FastBuds seedbank #1 with 10426 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10426 diaries on GrowDiaries
Affrettati! Acquista 1 Ottieni 1 gratis! Compra ora!

Come Viene Utilizzata L' Acqua Dalle Piante Di Cannabis E Cose Da Sapere

Scopri tutto ciò che devi sapere su come le piante di cannabis usano l'acqua, come e quando annaffiare e cosa evitare.
13 August 2022
9 min read
Come Viene Utilizzata L Acqua Dalle Piante Di Cannabis E Cose Da Sapere

Contenuti:
  • 1. Capire la traspirazione
  • 1. a. Traspirazione attraverso le foglie
  • 1. b. Traspirazione attraverso le radici
  • 1. c. Cosa può andare storto?
  • 2. Il terreno di coltura ideale per la ritenzione idrica
  • 3. Differenze tra i diversi tipi d' acqua
  • 3. a. Acqua dura
  • 3. b. Acqua dolce
  • 4. Osmosi inversa
  • 5. Acqua piovana
  • 6. I migliori consigli su come innaffiare le piante di cannabis
  • 7. Quanto spesso e quale quantità d'acqua è necessario somministrare alla coltura?
  • 7. a. Come valutare quando le piante hanno sete
  • 8. In conclusione

L'acqua è un elemento essenziale per tutte le forme di vita a base di carbonio che esistono sul pianeta. Soprattutto quando si tratta di piante di cannabis che richiedono regolarmente grandi quantità di soluzione nutritiva. Avere l' accortezza di non innaffiare troppo o troppo poco le tue piante è una cosa, tuttavia capire come e perché le piante di cannabis usano l'acqua in primo luogo è il fattore chiave. Di seguito Fast Buds spiega meglio tutto ciò che devi sapere sull'acqua, la traspirazione e i nostri consigli principali.

1. Capire La Traspirazione

Il modo migliore per pensare a come funziona la traspirazione con le piante è relazionarla ai nostri corpi umani. Facciamo affidamento sull'acqua per mantenere il nostro cervello idratato, consentire il verificarsi dell' osmosi, mantenere funzionanti i nostri reni e altri organi ed è la difesa naturale del nostro corpo per rinfrescarci quando sudiamo.

Ora, se immagini come una pianta di cannabis dipenda dall'acqua per funzionare nello stesso modo in cui lo facciamo noi, allora puoi meglio comprendere come usano l'acqua per mantenere i livelli di sale e l'assunzione di nutrienti.

Traspirazione Attraverso Le Foglie

Un modo in cui le piante di cannabis utilizzeranno l'acqua è attraverso le foglie. La quantità di umidità relativa presente può avere un ruolo su quanta acqua rilasciano le piante attraverso le loro foglie, o di fatto quanta acqua viene assorbita dalle radici.

Traspirazione Attraverso Le Radici

Una parte essenziale della pianta di cannabis che è responsabile dell'approvvigionamento di nutrienti. I peli radicali devono solo attingere a uno strato d'acqua molto sottile per accedere ai nutrienti disponibili. Provveduto che i livelli di umidità soddisfano i requisiti del ciclo di vita della pianta, il rapporto tra l' assorbimento dei nutrienti e la traspirazione attraverso le foglie dovrebbe essere perfettamente bilanciato.

 

Traspirazione Radici o foglie

Il ciclo della traspirazione.
 

La quantità di umidità che un mezzo di coltura è in grado di trattenere può essere fino a 18 volte il suo stesso peso, tuttavia la velocità di traspirazione attraverso le foglie fluttua rapidamente. Al fine di compensare eccessivamente un ambiente secco e arido come il Mediterraneo in piena estate, o un giardino interno mal ventilato, le piante devono raffreddarsi allo stesso modo che facciamo dopo aver richiesto un esercizio fisico.

Cosa Può Andare Storto?

Quando un ambiente diventa troppo caldo per una pianta di Cannabis e tutta l'acqua nella zona delle radici viene usata, è solo una questione di tempo prima che le piante perdano vigore e la crescita rallenti. Ciò causerà quindi un elenco di carenze, le piante quindi soffriranno in termini di prestazioni e crescita.

