FastBuds seedbank #1 with 9695 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10011 diaries on GrowDiaries

Nutrizione della Cannabis: Cosa sono i Micronutrienti

Seppur essenziali nel ciclo di vita di una pianta di cannabis, i micronutrienti sono usati in quantità inferiori.
27 September 2022
6 min read
Nutrizione della Cannabis: Cosa sono i Micronutrienti

Contenuti:
  • 1. Cosa sono i micronutrienti?
  • 1. a. Vediamo rapidamente quali sono i macronutrienti necessari per la crescita della cannabis
  • 2. Micronutrienti
  • 2. a. Boro (b)
  • 2. b. Cloro (cl)
  • 2. c. Rame (cu)
  • 2. d. Ferro (fe)
  • 2. e. Manganese (mn)
  • 2. f. Molibdeno (mo)
  • 2. g. Zinco (zn)
  • 3. Quantità raccomandate di micronutrienti
  • 4. Fertilizzare troppo o troppo poco
  • 5. Assorbimento dei nutrienti e disponibilità di ph
  • 6. In conclusione

Questi nutrienti, noti anche come "oligoelementi" a causa della piccolissima quantità di essi necessari, sono essenziali per la crescita della pianta di cannabis, proprio come i macronutrienti. E sebbene la quantità necessaria possa essere 10 volte inferiore (o superiore) rispetto ai macronutrienti, sono cruciali nello sviluppo della pianta.

1. Cosa sono i micronutrienti?

I micronutrienti sono minerali essenziali per la crescita delle piante, utilizzati in quantità inferiori. Anche se il loro fabbisogno è fino a 10 volte inferiore a quello dei macro, i micronutrienti possono causare sintomi associati a carenze di nutrienti e sono estremamente importanti perché una pianta cresca sana e produca cime dense. I micronutrienti si trovano nell'acqua del rubinetto. Pertanto, a seconda della fonte d'acqua, non è necessario aggiungerli singolarmente. Sebbene non ci sia modo di sapere esattamente se non lo si misura con un misuratore di solidi disciolti totali (TDS). Sono vitali per una pianta di cannabis sebbene siano necessari in quantità inferiori rispetto ai macronutrienti. Il loro ruolo è quello di "supportare" i macronutrienti nel raggiungere la struttura necessaria e preparare la pianta a superare con successo la fase di fioritura. Nota che il filtraggio dell'acqua rimuove tutti i minerali in essa contenuti, quindi sarà necessario aggiungere micronutrienti per completare la soluzione di alimentazione.

VEDIAMO RAPIDAMENTE QUALI SONO I MACRONUTRIENTI NECESSARI PER LA CRESCITA DELLA CANNABIS

Ci sono tre nutrienti principali che tutte le piante richiedono per una crescita sana. Si tratta di azoto (N), fosforo (P) e potassio (K), che costituiscono la pietra miliare della salute e della crescita delle piante. Ogni singolo fertilizzante (indipendentemente dalla sua forma) mostra con orgoglio un rapporto NPK per aiutare l'utente a capire la composizione del fertilizzante. L'azoto è molto importante per tutte le fasi di crescita del ciclo di vita della cannabis, ma soprattutto durante la fase vegetativa. È ciò che costituisce la maggior parte della clorofilla e quindi è assolutamente fondamentale per la fotosintesi. L'azoto costituisce anche una parte significativa degli aminoacidi che vengono utilizzati come mattoni per le proteine in tutte le piante e svolge un ruolo importante nella produzione di ATP.

Il fosforo è un altro macronutriente essenziale per tutte le piante. Contribuisce in modo determinante alle fasi iniziali dello sviluppo delle radici, alla resistenza alle malattie, alla formazione delle gemme e alla stabilità del fusto, tra gli altri usi. Il potassio è l'ultimo macronutriente, il cui ruolo più importante è l'osmoregolazione e l'attivazione della produzione di ATP. L'osmoregolazione è il modo in cui una pianta regola le concentrazioni di acqua e sale controllando gli stomi (i pori sulle foglie della pianta). Ci sono due macro secondarie che dovremmo trattare rapidamente: 

CALCIO (CA)

Il calcio è un componente vitale delle pareti cellulari e della struttura generale della pianta. Senza calcio la nuova crescita è stentata e la crescita precedente sviluppa macchie di ruggine e foglie arricciate. È inoltre essenziale per la messaggistica intercellulare per la regolazione degli ormoni e degli enzimi.

ZOLFO (S)

Lo zolfo svolge un ruolo essenziale nella formazione della clorofilla (insieme all'azoto). È inoltre necessario per la produzione di aminoacidi, proteine, alcuni enzimi e vitamine. Senza i corretti livelli di zolfo, le piante sono molto meno protette da un'ampia gamma di malattie comuni.

2. Micronutrienti

Gli elementi in traccia sono un gruppo di minerali necessari in quantità quasi non rintracciabili. I più comuni sono un gruppo di oltre 20 e hanno ruoli diversi nel ciclo di vita di una pianta. I principali ono:

Boro (B)

In combinazione con il calcio, il boro è essenziale nella fase di fioritura, responsabile della divisione delle cellule e un elemento importante nella struttura delle pareti cellulari.

