FastBuds seedbank #1 with 9695 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10011 diaries on GrowDiaries

Miti sulla cannabis: Cenere bianca contro cenere nera

Visto che Myth Busters non ha fatto il lavoro dovremo farlo noi...
22 July 2022
9 min read
Miti sulla cannabis: Cenere bianca contro cenere nera

Contenuti:
  • 1. Il mito della cenere bianca contro la cenere nera
  • 2. L'impatto delle temperature di combustione
  • 3. Cosa ha scoperto la ricerca sulle ceneri del tabacco
  • 4. Ma prima... che cos'è il flushing e il curing?
  • 4. a. Cosa significa stagionare la cannabis e come influisce sulla qualità?
  • 5. Conclusione

Se anche tu sei uno di quei fumatori che amano partecipare alle discussioni sull'erba e le sue origini, i miti e le leggende, allora potresti aver sentito un bel po' di storie su questa pianta magica. Per esempio, forse conoscete la storia del 420. Si dice che il termine sia emerso negli anni '70 quando un guardacoste, nella paura di essere arrestato, regalò una buona quantità di erba a un gruppo di studenti attraverso una sorta di mappa del tesoro che aveva fatto verso le piante. Il gruppo si riuniva alle 4:20, ne fumava una e andava alla ricerca. 

 

Il mito della cenere bianca è vero o falso? È ora di scoprirlo.

Il mito della cenere bianca è vero o falso? È tempo di scoprirlo.
 

Tuttavia, ci sono altri miti meno conosciuti sulla marijuana di cui potreste non aver sentito parlare, come quello della cenere bianca contro la cenere nera. Forse l'idea vi suona familiare, oppure no, comunque, tuffiamoci subito in questa storia e vediamo se riusciamo a sfatare questo mito. 

 

Sebastian Good ti spiega meglio i tipi di cenere.

1. Il mito della cenere bianca contro la cenere nera

Quindi, nel caso non aveste mai sentito parlare del mito della cenere bianca o nera, ecco come funziona. Le persone che diffondono questo racconto popolare sostengono che quando si bruciano i bud di cannabis, se la cenere è bianca o grigio chiaro, allora significa che i bud che avete in mano sono di qualità superiore. 

Presumibilmente, se le vostre cime sono state sciacquate correttamente e ben curate, cosa che spiegheremo più avanti, allora dovrebbero bruciare su una chiara scala di grigio e bianco. Nel frattempo, una cenere di colore grigio scuro o nero, secondo questo mito, è un indicatore che la pianta è stata sovralimentata con fertilizzanti o trattata con prodotti chimici.

 

Black ash doesn't necessarily mean bad weed quality, but it's not such a good indicator

La cenere nera non significa necessariamente cattiva qualità dell'erba, ma non è un buon indicatore.
 

Beh, la cenere potrebbe davvero darci dei suggerimenti sulla qualità dei nostri prodotti? Potrebbe. In primo luogo, la marijuana non dovrebbe mai, mai, scoppiare o fare alcun suono scoppiettante mentre brucia, quindi se la vostra erba lo fa, allora prendetevi un momento serio per analizzare perché lo sta facendo. Tuttavia, dato che questo è solo un mito urbano, non c'è molta ricerca che possiamo trovare sull'argomento. Quindi, per identificare se questo mito è vero o falso, forse dare un'occhiata agli studi precedenti sulla combustione e le ceneri del tabacco potrebbe essere di buon aiuto. 

2. L'impatto delle temperature di combustione

La cenere come la conosciamo noi, non esclusivamente quella della cannabis, è una complessa combinazione di minerali, carbone e carbonella. E per quanto possa sembrare sorprendente, la cenere può dare grandi indizi su molti aspetti diversi riguardanti il fuoco e gli eventi legati al fuoco.

Per esempio, la cenere viene studiata nel caso di incendi selvaggi per avere un'idea della temperatura di combustione. Quando la temperatura di combustione è alta, il materiale organico bruciato e le concentrazioni di azoto si abbassano, portando a un colore della cenere più chiaro, da qualche parte tra il grigio e il bianco. Quando le ceneri raggiungono il loro colore più chiaro, sono composte principalmente da composti inorganici cristallini o amorfi.

 

Temperatura inferiore a 450° CCombustione non terminata, composti organici ancora presenti nelle ceneri, carbonio. Cenere di colore scuro
Temperatura superiore a 450° CCarbonio volatilizzato, cenere minerale lasciata.Cenere dall'aspetto più chiaro

*Nota* Un accendino normale raggiunge temperature intorno ai 1000° C.

 

Inoltre, quando la temperatura di combustione non supera i 450° C, il processo di combustione non potrebbe essere considerato completo, quindi questa cenere a bassa temperatura di combustione è ancora piena di composti organici, compreso il carbonio, da cui il colore più scuro. 

Quando portiamo la temperatura più in alto, oltre i 450 gradi, questo carbonio viene volatilizzato, trasformandosi in un gas e lasciando dietro di sé ceneri minerali, fatte di calcio, sodio, potassio, magnesio, silicio e fosforo sotto forma di carbonati inorganici. In poche parole, questo si traduce in cenere di colore più chiaro. 

