FastBuds seedbank #1 with 9695 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10011 diaries on GrowDiaries

Come prevenire e curare le bruciature da luce della cannabis

Le bruciature leggere possono avere gravi conseguenze sulle piante di cannabis se non vengono trattate.
19 June 2022
12 min read
Come prevenire e curare le bruciature da luce della cannabis

Contenuti:
  • 1. Come identificare l'ustione leggera
  • 1. a. Sbiancamento delle foglie
  • 1. b. Foglie gialle
  • 2. Posizionamento della luce
  • 3. Cosa è la bruciatura da luce?
  • 4. Come identificare la bruciatura da luce?
  • 5. Come prevenire le ustioni da luce?
  • 5. a. Utilizzare un luxmetro
  • 5. b. Formazione a basso stress
  • 5. c. Il metodo della legatura
  • 5. d. Scrog
  • 6. Recupero delle bruciature da cannabis
  • 7. Cosa può influenzare le bruciature da luce?
  • 7. a. Bassa umidità
  • 7. b. Temperature elevate
  • 8. In conclusione

Una leggera bruciatura o un leggero sbiancamento è un problema serio se avete una stanza piena di piante di cannabis. La luce serve come cibo per le piante, ma può anche essere un problema se si esagera. Pensatela in questo modo: gli esseri umani hanno bisogno di cibo per l'energia, ma cosa succede se si mangia troppo? Sì, avrai diversi problemi, dall'obesità al diabete. Allo stesso modo, le piante di cannabis usano la luce come cibo, ma se si installano troppe luci e le si appende troppo vicino alle piante, si creano problemi. Se noti che le vostre piante fanno fatica, continuate a leggere per capire come prevenire e curare le bruciature da luce della cannabis.

1. COME IDENTIFICARE L'USTIONE LEGGERA

La bruciatura da luce è abbastanza facile da identificare, poiché i sintomi sono evidenti. Quando si tratta di bruciatura da luce, le piante di cannabis presentano foglie o fiori gialli o quasi bianchi. Cerchiamo quindi di capire perché questo accade. 

SBIANCAMENTO DELLE FOGLIE

Uno dei sintomi più facili da identificare è lo sbiancamento delle cime. Questo fenomeno si verifica solitamente sui boccioli superiori quando le luci sono troppo vicine alla chioma, facendo apparire i fiori completamente bianchi o albini. Nonostante l'aspetto interessante, nella maggior parte dei casi i bud perderanno potenza e sapore, poiché l'illuminazione ad alta intensità degraderà i terpeni e i cannabinoidi, facendo sì che in alcuni casi i bud abbiano il sapore del fieno. Ricordate che non è solo la luce a bruciare, anche la temperatura eccessivamente calda causa la degradazione di terpeni e cannabinoidi.

FOGLIE GIALLE

I sintomi di bruciatura da luce includono anche l'ingiallimento delle foglie del ventaglio, ma potrebbe essere più difficile identificare che le piante sono affette da bruciatura da luce in questo modo, poiché l'ingiallimento delle foglie può anche essere una carenza di sostanze nutritive. La cosa principale da ricordare è che la bruciatura da sostanze nutritive di solito inizia nella parte inferiore, mentre la bruciatura da luce appare nella parte superiore e le foglie non sembrano malate, ma solo scolorite.

2. POSIZIONAMENTO DELLA LUCE

Non importa se state coltivando con HPS o LED, dovete sempre seguire le raccomandazioni del produttore perché se non avete pareti riflettenti o molte luci, l'intensità della luce si riduce e può finire per influenzare le rese.

PARETI RIFLETTENTI

Anche se la distanza dalle piante può influire sui rendimenti, questi possono cambiare quando si usano pareti riflettenti perché fanno rimbalzare la luce verso le piante, riducendo le pareti luminose quando si spostano le luci più in alto.

 

Le pareti riflettenti aiutano a dirigere tutta la luce verso le piante.
 

