FastBuds seedbank #1 with 9695 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 9695 diaries on GrowDiaries

È sicuro defogliare la cannabis autofiorente?

La defogliazione è una tecnica controversa, soprattutto per gli autofiorenti. Scopri se è sicuro usare questa tecnica...
08 August 2022
7 min read
È sicuro defogliare la cannabis autofiorente?

Contenuti:
  • 1. è sicuro defogliare gli autofiorenti?
  • 2. Perché defogliare gli autofiorenti?
  • 3. Che cos'è la defogliazione?
  • 4. Come defogliare la cannabis autofiorente?
  • 5. Differenza tra cimatura e defogliazione
  • 6. Chi non dovrebbe defogliare gli autofiorenti?

Tra le molte tecniche scoperte dai coltivatori di cannabis, la defogliazione è una di quelle che è avvolta da misteri. È sicuro defogliare la cannabis autofiorente? Questa è la domanda. Ma molti non hanno una risposta. La defogliazione non è altro che un metodo per migliorare la resa della cannabis. Ovviamente, chiunque coltivi cannabis vuole usare diversi modi per massimizzare i raccolti. Anche i principianti imparano a farlo. Tuttavia, state attenti che la defogliazione non è una cosa che tutti possono fare.

Se siete principianti, non provate a farlo. Oppure, aspettate un po' finché non avrete coltivato diverse partite di marijuana. Inoltre, la defogliazione si addice alle piante fotoperiodiche in cui si rimuovono molte foglie mentre la pianta è ancora in fase vegetativa. Queste piante hanno abbastanza tempo per ricrescere in piena forza e il coltivatore passa il ciclo di luce allo stadio di fioritura solo quando le piante sono abbastanza forti.

 

Sebastian Good vi spiega tutto ciò che è importante sulla defogliazione della cannabis autofiorente.
 

Ma, come forse già sapete, le cose sono un po' diverse con gli autoflower. Non si basano sulla stagione o sul ciclo di luce per fiorire. Semplicemente iniziano a fiorire automaticamente una volta raggiunta una certa età. Quindi, è normale chiedersi se sia sicuro defogliare la cannabis autofiorente. Gli autofiorenti non ti danno molto tempo per confonderli. Dal momento che terminano il loro ciclo di crescita e fioritura in 2-3 mesi, dovete stare attenti e considerare se ne vale la pena per defogliare le foglie.

1. È sicuro defogliare gli autofiorenti?

La risposta breve è: sì, lo è. È una tecnica rischiosa, certo, ma si possono defogliare anche gli autofiorenti. Finché vi ricordate di rimuovere le foglie in fase vegetativa, farete del bene. Ma non pensate nemmeno di applicare una tecnica nella fase di fioritura, per evitare che le piante producano piccole quantità di cannabis.

2. Perché defogliare gli autofiorenti?

Bella domanda. Perché mai dovreste pensare di rimuovere le foglie per massimizzare i rendimenti? Soprattutto le auto? Beh, bisogna fare tutto il possibile per ottenere più bud. Questa è la risposta più diretta che si potrebbe ottenere. Mentre alcuni coltivatori stanno lontani dal defogliare completamente, altri giurano sui raccolti che ottengono.

3. Che cos'è la defogliazione?

 

In termini semplici, la defogliazione è un metodo che comporta la rimozione delle foglie della pianta. Si inizia con la rimozione delle foglie dei nodi inferiori. Alcuni coltivatori defogliano le foglie e utilizzano altri metodi di formazione come il SOG, come potete vedere in questa immagine. Facendo questo, vi assicurate che anche le parti inferiori della pianta ricevano luce. Inoltre, non potete rimuovere troppe foglie in una sola volta o renderete la pianta debole.

 

Cannabis autofiorente in un sistema SCROG.
 

Invece, si rimuovono alcune foglie più vecchie dei nodi inferiori per costringere la pianta a concentrarsi sulle cime situate nella parte superiore della pianta. Alcuni si riferiscono a questa tecnica anche come "metodo lolipopping", ma non è altro che un processo di stressare la pianta per aumentare la resa.

