FastBuds seedbank #1 with 10426 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10426 diaries on GrowDiaries

Tecnica di Deprivazione della Luce per la Coltivazione della Cannabis

Un must per i coltivatori outdoor che vogliono avere più cicli all'anno!
08 September 2022
7 min read
Tecnica di Deprivazione della Luce per la Coltivazione della Cannabis

Contenuti:
  • 1. Cos'è la deprivazione della luce?
  • 2. Come oscurare le piante di cannabis
  • 3. Deprivazione luminosa per 2 raccolti all'anno
  • 3. a. Come si priva la luce passo dopo passo
  • 3. b. Vantaggi della privazione della luce
  • 4. Mantenere il corretto ciclo di luce
  • 5. Privazione della luce e davanzali
  • 6. Automatizzare la privazione della luce
  • 7. Cannabis autofiorente
  • 8. In conclusione

Come forse saprai, quando si coltiva la cannabis all'aperto c'è una stagione di crescita, questo significa che dovrai iniziare e terminare il tuo ciclo di coltivazione a seconda del tempo. Questa stagione inizia all'inizio dell'equinozio di primavera e termina nelle ultime settimane dell'autunno prima dell'inizio dell'inverno. Alcuni coltivatori potrebbero voler avere più raccolti all'anno e questo è il momento in cui arriva la tecnica della privazione della luce.

La privazione della luce consiste nel coprire le tue piante con un telone per controllare la quantità di luce/ombra che ricevono, permettendo ai coltivatori di crescere più di una volta all'anno.

1. Cos'è la Deprivazione della Luce? 

La privazione della luce (aka light dep) è una tecnica utilizzata in agricoltura e oggi, nelle coltivazioni di cannabis per controllare la quantità di luce e di buio che le tue piante ricevono, simulando i cambiamenti stagionali.

 

Privazione della luce: cos'è la deprivazione di luce?

La privazione della luce permette di controllare la quantità di ore di luce e di buio che le tue piante ricevono.
 

Questo permette ai coltivatori di fiorire quando ne hanno bisogno e di ridurre il tempo necessario alla piena maturazione delle piante, rendendo anche possibile avere raccolti multipli all'anno come si farebbe quando si coltiva al chiuso. Per rendere questo possibile, i coltivatori hanno spesso utilizzato serre automatizzate che possono oscurare le loro piante, ma non c'è bisogno di acquistare costose attrezzature, si può fare la propria tenda da oscuramento e godere degli stessi benefici.

2. Come Oscurare le Piante di Cannabis 

Prima ancora di parlare di come usare la privazione della luce, è necessario avere la struttura e i materiali appropriati. 

 

Light deprivation: blackout tent

Una tenda oscurante è fondamentalmente una serra con sopra un materiale a prova di luce.
 

La struttura utilizzata nella privazione della luce è fondamentalmente una serra che non permette alla luce del sole di entrare e si chiama tenda oscurante, si può facilmente fare questa tenda a casa per un buon prezzo, proprio come una serra, una tenda oscurante è costituita da una struttura in legno o metallo che può sopportare il peso di un telone. Quindi, per non complicare le cose, basta posizionare quattro picchetti di legno nel terreno, intorno alle piante di cannabis e coprirle con un telone, ma se avete intenzione di usarla per più di una volta, potete realizzare una vera e propria struttura per serra e poi coprirla con un materiale a prova di luce.

3. Deprivazione Luminosa per 2 Raccolti all'Anno 

Ora che hai la tenda oscurante (o almeno sapete come costruirne una) è il momento d'imparare ad accendere correttamente la luce. Tieni presente che la luce non è affatto difficile, ma sicuramente ci vorrà molto lavoro perché dovrai togliere e mettere il telone manualmente ogni giorno.

 

Privazione della luce: due raccolti all'anno

La privazione della luce è il modo migliore per avere buoni raccolti all'aperto più di una volta all'anno.
 