Ciò significa che quando si utilizzano pareti riflettenti efficaci, è possibile posizionare le luci più in alto senza perdere l'intensità luminosa che si avrebbe quando si coltiva senza di esse, perché quando la luce rimbalza, raggiunge la pianta da diverse angolazioni, consentendo una penetrazione ancora più profonda nella chioma.

SOVRAPPOSIZIONE DI LUCI

Se si utilizzano molte luci in una stanza con pareti riflettenti, è più efficace appenderle più in alto perché le piante riceveranno la luce da più angolazioni, aumentando la penetrazione della luce e migliorando i rendimenti.

 

La combinazione di più luci con pareti riflettenti è il modo migliore per sfruttare al meglio i tuoi apparecchi di illuminazione.
 

Ovviamente, questo è più adatto ai coltivatori commerciali che possono permettersi di avere grow room con diverse luci, anche se alcuni coltivatori domestici hanno grandi tende da coltivazione e possono trarre vantaggio dall'avere pareti riflettenti e diversi apparecchi di illuminazione.

3. COSA È LA BRUCIATURA DA LUCE?

La bruciatura da luce non è altro che lo sbiancamento da luce, noterete che le foglie troppo vicine alla luce diventano bianche o sembrano sbiancate. Le piante che crescono all'esterno non possono soffrire di bruciature da luce perché il sole è troppo lontano dalla terra per bruciare le piante e la cannabis si è evoluta per secoli e si è adattata alla luce del sole abbastanza da non bruciarsi.

 

Erba leggermente bruciata sulla chioma di cannabis.
 

Ma le bruciature da luce di erbaccia possono verificarsi anche in ambienti chiusi. Quando le foglie e persino le cime iniziano ad apparire bianche o bruciate quando le luci sono appese troppo vicine alle piante, significa che il calore è talmente elevato che le piante non lo tollerano. Anche se i boccioli bianchi hanno un aspetto sorprendente quando li si guarda, è segno che i boccioli sono danneggiati. Poiché la luce è troppo vicina alle cime, la resina e i cannabinoidi vengono distrutti. Ora, probabilmente sai già che il calore uccide le piante e le cime non fanno eccezione, infatti, non solo le cime saranno inutilizzabili sia per i consumatori di medicinali che per quelli di svago, ma anche il gusto ne risentirà e la fragranza si deteriorerà.

 

Sbiancamento su gemme di cannabis.
 

A volte le foglie gialle possono indicare anche una bruciatura, ma non bisogna confondere la carenza di azoto con la bruciatura perché hanno lo stesso aspetto. In caso di carenza di azoto, però, l'ingiallimento delle foglie inizia dalla base e si sposta verso l'alto; inoltre, le foglie sono flosce e cadono dalla pianta senza alcuno sforzo. Se invece sono affette da bruciatura leggera, le foglie risultano croccanti e sono più difficili da staccare dalla pianta; anche le foglie che diventano marroni e croccanti sono un'indicazione di bruciatura leggera. È una combinazione di calore e troppa luce che frigge le foglie e le rende inutili per la pianta.

4. COME IDENTIFICARE LA BRUCIATURA DA LUCE?

I sintomi di bruciatura da luce nelle fasi iniziali possono essere facilmente scambiati per sintomi di stress da calore o carenza di azoto, quindi è meglio accertarsi di cosa stia realmente accadendo alle piante prima di trattarle. Se le vostre piante sono affette da bruciatura da luce, inizierete a notare i seguenti sintomi:

  • Foglie rivolte verso l'alto.
  • Sbiancamento delle foglie e dei germogli, che possono presentarsi bianchi o gialli nelle parti più vicine alla luce.
  • Le foglie ingialliscono mentre le nervature rimangono verdi. 

5. COME PREVENIRE LE USTIONI DA LUCE?

Si dice che prevenire sia molto meglio che curare. Pertanto, è necessario cercare di prevenire le bruciature da luce piuttosto che cercare di curarle. Innanzitutto, le bruciature da luce dipendono dal tipo di luce che si utilizza: per esempio, una CFL appesa anche a 10 pollici di distanza dalla pianta non la danneggia e lo stesso vale per le luci fluorescenti o T5, perché non sono così potenti e non emettono molto calore. Tuttavia, alcune luci HID e LED posizionate anche a 25 cm di distanza dalle piante possono ucciderle.

