FastBuds seedbank #1 with 10786 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10786 diaries on GrowDiaries
Tutti
Strains
Abbigliamento e Accessori
Blog
FAQ
Domande

Photoperiodica vs. Autofiorente - Quale è meglio?

Se vi siete chiesti se coltivare piante foto o auto, ecco un articolo che spiega perché gli autofiorenti sono migliori
28 August 2022
12 min read
Photoperiodica vs. Autofiorente - Quale è meglio?

Contenuti:
  • 1. Cosa sono le piante di cannabis a fotoperiodo?
  • 2. Cosa sono le piante di cannabis autofiorenti?
  • 3. Quali sono le differenze tra i ceppi di cannabis a fotoperiodo e quelli autofiorenti?
  • 4. In conclusione

L'industria della cannabis si sta evolvendo più di quanto si possa immaginare. Con nuovi ceppi, concentrati e oli che arrivano sul mercato ogni giorno, c'è solo l'imbarazzo della scelta. Ma una domanda che sorge costantemente nella mente di ogni coltivatore è: fotoperiodo o autofiorente? Quale dovresti scegliere?

Il dibattito fotoperiodo vs. autofiorenti non è nuovo. I coltivatori si sono schierati e gli argomenti sono dilaganti ovunque. Mentre potreste coltivare entrambi i tipi, l'obiettivo è quello di scegliere qualcosa di più efficace. E questo articolo vi aiuterà a fare proprio questo. Le autofiorenti rendevano molto poco, ma al giorno d'oggi si possono trovare varietà autofiorenti che possono rendere e produrre tanta resina quanto le foto in poco meno di 9 settimane, rendendo possibile la coltivazione all'aperto per tutto l'anno.

Ecco un modo semplice per capire lo sviluppo delle varietà autofiorenti: Pensa alle verdure. Potrebbe sembrare una semplificazione eccessiva, ma tutto si riduce all'allevamento e alla scienza delle piante. Se hai il pollice verde o semplicemente ti piace coltivare uno o due ortaggi ogni stagione, avrai una certa esperienza con i semi e la qualità delle cultivar. Prendiamo ad esempio i broccoli. Questo ortaggio non si trova in natura, ma è il risultato di una selezione operata dall'uomo. I broccoli sono nati come umile pianta di senape selvatica e l'uomo li ha creati selezionando grandi teste fiorite e steli spessi. In realtà, la maggior parte degli ortaggi moderni non è del tutto "naturale".

Gli allevatori umani si sono concentrati sui tratti che desideravano, hanno lavorato sodo e hanno prodotto cultivar attraenti con una lunga lista di tratti che la gente vuole coltivare, far crescere e consumare. La maggior parte dei semi disponibili sul mercato è il risultato di selezionatori che hanno modellato tratti, tra cui dimensioni, gusto, velocità di crescita e produttività: lo stesso vale per la cannabis. Quindi, dove si colloca la cannabis autofiorente in questo quadro? 

L'erba autofiorente deriva dallo stesso flusso logico. Gli allevatori hanno trovato nuovi modi per produrre piante più desiderabili. Individuando e sperimentando piante che possiedono geni autofiorenti, gli allevatori hanno creato ibridi che vantano i tratti attraenti delle varietà a fotoperiodo con tempi di crescita molto più rapidi. Le varietà autofiorenti offrono davvero il meglio dei due mondi. Quindi, perché mai non dovreste volerle coltivare? Non dovrai più aspettare diversi mesi per assaggiare il tuo raccolto. Al contrario, le autofiorenti sono mature per il raccolto in poche settimane! Ora stai per conoscere queste piante veloci, produttive e rivoluzionarie a un livello più profondo. Scopri tutto quello che c'è da sapere sulla cannabis autofiorente, come si confronta con le varietà a fotoperiodo e perché devi iniziare a coltivarle! 

1. Cosa sono le piante di cannabis a fotoperiodo?

Il termine "fotoperiodo" compare in qualsiasi sito che venda semi di cannabis. In parole povere, il fotoperiodismo è la misura della luce a cui la pianta è esposta. Quando si parla di una pianta fotoperiodica, si tiene conto dei cicli di luce e buio. Questo accade perché le piante di cannabis fotoperiodiche inizieranno a fiorire solo quando avranno almeno 12 ore di buio, cosa che di solito accade all'aperto quando arriva l'inverno o quando si passa al 12/12 al chiuso. Quindi, quando vedete un numero come 24/0, per esempio, di solito significa che la pianta riceve 24 ore di luce e 0 ore di buio.

