FastBuds seedbank #1 with 10426 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10426 diaries on GrowDiaries
Affrettati! Acquista 1 Ottieni 1 gratis! Compra ora!

Tipi di contenitori per la coltivazione della cannabis autofiorente

Anche se può non sembrare, il tipo di vaso che usate può influenzare il modo in cui le vostre auto crescono.
09 October 2022
10 min read
Tipi di contenitori per la coltivazione della cannabis autofiorente

Contenuti:
  • 1. Cosa si dovrebbe cercare in un vaso?
  • 2. Vasi acquistati al negozio
  • 2. a. Contenitori di plastica
  • 2. b. Contenitori di argilla
  • 2. c. Contenitori di cemento
  • 2. d. Vasi intelligenti
  • 2. e. Vasi ad aria
  • 3. Pentole improvvisate
  • 3. a. Secchielli della vernice
  • 3. b. Bottiglie
  • 3. c. Contenitori in vetro
  • 4. Cosa si deve avere in mente quando si comprano vasi?
  • 5. Migliore vaso per autofiorente
  • 6. In conclusione

I vasi sono ampiamente disponibili in tutte le forme, dimensioni e materiali, anche se possono non sembrare così importanti, le radici crescono in esso e sono modellate dalla loro forma.

Quando si parla di autofiorenti, è essenziale scegliere un buon vaso che fornisca abbastanza ossigeno alle radici, perché le auto hanno un ciclo di vita limitato, quindi si dovrebbe cercare di far sì che la loro crescita proceda il più dolcemente possibile.

1. Cosa si dovrebbe cercare in un vaso?

Come avrai sicuramente notato passeggiando nei boschi o costeggiando una siepe, le piante non crescono nei vasi in natura: questi vasi sono un ambiente rigorosamente artificiale. I vasi hanno una serie di vantaggi: rendono le piante trasportabili, ne dettano le dimensioni e permettono di coltivare all'interno e all'esterno su superfici come il cemento. Tuttavia, questi vantaggi hanno un piccolo costo. I coltivatori devono gestire correttamente le loro piante in vaso. Durante il processo di coltivazione possono insorgere diversi problemi, tra cui l'irrigazione eccessiva e scarsa, la scarsa aerazione, il terreno compatto e la mancanza di diversità microbica. Di seguito, ti guideremo a capire cosa cercare in un vaso per ottenere i migliori risultati nella coltivazione di cultivar di cannabis autofiorenti. Prima di acquistare qualsiasi cosa, è importante sapere di cosa hanno bisogno le radici per crescere sane e forti. Come tutte le altre piante, le radici della cannabis hanno bisogno di ossigeno e di acqua per crescere.Una delle funzioni delle radici è quella di respirare, le radici contengono minuscoli pori chiamati stomi (proprio come quelli sulle foglie a ventaglio) che sono responsabili dello scambio d'aria tra l'atmosfera e l'aria nei vasi, assorbendo l'ossigeno e trasportandolo al resto della pianta. Similmente al modo in cui le radici assorbono l'ossigeno, assorbono anche l'acqua per osmosi, le cellule radicali sono adattate per assorbire acqua e sostanze nutritive, ecco perché si sviluppano in questo modo, coprendo una grande superficie possono infine assorbire più acqua.

 

Tipi di contenitori per la coltivazione di autofiorenti: cosa cercare

I vasi buoni dovrebbero fornire il drenaggio e l'ossigenazione per far prosperare le radici.
 

Come forse saprai, questi due elementi sono vitali per la crescita delle piante, ma in eccesso possono ucciderle. Troppa acqua da inondazione o per mancanza di drenaggio possono annegare le tue piante e questo vale anche per l'ossigeno, se il terreno contiene molto ossigeno le radici avranno problemi ad assorbire l'acqua e potrebbero finire morte. La scelta del vaso migliore, che dovrebbe avere un equilibrio di buon drenaggio e aerazione è essenziale quando si coltiva qualsiasi tipo di pianta e soprattutto quando si coltivano le autofiorenti. Devi anche considerare le dimensioni del tuo vaso. Le auto coltivate in contenitori piccoli non cresceranno molto. Allo stesso modo, quelle coltivate in vasi di grandi dimensioni realizzeranno il loro potenziale genetico e diventeranno più grandi. Se stai cercando di rimanere il più possibile nascosti o hai a che fare con uno spazio molto limitato, un vaso piccolo può aiutarti a facilitare una micro-coltivazione. Se vuoi allevare gli esemplari più grandi e produttivi possibile, opta per contenitori più grandi.

