Acquista 2 Ottieni 1 GRATIS Compra ora!

Di Quanta Luce ha Bisogno una Grow Room?

Come le piante di Cannabis usano la luce, la differenza tra lumen e P.A.R. e cosa prendere in considerazione
07 December 2020
6 min read
Di Quanta Luce ha Bisogno una Grow Room?

Contenuti:
  • 1. In che modo le piante di cannabis usano la luce?
  • 2. Capire il p.a.r
  • 3. I diversi tipi di luci di crescita
  • 3. a. Lampade fluorescenti compatte (cfl)
  • 3. b. Sodio ad alta pressione (hps)
  • 3. c. Alogenuro metallico
  • 3. d. Led
  • 3. e. Quante luci mi servono?
  • 4. Suggerimenti per la selezione delle luci di crescita
  • 5. In conclusione

Coltivare la cannabis in casa significa fornire alle vostre piante le temperature ideali, l'umidità, le sostanze nutritive e l'illuminazione. Capire come le piante convertono la luce in energia, quali tipi di luci da coltivazione preferiscono e come viene misurata la luce vi darà un vantaggio quando si tratta di produrre il raccolto indoor definitivo.

In questo articolo, spieghiamo tutto sulle luci da coltivazione, spieghiamo il P.A.R., cosa prendere in considerazione, i nostri migliori consigli e altro ancora.

1. In che modo le piante di cannabis usano la luce?

Per lungo tempo è diventato lo standard del settore per misurare l'intensità di una lampadina utilizzando i lumen. Il valore di un lumen è l'equivalente di una candela, quindi quando si vede una lampadina da 400w HPS che ha una potenza di 36.000 lumen, questo indica che questa luce è l'equivalente di 36.000 candele accese contemporaneamente. L'occhio umano percepirà la luce ad una frequenza di 555 nanometri (luce verde). Il valore che viene dato alla lampadina di crescita spiegherà solo il numero di lumen per quanto riguarda l'occhio umano.

Purtroppo le piante di cannabis dipendono dalle radiazioni fotoattive (P.A.R.) e non dai lumen, che hanno radicalmente modificato il modo in cui i produttori producono le lampade per l'orticoltura. Quanto rosso, blu e bianco sono presenti in quale larghezza di banda sarà la differenza nella coltivazione indoor, che è uno dei motivi principali per cui le luci a LED sono diventate la scelta preferita di chi può permettersi l'investimento.

2. Capire il P.A.R

Le radiazioni fotoattive giocano un ruolo enorme nell'efficacia di un bulbo in crescita, così come la funzione della fotosintesi. Quando i raggi di luce colpiscono la superficie delle piante, l'idrogeno viene privato di una molecola d'acqua, con conseguente combinazione di idrogeno e carbonio.

 

La maggior parte delle prove sembra suggerire che 400-700 nm sia la chiave per l'illuminazione orticola.
 

Questo processo crea uno zucchero che viene poi utilizzato come forma di energia e per emettere alle radici per attirare batteri e funghi benefici.

Cosa ricordare

• Il sodio ad alta pressione ha l'uscita più leggera in verde, giallo e arancione.

•  UVA e UVB sono sotto i 400 nm e hanno comunque un effetto sulla potenza e sui cannabinoidi.

•  La maggior parte delle prove sembra suggerire che 400-700 nm sia la chiave per l'illuminazione orticola.

3. I diversi tipi di luci di crescita

Se siete nuovi a coltivare la cannabis indoor, o avete una precedente esperienza all'aperto e avete intenzione di coltivare all'interno, allora potreste non essere pienamente consapevoli dei diversi tipi di illuminazione per l'orticoltura disponibili.

Investire in una luce inadeguata può essere molto controproducente e spesso è uno spreco di risorse, tempo e denaro. Quando si parla di piante affamate di luce come la Cannabis, la cosa importante da ricordare è l'intensità della luce.

Lampade Fluorescenti Compatte (CFL)

Comunemente note come C.F.L., queste luci economiche e a basso costo producono una luce morbida. I coltivatori che lavorano con queste lampade utilizzeranno una lampadina durante il periodo vegetativo che è di 6400k (spettro blu) quindi regoleranno la lampadina a 2700K (spettro rosso).

 

Le lampade fluorescenti compatte producono una luce morbida.
 

A causa del fatto che queste luci sono molto morbide, e mancano dell'intensità e del P.A.R. richiesti dalle piante di Cannabis in fiore per imballare sul peso. E 'meglio utilizzare luci fluorescenti compatte per la zona di clonazione, area vegetativa, o per consentire piantine, cloni, e le madri a crescere ad un ritmo lento, con spaziatura internodale molto breve.

Cosa sapere

  •  Una luce molto morbida che è meglio per mantenere le piante in uno stato di vegetazione lenta.
  •  Il C.F.L. utilizzerà pochissima energia e genererà una piccola quantità di calore.
  •  Le lampadine devono essere cambiate manualmente per 18/6 o 12/12.
  •  La più economica tra tutte le luci di crescita disponibili sul mercato.
  •  Le luci funzionerà molto freddo e toccare la lampadina non è un problema.
  •  Inserite e riattaccate la spina senza bisogno di zavorra.
  •  Disponibile a partire da modelli da 100-300w.

Sodio ad alta pressione (HPS)

La luce più usata commercialmente per la coltivazione di Cannabis al chiuso, e classificata come luce H.I.D (High Intensity Discharge) questi tipi di lampade orticole richiedono un alimentatore per alimentare la lampadina al sodio. H.P.S. produrrà una luce molto più intensa che le piante di Cannabis preferiscono.