  • Livello di E.C variabilie

  • Crescita delle piante arrestata

  • Carenze nutritive visibili

  • Danni alle foglie evidenti

2. Il Terreno Di Coltura Ideale Per La Ritenzione Idrica

È molto importante avere un buon equilibrio nel mezzo di ritenzione idrica e drenaggio. Il rapporto e il substrato utilizzati da un coltivatore possono determinare in che misura avverrà la traspirazione rapida o lenta.

Lana di rocci

Può assorbire fino a 18 volte il proprio peso in acqua, il che significa che è un sostrato eccellente per trattenere l'acqua nei punti caldi sia indoor che all'esterno. Normalmente usato in coltura idroponica, è un ottimo prodotto da aggiungere alla base dei vasi o all'interno di una miscela di cocco, perlite e terreno.

Fibra di cocco

È composto da gusci di cocco e confezionato come terreno di coltura inerte. Un substrato estremamente user-friendly e vegetale che ha un'incredibile capacità d'aria e una ottima ritenzione idrica. La coltivazione di cannabis nel cocco viene spesso eseguita in coltura idroponica o come miscela nel suolo biologico vivente.

 

I diversi substrati ideali per la ritenzione idrica.

Vermiculite

È un minerale fillosilicato che si espande con calore intenso. Un altro mezzo inerte e molto leggero che può mantenere un terreno in crescita ben saturo.

3. Differenze Tra I Diversi Tipi D' Acqua

A seconda di dovevivi, la fonte d'acqua che verrà utilizzata per le tue piante indoor o outdoor può avere un ruolo fondamentale: del rubinetto, i depositi delle città locali o raccogliendo l'acqua piovana.

Acqua Dura

Con questo termine ci si riferisce ad acqua ricca di sali filtrata direttamente dalle rocce minerali. Questa ha un contenuto molto maggiore di elementi minerali dovuto alla percolazione attraverso depositi di gesso e calcare. Queste sostanze terminano nell' acqua che diventa così ricca di: 

  • Calcio

  • Magnesio

  • Carbonati di magnesio

  • Bio carbonati

  • Solfati

Puoi far bollire un residuo di acqua dura dal sottovaso e noterai una sostanza bianca simile al gesso lasciata nella pentola. Questo è il modo più semplice per testare la durezza dell'acqua.

 

Acqua dolce e dura

Acqua dura e acqua dolce.

Acqua Dolce

L'acqua dolce ha un valore minerale molto basso ed è povera di ioni, rispetto all'acqua dura. Come suggerisce il nome, l'acqua stessa quando si beve è molto dolce con poco retrogusto. Potrebbe essere saggio fornire alle tue piante un nutriente con calcio e magnesio, per mantenere l'equilibrio tra elementi primari e oligoelementi

  • Povera di ioni di magnesio

  • Povera di ioni di calcio

  • Richiede un integratore CalMag

4. Osmosi Inversa

Un metodo che purifica l'acqua rimuovendo ioni e particelle di dimensioni maggiori dall'acqua potabile è l'osmosi inversa (R / O). Questo è un modo eccellente per ridurre la conducibilità elettrica (E.C) fin quasi a 0 e quindi aggiungere i nutrienti di conseguenza. Un'ottima soluzione per i coltivatori che soffrono di una scarsa qualità dell'acqua e fanno affidamento su un processo di filtraggio adeguato per avere acqua potabile, per uso esterno e, soprattutto, per nutrire le piante di Cannabis e mantenere le condizioni ottimali del suolo vivente.

5. Acqua Piovana

Sfortunatamente, i giorni della raccolta di acqua piovana pulita e gratuita sono finiti, con alcune paesi che ora limitano la raccolta di acqua piovana. Se al momento fai affidamento su Madre Natura per una fonte d'acqua gratuita o stai pensando di iniziare a farlo, è importante considerare quanto segue:

  • Se vivi nei pressi di una grande città, fai attenzione che l'inquinamento atmosferico non influenzi la pioggia e la rendi tossica e inutilizzabile per le piante.
  • Assicurarsi che i materiali utilizzati per raccogliere la pioggia siano puliti e sterili. Un vecchio tubo di drenaggio o un tetto in acciaio arrugginito a lungo andare possono causare contaminazioni dell'acqua. L'uso di un pannello di plastica ondulato funziona molto bene e assicurati di pulire a fondo i tubi di scarico che raccolgono l'acqua.

