FastBuds seedbank #1 with 10426 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10426 diaries on GrowDiaries
Affrettati! Acquista 1 Ottieni 1 gratis! Compra ora!

La cannabis può aiutare a combattere il comune raffreddore e l'influenza?

Se avessimo saputo che l'erba può aiutare a curare il raffreddore o l'influenza, ci saremmo divertiti molto di più.
31 July 2022
10 min read
La cannabis può aiutare a combattere il comune raffreddore e linfluenza?

Contenuti:
  • 1. Cosa causa il raffreddore o l'influenza?
  • 2. Perché i farmaci fanno male
  • 2. a. Non fumare quando hai mal di gola
  • 3. Perché i prodotti alimentari sono la soluzione perfetta
  • 3. a. Cucinare prodotti commestibili per far passare il tempo
  • 3. b. Olio di cocco alla cannabis a cottura lenta
  • 4. Conclusione

Inizia con un po' di tosse, un naso che cola, poi un mal di gola, e forse un corpo esausto. Aggiungete la febbre e forti mal di testa e potreste benissimo affermare di avere il comune raffreddore o l'influenza, pensavi che andassimo in direzione covid eh?

Il raffreddore e l'influenza arrivano sempre a volte nella nostra vita, la maggior parte delle volte quando da qualche parte nel nostro corpo c'è qualcosa che si sente più debole e che lascia entrare questi demoni, gettandoci a letto per una settimana o due, quando sei fortunato non dura più a lungo. Sappiamo che questi giorni possono essere un incubo totale, sentirsi già infastiditi dal malessere stesso e non avere niente da fare se non stare a letto finché non si sta meglio. Ma se vi dicessimo che la cannabis potrebbe essere il vostro miglior alleato per curare il raffreddore e l'influenza?

 

Trattamento del raffreddore o dell'influenza con la cannabis

La cannabis potrebbe essere un'alternativa naturale al trattamento del raffreddore e dell'influenza.
 

La marijuana è famosa per le sue proprietà antidolorifiche, antinfiammatorie e sonniferi, che potrebbero aiutare a trattare più velocemente il raffreddore o l'influenza e rendere l'intero processo più sopportabile. Inoltre, la cannabis è un modo di trattamento medico naturale al 100%.

Dato che al giorno d'oggi le persone optano più spesso per i metodi di trattamento naturali, una volta che la scienza riuscirà a dimostrare i benefici medici della cannabis per il raffreddore o l'influenza, essa diventerà probabilmente uno dei metodi di guarigione più preferiti. Ma vediamo cosa hanno da dire gli esperti sull'argomento per ora.

1. Cosa causa il raffreddore o l'influenza?

Ci sono più di 200 virus diversi che possono causare i sintomi di un comune raffreddore. Forse da bambino, tua madre avrebbe potuto dare la colpa a te che giocavi fuori in una giornata fredda, ma è probabile che il raffreddore che hai preso sia stato sostenuto dalle centinaia di microbi che hai incontrato nel parco giochi, o nell'ufficio anni dopo.

Ci ammaliamo dopo aver respirato particelle virali, molto probabilmente quando siamo stati intorno a qualcuno che si è ammalato e lo ha diffuso tossendo, starnutendo o semplicemente respirando vicino a te. Si può anche contrarre l'infezione toccando una superficie contaminata e poi toccando gli occhi, la bocca o il naso.

 

Sintomi di raffreddore o influenza

Sintomi di raffreddore o influenza.
 

Ti suona familiare? Stiamo cercando di schivare il soggetto monotematico del coronavirus, ma l'uso delle maschere è la spiegazione più grande e chiara per questi fenomeni. Mentre la primavera è il periodo più comune per l'insorgenza di allergie, l'inverno e l'autunno sono le stagioni del freddo e dell'influenza, che si accompagnano a sintomi come:

 

SintomiRaffreddoreInfluenza
Febbre e brividiRaroComune
DoloreLeggeroConsueto
Affaticamento, debolezzaA volteConsueto
StarnutiComuneA volte
Tosse, raucedineDa lieve a moderatoComune
Mal di gola, naso chiusoComuneA volte

 

Assicurati di prendere nota di questi segnali in modo da poter rifornire la tua scorta e preparati a provare qualche alternativa per il raffreddore da cannabis o la guarigione dall'influenza. 