L'idea alla base di questa tecnica è quella di dividere la stagione outdoor in due, avendo un raccolto all'inizio fino a metà della stagione outdoor e avendo quello successivo da metà stagione outdoor fino alla fine, cioè iniziando la primavera fino a metà estate e poi metà estate fino all'autunno. Per poter raccogliere almeno 2 volte all'anno, dovrai iniziare e terminare i cicli di coltivazione secondo le seguenti modalità:

 

 InizioFine
Raccolto #1PrimaveraMetà Estate
Raccolto #2Metà EstateAutunno

 

Quindi, prima di tutto, dovrai far germogliare e vegetare le piante per un paio di settimane prima della primavera, fino a quando non avranno raggiunto una buona dimensione e costringerle immediatamente a fiorire all'aperto con la tecnica del light dep. Il secondo raccolto dovrebbe essere iniziato non appena avrai spostato la prima all'aperto, in modo che siano pronte a fiorire quando avrai raccolto le prime piante e poiché saranno all'aperto a metà estate, cominceranno a fiorire automaticamente senza bisogno di usare la deprivazione di luce.

Come si priva la luce passo dopo passo

Passo 1

Inizia le tue piante al chiuso sotto CFL a basso costo e mettile all'aperto in primavera, quando non rischiano di morire a causa del freddo.

Passo 2

Utilizza il tendone oscurante per effettuare il depurazione della luce e assicurati che le piante ricevano 12 ore di buio ogni giorno, questo garantirà che le piante comincino a fiorire il più presto possibile.

Passo 3

Appena posizionate il primo lotto all'esterno, avvia il secondo all'interno sotto CFL, proprio come hai fatto con il primo lotto.

 

Privazione della luce: primo raccolto

Quando si hanno due cicli all'anno si deve illuminare il primo.

Passo 4

Raccogliete il tuo primo lotto verso la metà dell'estate, le tue piante dovrebbero essere completamente mature ormai.

Passo 5

Metti la seconda partita all'esterno e lasciale fiorire naturalmente, ormai il ciclo di luce dovrebbe essere quello adatto alla fioritura della cannabis, in modo da non dover usare la tenda oscurante a meno che non diventi troppo fredda o umida e voglia proteggere le  piante dalle condizioni difficili. Se hai fatto tutto correttamente, le piante dovrebbero essere ben fatte e pronte per il raccolto prima dell'inverno.

Vantaggi della privazione della luce

Questa tecnica non solo permette di avere più cicli, ma porta anche un paio di vantaggi ai coltivatori domestici, come ad esempio:

  • Migliore qualità delle cime

Dividendo un grande raccolto in due raccolti più piccoli all'anno, le piante cresceranno più piccole e avranno bisogno di meno tempo per maturare, con il risultato di una qualità complessivamente migliore, e inoltre, a causa del ciclo più breve, è meno probabile che soffrano di muffe o insetti.

  • Migliori rese

Anche se ogni singolo raccolto sarà più piccolo se confrontato con un solo grande ciclo, le rese complessive saranno più alte perché si avranno due cicli invece di uno.

  • Non c'è bisogno di aspettare tanto

Ovviamente, quando si coltiva solo una volta all'anno si deve aspettare molto per poter fumare i fiori, questa tecnica permette di raccogliere due volte all'anno per non rimanere a corto di erba!

4. Mantenere il corretto ciclo di luce

L'aspetto più importante della tecnica di privazione della luce è che le piante hanno bisogno di ottenere 12hs di buio ininterrotto alla volta, questo significa che dovrai coprire le tue piante o nasconderle dalla luce del sole ogni volta. Per fare questo, dovrai fornire ore di buio extra la sera o la mattina, dipende da te.

 

Privazione della luce: il ciclo di luce corretto

Mantenere il giusto ciclo di luce è essenziale, se non si riesce a coprire le piante anche solo per un giorno le piante si stressano.
 

Se sei impegnato tutto il giorno e preferite coprire le piante dopo il lavoro, dovrai coprire le piante la sera e scoprirle di nuovo prima di andare a letto, questo assicura che la pianta riceva 12hs di buio ininterrotto. Per esempio, se il sole sorge alle 7 del mattino, dovrai coprire le piante 12 ore prima dell'alba, cioè intorno alle 7 di sera. Se preferisci farlo la mattina presto, dovrai coprire le tue piante prima dell'alba.

 

Privazione della luce: coprire e scoprire le piante

Non importa se si copre la notte o la mattina, è fondamentale non dimenticarsi di farlo.
 

