FastBuds seedbank #1 with 9695 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 9695 diaries on GrowDiaries

Come Si Producono I Semi Di Cannabis

Tutti sanno che la cannabis cresce dai semi, ma sai come vengono creati i semi?
10 August 2022
9 min read
Come Si Producono I Semi Di Cannabis

Contenuti:
  • 1. Cannabis fotoperiodica
  • 1. a. Cannabis fotoperiodica regolare
  • 1. b. Cannabis fotoperiodica femminizzata
  • 2. Cannabis a fioritura automatica
  • 3. Come creare i tuoi semi
  • 3. a. Semi regolari fotoperiodici
  • 3. b. Semi femminizzati fotoperiodici
  • 3. c. Semi autofiorenti femminizzati e regolari
  • 4. Raccolta e conservazione del polline e tecniche di impollinazione corrette
  • 5. In conclusione

Quando si tratta di piante di cannabis, i semi femminizzati sono i più conosciuti. Sai cosa significa auto e regolare?

1. Cannabis fotoperiodica

Il fotoperiodismo non è unico per le piante di cannabis, molte piante da fiore avvertono i cambiamenti nella durata della notte e del giorno e usano questi cambiamenti come segnali per quando fiorire. Le piante di cannabis fotoperiodiche sono proprio così, rispondono sostanzialmente ai cambiamenti nel ciclo della luce. Man mano che la notte si allunga all'inizio dell'autunno (nella natura) o quando si passa al 12/12 indoor, la pianta riceve più oscurità. Questo fa sì che la pianta si renda conto che il suo ciclo vitale sta per finire e inizieranno a fiorire (femmine) o a produrre polline (maschi) per riprodursi prima dell'inverno.

Cannabis Fotoperiodica Regolare

La cannabis normale è la cannabis fotoperiodica che produce piante sia maschili che femminili. Sono chiamati regolari perché sono prodotti in "modo naturale": il polline della pianta maschile impollina la femmina, dando origine a semi. All'epoca l'unico modo per coltivare cannabis era con semi regolari, in questo modo avresti ottenuto metà piante maschili e metà femmine. C'è una grande differenza tra piante maschili e femminili, mentre la femmina produce gemme, le piante maschili crescono solo sacche di polline.

 

Differenza tra piante di Cannabis maschio e femmina

Differenza tra piante di cannabis maschili e femminili.
 

In natura le sacche di polline di cannabis maschile si apriranno per rilasciare polline che impollinerà i fiori femminili, producendo così semi. Ma la maggior parte dei coltivatori che lavorano con cannabis commercialmente o per il proprio consumo vogliono solo gemme, permettendo ai maschi di impollinare le gemme rovinerebbe il loro raccolto perché l'impollinazione riduce la potenza e la resa, quindi sono principalmente alla ricerca di piante femminili.

Cannabis fotoperiodica femminizzata

Per evitare completamente l'impollinazione accidentale e altri problemi relativi alle piante maschili, sono stati creati semi femminizzati. I semi femminizzati provengono dall' incrocio di due piante femminili, una delle quali è stressata, quindi inizia a produrre sacche di polline, che fertilizzeranno l'altra femmina. Quando coltivi semi femminizzati, la prole sarà solo piante femminili. Questo elimina gran parte del lavoro inutile che puoi avere quando i maschi crescono e loro non sono in grado di usarli. Sin dal boom dei semi femminizzati nel 1998, i coltivatori hanno smesso di acquistare semi regolari per un bel po'. Oggi la maggior parte delle banche di semi non vende più nemmeno semi regolari. Con così tanta attenzione ai semi femminizzati, non possiamo dimenticare che i semi regolari sono fondamentali per la creazione di nuove varietà.

2. Cannabis a fioritura automatica

Devi già sapere che la caratteristica che rende un'autofiorente un'auto è che non hanno bisogno di un ciclo di luce diverso per entrare nella fase di fioritura. Come dice il loro nome, le autofiorenti iniziano a fiorire automaticamente a seconda dell'età, a differenza della cannabis normale e femminizzata che ha bisogno di un cambiamento nel ciclo della luce per iniziare a fiorire. Le auto non hanno bisogno di nient'altro che il tempo per iniziare a produrre gemme.

Ma quel tratto non è nato dal nulla, è apparso come un adattamento all'ambiente. Probabilmente hai sentito parlare di Cannabis Indica e Sativa ... beh, il gene autofiorente proviene dalla Cannabis Ruderalis. Le specie Ruderalis si sono adattate ai climi estremamente freddi e rigidi di Asia, Europa e Russia. Queste regioni hanno stagioni calde più brevi e temperature più fredde. Per questo motivo, Ruderalis ha iniziato a mutare da una pianta fotoperiodica a una pianta autofiorente, per garantirne la riproduzione prima che le temperature raggiungessero i livelli di congelamento. Grazie a questo adattamento, ora abbiamo autofiorenti che impiegano molto meno tempo dal seme al raccolto.