 

 Come viene assorbitaPerché è necessarioCome si usa
OssigenoLe radici rilasciano CO2 e assorbono ossigeno attraverso gli stomi.Le radici respirano per far sì che le cellule delle piante producano energia e continuino a crescere.L'ossigeno è utilizzato nel processo di fotosintesi dove il CO2 produce zucchero.
AcquaLe radici assorbono l'acqua per osmosi e le sostanze nutritive in essa contenute viaggeranno verso la vostra pianta.I minerali sono necessari per sviluppare le foglie e ingrassare le gemme.I nutrienti sono utilizzati nella fotosintesi insieme all'ossigeno per promuovere la crescita.

L'importanza e il modo in cui l'ossigeno e l'acqua sono utilizzati dalle piante di cannabis.
 

Ricordati che la quantità d'acqua di cui la tua pianta ha bisogno può variare da ceppo a ceppo e da pianta a pianta, ma tutte le piante (non solo la cannabis) hanno bisogno di acqua e ossigeno per poter continuare i loro processi che permettono loro di crescere sane.

2. Vasi acquistati al negozio

I vasi acquistati in negozio sono tutti i vasi che si possono facilmente trovare nei negozi di alimentari o dai fioristi. Ci sono innumerevoli tipi di vasi che si adattano bene, a seconda di dove e come si coltiva.

Contenitori di plastica

I contenitori di plastica sono lo standard che si può trovare ovunque, di solito sono molto economici e facili da usare. Quando si usano contenitori di plastica bisogna fare attenzione perché l'uso di un piccolo vaso può far sì che le radici si attacchino tra loro e che le auto possono alla fine diventare legate alla radice. Assicurati che forniscano un drenaggio sufficiente, i tuoi contenitori di plastica dovrebbero avere dei fori sul fondo per permettere all'acqua di defluire, se non li hanno puoi fare da soli, questo eviterà che le radici affoghino.

 

Tipi di contenitori per la coltivazione di autofiorenti: contenitori di plastica

I contenitori di plastica sono economici ed efficaci, perfetti per i coltivatori con un budget limitato.
 

Puoi coltivare con successo le tue autofiorenti in vasi da 5-12L, a seconda del ceppo specifico e dello spazio che hai, di solito, se stai crescendo al chiuso è una buona idea avere un piccolo piatto sul fondo per aiutare a catturare l'acqua che esce dal vaso quando innaffiate. I contenitori in plastica offrono ai coltivatori una serie di vantaggi, mentre alcuni modelli sono deboli e inconsistenti, quelli realizzati in plastica robusta e resistente dureranno per molte stagioni di coltivazione. Sebbene questi contenitori non abbiano l'aerazione fornita da altre opzioni, offrono una migliore ritenzione dell'umidità, il che significa che non dovrai idratare le piante così frequentemente.  Naturalmente, come tutte le cose, anche i vasi di plastica hanno i loro lati negativi. Tendono a trattenere il calore (soprattutto quelli neri), il che può diventare problematico in ambienti di coltivazione caldi. In questo caso, i benefici della ritenzione idrica si perdono a causa degli estremi ambientali che causano un eccesso di evaporazione.

Contenitori di argilla

Anche i vasi di argilla (o di ceramica) sono ampiamente disponibili, ma di solito si trovano in dimensioni più grandi e sono relativamente più costosi dei contenitori di plastica, ad esempio, anche se più costosi non significa che siano migliori, almeno per la coltivazione della cannabis.

 

Tipi di contenitori per la coltivazione di autofiorenti: vasi di argilla

I contenitori in argilla assorbono l'umidità in modo da evitare l'irrigazione eccessiva.
 

A seconda di dove vivi, i vasi di argilla possono essere una buona idea, perché aiutano ad assorbire l'umidità in eccesso, mantenendo comunque l'umidità media, ma potrebbero non essere la scelta migliore per i coltivatori indoor. Poiché sono abbastanza pesanti, può essere difficile spostarli, quindi se hai intenzione di usare vasi di argilla sarebbe meglio usare altri tipi di contenitori.

Contenitori di cemento

I vasi di cemento sono simili ai vasi di argilla, ma possono essere un po' più economici, sono anche un po' più robusti e possono durare a lungo, ma proprio come i vasi di argilla, i vasi di cemento sono pesanti da soli e quando si ha a disposizione il mezzo scelto e una pianta al loro interno, possono essere super pesanti.