Tutto questo ci porta alla conclusione che no, la cenere chiara o bianca non è un indicatore della qualità delle vostre cime di cannabis, ma della temperatura alla quale il prodotto viene bruciato. 

3. Cosa ha scoperto la ricerca sulle ceneri del tabacco

Prima che ci pensiate, no, non siamo dei fanatici che studiano la cenere dei nostri spinelli e blunt, infatti l'industria del tabacco ha prestato molta attenzione alla cenere che i loro prodotti producono da oltre cento anni.

 

L'industria del tabacco studia le loro ceneri da oltre 100 anni.

L'industria del tabacco ha studiato le loro ceneri per oltre 100 anni.
 

In questi vecchi studi, gli investigatori sono stati impostati per trovare quale degli ingredienti della pianta ha promosso o inibito la combustione delle sigarette di tabacco. Come risultato, hanno scoperto che i cloruri intercettano la combustione completa, o combustione del prodotto, che poi causano l'indebolimento del gusto e dell'odore1. Nel frattempo, componenti come i sali di potassio degli acidi organici hanno mostrato di aiutare nella combustione, aiutando a mantenere e tenere il fuoco. Così, quando si resero conto del ruolo essenziale che questi componenti e altri sali di metalli alcalini e alcalino-terrosi giocavano nella combustione lenta, i dipartimenti agricoli federali e statali degli Stati Uniti, così come altre istituzioni accademiche iniziarono a mettere un interesse speciale in loro.

Per prima cosa, hanno iniziato a studiare l'effetto che i fertilizzanti avevano sul fumo e la cenere di tabacco. Hanno scoperto che il tipo di trattamento con i fertilizzanti non alterava la composizione alcalina delle foglie curate né aumentava i livelli di zolfo in esse. Ma ciò che faceva la differenza nella qualità del fumo prodotto dal tabacco era il processo di fermentazione, in particolare le grandi quantità di clorofilla nei prodotti di tabacco di scarsa qualità. 

 

Mentre i fertilizzanti non hanno alcun effetto sulla cenere, la clorofilla sì.

Mentre i fertilizzanti non hanno alcun effetto sulla cenere, la clorofilla sì.
 

Per ottenere una cenere dall'aspetto bianco nelle sigarette di tabacco, sono stati aggiunti ai prodotti nitrati o carbonati, così come acidi di magnesio o calcio. Se si brucia uno di questi componenti in un sigaro o in una sigaretta, si avrà la formazione di ossido metallico alcalino, che a sua volta causa la formazione di cenere bianca

Quindi, basta con la lezione di chimica per ora, qual è il risultato di tutto questo? Fondamentalmente, la cenere bianca o chiara si forma in due casi:

  • Primo, alte temperature di combustione;
  • Secondo, è prodotta principalmente da minerali. 

Quindi, come o perché si ritiene che la cenere bianca della cannabis, i blunt o gli spinelli soprattutto perché non contengono tabacco, provenga da cime ben lavate e curate? E com'è che questo è legato alla qualità del prodotto? Scopriamolo.

4. Ma prima... Che cos'è il flushing e il curing?

Se non sei ancora un coltivatore di cannabis, forse i termini flushing e curing potrebbero sembrarti completamente estranei. 

Il termine "lavaggio" varia a seconda del marchio di orticoltura da cui lo guardiamo. In termini di coltivazione della marijuana, si riferisce al processo di lavaggio di tutti i nutrienti rimasti nelle piante nelle ultime 1-2 settimane prima del raccolto. Questo si ottiene usando acqua a bassa CE (conducibilità elettrica) che è uno dei fattori che influenzano la capacità di assorbimento dell'acqua di una pianta. Quando si alimentano le piante con acqua a bassa CE, le si costringe ad assorbire più acqua. Tuttavia, non è certo che il lavaggio influenzi effettivamente la qualità dei bud e quindi anche il colore della cenere.

 

Could flushing be the reason behind white ash from weed?

Potrebbe essere il risciacquo la ragione dietro la cenere bianca dell'erba?
 

Il paradosso del lavaggio

Alcuni coltivatori potrebbero giurare sull'importanza dello svapo, mentre altri affermano che i loro bud sono di alta qualità e producono ceneri chiare senza bisogno di svapare prima del giorno del raccolto.

Quindi, se il lavaggio non influisce necessariamente né sulla qualità dei bud né sul colore della cenere, la ragione potrebbe essere la stagionatura?