 

Fotoperiodo vs autofiorenti: cosa sono le foto?

Caratteristiche principali della cannabis fotoperiodica.
 

Ecco perché i coltivatori modificano i cicli di luce e passano al 12/12 con 12 ore di luce e 12 di buio. Le piante iniziano a fiorire solo quando ricevono un segnale che indica che la stagione sta cambiando. Molti coltivatori si trovano bene con le varietà a fotoperiodo. Molte di queste varietà, soprattutto quelle geneticamente a predominanza sativa, crescono oltre i 300 cm e sviluppano chiome enormi e tentacolari - e grandi chiome significano grandi raccolti! Tuttavia, hanno alcune serie limitazioni. Ad esempio, la maggior parte dei coltivatori non ha lo spazio necessario per farle esprimere appieno il loro potenziale se vogliono coltivare indoor.

Inoltre, non sono l'opzione migliore per chi coltiva all'aperto e vuole mantenere la privacy e la segretezza. E, ovviamente, non sono l'ideale per chi coltiva in climi più freddi e più a nord, con estati più brevi. Senza applicare mezzi sintetici di privazione della luce, i coltivatori di queste regioni semplicemente non hanno il tempo di lasciare che le grandi varietà a fotoperiodo raggiungano la maturità prima che arrivino le prime gelate stagionali ed eliminino le piante prima che inizino a produrre cole resinose. Altri coltivatori sono scoraggiati dalle varietà di cannabis a fotoperiodo perché semplicemente non hanno la pazienza necessaria. Alcune di queste varietà richiedono mesi di cure, annaffiature e alimentazione. 

2. Cosa sono le piante di cannabis autofiorenti?

A differenza delle piante a fotoperiodo, le autofiorenti non dipendono dai cambiamenti stagionali per iniziare la fioritura. Dopo che la pianta sviluppa alcuni rami, inizia a fiorire "automaticamente", ed è per questo che si chiamano autoflowers. Basti dire che gli autofiorenti fioriranno a prescindere dalle condizioni che fornirete. Avete solo 12 ore di luce solare? Nessun problema - le auto fioriranno comunque. Volete completare l'intera coltivazione con un ciclo 12/12 dall'inizio alla fine? Certo! Le auto si comporteranno allo stesso modo.

Ma da dove proviene il tratto autofiorente? E come è finito nelle moderne varietà ibride? Ebbene, la cannabis si è diffusa naturalmente in tutto il pianeta prima che gli esseri umani iniziassero a migrare con i semi. Mentre alcune porzioni della popolazione si sono dirette più a sud dal punto di origine dell'Asia centrale, altre si sono spinte verso nord, fino alla Siberia. Qui le piante a fotoperiodo non hanno avuto successo per lo stesso motivo per cui i coltivatori moderni in questi climi tendono a non coltivarle. La loro dipendenza dai cambiamenti stagionali nell'esposizione alla luce solare le ha fatte maturare troppo tardi nella stagione e, quindi, i loro lignaggi genetici sono stati interrotti.

 

Fotoperiodi e autofiorenti: cosa sono gli autofiorenti?

Caratteristiche principali della cannabis autofiorente.
 

Ma la vita si adatta e supera. Le piante sopravvissute hanno sviluppato mutazioni genetiche che hanno permesso loro di abbandonare il fotoperiodismo e di iniziare la fioritura in base a un orologio genetico interno. Quelle con questi tratti autofiorenti sono sopravvissute e hanno prosperato. Alla fine, gli allevatori moderni hanno visto il valore di questi fenomi genetici. Tuttavia, le autofiorenti di tipo selvatico puro non sono niente di speciale in termini di resa, potenza e sapore. I coltivatori hanno quindi deciso di incrociarle con varietà a fotoperiodo con caratteristiche migliori per produrre ibridi che offrano sia caratteristiche interessanti che il gene autofiorente. Anche se le autofiorenti tendono a crescere bene con meno luce, usano la luce per produrre cibo. Pertanto, le auto coltivate in un ciclo 18/6 generano più raccolti di quelle coltivate con luce minima. Questo significa che potete coltivare gli autofiorenti all'interno con il ciclo di luce che preferite o all'esterno per tutto l'anno, ma la qualità e la quantità del vostro raccolto saranno influenzate dalla quantità di luce che le vostre auto ricevono. Ora, potete coltivare le autofiorenti sotto i seguenti cicli di luce:

  • 12 ore di luce e 12 ore di buio:
  • O 18 ore di luce e 8 ore di buio;
  • O 20 ore di luce e 4 ore di buio.

Ma tenete presente che avrete sicuramente una resa migliore e boccioli più resinosi quando coltivate sotto 18/6 o 20/4, ma potete comunque ottenere un raccolto decente se le vostre piante ricevono 8, 10 o 12 ore di luce al giorno.

3. Quali sono le differenze tra i ceppi di cannabis a fotoperiodo e quelli autofiorenti?

La differenza principale tra le piante a fotoperiodo e quelle autofiorenti è l'esposizione alla luce, mentre le auto fioriscono automaticamente. Questo l'abbiamo già capito. Ma ci sono altre differenze e le discuteremo di seguito.

Le autofiorenti sono veloci

Gli autofiorenti sono considerati per la loro velocità. La maggior parte delle autofiorenti impiega solo 2 mesi dal seme al raccolto, mentre le varietà a fotoperiodo hanno bisogno di almeno 4 mesi per completare il loro ciclo. Questo è uno dei motivi per cui i principianti scelgono le autofiorenti. Per esempio, se si coltiva una varietà a fotoperiodo, ha bisogno di almeno 8 settimane nel periodo vegetativo per crescere fino a un certo punto. Una volta che il coltivatore è soddisfatto della crescita della pianta, può spostarla dalla fase vegetativa a quella di fioritura alterando il ciclo di luce.

 

Fotoperiodi vs autofiorenti: tempo di semina e di raccolta

Gli autofiorenti di solito impiegano tra le 7 e le 11 settimane dal seme al raccolto, mentre le foto possono impiegare fino a 16 settimane!
 

Gli autofiorenti, d'altra parte, iniziano a fiorire non appena compiono 4-5 settimane. Sono così veloci che il coltivatore deve tenere il passo; tuttavia, dopo qualche raccolto, diventa incredibilmente facile perché è semplice come seminare i semi e dimenticarsene. Quindi, data una scelta tra fumare i bud in 3 e 5 mesi (compreso il periodo di stagionatura) quale scegliereste? Le autofiorenti richiedono 3 mesi e le piante da fotoperiodo 5 mesi, e se avete bisogno di qualcosa di veloce, le varietà autofiorenti sono sicuramente ideali per voi.

Dimensioni

Le piante da fotoperiodo richiedono molto tempo per fiorire. Richiedono più tempo per crescere e, naturalmente, diventano più grandi. In media, crescono fino a 5-6 piedi al chiuso. All'aperto, crescono fino a 9-10 piedi. Questo è uno dei motivi per cui devono essere addestrate obbligatoriamente. Per esempio, se la vostra Grow Room manca di altezza verticale, coltivare piante da fotoperiodo non è un'opzione, a meno che non le alleniate usando diverse tecniche di allenamento.

 

Fotoperiodi vs autofiorenti: dimensioni

Confronto delle dimensioni delle piante di cannabis Autoflower e Photperiod.
 

Anche se la vostra Grow Room è alta circa 8 piedi, le luci e le altre attrezzature ridurranno l'altezza, costringendovi così a scegliere piante più piccole. Le autofiorenti sono geneticamente più piccole. Con una fioritura così rapida, un'autofiorente può crescere fino a 2-3 piedi all'interno mentre cresce fino a 5 piedi all'esterno. Per i coltivatori con piccole grow room, le autofiorenti possono essere una benedizione sotto mentite spoglie. Dato che le piante sono più piccole, sono perfette anche per le coltivazioni furtive. Le tecniche di formazione come la LST e la cimatura possono essere utilizzate per ottenere rese migliori.