 

Acqua di pioggia

Acqua piovana per la cannabis.
 

  • È importante conservare l'acqua piovana raccolta all'oscuro, con elevate quantità di ossigeno disciolto e ben al riparo dalla luce solare diretta. In questo modo, ciò impedirà alle alghe e ai batteri anaerobici di iniziare a formarsi.

6. I Migliori Consigli Su Come Innaffiare Le Piante Di Cannabis

  • L'irrigazione delle piante prima che le luci si spengano può causare un aumento di umidità eccessivo e il terreno può saturare durante le ore di buio. È molto più vantaggioso e pratico alimentare le piante un' ora dopo l'accensione delle luci o due volte al giorno a intervalli più piccoli.

  • Usa della pietra porosa o una pompa per mantenere la tua acqua aerata e ricca di ossigeno. È impossibile per i batteri cattivi vivere in un ambiente altamente ossigenato. Non solo aggiungerà ossigeno per mantenere fresco il serbatoio, ma aumenterà anche il pH allo stesso tempo.

  • Nel caso in cui le tue piante siano state trattate con acqua stagnante o abbiano formato agenti patogeni, un ottimo rimedio è usare acqua ossigenata. La molecola di ossigeno aggiuntiva attaccata all'H2O ucciderà qualsiasi malattia o infezione.

 

Assicuratevi di annaffiare le piante 1 o 2 ore dopo l'accensione delle luci.
 

  • L'osmosi inversa è consigliata per i growers che hanno accesso a una fonte di acqua dura. Potrebbe essere necessario del tempo per filtrare e purificare l'acqua, tuttavia il risultato finale sarà una fonte di acqua sicura e priva di contaminanti.

7. QUANTO SPESSO E QUALE QUANTITÀ D'ACQUA È NECESSARIO SOMMINISTRARE ALLA COLTURA?

In questa sede ci baseremo sul metodo di coltivazione in fibra di cocco, poiché è il mezzo migliore per i principianti. In realtà si tratta di una domanda piuttosto complicata a cui rispondere, poiché la scienza è tutt'altro che esatta e c'è un insieme di elementi che possono influenzare la frequenza e la quantità d'acqua da somministrare alle piante. Facciamo una rapida carrellata di tutti i fattori da prendere in considerazione quando si cerca di capire esattamente quanto e quanto spesso innaffiare la propria coltura.

IL SUBSTRATO DI COLTIVAZIONE

Il substrato di coltivazione scelto per la vostra erba ha un impatto piuttosto importante sulla quantità d'acqua necessaria. Le piante di cannabis tendono a prosperare in substrati molto aerati, ispidi e ricchi, che drenano molto bene. Più sono leggeri e ispidi, meglio è. Consigliamo sempre ai nuovi coltivatori di optare per un substrato a base di fibra di cocco, con aggiunte di perlite o vermiculite per aumentare il drenaggio e l'aerazione. Anche noi scegliamo di coltivare in vasi d'aria, ma se riuscite a trovare solo normali vasi di plastica, dovreste aggiungere dei fori di drenaggio supplementari sul fondo e delle palline di argilla sotto il substrato di coltivazione per favorire un buon drenaggio.

 

Ci sono un paio di motivi per cui vogliamo sempre un drenaggio rapido ed efficiente. Quando un vaso trattiene l'umidità per periodi eccessivi, può causare problemi come marciume radicale, blocco o carenza di nutrienti, infestazioni di parassiti e crescita di funghi. Un substrato di crescita compatto e pesante dal punto di vista dell'umidità è anche molto più difficile da risciacquare in caso di problemi con le sostanze nutritive. Una buona regola è che l'acqua deve scorrere velocemente attraverso il substrato. Dovreste vedere il deflusso dai fori di drenaggio entro il primo minuto o due dopo il drenaggio. Se il substrato non si asciuga completamente dopo circa 72 ore (24 ore è l'obiettivo da raggiungere), significa che sta trattenendo troppa umidità. Prima di piantare qualsiasi cosa, è necessario verificare la ritenzione idrica del substrato di coltivazione che si intende utilizzare e apportare le modifiche necessarie. Consultate questo post per una guida completa sulla coltivazione in fibra di cocco.