2. Perché i farmaci fanno male

I farmaci più comuni che le persone andranno a non appena iniziano a sentire alcuni sintomi minori di raffreddore o influenza sono quelli a base di acetaminofene, ibuprofene, o naprossene, tra gli altri. Tuttavia, ci sono un paio di aspetti negativi nell'assunzione di questi tipi di farmaci. Oltre al fatto che se l'erba è effettivamente un trattamento promettente per questi sintomi, allora sarà innegabilmente il modo più divertente per trattare una malattia, tali farmaci da banco tendono a far venire mal di stomaco anche dopo lunghi periodi di assunzione.

 

Gli edibili di cannabis sono delicati per l'apparato digerente

I prodotti commestibili a base di cannabis sono più morbidi per l'apparato digerente rispetto ad altri farmaci.
 

Questi farmaci non steroidei, che è la categoria in cui si inseriscono i farmaci più comunemente usati, possono portare ad effetti secondari come l'infiammazione del rivestimento dello stomaco (gastrite), ulcere, emorragie e/o perforazioni del rivestimento1. Pertanto, se avete uno stomaco sensibile, forse la ricerca di farmaci naturali è la scelta migliore per voi. E non stiamo parlando solo di cannabis qui, alcune persone vanno per il tè come metodo di guarigione di preferenza, miele, miscele di bicarbonato di sodio, aglio e molti altri farmaci naturali.

3. Non fumare quando hai mal di gola

Quando abbiamo menzionato la cannabis potrebbe essere un trattamento efficace per il raffreddore o l'influenza, date le sue proprietà antinfiammatorie, antidolorifiche e sonniferi, non stavamo suggerendo di andare ad accendere uno spinello o il bong con un doloroso mal di gola. In realtà, al contrario, se la gola ti fa male, cerca di non fumare nulla in questi giorni, sia tabacco che marijuana. Inalare qualsiasi tipo di fumo anche quando non siamo malati non è troppo salutare per i nostri polmoni e per il nostro sistema respiratorio.

 

Non fumate quando hai mal di gola!

Non fumare quando hai mal di gola!
 

Sappiamo tutti che tossire e fumare erba vanno di pari passo, la sentiamo anche nelle canzoni, per esempio nell'introduzione di "Sweet Leaf" dei Black Sabbath o in "Young Wild and Free" di Wiz Khalifa, quindi fare una pausa sarebbe probabilmente una mossa intelligente.

Un'ultima controparte del fumare cannabis mentre si ha il raffreddore o l'influenza è che la marijuana tende anche a bloccare il naso. Ciò è dovuto all'effetto di vasodilatazione nei suoi composti, che è un termine che si riferisce al risultato del rilassamento e dell'espansione dei vasi sanguigni, da cui la parte di "dilatazione" del termine.

 

L'effetto di vasodilatazione della cannabis

L'effetto vasodilatatore della cannabis ai nostri occhi.
 

Il tessuto all'interno del nostro naso è pieno di minuscoli vasi sanguigni chiamati capillari, che si espandono quando si fuma erba e per questo motivo, il naso imbottito è causato. Lo stesso vale per l'effetto occhi gonfi e rossi, le parti bianche dei nostri occhi hanno grandi quantità di vasi sanguigni, che passano attraverso lo stesso processo di vasodilatazione rendendo i nostri occhi rossi di sangue.

4. Perché i prodotti alimentari sono la soluzione perfetta

Così veniamo qui a dirvi come la cannabis può essere una grande alternativa per trattare un raffreddore o un'influenza e poi sganciamo la bomba con tutti gli aspetti negativi che ha e come può anche peggiorare le cose, ci dispiace, non volevamo giocare con i tuoi sentimenti, te lo promettiamo. Preferiamo avvertirti in modo che tu sappia cosa aspettarti e che sia tu a prendere le tue decisioni.

 

I migliori farmaci sono gli edibili di cannabis!

La migliore alternativa ai farmaci è la cannabis commestibile!