 

HPSDistanza
150w20cm
250w30cm
400w40cm
600w50cm
1000w60cm

 

In secondo luogo, bisogna determinare il wattaggio dell'illuminazione che si sta utilizzando. Ad esempio, una luce LED da 50W può non essere troppo dannosa, ma una da 1000W avrà conseguenze disastrose se la si posiziona troppo vicino alle piante. Le luci HID sono troppo potenti anche se la potenza è bassa; un altro problema è che emettono un calore eccessivo che può essere insopportabile per le piante. Detto questo, ricordate che non potete nemmeno appendere le luci troppo lontano. Se le piante sono molto lontane dalla luce, non avranno abbastanza cibo per crescere correttamente! Si possono considerare nella stessa categoria sia le lampade HPS che quelle ad alogenuri metallici. 

 

LEDDistanza
200-400w13cm
400-600w58cm
600-800w83cm
800-1000w90cm
+1000w100cm

 

In caso di dubbio, leggi anche le indicazioni fornite dal produttore e, ora che i LED sono disponibili anche come LED COB, la distanza tra le luci e le piante può essere diversa. I LED COB sono troppo forti. È meglio andare sul sicuro e posizionare le piante a qualche centimetro di distanza nella fase vegetativa per verificare come si comportano. Se noti che fanno fatica, è un'indicazione che devi allontanare le luci. Se invece notate che si allungano troppo e si afflosciano, è il momento di avvicinare le luci. Ora, se tutto fallisce e le piante non si riprendono, potete rimuovere alcune luci. Tieni presente che circa 100w per metro quadrato sono sufficienti per le piante e, se non c'è spazio sul tetto e non puoi allontanare la luce, puoi addestrare le piante con qualsiasi metodo LST.

UTILIZZARE UN LUXMETRO

Se non vuoi continuare a tirare a indovinare, è consigliabile usare un luxmetro per misurare la quantità di luce a cui sono esposte le tue piante. Per coloro che non hanno mai sentito parlare di questo termine, il lux è usato per misurare i lux luminosi per metro quadro. In ogni caso, un luxmetro fornisce sostanzialmente l'intensità della luce ed è essenziale per i coltivatori che vogliono fornire la giusta quantità di luce, poiché questo dispositivo ti aiuterà a determinare se le tue piante stanno ricevendo troppa luce, troppo poca o abbastanza luce.

Tieni presente che si raccomanda un'intensità di 35.000-70.000 lux per le piante in fase vegetativa e 55.000-85.000 durante la fase di fioritura. Se hai dei dubbi sul fatto che i sintomi che le tue piante mostrano siano causati dalla bruciatura della luce, assicurati di prendere un luxmetro e di misurarla. Se i lux sono troppo alti o troppo bassi, assicurati di regolare la distanza della luce dalla chioma e questo dovrebbe risolvere il problema.

E PER QUANTO RIGUARDA GLI AUTOFIORENTI?

Gli autofiorenti hanno comunque bisogno di molta luce, il che significa che il loro fabbisogno di lux è fondamentalmente lo stesso dei fotoperiodi; ovviamente, questo dipende dalla varietà, ma si può seguire questa indicazione come linea guida.

 

Lux Consigliato per Autofiorenti
Fase di semina5.000 - 7.000 lux
Fase vegetativa15.000 - 50.000 lux
Fase di fioritura45.000 - 65.000 lux

 

Tieni presente che gli autofiorenti non dovrebbero mai superare i 75.000 lux, a meno che non si stia iniettando CO2 o si abbia a che fare con una varietà in grado di sopportarla, poiché la maggior parte degli autofiorenti mostra sintomi di bruciatura da luce sotto i 75.000 lux o più. Questo dato è solo indicativo e può variare a seconda dell'allestimento e dell'impianto di illuminazione utilizzato, ma è una base che può aiutarvi a mantenere le autofiorenti felici e in salute.

