FastBuds seedbank #1 with 9695 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10011 diaries on GrowDiaries

Smettere di Fumare Marijuana: Possibili Efetti Collaterali

Scopri cosa succede al tuo corpo quando smetti di fumare erba!
26 May 2021
8 min read
Smettere di Fumare Marijuana: Possibili Efetti Collaterali

Contenuti:
  • 1. Il sistema endocannabinoide
  • 2. Recettori dei cannabinoidi
  • 2. a. Altri recettori dei cannabinoidi
  • 3. Cosa succede quando si smette di consumare marijuana?
  • 3. a. Giorno 1-2 dopo aver smesso
  • 3. b. Giorno 3 dopo aver smesso
  • 3. c. Il quarto giorno dopo aver smesso
  • 3. d. Giorno 5-7 dopo aver smesso
  • 3. e. Giorno 7-28 dopo aver smesso
  • 4. In conclusione

Più di 250 milioni di persone nel mondo consumano cannabis e questo numero sta aumentando ora che la cannabis sta diventando legale o depenalizzata in diversi paesi del mondo. Ora, questo non è un problema di per sé, specialmente per la maggior parte dei consumatori di cannabis che hanno lottato per i loro diritti di consumare e coltivare cannabis per decenni. Da qualche anno a questa parte, la cannabis è stata pubblicizzata e la sua popolarità è cresciuta molto, il che, come detto, è una buona cosa per la maggior parte dei consumatori di cannabis, ma c'è un lato negativo che la maggior parte delle persone non conosceva e che sta appena iniziando a venire alla luce grazie ai ricercatori.

 

What happens when you stop consuming weed: estimated number of cannabis users

{Didascalia: Numero stimato di consumatori di cannabis.} 

Un recente studio ha scoperto che almeno 10 milioni di consumatori sui 250 milioni stimati hanno provato a smettere di fumare cannabis almeno 5 volte e hanno fallito; non è stato ancora confermato, ma i ricercatori pensano che ciò avvenga a causa dei sintomi di astinenza che solo ora i ricercatori stanno iniziando a capire. Scopri cosa succede al tuo cervello quando smetti di consumare cannabis e i sintomi di astinenza che puoi aspettarti per le prime due settimane.

Nella maggior parte dei casi, i veri consumatori di cannabis la consumano ormai di routine, quasi come se fosse un gesto spontaneo e quotidiano; che sia per rilassarsi dopo una giornata stressante o per scopi curativi, il consumo di cannabis avviene abitualmente tanto da portare il proprio corpo ad abituarsi.

La necessità di smettere di fumare erba è spesso correlata ad alcune domande: quali sintomi di astinenza si possono avvertire? Sarò soggetto ad una depressione dopo aver smesso di fumare canne?

1. Il sistema endocannabinoide

Il sistema endocannabinoide (o ECS) è un sistema biologico costituito da endocannabinoidi, che sono neurotrasmettitori che si legano ai recettori dei cannabinoidi che si trovano in tutto il sistema nervoso centrale e periferico. Ci sono ancora ricerche in corso sull'argomento ma si crede che possa essere coinvolto in diversi processi fisiologici e cognitivi come:

  • Appetito;
  • Sensazione del dolore;
  • Umore;
  • E Memoria.

Ci sono due recettori principali per i cannabinoidi, CB1 e CB2; questi recettori si trovano principalmente nel cervello e nel sistema nervoso, negli organi e nei tessuti, e sono quelli a cui si legano i cannabinoidi naturali interni (prodotti dal nostro corpo) e i cannabinoidi esterni come il THC e il CBD.

2. Recettori dei cannabinoidi

I recettori dei cannabinoidi fanno parte del sistema endocannabinoide, e sono parzialmente coinvolti nei processi menzionati prima e in molti altri; questi recettori sono un tipo di recettori di membrana cellulare che vengono attivati da tre tipi principali di cannabinoidi:

Principali tipi di cannabinoidi
TipoProdotto Esempi
EndocannabinoidiCorpo mammillare nel cervelloAnandamide e 2-AG
Cannabinoidi vegetaliPiante di cannabis nei tricomiTHC e CBD
Cannabinoidi sinteticiFatto dall'uomo nei laboratoriHU-210 e THJ-018

Ci sono due sottotipi noti di recettori dei cannabinoidi a cui tutti questi cannabinoidi possono legarsi: il recettore CB1 e il recettore CB2. I recettori CB1 si trovano principalmente nel cervello (nel sistema nervoso centrale) ma si possono trovare anche nei polmoni, nel fegato e nei reni; d'altra parte, i recettori CB2 si trovano principalmente nel sistema immunitario, nelle cellule ematopoietiche (che sono cellule immature che possono svilupparsi in tutti i tipi di sangue come i globuli bianchi, i globuli rossi e le piastrine) e ricerche più recenti hanno scoperto che si trovano anche in alcune parti del cervello.