LA DIMENSIONE DEL VASO

Le dimensioni del vaso influiscono notevolmente sul programma di irrigazione. Per le piante a fotoperiodo è bene iniziare in un vaso piccolo e aumentare lentamente le dimensioni man mano che la pianta cresce, ma per le auto è meglio iniziare nel vaso in cui finiranno. Ciò è dovuto al fatto che ogni volta che si trapianta da un vaso all'altro si stressa la pianta, cosa che va bene per le fotoperiodiche, dato che si possono tenere nella fase di crescita vegetativa per qualche giorno in più. Le piante autofiorenti passano alla fase di fioritura in qualsiasi condizione di luce, quindi non possiamo permetterci il lusso di prolungare la fase di crescita.  Per le autofiorenti, si consiglia un vaso di dimensioni comprese tra i 6 e i 15 litri, a seconda dello stile di coltivazione che si intende attuare. Iniziate con un'irrigazione leggera e non preoccupatevi di vedere il deflusso fino a quando le piante non avranno raggiunto almeno le 3 settimane.

LO STADIO DI CRESCITA

Come abbiamo già brevemente detto, lo stadio di crescita influisce direttamente sulla quantità d'acqua da fornire. Quando le piante sono molto giovani, richiedono solo piccole quantità d'acqua. Evitate di innaffiare le piccole piante con getti abbondanti, perché potrebbero stressare o addirittura danneggiare la pianta: un nebulizzatore funzionerà perfettamente per inumidire solo il substrato che circonda la pianta.

Man mano che le piante crescono, aumenta anche il loro appetito. Al termine delle 3 settimane, si può iniziare a bagnare completamente il substrato fino a quando non si nota il deflusso. Prima di questo momento, è necessario risciacquare il substrato una volta ogni settimana circa per evitare l'accumulo di sale. Una volta innaffiato fino al deflusso, si dovrebbe vedere circa il 25% dell'acqua di alimentazione uscire dal vaso.

FATTORI AMBIENTALI E INTENSITÀ LUMINOSA

L'intensità della luce, l'umidità e la temperatura ambientale della stanza di coltivazione possono avere un enorme impatto sulla frequenza con cui dovrete annaffiare la vostra coltura. Tenete d'occhio la vostra coltura e sentite il peso dei vasi ogni volta che li controllate, il che dovrebbe avvenire ogni giorno.

COME VALUTARE QUANDO LE PIANTE HANNO SETE

Il test del peso è il modo più semplice per verificare quanta acqua di alimentazione hanno assunto le piante. Può sembrare poco preciso per i coltivatori alle prime armi, ma in breve tempo vi abituerete ai diversi pesi dei vostri vasi al punto da essere in grado di capire facilmente quanta umidità c'è ancora nei vasi. Se le piante sembrano stanche e cadenti, potrebbero essere affette da una malattia o da una possibile infestazione di parassiti, oppure potrebbero semplicemente aver bisogno di una buona quantità d'acqua.

Un problema è che le piante eccessivamente annaffiate sembreranno anche cadenti, ma un segno rivelatore di eccesso di acqua è che le piante mostrano un colore verde molto scuro, con le foglie che si arricciano verso l'interno e verso il basso. Se la pianta presenta ingiallimento o imbrunimento sulla punta delle foglie, potrebbe essere un segno di irrigazione insufficiente. Le foglie sono un po' croccanti? Date alla pianta un po' d'acqua! Potete anche scavare con un dito nel terriccio per una profondità di circa un centimetro e mezzo. In questo modo si può avere un'indicazione del livello generale dell'acqua, ma in generale è meglio usare i metodi già citati.

8. In Conclusione

Quando si tratta di annaffiare le piante di cannabis, ci sono molte variabili da considerare. Non solo la maturità della pianta, le dimensioni del vaso, il terreno di coltura, l'intensità della luce, la presa d'aria, la temperatura e l'umidità svolgono un ruolo, ma anche la varietà che si coltiva, il livello di esperienza e la conoscenza del grower. Imparare quanta acqua e e fertilizzante necessitano le tue piante è una grande differenza nel raccolto finale e nella qualità del tuo raccolto. In bocca al lupo col trovare l'equilibrio perfetto e coltivare dei fiori di alta qualità!

13 August 2022