 

Types of containers for growing autoflowers: cement pots

I vasi di cemento possono durare anni e anni, ma sono troppo pesanti per essere spostati facilmente, soprattutto all'interno..
 

Si consigliano i vasi di cemento se si hanno a disposizione, ma è meglio scegliere contenitori di plastica, se possibile. I contenitori di cemento sono di solito consigliati per piante che durano anni e anni, non è il caso delle piante di cannabis. Molti coltivatori di cannabis scelgono di coltivare in contenitori perché rendono le piante mobili. Se piove vicino al momento del raccolto o se si avvicina un forte vento, si può semplicemente prendere la pianta e spostarla in un luogo riparato. È possibile spostare i vasi di cemento, ma rendono questo lavoro molto più difficile a causa del loro peso.

Vasi intelligenti

Gli Smart Pots sono l'ultimo prodotto nel mondo dei contenitori, i vasi intelligenti sono fatti di tessuto e forniscono molta ossigenazione alle radici, il che li aiuterà a crescere meglio, ottenendo in ultima analisi una pianta più sana. A differenza dei contenitori di plastica, ad esempio, non dovrai preoccuparti del drenaggio, i vasi intelligenti in pratica impediscono alle radici di diventare legati alla radice perché se superano il vaso possono comunque crescere al di fuori di esso, anche se questo non è l'ideale.

 

Tipi di contenitori per la coltivazione di autofiorenti: vasi intelligenti

Le pentole intelligenti sono uno dei migliori tipi di contenitori, permettono il drenaggio dell'acqua e il corretto ricambio d'aria.
 

L'unico svantaggio è che i vasi intelligenti sono fatti di stoffa in modo che l'acqua possa arrivare ovunque quando si innaffia, si consiglia di mettere un telone per evitare di bagnare la tenda o un piattino per catturare l'acqua se coltivi al chiuso.

Vasi ad aria

Proprio come i vasi intelligenti, i vasi ad aria forniscono molto ossigeno alle radici per farle respirare quanto basta, l'unico aspetto negativo che non è affatto un grosso problema è che non hanno maniglie per facilitare la manipolazione, il che può essere utile se si devono spostare i vasi. Come suggerisce il nome, i numerosi fori situati nelle pareti di questi contenitori espongono le radici delle piante al contatto diretto con l'aria esterna al vaso. Le radici delle piante percepiscono l'alta concentrazione di aria e si auto-tagliano in modo efficace. Invece di continuare a crescere in una fitta spirale, che può ridurre l'assorbimento di nutrienti e acqua, le punte delle radici si fermano quando entrano in contatto con l'aria ed emettono ramificazioni più piccole, meno inclini ad aggrovigliarsi in modo dannoso. 

 

Tipi di contenitori per la coltivazione di autofiorenti: i vasi d'aria

I vasi ad aria sono simili ai vasi intelligenti, permettono un adeguato drenaggio e ossigenazione, ma possono essere un po' costosi.
 

I vasi ad aria sono fatti di plastica e hanno diversi fori lungo i lati in modo da non doversi preoccupare del drenaggio o dell'ossigenazione, ma il lato negativo è che possono essere un po' più costosi dei vasi normali, inoltre, quando si coltiva in vasi ad aria il mezzo può asciugare un po' più velocemente, quindi assicurati di regolare correttamente la quantità e l'acqua.

3. Pentole improvvisate

I coltivatori con un budget non possono spendere a meno che non sia estremamente necessario, le piante di cannabis possono essere coltivate in qualsiasi tipo di contenitore, a patto che forniscano un adeguato drenaggio e ossigeno. Ricorda che la luce del sole non deve raggiungere le radici, quindi è fondamentale che il vaso improvvisato non sia bianco o chiaro. 

Secchielli della vernice

I secchi di vernice sono un buon modo per coltivare la cannabis senza spendere troppo perché si possono trovare in quasi tutte le dimensioni, l'unico problema è che non contengono fori per il drenaggio dell'acqua ma si possono fare facilmente da soli. Tuttavia, se possiedi un trapano o riesci a procurartene uno, stai praticamente creando un contenitore di plastica. L'unica differenza è che costano molto meno. Se ti rechi in un qualsiasi vivaio o centro di giardinaggio, scoprirai che spesso i secchi vengono venduti a un prezzo inferiore rispetto ai vasi di plastica per piante. Inoltre, la maggior parte dei vasi di plastica in vendita sono neri o marroni. Se vivi in una regione calda, puoi trasformare un secchio bianco in un vaso che riflette il calore e rimane più fresco durante il giorno. 