Altri recettori dei cannabinoidi

Oltre ai recettori CB1 e CB2, l'esistenza di altri recettori dei cannabinoidi è stata sospettata per molto tempo a causa degli effetti che certi composti producevano sulla pressione sanguigna e sull'infiammazione, per esempio. Ricerche più recenti sostengono l'esistenza dei recettori GPR18, mentre altri studi hanno suggerito che il recettore orfano GPR55 sia, di fatto, un altro recettore dei cannabinoidi per la risposta ai cannabinoidi.

 

What happens when you stop consuming weed: cannabinoid receptors

{Didascalia: Principali recettori dei cannabinoidi e recettori scoperti di recente.} 

Questo indica che ci dovrebbe essere una riclassificazione dei recettori dei cannabinoidi, compresa una nuova categoria CB3, ma questo potrebbe essere complicato a causa della scoperta di altri recettori nell'ippocampo, come il GPR119, che suggerisce che ci sono almeno altri due recettori e almeno altri due da scoprire. Ora che sapete un po' di più sui recettori dei cannabinoidi e sul sistema endocannabinoide, ecco cosa succede quando si smette di consumare cannabis.

3. Cosa succede quando si smette di consumare marijuana? 

La maggior parte dei consumatori accaniti di cannabis non pensano nemmeno a non fumarla, nella maggior parte dei casi, il consumo di cannabis diventa una routine; non importa se la consumi per rilassarti dopo una lunga giornata di lavoro, o se sei un utente medico e ne hai bisogno per alleviare il dolore o altri problemi. Dopo un po', vi abituerete e lo farà anche il vostro corpo.

NauseaDifficoltà a dormireNervosismo
Mal di testaSudorazioneDiminuzione dell'appetito
Umore depressoRabbiaStrani sogni


Nella tabella qui sopra potete vedere i soliti sintomi di astinenza, ma cominceranno ad apparire lentamente e non tutti nello stesso momento, quindi, se vi stavate chiedendo cosa accadrebbe se foste costretti a smettere di consumare cannabis a causa di un viaggio di lavoro, o se doveste andare a casa dei vostri genitori, o se semplicemente voleste smettere, ecco cosa ha scoperto una recente ricerca.

Giorno 1-2 dopo aver smesso

Durante i primi due giorni dopo aver smesso di consumare cannabis iniziano i sintomi di astinenza; uno studio su più di 20000 persone ha scoperto che circa il 47% dei consumatori di cannabis aveva almeno tre dei seguenti sintomi di astinenza:

What happens when you stop consuming weed: day 1-2 of quitting

{Didascalia: Giorno 1-2 di abbandono del consumo di cannabis.} 

Ora, è stato scoperto che il rischio di presentare questi sintomi è legato alla quantità di cannabis che si consuma, per esempio, qualcuno che ha consumato solo due volte a settimana avrebbe meno sintomi di qualcuno che consuma cannabis quotidianamente.

Related story
What is THC?

Giorno 3 dopo aver smesso

Il giorno 3 è quando ti sentirai più irritato e l'ansia può entrare in gioco, ma questo si dissolverà in un paio di giorni; d'altra parte, gli strani sogni e la difficoltà a dormire aumenteranno giorno dopo giorno. Questo accade perché la cannabis contiene molecole simili ai cannabinoidi prodotti dal nostro cervello come l'anandamide, questi cannabinoidi naturali di solito circolano in quantità inferiori e il tuo corpo è abituato ad essi, ma quando consumi cannabis, in pratica stai consumando molto più di quello che il tuo cervello produce naturalmente. Quando si consuma cannabis, questi alti livelli di cannabinoidi si legano ad alcune parti del corpo, il che fa sì che i pensieri, l'immaginazione e la percezione si amplifichino e influenzino anche la dopamina e la norepinefrina, il che può portare all'ansia e all'euforia. 

What happens when you stop consuming weed: day 3 of quitting

{Didascalia: Terzo giorno di abbandono della cannabis.} 

Inoltre, a causa dell'effetto sulla dopamina e sulla noradrenalina, potreste sentire che compiti banali come fare il bucato vi sembreranno più eccitanti, ma la sensazione svanirà una volta smesso di consumare cannabis, rendendo più difficile smettere di fumare. Continuando a consumare cannabis, il tuo corpo inizia a creare una desensibilizzazione dei recettori, e poiché i recettori regolano la memoria a breve termine, possono anche causare una diminuzione della memoria a breve termine, quindi man mano che il tuo corpo si libera dei cannabinoidi in eccesso nel tuo corpo, la tua memoria inizierà a migliorare.