FORMAZIONE A BASSO STRESS

La formazione a basso stress è un metodo che consiste nel piegare gli steli verso il lato del contenitore in modo che la luce penetri nella chioma. Poiché si piegano gli steli verso il basso, la distanza tra le luci e le piante si riduce automaticamente. Tuttavia, è bene ricordare che gli steli fanno del loro meglio per risalire e rivolgersi verso la luce, per cui è necessario utilizzare dei robusti cavi o fili che li tengano in posizione. Finché i fili non danneggiano le piante, è possibile effettuare l'LST quanto si desidera. L'LST funziona perfettamente per gli autofiorenti, ma va usato solo durante la fase vegetativa. In fin dei conti, l'LST è una tecnica che può stressare le piante, quindi è meglio non fare nulla di stressante per le piante in fase di fioritura.

 

LST può aiutarti a modellare la struttura della tua pianta e a evitare le bruciature da luce.

IL METODO DELLA LEGATURA

Come detto in precedenza, l'LST è un metodo in cui si piegano i rami per controllare l'altezza e modellare la struttura della pianta per adattarla meglio alla tenda di coltivazione e il metodo tie-down è il più conosciuto ed economico di tutti. Questo metodo consiste nel legare i rami ai lati, modellando la pianta lateralmente invece di farla crescere verticalmente e, in pratica, ottenendo gli stessi risultati del metodo SCRoG, ma consentendo di modellare la struttura della pianta come si desidera.

SCROG

Lo Screen of green (alias SCRoG) è una tecnica LST progettata per controllare l'altezza e migliorare le rese; simile al metodo di legatura, consiste nel piegare i rami verso il basso per ottenere una chioma ben distribuita, permettendo alla luce di raggiungere tutti i siti di fioritura in egual misura, migliorando così le rese e la crescita della pianta.

6. RECUPERO DELLE BRUCIATURE DA CANNABIS

Non esiste un trattamento per le bruciature da luce o un modo per riprendersi da una bruciatura da luce di cannabis, anche se le tue cime sono sbiancate, puoi ancora fumarle, inoltre puoi rimuovere la parte sbiancata e fumare il resto. Non importa se si tratta di una bruciatura da luce LED o HPS, la bruciatura da luce di marijuana non significa che i bud non siano adatti al consumo, ma che non ti faranno sballare troppo o non avranno un sapore o un aroma piacevole.

 

Apparecchio di illuminazione all'altezza giusta sopra il baldacchino.
 

A volte le foglie diventano completamente bianche; in questi casi, il danno è talmente grave che è troppo tardi per salvarle; questo non significa che dobbiate gettare le tue piante infestanti nella spazzatura, ma che non sarete in grado di invertire il danno fatto. Se noti i primi segni di foglie che diventano bianche, sei fortunato. Per prima cosa, puoi allontanare le luci e innaffiare le piante per aiutarle a ripristinare tutta l'umidità appena persa; puoi anche installare delle ventole di raffreddamento per ridurre il calore prodotto dalle luci. Questo è anche il motivo per cui la maggior parte dei coltivatori rifugge dalle luci HID. Le luci HID sono potenti, senza dubbio, ma il calore rilasciato è troppo per le piante e sarai costretto a usare potenti ventole. Con i LED, invece, il calore non è così elevato come quello delle HID e poiché la maggior parte dei nuovi LED è dotata di ventole di raffreddamento collegate all'unità, la dissipazione del calore non sarà un grosso problema.

 

È possibile rimuovere le parti sbiancate della pianta o addirittura coprirla per evitare di raggiungere nuovamente la luce.
 

Individua le foglie della pianta che diventano bianche e staccarle dalla pianta perché la stressano ulteriormente. Se le piante sono giovani e ancora in fase vegetativa, può essere utile tagliare le cime. Questo metodo, noto anche come topping e fimming, ridurrà notevolmente la distanza tra le luci e le piante. Naturalmente le cime ricresceranno, ma è possibile utilizzare una combinazione di LST e cimatura per garantire che le piante non siano troppo vicine alle luci.