Notate che questa tecnica potrebbe non funzionare necessariamente se coltivate la cannabis organicamente all'aperto. A causa di parassiti e altri fattori, la pianta è già sotto stress e ha bisogno delle foglie a ventaglio per conservare le sostanze nutritive e aiutare la pianta a crescere. Quando coltivate all'interno, invece, fornite costantemente tutte le sostanze nutritive di cui la pianta ha bisogno. La pianta non sente il bisogno di aggrapparsi alle vecchie foglie, e voi la state solo aiutando rimuovendo le foglie a ventaglio.

Inoltre, non è necessario rimuovere solo le foglie a ventaglio che si trovano nei nodi inferiori. L'idea è di assicurare che la chioma riceva una distribuzione uniforme della luce. Così, è possibile rimuovere anche le foglie che ostacolano la crescita dei boccioli situati in basso. E, si fa questo anche se sono in cima. Nel giro di una settimana, vedrete che i boccioli in basso diventeranno più grandi. Un baldacchino uniforme fa più meraviglie di quanto possiate immaginare.

Come defogliare la cannabis autofiorente?

Si inizia con le foglie inferiori. Assicuratevi di rimuovere solo poche foglie alla volta. Non stressate troppo la pianta. Rimuovete invece le foglie in modo tale che tutte le parti ricevano un sacco di luce. Una volta che la pianta inizia a sentire l'amore, si espanderà come qualsiasi cosa. Anche se questo sembra un cliché, le piante possono effettivamente sentire il vostro amore! Quindi, si inizia con foglie a ventaglio che sono pronte a cadere comunque. Anche le foglie malate possono essere rimosse in modo che la pianta possa concentrarsi su quelle sane. In sostanza, state incoraggiando i rami ad espandersi il più possibile. Immaginiamo, ad esempio, di aver rimosso alcune foglie di ventaglio il lunedì. Cerchi di nuovo le foglie che ostacolano la crescita delle cime il mercoledì. Non raccogliere le foglie ripetutamente. Non lo sottolineeremo mai abbastanza.

 

Coltivazione indoor di cannabis autofiorente.
 

Ora, passate ai nodi superiori e rimuovete le foglie piccole e grandi che impediscono alla luce di raggiungere i nodi inferiori. Potete anche rimuovere le piccole cime che non hanno speranza. Questi boccioli sono chiamati boccioli di popcorn. Eliminandoli, si fa in modo che la pianta si concentri maggiormente sui boccioli che possono effettivamente crescere fino a diventare dei grandi mostri. Certo, sembra di fare del male alla pianta, ma non è così. Le piante di cannabis sono super robuste e ci vogliono solo pochi giorni perché si riprendano anche se sono autofiorenti.

Probabilmente hai sentito parlare di potatura se sei un giardiniere. La defogliazione è molto simile. La differenza è che si tagliano le foglie piuttosto che potare i rami o le radici. Sì, alcuni esperti giardinieri potano anche le radici, ma non ci addentreremo in questo argomento. Una regola generale a cui molti coltivatori esperti si attengono è la regola del 20%. Non potate mai più del 20% del fogliame in una sola volta, e non più di una volta alla settimana se state togliendo così tanto. In questo modo la pianta ha il tempo di riprendersi dallo stress a cui è sottoposta durante la defogliazione.

5. Differenza tra cimatura e defogliazione

Poiché la defogliazione è chiamata anche tecnica di potatura, molti coltivatori si confondono. La cimatura è un'altra tecnica che prevede la potatura delle punte della pianta. Anche in questo caso, lo si fa per incoraggiare un maggior numero di cime. È un processo che divide la cola principale in diverse cole. Molte cole = molte gemme. È molto semplice. Sebbene la cimatura sia una tecnica di potatura, non è la stessa cosa della defogliazione. Con la cimatura si tagliano solo le punte, mentre la defogliazione richiede l'eliminazione delle foglie a ventaglio o di quelle che ostruiscono alla luce di raggiungere le parti inferiori della pianta. Proprio come la cimatura è un metodo straordinario per gli autofiorenti per produrre più raccolti, anche la defogliazione è una tecnica eccellente per ottenere più cime. Entrambi i metodi sono stressanti per le piante, ma i risultati dimostrano che queste semplici tecniche funzionano comunque con i fotoperiodi, ma che dire della cimatura degli autofiorenti? Si tratta di una domanda annosa, con risposte diverse a seconda di chi la pone.