Il quarto giorno dopo aver smesso

Il quarto giorno dopo aver smesso, i recettori dei cannabinoidi molto probabilmente torneranno alla normalità, ma non ci sono molte ricerche sugli effetti a lungo termine nel cervello, quindi questo può variare a seconda di quanto e per quanto tempo hai fumato cannabis.

What happens when you stop consuming weed: day 4 of quitting

{Didascalia: Quarto giorno di abbandono della cannabis.} 

Questo accade perché l'età del tuo cervello conta e reagirà in modo diverso. Per esempio, se fumi da quando eri un adolescente gli effetti sul tuo cervello saranno diversi da quelli di chi ha iniziato a fumare da un paio d'anni, anche se questo non è confermato, è quello che i ricercatori sospettano.

Giorno 5-7 dopo aver smesso

Si dice che il 5-7° giorno sia il più difficile per coloro che hanno consumato cannabis per molto tempo, questo accade perché il tuo corpo (e il tuo cervello) si abitua, e finisci per creare una dipendenza che, secondo i ricercatori, è meno grave della dipendenza da alcol, per esempio, ma è comunque un problema che fa sì che la maggior parte dei consumatori non riesca a smettere di consumare cannabis.

What happens when you stop consuming weed: day 7 of quitting

{Didascalia: 7° giorno di abbandono della cannabis.} 

Ora, tenete a mente che queste informazioni si riferiscono solo agli effetti sul cervello; ci sono ancora effetti di lunga durata sui polmoni se il vostro metodo di consumo preferito è il fumo, che è più dannoso della vaporizzazione della cannabis, per esempio, e questo varia a seconda della qualità della cannabis stessa e di come la consumate.

Giorno 7-28 dopo aver smesso

Se riesci a superare i 7 giorni, è molto probabile che tutti i sintomi di astinenza spariscano; i recettori e l'intero sistema dei cannabinoidi torneranno alla normalità e la prossima volta che consumerai cannabis, ti sembrerà di nuovo come la prima volta. Questo può variare da ogni singola persona ma, in generale, questo è ciò che accadrebbe. Ricorda che questo si riferisce solo al tuo cervello, i danni causati dal fumo o da altri tipi di consumo non sono presi in considerazione, questo è solo ciò che accade al sistema cannabinoide nel tuo cervello!

4. In Conclusione

Nonostante la cannabis non sia vista come una droga che può creare dipendenza, si può sicuramente creare una dipendenza a causa di come i cannabinoidi interagiscono con il cervello. Questo non è così grave come i sintomi di astinenza che si hanno quando si smette di consumare sostanze più pesanti, ma è qualcosa di cui tutti dovrebbero essere consapevoli. Se volete smettere di consumare cannabis e non ci riuscite, è essenziale che cerchiate aiuto perché, nonostante sia relativamente innocua, può influenzare il sonno e l'umore tra le altre cose. Ricordate che la cannabis dovrebbe essere usata come complemento per rendere la vostra vita più facile e non per rendervela più difficile.

È importante ricordare che quanto detto si riferisce alle conseguenze relative al sistema cannabinoide nel tuo cervello. Dipendenza da cannabis: come smettere? Nonostante la cannabis non sia una droga, può comunque creare dipendenza a causa del modo in cui i cannabinoidi interagiscono con il cervello. Se hai cercato di smettere di fumare erba senza ottenere particolari risultati, è importante chiedere aiuto in quanto il consumo di cannabis influenza negativamente il sonno e l’umore, e non solo.

Potresti diminuire gradualmente il tuo consumo di cannabis optando per il CBD, una soluzione efficace, naturale e priva di rischi. Assicurati di scegliere solo prodotti di buona qualità, rigorosamente controllati per evitare un'involontaria assunzione di THC. Ricorda: la cannabis deve migliorare la tua vita e non renderla più complicata! Sii consapevole di come la marijuana influisce sulla tua quotidianità.

Se avete consigli e suggerimenti per i colleghi consumatori che devono smettere di consumare cannabis per un paio di giorni (o settimane), sentitevi liberi di lasciare un commento nella sezione dei commenti qui sotto!

 

Riferimenti esterni

  1. Time-course of the DSM-5 cannabis withdrawal symptoms in poly-substance abusers. - Morten Hesse and Birgitte Thylstrup.
  2. Cannabis Withdrawal in Chronic, Frequent Cannabis Smokers during Sustained Abstinence within a Closed Residential Environment. - Dayong Lee, Jennifer R. Schroeder, Erin L. Karschner, Robert S. Goodwin, Jussi Hirvonen, David A. Gorelick and Marilyn A. Huestis.
  3. Cannabis Addiction and the Brain: a Review. - Amna Zehra, Jamie Burns, Christopher Kure Liu, Peter Manza, Corinde E Wiers, Nora D Volkow and Gene-Jack Wang.
26 May 2021