3. Come creare i tuoi semi

Produrre i tuoi semi è relativamente facile se hai ciò che è necessario ma ciò non significa che il risultato sarà una varietà perfetta. I buoni ceppi o "IBL" che la maggior parte delle banche di semi vendono sono ceppi che sono stati sviluppati per anni e sono di gran lunga nella terza o quarta generazione. IBL o ceppo stabilizzato significa che la prole avrà determinate caratteristiche bloccate. Quando attraversi due ceppi per la prima volta, la prole può avere infiniti fenotipi e questo non è buono per la commercializzazione.

Semi regolari fotoperiodici

Quando parliamo di cannabis, è facile dimenticare le piante maschili.

Oggi tutti sono abituati ai bellissimi fiori che amiamo tutti, ma è importante ricordare che le piante di cannabis maschili sono importanti tanto quanto le femmine. Le piante di cannabis maschili producono polline e sono un elemento essenziale per la produzione di nuove piante di cannabis. Questo polline è estremamente importante nell'allevamento in quanto consente agli allevatori di creare croci con genetiche di piante diverse e creare i propri semi. Per produrre semi tutto ciò che serve è polline e gemme. Il polline di cannabis non è diverso dal polline normale prodotto da altre piante. È una polvere fine che di solito ha un colore giallo dorato ed è escreta dal sacco pollinico sulle piante maschili.

 

Sacco pollinico su pianta di cannabis maschio

Sacca di polline su una pianta di cannabis maschile.
 

La raccolta del polline è semplice. Saprai quando è pronto per essere raccolto quando i sacchi di polline sono aperti e vedi il polline fluttuare nell'aria e sulle foglie vicino a loro. Quando ciò accade, puoi rimuovere delicatamente le sacche e conservarle in un sacchetto a chiusura lampo, una volta che sei pronto per impollinare, rilascia il polline sui boccioli. Un altro modo è quello di agitare semplicemente le tue piante maschili vicino alle piante femminili, il polline si attaccherà alle gemme. Il polline viene utilizzato per impollinare le piante femminili e creare semi. In natura, le piante femminili vengono impollinate dal vento che trasporta il polline maschio. I semi di cannabis si sviluppano nei germogli circa 4-6 settimane dopo l'impollinazione, vedrai i calici iniziare a arrotondare per eccesso dai semi che sono al loro interno.

 

Semi

Dopo 4-6 settimane dalla polinazione, i semi di cannabis si svilupperanno all'interno dei calici.
 

Le gemme impollinate sembrano abbastanza diverse dalle gemme normali. Di solito non hanno tanti tricomi e di solito sono più piccoli e molto più gonfi. 4 settimane dopo l'impollinazione, puoi iniziare a controllare i germogli per vedere se i semi sono pronti per il raccolto raccogliendo un paio di semi dal germoglio. I semi maturi avranno un guscio duro e saranno di colore marrone scuro, potrebbero anche avere delle strisce sul guscio esterno.

Semi femminizzati fotoperiodici

Normalmente, una pianta di cannabis maschile deve impollinare una pianta femminile per produrre semi. I semi regolari risultanti conterranno circa metà semi maschili e metà femminili. Il modo in cui vengono prodotti i semi femminizzati è lo stesso, ma invece di raccogliere il polline da un maschio, gli allevatori stresseranno o spruzzeranno fiori con argento colloidale, per esempio. Questo processo obbliga le piante femminili a diventare ermafrodite e inizia a produrre sacche di polline. Le piante ermafrodite sono femmine che si trasformano a metà in maschi, questo significa che ha sia parti maschili (sacche polliniche) sia femmine (gemme).

 

Come riconoscere una pianta di Cannabis ermafrodita

Come riconoscere una pianta di cannabis ermafrodita.

Selezionando le sacche di polline e usando il polline "femminile" per impollinare un'altra pianta femminile, avrai solo geni femminili in quanto non esiste un "padre", in questo modo otterrai semi femminizzati, il che significa che la prole sarà composta da piante femminili al 100%.

Semi autofiorenti femminizzati e regolari

Semi autofiorenti regolari

Di solito, puoi trovare semi regolari e femminizzati, e questo vale anche per i semi autofiorenti. Ciò significa che puoi trovare autofiorenti maschili e femminili, a seconda del tipo di seme che acquisti (normale = 50% maschio e 50% femmina, femminizzato = 100% femmina). Sfortunatamente l'elevato aumento della produzione di semi femminizzati ha interessato anche i semi automatici. Anche se al giorno d'oggi non è comune trovare semi automatici regolari, esistono. Per produrre semi autofiorenti regolari tutto ciò che serve è polline maschio e gemme femminili, proprio come per la normale cannabis fotoperiodica. Il processo è sostanzialmente lo stesso, raccoglie il polline dal maschio e lo distribuisce sui germogli, questo si tradurrà in semi autofiorenti regolari.