Cloro (Cl)

Il cloro è necessario in quantità molto ridotte ed è responsabile non solo dell'aiuto all'apertura e alla chiusura dei pori della pianta (permettendole di "respirare") ma aiuta la pianta a mantenere le foglie ferme e forti.

Rame (Cu)

Il rame funziona come attivatore di enzimi. Aiuta ad accelerare la fotosintesi e supporta il tessuto vascolare delle piante di cannabis.

 

Micronutrienti

I micronutrienti sono essenziali quanto i macronutrienti, con la piccola differenza che sono necessari in quantità minori.

Ferro (Fe)

Questo minerale non è solo responsabile della produzione di energia, ma è anche un componente nella produzione di clorofilla, che conferisce alla pianta quel colore verde intenso.

Manganese (Mn)

Il manganese è direttamente correlato alla salute della tua pianta. Questo minerale aiuta a combattere le malattie proteggendo le radici dai patogeni e aiuta l'assorbimento di azoto.

Molibdeno (Mo)

Il molibdeno viene utilizzato in quantità molto piccole e aiuta nella formazione di proteine.

Zinco (Zn)

Lo zinco è anche necessario in piccole quantità ma è molto importante per la cannabis. Questo minerale aiuta nella costruzione degli ormoni della crescita ed è collegato allo spazio tra gli internodi.

3. Quantità raccomandate di micronutrienti

Sebbene siano necessari in quantità super ridotte, la mancanza di questi nutrienti può causare gravi carenze e problemi di crescita.

 

Quantità raccomandate di micronutrienti 

Quantità raccomandate di micronutrienti per le fasi vegetative e di fioritura.
 

Nota che questi numeri rappresentano il valore di ppm per tutto il ciclo di vita della cannabis e dovrebbero essere regolati in base ai segni che la tua pianta dà.

4. Fertilizzare troppo o troppo poco

Anche se i micronutrienti sono necessari in quantità inferiori, non fornire o fornire troppi di essi può causare carenze, proprio come con i macronutrienti. Questo perché anche se sono meno utilizzati, sono anche fondamentali per le piante di cannabis e supportano direttamente i macronutrienti nei loro processi.

 

Misuratore TDS

Misuratore TDS "total dissolved salts" utilizzato per misurare le particelle per milione (PPM) di una soluzione nutritiva.
 

È essenziale che tu sappia quali minerali sono presenti nella tua soluzione alimentare e la quantità in cui si trovano. Devi misurare la tua soluzione e aggiungere i minerali mancanti se vuoi coltivare una pianta sana al 100%.

5. ASSORBIMENTO DEI NUTRIENTI E DISPONIBILITÀ DI PH

Il pH di un terreno di coltura è la misura di quanto sia acido o alcalino il terreno stesso. I terreni di coltura con un pH inferiore a 7,0 sono considerati acidi, mentre quelli con un pH superiore a 7,0 sono considerati alcalini. L'intervallo di pH perfetto cambia a seconda dello stile di coltivazione della cannabis che si sta utilizzando. La coltivazione in terra ha un intervallo compreso tra 6 e 6,8, mentre tutte le coltivazioni senza terriccio (comprese quelle aeroponiche, idroponiche e in cocco) dovrebbero avere un pH compreso tra 5,5 e 6,5. Ma cosa c'entra tutto questo con l'assorbimento dei nutrienti? Se i livelli di pH non sono nell'intervallo corretto, le piante non potranno accedere alle sostanze nutritive disponibili, indipendentemente dai livelli di nutrimento.

Questo problema viene talvolta definito "blocco dei nutrienti" e può verificarsi anche a causa di una sovralimentazione al corretto intervallo di pH. Se coltivi in un substrato terricolo o simile al terriccio (ad esempio, la fibra di cocco), dobbiamo controllare regolarmente il pH del terreno. Questo può essere fatto misurando il pH dell'acqua di deflusso durante l'alimentazione, oppure si può usare un tester di pH del terreno. Se coltivi in idroponica, il test è semplice come immergere il tuo tester di pH quotidiano nei secchi di alimentazione e di deflusso.

Dovresti anche controllare il pH e il TDS o EC dell'acqua di alimentazione prima di ogni singola somministrazione. Basta un solo mangime sbilanciato per causare grossi grattacapi e forse distruggere tutto il duro lavoro che hai fatto per assicurarti che le tue piante siano forti, vivaci e sane. Carenze e malattie possono essere difficili da identificare e ancor più da risolvere. Per avere le migliori possibilità di produrre cime di altissima qualità e raccolti più abbondanti, prendi il tuo tempo, misura tutto ciò che dai alle tue piante preferite e goditi i frutti (o le cime) del tuo lavoro!

6. In conclusione

Anche se sono chiamati "micro", sono importanti quanto i macronutrienti. Ogni coltivatore deve assicurarsi che le sue piante ricevano tutti i minerali di cui hanno bisogno per crescere felici e in salute. Fornire solo macronutrienti senza controllare i micronutrienti si tradurrà in una pianta debole, più suscettibile a insetti e parassiti. Se vuoi far crescere una pianta al suo pieno potenziale, dovresti fornire il giusto mix di micronutrienti e macronutrienti.

27 September 2022