FastBuds seedbank #1 with 10426 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10426 diaries on GrowDiaries
Affrettati! Acquista 1 Ottieni 1 gratis! Compra ora!

Meno alcol, più erba: Covid-19 ha un impatto sui party nei campus?

I recenti massimi storici nell'uso di marijuana tra gli studenti universitari e il declino del bere attribuito al covid
19 November 2021
2 min read
Meno alcol, più erba: Covid-19 ha un impatto sui party nei campus?

Un sondaggio "Monitoring the Future" del 2020 ha trovato che quasi la metà dei giovani dai 18 ai 22 anni che frequentano il college hanno usato cannabis negli ultimi 12 mesi. L'uso quotidiano o quasi quotidiano ha anche raggiunto i record storici. Allo stesso tempo, i comportamenti di consumo di alcol come l'essere ubriachi e il binge drinking sono diminuiti considerevolmente.

Il sondaggio è stato condotto nel periodo maggio-novembre 2020, quando gli Stati Uniti sono stati colpiti per la prima volta dalla pandemia, e gli scienziati ritengono che questo cambiamento nelle tendenze dell'uso di sostanze possa essere in parte dovuto alle restrizioni Covid-19.

Un modo discutibile di affrontare lo stress

Una delle ragioni per cui la cannabis ha guadagnato popolarità tra gli studenti universitari nel 2020 potrebbe essere stata la sua capacità di fornire una via d'uscita temporanea a coloro che vivono in costante isolamento e noia. Poiché il numero di feste nei campus è diminuito, più persone si sono rivolte alla cannabis.

L'uso nell'anno passato ha raggiunto il 44% nel 2020, con un aumento di 6 punti rispetto al 2015. Allo stesso modo, c'è stato un aumento di quasi 3 punti per il consumo quotidiano o quasi quotidiano nello stesso periodo - dal 5 all'8 per cento.

Bisogna notare che una tendenza all'aumento è stata osservata anche prima della pandemia, quindi il legame non è chiaro. Allo stesso tempo, il consumo di alcol nei campus è crollato - dal 62% nel 2019 al 56% nel 2020. Questa è stata chiaramente la conseguenza di meno eventi sociali durante la crisi sanitaria.

I modelli di uso di sostanze vanno e vengono. Ma non sempre

Il professor John Schulenberg dell'Università del Michigan, uno degli investigatori principali, ha detto che le sostanze che alterano la mente a volte perdono popolarità nel corso degli anni, ma possono tornare. Questo è successo con il vaping alla nicotina, il cui brusco picco ha preoccupato i professionisti della salute solo due anni fa. Il recente sondaggio MTF ha trovato che era già in declino.

L'attuale popolarità del consumo di cannabis tra gli studenti universitari potrebbe rivelarsi una tendenza più a lungo termine. Lo stesso sondaggio ha notato un calo record nel modo in cui i giovani adulti percepiscono i rischi associati all'uso della sostanza. Solo il 24% di loro crede che ponga un rischio significativo di danno. Si tratta di un minimo storico, e questo numero parla di più di un semplice atteggiamento degli studenti universitari. Riflette piuttosto la situazione della società in generale. 

19 November 2021