Così, per esempio, se il sole tramonta intorno alle 21.00, dovreste coprire le tue piante prima dell'alba e scoprire le tue piante intorno alle 9.00, per un totale di 12 ore di luce e 12 ore di buio, che è il ciclo di luce in cui la cannabis fotoperiodica fiorisce. Ora, se vuoi coltivare la cannabis all'aperto ma non vuoi avere molto lavoro, puoi semplicemente coltivare genetiche autofiorenti.

5. PRIVAZIONE DELLA LUCE E DAVANZALI

La tecnica della privazione della luce non deve essere affatto complicata. Alcuni coltivatori non dispongono di una tenda o di una grow room, il che può rendere difficile l'esecuzione di questa tecnica, ma la tecnica della privazione della luce funziona abbastanza bene se le piante ricevono la luce del sole attraverso la finestra. Un davanzale può essere un ottimo modo per eseguire questa tecnica, dato che sono sufficienti tende o tapparelle. Quindi, dopo che le piante hanno ricevuto la quantità di luce desiderata, non devi far altro che chiudere le tende o gli scuri, non c'è bisogno di spostare le piante, finché è completamente buio sarai in grado di fornire il ciclo di luce necessario.

6. AUTOMATIZZARE LA PRIVAZIONE DELLA LUCE

Quando si parla di privazione della luce, la costanza è fondamentale, perché se non si coprono e scoprono le piante ogni giorno, nella maggior parte dei casi le piante si erodono, ma può essere noioso, soprattutto se lo si fa manualmente. Per fortuna, in questi casi, c'è un'alternativa. Se utilizzi la tecnica della privazione della luce per fornire un determinato ciclo di luce, puoi automatizzare la tua impostazione. Ad esempio, se stai coltivando su un davanzale, potete automatizzare le tende con un timer e le tende si apriranno e chiuderanno puntualmente. Ricorda che questo è solo un esempio e che può essere applicato a qualsiasi impianto, ma assicurati di mettere tutto in prospettiva per capire se vale la pena aprire e chiudere le finestre o le ante ogni giorno o investire in un nuovo impianto.

7. Cannabis autofiorente

Con gli autofiorenti non c'è da preoccuparsi, perché non dipendono dal ciclo di luce per innescare la fioritura. La tecnica della privazione della luce non sarà necessaria quando si coltivano gli autofiorenti, poiché fioriranno con cicli di luce 12/12, 13/11, 18/6, 20/4 e persino 24/0. Ma il contrario potrebbe essere di grande aiuto: se le tue piante non ricevono abbastanza luce, puoi integrare la luce solare con qualsiasi tipo di lampada da coltivazione per fornire il numero di ore di luce che preferisci e, in definitiva, ottenere risultati migliori. Come ormai hai capito, la privazione della luce può essere estenuante se non si ha un modo per automatizzare il processo, ma fortunatamente al giorno d'oggi si può facilmente trovare la cannabis autofiorente nella maggior parte delle banche del seme. Coltivare gli autofiorenti invece della cannabis fotoperiodica permette di avere molte piante senza doversi preoccupare del light dep, gli autofiorenti non si basano su un ciclo di luce per iniziare la fioritura, quindi se vuoi avere raccolti multipli durante tutto l'anno, potresti volerti attenere agli autofiorenti. Se sei un coltivatore outdoor e non hai mai coltivato autofiorenti prima d'ora, ti consigliamo ceppi come Wedding Cheesecake Auto, questa varietà cresce fino a 130 cm ed è ideale per i coltivatori all'aperto che vogliono ottenere raccolti impressionanti tutto l'anno.

8. In Conclusione

La tecnica del light dep richiede molto lavoro, anche se è più economica che investire in un impianto di coltivazione indoor, dovrai coprire e scoprire le  piante ogni giorno e se succede qualcosa e non siete a casa quando dovete farlo, potresti finire per rovinare il tuo raccolto, quindi gli autofiorenti sono un ottimo modo per evitare questo e salvarti da un sacco di lavoro. Se hai già cresciuto con la tecnica della privazione della luce, condividi la tua esperienza con altri coltivatori, lascia un commento nella sezione commenti qui sotto!

08 September 2022