FastBuds seedbank #1 with 10426 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10426 diaries on GrowDiaries

Che cos'è la Cannabis Autofiorente?

La tua guida alla Cannabis Autofiorente. Che cos'è e perchè dovresti crescerla.
Author Ryan
08 September 2022
7 min read
Che cosè la Cannabis Autofiorente?

Contenuti:
  • 1. è fantastico, ma cosa significa "autofiorente"?
  • 2. Perché dovrei coltivare cannabis autofiorente?
  • 3. Le autofiorenti sono una novità?
  • 4. Come iniziare con le autofiorenti?
  • 5. In conclusione: il futuro delle autofiorenti

Fast Buds è una pluripremiata banca dei semi specializzata in cannabis autofiorente. Che cosa significa? Significa che i nostri semi producono piante potenti, che maturano rapidamente e, soprattutto, sono facili da coltivare.

1. È FANTASTICO, MA COSA SIGNIFICA "AUTOFIORENTE"?

Si può pensare all'autofiorenza come alla cannabis che cresce con il pilota automatico. Ecco come funziona: una pianta di cannabis ha due fasi di crescita principali, la fase vegetativa e la fase di fioritura. La fase vegetativa è quella in cui la pianta diventa grande e robusta, abbastanza forte da sostenere quelle cime massicce e piene di resina che sperate di vedere. La fase di fioritura, invece, è quella in cui la pianta smette di crescere e dedica tutte le sue energie a produrre i fiori ricchi di THC o CBD che chiamiamo cime.

I coltivatori usano la luce per controllare quando il loro raccolto esce dalla fase vegetativa e inizia a fiorire. Durante la fase vegetativa, la pianta riceve diciotto ore di luce seguite da sei ore di buio, imitando il sole estivo. Il coltivatore può far credere alla pianta che sia autunno passando a un ciclo giorno/notte di dodici ore. Questo cambiamento attiva il sistema riproduttivo della pianta, che inizia a fiorire e a produrre cime.

 

Con le autofiorenti non è necessario passare a 12/12 per innescare la fioritura.
 

Sapere quando passare dalla coltivazione alla fioritura è difficile. Se si passa troppo presto alla fase di fioritura, la pianta immatura offrirà solo una scarsa produzione di cime deboli. Ancora peggio, una pianta giovane può collassare sotto il peso dei suoi stessi fiori. Se la pianta viene coltivata troppo a lungo non muore, ma ritarda il momento del raccolto. Molti coltivatori impazienti si sono pentiti di una fioritura troppo precoce, mentre quelli più cauti spesso aspettano più del necessario prima di raccogliere.

Le autofiorenti rendono questo dilemma una reliquia del passato. Queste piante di cannabis fioriscono automaticamente, quando sono pronte, e non un attimo prima o dopo. Il coltivatore non deve preoccuparsi di cambiare i timer della luce o di spostare le cassette di coltivazione. Autofiorente significa non preoccuparsi di cambiare troppo presto e non dover aspettare più del necessario prima di raccogliere.

2. PERCHÉ DOVREI COLTIVARE CANNABIS AUTOFIORENTE?

Non solo semplifica il processo di coltivazione e di illuminazione, ma i fiori autofiorenti maturano velocemente e sono perfetti sia che si coltivi in un magazzino che in uno sgabuzzino. Quando una pianta di marijuana fiorisce automaticamente, non dovrete più preoccuparvi di garantire che riceva quantità uguali di luce e di buio. Ha un timer naturale per il conto alla rovescia che avvia la produzione di gemme. È sufficiente fornire la maggior quantità possibile di luce solare diretta (se all'aperto) o almeno 18 ore di illuminazione interna al giorno per tutta la durata della coltivazione.

La maturazione autodiretta è solo uno dei vantaggi delle piante autofiorenti: crescono anche più velocemente. Alcune varietà autofiorenti, come la LSD-25 di Fast Bud, possono crescere dal seme al raccolto in appena otto o nove settimane. Date un'occhiata alla pianta che cresce qui sotto e immaginate di raccogliere ogni due o tre mesi. Altre varietà, come la nostra Fastberry, producono cime resistenti su strutture corte e tozze, rendendole perfette per i coltivatori che apprezzano la discrezione o che hanno uno spazio limitato. È anche possibile tenere piante da fiore e vegetative nella stessa grow box senza influenzare il ciclo di vita di una delle due, perfetto per i coltivatori in una piccola casa o appartamento.

 "Quando una pianta di marijuana fiorisce automaticamente, non dovrete mai preoccuparvi di assicurarvi che riceva la stessa quantità di luce e di buio".

Se coltivi all'aperto, le varietà autofiorenti ti permettono di raccogliere due volte l'anno o più. Se coltivi all'aperto, le piante a fotoperiodo fioriscono una volta all'anno, quando le limitate ore di luce dell'autunno lo fanno scattare. I coltivatori piantano presto per dare al loro raccolto il tempo di vegetare e di diventare resistente. La cannabis autofiorente, invece, fiorisce secondo il suo orologio genetico. Questo permette di raccogliere una volta a metà estate e una volta in autunno.

I climi caldi permettono di raggiungere un numero di raccolti annuali pari a tre o più. Ad esempio, se un coltivatore all'aperto pianta semi autofiorenti in aprile (variante Blue Dream di Fast Buds, Blue Blue Dream'matic), può raccogliere a metà giugno, quindi piantare di nuovo e ottenere un secondo raccolto in agosto. Se si inizia abbastanza presto, o se si vive in un clima mite simile a quello della California meridionale o del Mediterraneo, si può addirittura ottenere un terzo raccolto in ottobre, il mese tradizionale per la raccolta delle piante a fotoperiodo in gran parte degli Stati Uniti. Questo presuppone che ogni ciclo duri circa dieci settimane, il che corrisponde al tempo medio di coltivazione delle varietà di Fast Buds.