7. COSA PUÒ INFLUENZARE LE BRUCIATURE DA LUCE?

Se stai soffrendo di bruciature da luce, ci sono altre cose che dovresti tenere a mente: di solito, quando le tue piante si bruciano da luce, è più probabile che il tuo spazio di coltivazione abbia una temperatura elevata e un'umidità bassa

BASSA UMIDITÀ

L'umidità ideale varia a seconda della fase in cui si trova la vostra cannabis; l'umidità dovrebbe iniziare a circa il 70% nella fase vegetativa, diminuire a circa il 60% durante la fase di prefioritura e la prima metà della fioritura, per poi raggiungere circa il 50% nelle ultime settimane della fase di fioritura.

 

Mantenere un'umidità adeguata può evitare i sintomi dello stress da calore.
 

Se non si regola l'umidità relativa, le piante possono subire uno stress termico ed essere più vulnerabili alle bruciature da luce. È quindi essenziale disporre di un termoigrometro per misurare l'umidità e la temperatura e regolarle correttamente.

SOLUZIONE

Se coltivi all'aperto non devi preoccuparti delle bruciature da luce, ovviamente l'umidità può influenzare il modo in cui le piante crescono, ma non soffriranno di bruciature da luce. Se invece coltivi al chiuso, puoi usare un umidificatore se cerchi una soluzione a lungo termine e vuoi investire nel tuo spazio di coltivazione, ma puoi anche riempire un paio di secchi d'acqua e posizionarli all'interno della tua tenda da coltivazione; questo non è il metodo ideale e può attirare gli insetti, ma se cerchi un modo semplice ed economico per aumentare i livelli di umidità per un breve periodo, questa è la strada da seguire.

TEMPERATURE ELEVATE

L'intervallo migliore per la coltivazione della cannabis è tra i 18 e i 25°C; se stai avendo delle leggere bruciature, è probabile che tu abbia problemi a mantenere la temperatura corretta. Tieni presente che le tue piante ti mostreranno che non sono soddisfatte anche prima della comparsa dei sintomi, quindi è essenziale mantenere le condizioni di coltivazione corrette se vuoi coltivare cannabis senza problemi.

 

Una corretta circolazione dell'aria è di grande aiuto quando si ha a che fare con le alte temperature.

SOLUZIONE

La soluzione per una temperatura elevata di solito consiste nell'aumentare la circolazione dell'aria e nell'appendere le luci più in alto; se questo non è possibile, dovrai ricorrere a un condizionatore, ma nella maggior parte dei casi riuscirai a risolvere il problema senza dover spendere troppo. Un altro modo è quello di annaffiare più spesso e con meno acqua: in questo modo le piante saranno sempre idratate e potranno affrontare meglio le alte temperature, ma non sarà efficace come avere le luci all'altezza giusta o aumentare la circolazione dell'aria.

8. IN CONCLUSIONE

Tieni presente che la bruciatura da luce della cannabis non è una malattia come la muffa o il virus del mosaico del tabacco, ma la bruciatura da luce o lo sbiancamento da luce è un sintomo che appare quando il tuo impianto di illuminazione ha una luce troppo forte o le cole crescono troppo e toccano le luci. Questo fenomeno è più comune quando si coltiva con le lampadine, ma può verificarsi anche con i LED di alta qualità, quindi assicurati di avere abbastanza spazio orizzontale e di sapere approssimativamente quanto cresceranno le tue piante prima di iniziare il ciclo di coltivazione. Non si tratta di un problema grave perché può essere risolto con le tecniche LST o semplicemente valutando le vostre lampade, ma come sempre è meglio prevenire che rimediare. La distanza tra il corpo illuminante e la chioma è fondamentale per la crescita delle piante: se le luci sono troppo alte le piante non cresceranno correttamente, mentre se sono troppo vicine possono finire per danneggiare le piante. Se hai coltivato cannabis sia con lampade ad alta pressione che con LED, non esitare a condividere i tuoi consigli e trucchi con gli altri coltivatori, lascia un commento nella sezione commenti qui sotto!

 

19 June 2022