 

Tipi di contenitori per la coltivazione di autofiorenti: secchi di vernice

I secchielli per la vernice sono una buona alternativa ai contenitori di plastica, ma si consiglia vivamente di praticare dei fori di drenaggio sul fondo.
 

Un altro problema è che a volte la vernice può contenere piombo che può essere dannoso se il tuo impianto finisce per assorbirlo, quindi devi assicurarti di lavare accuratamente il secchio e che non ci sono più segni di vernice.

Bottiglie

Le bottiglie di soda possono essere utilizzate anche per la coltivazione di autofiorenti, anche se la dimensione avrà un'influenza sulla loro altezza e a volte può finire per essere legata alle radici. Assicurati di fare anche piccoli fori di drenaggio per non affogare le tue piante.

 

Tipi di contenitori per la coltivazione di autofiorenti: bottiglie di plastica

Si consiglia di fare attenzione quando si coltiva in bottiglie di plastica, anche se è possibile, le tue piante possono diventare legate alla radice.
 

Poiché le bottiglie sono trasparenti, dovrai dipingerle di nero o coprire la bottiglia con un telone nero, ma questo può finire per aumentare la temperatura del mezzo, quindi se stai provando questo, si consiglia di controllare attentamente la crescita delle tue piante.

Inoltre, proprio come i secchi di vernice, le bottiglie non sono dotate di fori di drenaggio, quindi dovrai farle te stesso.

Contenitori in vetro

I contenitori di vetro dovrebbero essere la vostra ultima risorsa perché non sarà facile farci dei buchi e non c'è un modo semplice per dipingerli, anche se gli autofiorenti possono essere coltivati in vasi di vetro, vi raccomandiamo di starne lontani.

Questo tipo di contenitore può essere abbastanza costoso se paragonato ai vasi di plastica, quindi a meno che tu non possa trovare o permettervi vasi di plastica (che sono super economici) allora sceglili, ma è più probabile che avrai difficoltà nel ciclo di coltivazione se non sei un coltivatore esperto.

4. Cosa si deve avere in mente quando si comprano vasi?

Quando scegli quale vaso acquistare, dovresti prima avere una stima di quanto saranno alte le tue autofiorenti, sapendo cosa aspettarti eviterai problemi come le piante legate alle radici o estremamente corte.

 

Tipi di contenitori per la coltivazione di autofiorenti: cosa tenere presente

L'ossigenazione e il drenaggio dell'acqua sono le cose principali che dovresti avere in mente quando comprate vasi.
 

Un'altra cosa molto importante da ricordare è che gli autofiorenti non vanno bene quando vengono trapiantati, quindi non si dovrebbe iniziare in un vaso più piccolo e poi trapiantarlo in uno più grande, si consiglia di iniziare nel contenitore finale in modo da evitare ogni possibile problema.

Vedrai un'enorme differenza tra radici che crescono in un terreno umido ben areato e radici che crescono in un terreno precario.

Le radici sono il fondamento di tutte le piante, è essenziale crescere in vasi con un buon drenaggio e una corretta ossigenazione, non scegliere vasi che si asciugano velocemente o che lasceranno le radici nuotare in acqua, si dovrebbe puntare ad un terreno umido.

5. Migliore vaso per autofiorente

Non esistono vasi progettati appositamente per le autofiorenti, ricordati che anche se la cannabis automatica ha il tratto autofiorente, è comunque una pianta e finché il tuo vaso fornisce abbastanza ossigeno e drenaggio per le radici per crescere correttamente, ti andrà bene coltivare qualsiasi tipo di pianta, compresa la cannabis autofiorente.

6. In conclusione

Anche se può sembrare la cosa meno importante quando si coltiva la cannabis, il vaso è il luogo in cui si mette il substrato in cui cresceranno le radici, quindi in realtà è piuttosto importante, il substrato è l'ambiente in cui crescono le radici e, se messo in questo modo, è importante quanto l'ambiente in cui crescono le vostre piante.

Se hai contenitori fai da te o altri suggerimenti che vorresti condividere con altri coltivatori, lascia un commento nella sezione commenti qui sotto!

09 October 2022