Inoltre, la verità è che questo non significa che tutte le alternative alla cannabis siano condannate, anzi, quello che stiamo cercando di dire è che fumare cannabis semplicemente non è la migliore delle opzioni. Quello che in realtà stiamo dicendo è che lo sono i prodotti commestibili. 

Consigli per la sicurezza

Anche se la cannabis ha dimostrato scientificamente i suoi enormi benefici per la salute, suggeriamo di consultare un medico per il trattamento del raffreddore o dell'influenza per evitare eventi imprevisti, come il prolungamento della malattia. 

Sappiamo che il consumo di marijuana commestibile fornisce una quantità enorme di benefici per la salute, oltre ad essere qualcosa di estremamente divertente da sperimentare. Il motivo principale per cui ti suggeriamo di optare per i prodotti commestibili, sebbene anche la vaporizzazione sia un'alternativa migliore al fumo, è perché in questo metodo di consumo non c'è inalazione più che respirazione. Niente fumo, più sano o malsano, che viaggia nei polmoni. 

Questo significa che i prodotti commestibili potrebbero diventare la migliore fonte di farmaci per molti trattamenti, dato che non influiscono sul sistema gastrointestinale, forniscono ancora al nostro corpo le proprietà salutari dei famosi cannabinoidi come il THC e il CBD, durano per periodi di tempo prolungati e hanno anche un buon sapore. Quando mai un farmaco efficace ha avuto un buon sapore?

Cucinare prodotti commestibili per far passare il tempo

Ci sono alcuni sentimenti peggiori della noia, il nulla assoluto, vagare per casa come un fantasma che non ha idea di cosa fare. Aggiungi la nausea e il fantasma diventa più pallido. 

Il fatto è che, per quanto divertente possa essere guardare Netflix, quando un medico viene a dirci che dobbiamo riposare, sembra che il nostro sistema uditivo spesso lo interpreti in modo ribelle, e il riposo diventa l'ultima cosa che vogliamo fare (o forse siamo solo noi?).

Così scopriamo che i nostri corpi gridano per il riposo, ma il nostro cervello annoiato si gratta via il cuoio capelluto cercando di trovare cose divertenti da fare, e dopo uno o due giorni, non ci sono nemmeno sufficienti ore di televisione per coprire quella noia, semplicemente non va bene. Non possiamo fare niente, né qualcosa che richieda uno sforzo fisico, perché il corpo è affaticato e lunatico.

 

Annoiato? Cucina i prodotti commestibili!

Ti annoi? È ora di cucinare qualcosa di commestibile!
 

Hai già passato ore a leggere, forse ti sei addormentato per un po' e ora sei completamente sveglio, la testa ti pulsa e la luce dello schermo della TV ti trasforma in un vampiro che reagisce alla luce del sole, cosa fare adesso? È ora di saltare giù dal letto! Ok no, alzati lentamente e andate in cucina, è ora di cucinare qualcosa di commestibile!

Potete prendere i commestibili sia con la cannabis cruda che con le cime decarbossilate, ecco alcune idee:

  • Frullati verdi;
  • Aggiungere olio di canapa a qualsiasi ricetta;
  • Cuocere qualcosa al forno;
  • Spruzzare fiori crudi su un'insalata;
  • O mangiare semi!

Non solo i prodotti alimentari cureranno il tuo raffreddore o l'influenza, ma uccideranno anche il tuo umore inquieto e la noia! Mentre cucini dei sani e gustosi brownies alla cannabis, tosse-tosse, i farmaci, probabilmente ti divertirai anche voi, il che risolleverà il tuo umore da cuccioli. Ma prima di gettari sul grembiule da cucina assicurati di aver letto la guida completa su come preparare il cannabutter perfetto per la tua ricetta. E non dimenticate di misurare i giusti dosaggi di THC per voi prima di mangiare l'intero vassoio di brownies e finirai per sentirti ancora peggio.

Ora che sei ben informato, è finalmente arrivato il momento di viziarti e divertirti durante questi giorni di malattia e di goderti alcuni rimedi sani e gustosi a base di cannabis. Un'alternativa vegana al burro di cannabis è l'olio di cocco di canna. Al giorno d'oggi suggeriamo di scegliere direttamente l'olio di cocco, in quanto è molto più versatile del burro di cannabis e durerà molto più a lungo. Vediamo rapidamente la ricetta preferita dell'olio per la base commestibile super deliziosa che è l'olio di cocco di canna.