 

Lampadina al sodio ad alta pressione.
 

Quando si utilizzano i bulbi H.P.S., sono progettati per essere utilizzati universalmente sia per lo stato vegetativo che per la fase di fioritura, il che significa che non è necessario cambiare i bulbi o le zavorre una volta che le piante sono in crescita. Quando la Cannabis fiorisce al chiuso un H.P.S. da 600w e oltre sarà il più efficace per la produzione di peso.

Cosa sapere

  •  Le configurazioni H.P.S. possono essere costose e disponibili nei modelli da 250w, 400w, 600w e 1000w.
  •  Le zavorre produrranno una grande quantità di calore, quindi è importante tenerle lontane dal pavimento.
  •  Le lampadine daranno una misura in lumen e non in P.A.R.
  •  Le lampadine H.P.S. possono produrre molto calore.
  •  I reattori digitali consentono un sistema di raffreddamento più freddo.
  •  È possibile commutare il consumo di energia utilizzando un reattore digitale.
  •  Lo spettro prodotto dalle lampadine al sodio non è così efficiente come quello dei LED.

Alogenuro metallico

Queste sono fondamentalmente le lampade che vengono utilizzate per illuminare i parcheggi e gli stadi di calcio. Queste lampade emettono uno spettro ideale per la fase vegetativa. Tuttavia, per la fioritura sarà necessario un HPS o un LED per la fioritura a causa della mancanza di spettro rosso che le piante richiedono per la fioritura.

 

Il bulbo ad alogenuri metallici è ideale per la fase vegetativa.
 

Anche l'alogenuro metallico richiede un reattore per l'alimentazione simile all'HPS, che è uno dei motivi per cui queste due luci sono state accoppiate tra loro per decenni dai coltivatori indoor.

Cosa sapere

  •  Molto efficace per lo stadio vegetativo, piantine, cloni e piante madri.
  •  Deve essere utilizzato in collaborazione con una lampada che abbia la larghezza di banda per la fioritura.
  •  Produrrà una ricca luce blu che causerà una crescita rigogliosa, con una breve spaziatura internodale.
  •  I reattori possono diventare molto caldi soprattutto se utilizzati per 18 ore al giorno.
  •  Le lampadine emetteranno anche una grande quantità di calore.
  • Una luce di crescita molto vecchia scuola che recentemente è diventata di nuovo popolare.

LED

All'inizio i LED hanno faticato ad affermarsi come una solida luce di crescita orticola, tuttavia, con le recenti innovazioni e le nuove tecnologie aggiunte di continuo, i LED sono diventati facilmente il modo più efficiente per coltivare la cannabis indoor.

 

Il modo più efficiente per coltivare la cannabis al chiuso sarà l'utilizzo di luci a LED.
 

Essi avranno un prezzo elevato, ma ne vale la pena in termini di vantaggi associati al consumo di energia elettrica, alla disponibilità di spettro, alla mancanza di calore in eccesso che causano agli impianti, molti sono ora silenziosi grazie al design con raffreddamento passivo integrato.

Cosa sapere

  • L'intensità della luce viene misurata in P.A.R. e non in lumen.
  • I LED sono molto costosi in confronto all'H.P.S o M.H.
  • Lo spettro è progettato specificamente per la crescita e la fioritura.
  • Alcuni modelli hanno la possibilità di programmare l'uscita dello spettro.
  • I tempi di alba e tramonto possono essere simulati con i regolatori a LED.
  • La tecnologia a raffreddamento passivo permette di avere una luce silenziosa che rimane fredda.

4. Quante Luci mi Servono?

Una lampada grow e un riflettore efficiente e di alta qualità dovrebbero essere in grado di coprire un metro quadrato. La diffusione della luce sarà aumentata da quanto in alto si ha il riflettore e la lampadina, e la distanza ideale quando si usano luci H.I.D a caldo è di 60-90 cm con ventole che soffiano sulle cime delle piante.

Cosa considerare

  • La quantità di calore generato dalla zavorra e dalle lampadine.
  •  Quanto spazio occuperanno le luci e i riflettori.
  • La quantità di altezza con cui si deve lavorare.
  • Se si sta crescendo in uno stato vegetativo o di fioritura.
  •  Il consumo di elettricità e le bollette.

5. Suggerimenti per la selezione delle luci di crescita

1. Assicuratevi di controllare l'uscita P.A.R. della luce che state pensando di acquistare. È alle radiazioni fotoattive che le piante di cannabis rispondono e non al numero di lumen.

2. Le fluorescenti compatte sono a bassa potenza, producono poco calore e sono ideali per radicare cloni e piantine.

3. Se si sceglie di utilizzare l'illuminazione H.I.D, l'accoppiamento di alogenuri metallici con sodio ad alta pressione vi permetterà di fornire la più efficace larghezza di banda dello spettro.

4. Le zavorre possono diventare estremamente calde e devono essere cablate correttamente e tenute lontano da terra e fuori pericolo.

5. Le luci a LED sono un investimento costoso, tuttavia nel tempo la riduzione delle bollette elettriche, l'aumento dei rendimenti e la maggiore produzione di terpeni e cannabinoidi ne vale la pena.

6. In Conclusione

La scelta dell'illuminazione interna è molto più ampia di prima, quindi assicuratevi di fare molta ricerca prima di investire. A seconda del vostro budget, della vostra esperienza o dello spazio che avete a disposizione, potreste essere incoraggiati a utilizzare luci diverse in diversi momenti.

Buona fortuna per il vostro prossimo raccolto indoor e per trovare l'allestimento ideale per voi e per il vostro giardino.

07 December 2020
Comments