"La cannabis autofiorente permette di aumentare il numero di raccolti, sia che si coltivi indoor che outdoor".

3. LE AUTOFIORENTI SONO UNA NOVITÀ?

La cannabis autofiorente esiste da milioni di anni, ma è solo nell'ultimo decennio che i selezionatori di alto livello sono riusciti a sfruttare questa superpotenza per l'uso nella cannabis medica e ricreativa. Come tutta la cannabis coltivata oggi, queste piante sono il prodotto di anni di ricerca e sperimentazione. La loro origine esatta non è chiara, ma le prime piante di cannabis autofiorenti sono apparse sulla scena a metà degli anni 90. Ibridi di Sativa messicana e canapa industriale, sono stati probabilmente secreti da un laboratorio universitario del Nord America.

La genetica industriale delle prime autofiorenti limitava il loro contenuto di cannabinoidi. I coltivatori le ignorarono in gran parte fino a quando un uomo di nome Joint Doctor incrociò queste prime piante autofiorenti con una genetica di alto livello. Il risultato fu la Lowryder, la prima pianta autofiorente disponibile in commercio. Non era perfetta - il suo contenuto di THC era medio e le rese erano ridotte - ma era perfetta per chi voleva coltivare in modo discreto per uso personale.

 

Gli autofiorenti esistono da circa un paio di decenni, ma hanno guadagnato popolarità solo di recente.
 

Nel corso degli anni, gli allevatori hanno utilizzato l'umile Lowryder e la canapa industriale per creare varietà autofiorenti delle migliori varietà del mondo. Non è stato facile. Queste piante sono organismi viventi affinati dall'evoluzione per vivere in natura. Addomesticare i geni selvatici per ottenere un'ottima cannabis ha richiesto tempo, sforzi e un pizzico di fortuna. Noi di Fast Buds siamo orgogliosi delle nostre piante allevate in modo selettivo, che offrono un gusto, un aroma, una resa e degli effetti di alto livello.

"La cannabis autofiorente esiste da milioni di anni, ma è solo nell'ultimo decennio che gli allevatori ne hanno addomesticato la genetica per l'uso a scopo medico o ricreativo".

4. COME INIZIARE CON LE AUTOFIORENTI?

Per prima cosa, seleziona la tua varietà dal nostro catalogo in continua crescita. Se questo ti sembra un po' eccessivo, visitate la sezione "Scegliere la varietà giusta" (in arrivo!). Dopo la scelta e l'ordine, assicurati di consultare la nostra Guida alla germinazione. Piantate il seme germinato, annaffiate e nutrite la tua pianta e raccoglierete le tue cime prima che te ne accorga.

 

Tutto inizia con la germinazione di un seme!
 

La cannabis autofiorente facilita la coltivazione e, grazie alle genetiche moderne, non è necessario sacrificare la resa, la potenza o il contenuto di cannabinoidi desiderato. Esistono anche varietà di cannabis autofiorente ad alto contenuto di CBD, come la nostra CBD Crack. Sia che si tratti della tua prima coltivazione, sia che ti occupi di piante da decenni, i semi autofiorenti sono una scelta naturale.

5. IN CONCLUSIONE: IL FUTURO DELLE AUTOFIORENTI

Abbiamo quindi analizzato la storia delle piante di cannabis autofiorenti e la loro origine, come funzionano le piante di cannabis autofiorenti, perché pensiamo che dovresti coltivare le autofiorenti rispetto alle loro cugine a fotoperiodo e come iniziare a coltivare queste meravigliose piante. Ma cosa riserva esattamente il futuro alle varietà di cannabis a fioritura ordinata? Beh, ad essere del tutto onesti, questo tipo sembra essere il limite (quasi letteralmente). Se diamo un'occhiata agli ultimi due anni di miglioramenti autogenetici, possiamo fare alcune ipotesi informate su dove potremmo essere tra altri cinque anni o giù di lì. Solo nel 2016 Fast Buds ha rilasciato la versione automatica della straordinaria colla di gorilla. Questa è stata la prima autofiorente a superare la soglia del 25% di THC, e cavolo se è decollata. In pochi mesi, Gorilla Glue Automatic è diventata rapidamente la nostra varietà più venduta di tutti i tempi. Da allora abbiamo creato diverse varietà che superano il 25% di THC e abbiamo anche fatto un'immersione profonda nel mondo dei fiori con CBD.

Oggi è possibile trovare quasi tutte le varietà a fotoperiodo preferite in versione a fioritura automatica, e ci si può aspettare che questa sia la norma d'ora in poi. Per certi versi, le auto stanno superando le varietà a fotoperiodo grazie al duro lavoro e alla dedizione dei coltivatori di tutto il mondo. Grazie al patrimonio genetico della Ruderalis, le autofiorenti possono essere coltivate in un insieme molto più ampio di condizioni climatiche rispetto alle varietà a fotoperiodo. Possono essere coltivati anche ad altitudini più elevate e possono essere avviati molto prima nella stagione se si coltiva all'aperto. Un altro grande vantaggio è rappresentato dagli alti livelli di resistenza naturale dei ceppi autofiorenti contro parassiti, malattie e muffe. Nei prossimi anni, ci aspettiamo che le varietà auto continuino a dominare alcune sezioni del mercato, soprattutto tra i coltivatori hobbistici e domestici. Questo non significa che le varietà auto non funzionino bene in ambienti commerciali, ma solo che i cambiamenti del mercato commerciale sono un po' più lenti.

 

Author Ryan
08 September 2022