Per quanto riguarda la tempistica del lavaggio, tutto dipende dallo stile di coltivazione e dalle preferenze personali del coltivatore. I coltivatori biologici sono i più propensi a saltare completamente il processo di lavaggio, ma in generale suggeriamo sempre almeno qualche giorno di lavaggio, indipendentemente dal fatto che stiate coltivando con un impianto idro completo o direttamente nella terra di madre natura. Sebbene sia importante usare acqua a bassa EC (l'acqua del rubinetto farà il suo lavoro senza problemi), è ancora più importante ottenere i giusti livelli di pH. Per la coltivazione in terra, si dovrebbe cercare un valore compreso tra 6,0 e 6,8, mentre con l'idrocoltura o la fibra di cocco si può puntare a 5,5-6,5 per ottenere i migliori risultati. 

Quando si esegue il lavaggio, è meglio irrigare la coltura nello stesso momento in cui riceve normalmente l'acqua di alimentazione. Non è necessario risciacquare con grandi quantità d'acqua, ma è meglio somministrare circa la stessa quantità d'acqua che si usa per un'alimentazione normale, con un deflusso del 25% circa. Ripeti il ciclo di risciacquo circa 20 minuti dopo e ricordati di usare un misuratore di TDS o EC per controllare i livelli di sale del deflusso. Alla fine del lavaggio, i livelli di EC devono essere molto vicini a quelli precedenti al lavaggio, il che significa che la maggior parte dei nutrienti è stata eliminata dal terreno di coltura. Di solito consigliamo un lavaggio di una o due settimane per i coltivatori in terra, un lavaggio di 5 giorni per la fibra di cocco e un lavaggio di 3 giorni per il drenaggio dei rifiuti o altre configurazioni idroelettriche. 

COSA SIGNIFICA STAGIONARE LA CANNABIS E COME INFLUISCE SULLA QUALITÀ?

Quando si tratta di erba, una corretta conservazione è primordiale, la mantiene in forma e può persino potenziarne le proprietà. Questo vale in particolare per le cime appena raccolte, che richiedono un periodo di stagionatura prima del consumo. Ciò avviene conservando le gemme in barattoli di vetro a tenuta d'aria in un luogo buio e fresco, tra i 10 giorni e le 2 settimane, e lasciandole respirare per un paio di minuti al giorno per evitare la formazione di muffe. In questo modo, si favorisce il corretto sviluppo e invecchiamento dei cannabinoidi e dei terpeni delle cime per ottenere il meglio da esse.

Il processo di curing consiste essenzialmente nel raggiungere il perfetto livello di secchezza dei fiori per il loro consumo. Durante questo processo, i livelli di clorofilla sono notoriamente diminuiti, e questo potrebbe essere il motivo per cui la cenere potrebbe sembrare più bianca. Tuttavia, come abbiamo sottolineato in precedenza, è necessario condurre ulteriori studi per affermare che una corretta stagionatura si traduce in ceneri più chiare. Quello che possiamo affermare, dopo tutto ciò che abbiamo appreso, è che le cime ben stagionate forniscono un fumo più morbido, sono di solito di qualità migliore e possono produrre ceneri di colore chiaro.

 

What ultimately makes the difference is the curing of your cannabis buds.

Ciò che alla fine fa la differenza è la stagionatura dei tuoi germogli di cannabis.
 

La stagionatura è una parte spesso trascurata del processo di coltivazione, soprattutto negli Stati o nei Paesi in cui il consumo di cannabis a scopo ricreativo è ancora considerato illegale. Ciò è dovuto al fatto che la maggior parte dell'erba in questi luoghi proviene da un mercato nero o grigio non regolamentato, il che significa che ci sono pochissimi controlli e verifiche sul prodotto prima che raggiunga il consumatore. Pensaci, perché un coltivatore illegale dovrebbe aggiungere settimane o addirittura mesi al processo quando può facilmente scaricarlo a un acquirente una volta che la gemma si è essiccata. La stagionatura è un processo lento e richiede una pazienza che molti coltivatori non hanno il lusso di concedersi, soprattutto nei luoghi in cui l'erba è ancora illegale.

Se vivi in un'area in cui la cannabis è ancora proibita, ti consigliamo di essiccare l'erba che intendi consumare. È facile come dirigersi verso il grande magazzino locale (o Amazon), prendere alcuni barattoli ermetici e richiudibili, mettere le tue gemme all'interno e giocare d'attesa. Alcuni ceppi saranno perfettamente maturati dopo poche settimane, mentre altri possono richiedere fino a 6 mesi. La maturazione dei terpeni è uno degli aspetti più importanti quando si parla di erba deliziosa, quindi armatevi di tutta la pazienza possibile!

5. Conclusione

Quindi, potreste essere leggermente confusi come noi in questo momento, chiedendovi: il mito della cenere bianca è reale o no? Beh, è un mito per un motivo, quindi sta a voi crederci o meno. Quando si tratta di qualità dei bud, molti fattori possono influenzare i risultati finali, quindi non faremmo affermazioni come quella che la cenere sia l'aspetto determinante per eccellenza. Cosa ne pensate? Commentate qui sotto su ciò che, secondo voi, distingue un bud di erba dal resto!

RIFERIMENTI ESTERNI 

  1. "Effect of some Alkali Salts upon Fire-Holding Capacity of Tobacco" Henry R. Kraybill. July 1917.
22 July 2022