ciclo di vita, sapere come e con cosa nutrirle, quando nutrirle e perché hanno bisogno di specifici nutrienti è fondamentale.

Questo perché il risultato finale del tuo raccolto potrà essere molto diverso a seconda dei nutrienti che hanno permesso alla pianta di crescere.

In questo articolo, spieghiamo i diversi tipi di sostanze nutritive, i segni di carenze e cosa considerare la prossima volta che stai alimentando la tua coltivazione.

1. Carenze dei nutrienti primari

Azoto (Nitrogen)

L'azoto è un componente estremamente importante ed è responsabile dell’aumento della produzione di fogliame, ormoni, vitamine, enzimi e clorofilla.

I nutrienti in bottiglia progettati per la fase vegetativa di solito hanno un rapporto N-P-K di 5-1-4 al fine di mantenere l'azoto disponibile secondo il livello che si preferisce.

Se non viene trattato in tempo, le foglie diventano gialle e alla fine iniziano a cadere dalla pianta.
 

Segni di carenza di azoto

  • Le foglie circostanti diventano di colore giallo pallido quando viene utilizzato l'azoto immagazzinato dal fogliame. L'azoto delle foglie verrà quindi utilizzato per sviluppare una nuova crescita.
  • Le punte e i bordi della foglia iniziano ad arricciarsi, perdendo contemporaneamente vigore e forma.
  • Poco dopo la foglia gialla inizierà a diventare marrone, senza vita. A questo punto, la foglia si asciugherà, si rannicchierà e cadrà naturalmente o con il minimo tocco.

Fosforo (Phosphorus)

Il fosforo è molto importante per rendere forti le radici delle piante, per la produzione di fotosintesi e per sostenere una fioritura intensa.

Il fosforo è anche responsabile della produzione di resina e di sementi.

Le foglie e persino gli steli diventano viola. Se non trattato, il colore viola diventa più scuro e talvolta sembra addirittura nero.

Segni di Carenza di Fosforo

  • Appaiono dei punti marroni sulle foglie più grandi che iniziano ad arricciarsi, in modo simile ai sintomi dello stress da calore.
  • I punti marroni, in seguito, inizieranno a coprire la metà superiore delle foglie, facendo apparire le dita asciutte, disidratate e dopo inizieranno ad arricciarsi verso l'alto.

Potassio

Il potassio viene utilizzato per tutta la durata del ciclo di vita della pianta, per la produzione di carboidrati e, soprattutto, durante la fioritura in combinazione con il fosforo.

Poiché entrambi sono simbiotici nel ruolo che svolgono per le piante di cannabis, mantenere un buon equilibrio è essenziale soprattutto una volta iniziata la fioritura.

Le foglie sembrano opache e anche bruciate a volte. Sembrano arrugginiti e senza vita alla fine.

Segni di Carenza di Potassio

  • Simile a una carenza di fosforo, i segni di macchie marroni arrugginite iniziano ad apparire sulla superficie delle foglie.
  • Le punte delle fogliediventano di un giallo pallido man mano che più colorazioni marroni iniziano a prendere il resto della foglia.
  • Nel corso del tempo la foglia diventa croccante, si rannicchia e perde di vigore..

2. Carenze dei nutrienti secondari

Calcio

Il calcio è un elemento essenziale che può essere utilizzato dalle piante in molti modi. Come noi utilizziamo il calcio per rafforzare ossa, denti e articolazioni, le piante di cannabis usano il calcio per tenere insieme le pareti cellulari e sviluppare nuovo tessuto cellulare.

I primi sintomi mostrano macchie marroni sulle foglie e man mano che procede, vedrai macchie più scure.

Segni di Carenza di Calcio

  • Foglie e steli iniziano a diventare molto deboli influenzando il vigore delle pianta.
  • Piccoli punti metallici marroni appaiono sulle foglie e lentamente diventano fragili e asciutte.
  • Mentre le punte delle foglie si arricciano verso l'interno, la foglia diventa di colore marrone.

Magnesio

Come nutriente secondario, l'assunzione di magnesio è estremamente importante per le piante di cannabis. Ci sono alcune tipologie di cannabis che ne richiedono in quantità maggiore quindi, a seconda della cannabis che stai coltivando, ti conviene valutare che quantità di magnesio ti serve.

Le vene delle foglie ingialliscono dall'interno e si diffondono nelle aree esterne delle foglie.