Manutenzione

Le piante da fotoperiodo hanno bisogno di manutenzione, dall'alterazione del ciclo di luce alla formazione delle dimensioni per evitare una crescita incontrollata. Può essere esasperante se non si installa un timer. Inoltre, le piante da fotoperiodo non possono assolutamente gestire le perdite di luce. Questo è il motivo per cui alcuni coltivatori esitano a costruire le proprie Grow Room, perché è un po' difficile costruire una grow room che non abbia assolutamente perdite di luce. Ma cosa succede se c'è una perdita di luce, vi chiederete? Beh, per prima cosa, una perdita di luce può stressare la pianta e costringerla a trasformarsi in un ermafrodito pieno di semi. Dato che volete dei bud sensimilla senza semi, una perdita di luce è fuori questione. Come potete capire, dovete essere precisi con i fotoperiodi e non c'è margine di errore soprattutto quando si tratta di illuminazione.

 

Fotoperiodi vs autofiorenti: manteinance

Come le foto e le auto gestiscono bene la formazione.
 

Inoltre, la pianta riduce notevolmente le rese se è stressata, quindi costringe il coltivatore a preoccuparsi costantemente delle perdite di luce e di altri fattori che stressano la pianta. Venendo alle autofiorenti, sono super resistenti. Anche se ogni singolo giorno è importante quando crescono, non hanno bisogno di essere mantenuti molto. Sì, è vero che è facile bloccare un'autofiorente se qualcosa va storto all'inizio della fase vegetativa perché hanno un numero limitato di giorni, ma non si preoccupano affatto delle perdite di luce. Infatti, le autofiorenti possono essere impostate con un ciclo di luce - preferibilmente 18/6 ore - e faranno semplicemente le loro cose anche se le lasciate da sole.

Potenza

C'era una grande differenza tra fotoperiodo e autofiorente quando il primo autofiorente chiamato Lowryder fu rilasciato. I ceppi di cannabis da fotoperiodo vantavano almeno il 15% di THC all'epoca e gli autofiorenti non erano all'altezza.

 

Fotoperiodo vs autofiorenti: potenza

Al giorno d'oggi si possono trovare auto che sono altrettanto potenti o addirittura più forti delle foto.
 

Tuttavia, le cose sono cambiate, e come! Le autofiorenti rilasciate negli ultimi anni sono potenti quanto le fotoperiodiche. Prendete la nostra Strawberry Banana Auto, per esempio. Con oltre il 27% di THC, sono certamente buone come le piante da fotoperiodo. Alcune autofiorenti superano i ceppi da fotoperiodo in potenza ora! Sì, ecco quanto sono progrediti gli autofiorenti!

Rendimento

Le piante in fotoperiodo sono più grandi - lo abbiamo già stabilito. Ovviamente, le rese sono maggiori rispetto alle autofiorenti. Tuttavia, non scartate ancora le auto, perché potete coltivare due varietà autofiorenti nel tempo necessario a coltivare una pianta da fotoperiodo. Per capire questo in dettaglio, andiamo un po' più a fondo. La maggior parte delle piante da fotoperiodo produce una media di 600-700 grammi per metro quadro, mentre le autofiorenti generano circa 450-550 grammi per metro quadro. Le rese aumentano se le coltivate all'aperto, indipendentemente dal fatto che siano foto o auto.

 

Photoperiods vs autoflowers: yields

Nonostante le foto producano un po' di più, le auto finiscono più velocemente quindi, considerando il tempo che impiegano, è più o meno lo stesso.
 

Alcune piante da fotoperiodo producono almeno 400 grammi per pianta, mentre le auto producono fino a 250-300 grammi per pianta. Come potete vedere, le piante da fotoperiodo producono una resa maggiore. Tuttavia, se si considera il tempo necessario per raccogliere una pianta da fotoperiodo e si confrontano le due, le rese sono più o meno le stesse. Diciamo che coltivate piante di fotoperiodo e producete 700 grammi per metro quadro in 4 mesi. Nello stesso lasso di tempo, potete coltivare due lotti di autofiorenti che producono 550 grammi al metro quadro per raccolto. Quindi, se si considera il tempo, le rese delle auto sono superiori a quelle delle piante da fotoperiodo! Inoltre, le dimensioni delle auto permettono di stipare più piante in stanze di coltivazione più piccole, producendo così più raccolti nel processo.