OLIO DI COCCO ALLA CANNABIS A COTTURA LENTA

Ci sono un paio di metodi diversi per fare l'olio di cocco di canna, ma come dice il vecchio proverbio: chi va piano va sano e va lontano. Quando si prepara un olio o un burro medicato, più si rallenta il processo, migliore sarà il prodotto finale (fino a un certo punto). Se hai una pentola a cottura lenta, allora tirala fuori, ma non è assolutamente necessario. Se utilizzi una normale pentola di tutti i giorni su un normale piano di cottura, assicurati di mantenere la temperatura più bassa possibile.Prima di tutto, parliamo un po' di dosaggio. Una rapida ricerca su Google mostrerà un mucchio di diversi calcolatori di dosaggio commestibile, e certo, questi possono essere utili - soprattutto se si conoscono le percentuali di THC e CBD nell'erba che si intende usare. Ma c'è un altro modo di pensare.

Al giorno d'oggi, i germogli di buona qualità hanno in genere una percentuale di THC compresa tra il 15% e il 25%. Quando si parla di edibili, la dose viene sempre indicata in milligrammi, ma come si calcola questo valore? Supponiamo di iniziare con 5 grammi di fiori al 20% di THC. Se si riuscisse a estrarre fino all'ultima goccia di THC si otterrebbero 1000 mg, ma il processo di cottura comporta una certa perdita di THC. La formula abituale per calcolare questa perdita è molto semplice. Per la perdita di decarburazione, basta moltiplicare per 0,9 (1000 mg x 0,9), il che ci lascia 900 mg, e poi per il tasso di estrazione durante la cottura moltiplichiamo di nuovo per 0,6 (900 mg x 0,6), il che ci dà 540 mg di THC totale nell'olio di canna coco finito.

Poiché la dose raccomandata è compresa tra 5 e 10 mg, a seconda della tolleranza, da 5 grammi si ottengono da 54 a 108 dosi. Ok, passiamo al processo di cottura. Per prima cosa, decarbonizza le tue cime. Per decarburare, basta impostare il forno al minimo, spezzettare l'erba, metterla su una teglia rivestita di carta da forno e posizionarla nel forno a bassa temperatura. Cuocere per circa 20 minuti e il gioco è fatto. 

Successivamente, riempi una pentola (o la vostra slow cooker) con 1,5 litri d'acqua e falla bollire. Una volta raggiunta l'ebollizione, aggiungi l'olio di cocco e riduci la fiamma finché il tutto non sobbolle appena. Una volta aggiunto l'erba macinata in modo uniforme, lascia cuocere il tutto per circa un'ora, quindi spegni il fuoco e lascia riposare per un'ora. Ripeti questo processo di accensione e spegnimento del calore per almeno 4 volte (per ottenere risultati ottimali, potete prolungarlo fino a 24 ore), quindi utilizza una stamigna per filtrare il tutto in una ciotola di vetro. Metti la ciotola in frigorifero per un'ora circa e l'olio si separerà e salirà in cima. Ecco fatto, il tuo olio di cocco medicato è pronto! Quanto olio si deve usare? Dipende da te. Ricordati che puoi sempre aggiungere altro olio al termine del processo di cottura per renderlo più debole.

Conclusione

La cannabis medica non manca di sorprenderci, è tutta questione di tempo prima che la scienza si faccia strada nella materia, trovi nuove scoperte e renda ufficiali tutti gli incredibili benefici per la salute che possiamo ottenere dal consumo di cannabis. 

Ma per ora, dovremo fare i conti con le poche informazioni disponibili al momento e con le esperienze personali nostre e dei nostri amici. Se hai provato la cannabis come trattamento per il raffreddore o l'influenza, non esitare a lasciare un commento sulla tua esperienza!

LIBERATORIA MEDICA

Questo contenuto è solo a scopo educativo. Le informazioni fornite derivano da ricerche raccolte da fonti esterne.

RIFERIMENTI ESTERNI

  1. Nonsteroidal Anti-inflammatory Drugs (NSAIDs), Ida Ghlichloo, and Valerie Gerriets, 2020.
31 July 2022