Ma una cosa è certa: la cimatura è una tecnica di coltivazione avanzata che dovrebbe essere riservata ai coltivatori che sanno davvero cosa stanno facendo e che conoscono le varietà specifiche con cui stanno lavorando. Vogliamo chiarire questo punto: la stragrande maggioranza delle varietà di CANNABIS autofiorenti non si comporta bene con la cimatura. Ciò è dovuto al semplice fatto che ogni volta che si cima una pianta, la crescita sarà bloccata per almeno un paio di giorni, se non di più. Questo va bene quando si lavora con le varietà fotoperiodiche, perché quando vengono coltivate all'aperto hanno mesi di crescita vegetativa e quando vengono utilizzate per la coltivazione indoor si possono tenere in vegetazione per tutto il tempo che si vuole. Le varietà di cannabis autofiorenti hanno un timer genetico incorporato che commuta la fase di crescita da vegetativa a floreale in un momento specifico, indipendentemente dalle condizioni di illuminazione.

 

La cimatura consente di ottenere un raccolto migliore dai vostri autofiorenti.
 

Ciò significa che la maggior parte dei ceppi auto non ha abbastanza tempo per riprendersi dalla cimatura per rendere la tecnica conveniente. Questo vale non solo per la cimatura, ma per tutte le tecniche HST (High-Stress Training) e per le auto. La defogliazione è una cosa, con i livelli di stress della pianta che rimangono a un livello ragionevole, purché non si esageri. Con la cimatura, si ferisce intenzionalmente la pianta nella speranza che la ricrescita sia più fruttuosa. Ma con l'auto, non c'è abbastanza tempo perché la ricrescita avvenga prima dell'inizio del ciclo di fioritura. Ora, come abbiamo detto sopra, i coltivatori che hanno molta esperienza con le auto e con alcuni ceppi, in particolare, possono decidere di provare le tecniche HST. Ci sono alcune varietà auto che hanno cicli di crescita vegetativa abbastanza lunghi da permettere una cimatura di nascosto, ma per la maggior parte, si consiglia di stare alla larga dal fare del male alle piante auto. Trattatele come le principesse che sono e sarete ricompensati con le migliori cime possibili!

6. Chi non dovrebbe defogliare gli autofiorenti?

Chiunque può defogliare le proprie piante di cannabis autofiorenti, ma ci sono alcuni coltivatori che dovrebbero stare alla larga. Per prima cosa, se sete un principiante, non dovreste provare a condensare o defogliare. Infatti, non dovreste provare nessuna tecnica fino a quando non avete acquisito abbastanza esperienza per farlo.

Molti coltivatori iniziano con le piante del fotoperiodo. In seguito, a seconda delle loro esigenze, passano agli autofiorenti. Sì, sono esperti con una vasta conoscenza delle piante di cannabis, ma anche loro non dovrebbero cercare di defogliare la cannabis autofiorente al primo tentativo.

Perché? Beh, perché una pianta di cannabis autofiorente è una bestia diversa. Proprio quando pensi di aver capito tutto, si comporta in modo completamente diverso e vi butta fuori. Avrete anche esperienza con le piante del fotoperiodo, ma le autofiorenti vi insegneranno l'importanza del tempismo. Per esempio, se iniziate a defogliare una pianta di cannabis autofiorente appena prima che inizi a fiorire o quando è in fioritura, non potete aspettarvi che la pianta si comporti secondo le vostre alte aspettative.

Inoltre, la cannabis autofiorente che cresce all'aperto viene defogliata e mantenuta in modo diverso. Quindi, tenete presente che questo articolo è per coloro che coltivano la cannabis auto fiorente all'interno. La defogliazione può sembrare intimidatoria, ma una volta che avrete successo con poche piante, vi renderete conto che è un gioco da ragazzi!

08 August 2022