Clonazione

La clonazione è il processo di creazione di un'altra pianta di cannabis usando una pianta di cannabis come madre. I fotoperiodi hanno un vantaggio rispetto alle autofiorenti in quanto possono essere clonati più volte. Pertanto, un singolo seme può produrre tutte le piante che volete.

Photoperiods vs autoflowers: cloning

Anche se è possibile clonare gli autofiorenti, non è raccomandato perché i cloni rimarranno piccoli.
 

Anche le autofiorenti possono essere clonate, ma è uno spreco di tempo e di sforzi perché il clone ha la stessa età della madre. Quindi, anche se clonate un'autofiorente, la pianta risultante inizierà a fiorire immediatamente e vi ritroverete con una pianta minuscola che non produce quasi nulla.

Raccolti perpetui

Gli autofiorenti hanno un vantaggio rispetto ai fotoperiodi: possono essere raccolti perpetuamente, per tutto il tempo che volete. Certo, potete provare lo stesso con i fotoperiodi, ma avrete bisogno di due stanze separate per le fasi vegetative e di fioritura perché i cicli di luce devono essere abbinati in modo appropriato. Lo stesso vale anche per la clonazione. Anche se clonate una pianta madre, dovrete aspettare che i cloni crescano bene per metterli in fase di fioritura. Perché? Perché non potete spingere i cloni nella fase di fioritura immediatamente, e sia la madre che il clone dovranno aspettare nella fase vegetativa in un ciclo 18/6. Questo è il motivo per cui i coltivatori separano i cloni e usano stanze diverse per le fasi di fioritura e vegetativa.

 

Fotoperiodo vs autofiorenti: raccolto perpetuo

Gli autofiorenti rendono più facile avere un raccolto perpetuo perché hai bisogno di una sola tenda per coltivare e far fiorire le auto.
 

D'altra parte, le auto non hanno bisogno di stanze separate perché non hanno bisogno di cicli di luce specifici. Potete seminare i semi e occuparvi delle piantine proprio quando un lotto sta per essere raccolto, risparmiando così un sacco di tempo. Confrontando il fotoperiodo e gli autofiorenti, è facile vedere che gli autofiorenti eguagliano le piante a fotoperiodo in ogni aspetto. Che si tratti di potenza, resa o velocità, le autofiorenti hanno un vantaggio sulle loro controparti. Detto questo, è una questione di scelta personale, ma se amate fumare rapidamente i bud, le autofiorenti battono di gran lunga le fotoperiodiche.

 

Differenze tra foto e autofiorenti
 Dimensione mediaDal seme al raccoltoVeg. Ciclo di luceCiclo di luce della fioritura
Autofioirenti60-100cm7-10 settimane18/6, 20/418/6, 20/4
Fotoperiodiche80-200cm10-16 settimane18/612/12

4.  In Conclusione

Quelle che una volta erano piccole piante a basso rendimento ora si sono evolute e migliorate molto. Le autofiorenti hanno avuto una cattiva reputazione a causa delle prime varietà autofiorenti come la Low Ryder che non erano allo stesso livello delle varietà a fotoperiodo, ma oggi si possono trovare auto che sono all'altezza delle foto o addirittura migliori. Le buone genetiche autofiorenti possono far crescere fiori super resinosi con rese enormi, con livelli di THC che arrivano fino al 27%, queste piante permettono di coltivare fiori di alta qualità all'aperto tutto l'anno e con un tempo dal seme al raccolto di appena 7 settimane, il che le rende un'ottima scelta per chi soffre di climi difficili o per chi vuole semplicemente un tempo rapido senza sacrificare le rese di qualità delle cime. Se siete alla ricerca di buone genetiche autofiorenti assicuratevi di dare un'occhiata al nostro catalogo, con oltre 50 ceppi diversi che variano per dimensioni, potenza e profilo terpenico, troverete sicuramente quello che state cercando.

Se hai già coltivato auto e foto e vuoi condividere la tua esperienza con altri coltivatori, sentiti libero di lasciare un commento nella sezione dei commenti qui sotto!

28 August 2022