FastBuds seedbank #1 with 10786 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10786 diaries on GrowDiaries

I lottatori della UFC che gareggiano in Nevada non saranno puniti per i test positivi alla cannabis

I pugili che gareggiano in Nevada non saranno più sospesi per aver consumato cannabis prima o dopo i combattimenti.
09 July 2021
2 min read
I lottatori della UFC che gareggiano in Nevada non saranno puniti per i test positivi alla cannabis

Ci sono stati diversi atleti sospesi per aver fatto uso di cannabis, e questo ora ha iniziato a cambiare perché il Nevada non punirà più gli atleti che risultano positivi al test. La Nevada Athletic Commission ha votato per rimuovere la cannabis dalla lista delle sostanze che migliorano le prestazioni e, a partire da ora, i pugili possono consumare cannabis a patto che non siano alterati durante un combattimento.

La saga di Sha'Carri Richardson

Come avrete visto nelle notizie, a Sha'Carri Richardson è stato vietato di gareggiare alle Olimpiadi di Tokyo dopo essere risultata positiva alla cannabis e questo non è stato ben accettato dai fan. Persino il presidente Joe Biden ha affermato che l'atleta non ha fatto nulla di male, poiché è stato rivelato che l'atleta ha consumato cannabis per affrontare i problemi emotivi dopo la morte della madre.

Nonostante non sia d'accordo con le regole attuali riguardanti il THC, Joe Biden ha insistito che le regole sono regole e dovrebbero essere seguite, ma raccomanda fortemente che questo tipo di regole dovrebbe essere riconsiderato. Sfortunatamente, questa non è la prima volta che accade. Nel giugno 2018, il combattente UFC Mike Jackson è risultato positivo al THC ed è stato sospeso fino a ottobre 2018, e di conseguenza la sua vittoria è stata invalidata. 

Gli esperti sostengono che le regole attuali sono obsolete e basate su dati raccolti decenni fa che dimostravano che la cannabis era una sostanza che crea dipendenza e non aveva alcun valore medico; la cannabis richiede una ricerca più concreta perché non ci sono indicazioni che la cannabis migliori le prestazioni e molti atleti stanno iniziando a usare la cannabis per scopi medici, sostenendo che può aiutare ad alleviare la pressione associata alla competizione tra diversi altri benefici.

Le nuove regole in Nevada

Come detto, i pugili che gareggiano in Nevada non saranno puniti se risultano positivi alla cannabis, la NAC (Nevada Athletic Commission) sostiene che, dato che la cannabis è legale in Nevada, non ha senso proibire ai pugili di consumarla. Inoltre, la NAC sostiene di essere orgogliosa di essere stata la prima ad affrontare questo problema e di voler continuare ad essere leader come lo è sempre stata.

Durante i prossimi sei mesi, tutti i pugili saranno testati per la cannabis per la raccolta dei dati, ma non saranno puniti se risulteranno positivi, il vicepresidente senior dell'UFC per la salute e le prestazioni degli atleti ha detto che non ci dovrebbero più essere sanzioni per la cannabis, finché i pugili non si presentano fatti agli eventi non dovrebbe esserci un problema. La nuova regola è entrata in vigore in Nevada il 7 luglio, ma le sanzioni imposte prima della regola non saranno sospese.

 
09 July 2021