Segni di Carenza di Magnesio

  • La parte della pianta cresciuta per prima, sarà la più interessata dalla carenza di magnesio, mentre le parti della pianta cresciute per ultime ne risentono di meno.
  • Le foglie diventano gialle e c’è un forte contrasto delle vene verdi sulla superficie della foglia.
  • Una volta che la foglia è diventata gialla, le punte diventano di un marrone arrugginito, diventano asciutte e si arricciano verso l'alto.

Zolfo

Lo zolfo è responsabile della produzione di vitamine, ormoni, aminoacidi e blocchi proteici.

Le foglie diventano di un verde lime brillante. Dopo un po ', appaiono gialli mentre anche le vene sembrano gialle.

Segni di Carenza di Zolfo

  • La parte della pianta cresciuta per prima è interessata maggiormente dalla carenza di zolfo, causando uno scolorimento delle foglie.
  • Le foglie diventano gialle con venature scure che appaiono sulla superficie.
  • Non confondersi con una carenza di azoto poiché i sintomi sono molto simili.

3. Spiegazione degli Elementi di Traccia

Abbiamo visto quali sono i nutrienti primari e secondari principali delle piante di cannabis.

Ovviamente l’alimentazione delle piante è molto più complessa e ci sono altri elementi che contribuiscono alla loro crescita.

Ecco un breve elenco di altri nutrienti importanti e come individuare la loro carenza.

  • Zinco: le foglie più giovani verranno colpite per prime, con le punte che diventano marroni e si curvano verso l'alto. Man mano che le foglie diventano gialle, ci sarà una forte presenza di vene che diventano giallo scuro.
  • Rame: responsabile della produzione di enzimi per le radici. I segni di carenza nel rame sono le tonalità rossastre e viola scuro, di solito qualcosa che si vede durante il rossore finale.
  • Manganese: molto importante per il ruolo che svolge nel processo di fotosintesi e di solito viene usato insieme all'azoto. I punti di carenza si svilupperanno su tutta la superficie della foglia e potrebbero apparire simili al marrone ruggine associato alla carenza di magnesio.
  • Ferro: un altro elemento importante per la produzione di enzimi e per aiutare la produzione di clorofilla e la fotosintesi. Una carenza di ferro sembrerà quasi identica a una carenza di magnesio, quindi è fondamentale che questi due non siano confusi l'uno con l'altro.
  • Boro: aiuta ad assorbire il calcio ed è responsabile della divisione cellulare. Quando manca il boro, le nuove foglie diventano stentate e la crescita è lenta. Ci sarà una colorazione marrone chiaro nella parte interna delle foglie.

I microelementi vengono utilizzati nelle quantità più piccole dalle piante, al fine di consentire loro di utilizzare tutti gli altri nutrienti disponibili.

  • Cloro: sebbene questo elemento sia spesso disapprovato per gli effetti che ha sui microrganismi benefici, il cloro è essenziale per la fotosintesi e la divisione cellulare.
  • Cobalto: aiutando nella produzione di enzimi e responsabile della prosperità dei batteri benefici, una carenza di cobalto provoca la clorosi delle foglie più giovani.
  • Molibdeno: parte dei gruppi enzimatici che convertono il nitrato in ammonio. La carenza di molibdeno non è facile da individuare in quanto i sintomi sono molto simili alla carenza di calcio e magnesio.
  • Silicio: usato per sviluppare le pareti cellulari della pianta, difendersi dagli insetti e bilanciare i livelli di ferro e manganese. Una mancanza di silicio avrà un effetto sulla produzione di foglie, steli e radici. Inoltre farà sì che le piante abbiano una resistenza inferiore allo stress da calore e siano maggiormente a rischio di attacco da parte di insetti.
  • Nichel: usato in combinazione con enzimi vegetali per decomporre l'azoto e per favorire la fotosintesi. Senza nichel, c'è un equilibrio di urea che può diventare tossico per le piante.

4. In Conclusione

Fornire alle piante di cannabis autofiorenti la giusta quantità di luce, aria fresca e sostanze nutritive è fondamentale.

È quindi importante conoscere quali nutrienti primari e oligoelementi sono necessari per le tue piante, oltre a garantire che abbiano accesso a tutti gli elementi necessari.

I mezzi di coltivazione biologici sono creati per soddisfare tutte le esigenze delle piante di cannabis, tuttavia l'idroponica può essere molto meno tollerante. Il controllo dei livelli di pH ed E.C influirà anche sul modo in cui i nutrienti vengono utilizzati dalle piante.

Per saperne di più su come nutrire le tue piante di cannabis, contattaci e i nostri esperti ti daranno consigli personalizzati in base alle tue esigenze.

12 May 2020