Semi autofiorenti femminizzati

Il processo di produzione di semi autofiorenti femminizzati è quasi lo stesso, l'unica differenza è che avrai bisogno di due auto femminili invece di un maschio e una femmina. Dovrai fare in modo che una delle tue auto femminili produca polline, stressandola o spruzzando argento colloidale e impollinando l'altra femmina. Ciò si tradurrà in una prole automatica femminile al 100%.

4. RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL POLLINE E TECNICHE DI IMPOLLINAZIONE CORRETTE

Il processo di raccolta del polline da una pianta di cannabis maschio o ermafrodita è un gioco da ragazzi, ma bisogna fare molta attenzione se si hanno piante femmine nelle vicinanze. Una pianta maschio o ermafrodita può impollinare un'intera coltura se non si è attenti e consapevoli dello stadio in cui si trovano i sacchi pollinici, quindi cerca sempre di tenere le piante produttrici di polline ben isolate dalle femmine che vuoi mantenere prive di semi. Il modo migliore per raccogliere il polline è rimuovere con cura l'intero capolino del sacco pollinico, lasciarlo asciugare per un paio di giorni o una settimana e poi trasferirlo in un contenitore sigillabile o in un sacchetto con chiusura a zip. Una volta nel sacchetto o nel contenitore, si può scuotere un po' il tutto e il polline dovrebbe cadere subito fuori. La temperatura e i livelli di umidità sono i fattori più importanti da controllare. Il nostro metodo collaudato per la conservazione del polline di cannabis in casa è il seguente:

  • Raccogli il polline e mettilo in un contenitore sigillato o in un sacchetto con chiusura a zip.
  • Aggiungi della normale farina da forno - circa il doppio del peso del polline. Non è necessario che sia molto preciso, ma aiuta molto ad assorbire l'umidità e a distribuire il polline più a lungo.
  • Metti il tutto in freezer, dove può essere conservato fino a un anno.
  • Il polline odia le fluttuazioni di temperatura, quindi lascialo lì finché non sei sicuro di usarlo.

Quando sei pronto a impollinare la tua pianta, il processo è di nuovo un gioco da ragazzi, ma devi fare molta attenzione a non spargere il polline sulle piante che vuoi che rimangano senza semi. Questo può essere un po' difficile se le piante sono radicate nel terreno, ma se sono in vaso il lavoro è molto più sicuro.

Basta spostare la pianta femmina che si desidera produrre semi in un'area ben lontana dal resto della coltura. Ci sono diversi modi per impollinare le piante, ma il nostro metodo preferito è questo:

  • Aspetta che la pianta femmina sia nella seconda o terza settimana del ciclo di fioritura. A questo punto, dovresti vedere i pistilli formarsi completamente (le piccole escrescenze bianche simili a peli).
  • Prendi il polline raccolto in precedenza dal congelatore e lascialo arrivare a temperatura ambiente per qualche ora.
  • Immergi un pennellino o un cotton fioc nel polline e applicatelo sui pistilli dei germogli che vuoi far germogliare.
  • Si consiglia di concentrarsi sui punti di germogliazione dei rami più bassi, le aree di produzione dei germogli di popcorn. Queste cime sono di solito di qualità inferiore in termini di fumabilità e produzione di tricomi, quindi usale per i semi!
  • I semi di solito impiegano circa 4 - 5 settimane per maturare completamente. Un seme di cannabis maturo è di colore marrone con strisce tigrate e un guscio esterno duro. 

Una domanda comune che ci viene posta è: quanti semi produrrà un singolo sito di germinazione? È una domanda a cui è impossibile rispondere, poiché varia molto a seconda dei ceppi e delle dimensioni del sito di germinazione. Ma una pianta completamente impollinata può produrre MOLTI semi.

5. In conclusione

Anche se è abbastanza facile produrre semi, ti consigliamo di fare un po 'di esperienza prima di provarlo. Consigliamo varietà facili da coltivare come la Zkittlez Auto per iniziare ad acquisire esperienza prima di iniziare la riproduzione.

 

Un'operazione di allevamento richiede molta cautela, anche la più piccola quantità di polline può rovinare l'intero raccolto. Ricorda che dovresti sempre comprare semi da una banca di semi rispettabile. Se acquisti cattiva genetica, le tue piante possono diventare facilmente un ermafrodito e ciò che inizialmente era economico può finire per essere sorprendentemente costoso.

10 August 2022