FastBuds seedbank #1 with 9695 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10011 diaries on GrowDiaries

9 Consigli Salva-Tempo per Coltivatori Impegnati

Alcuni coltivatori sono impegnati e non hanno molto tempo libero, questi consigli vi aiuteranno a risparmiare tempo.
24 September 2022
9 min read
9 Consigli Salva-Tempo per Coltivatori Impegnati

Contenuti:
  • 1. Coltivare all'aperto
  • 2. Evitare il fai da te
  • 3. Super soil e terreno pre-modulato
  • 4. Contenitori più grandi e il giusto mezzo
  • 5. Illuminazione appropriata
  • 6. Ottimizzate il tuo spazio di coltivazione
  • 7. Scegliere varietà forti
  • 8. Coltivare autofiorenti
  • 9. Crescere ed imparare
  • 10. In conclusione

Se sei una persona impegnata e non vuoi che la tua mancanza di tempo influisca sui tuoi raccolti, assicurati di dare un'occhiata ai nostri consigli per far risparmiare tempo ai coltivatori impegnati!

Se sei molto impegnato, è molto probabile che tu non abbia abbastanza tempo per prenderti cura delle tue piante di cannabis, cose come la defogliazione, l'addestramento delle piante o anche solo il nutrimento delle piante richiedono tempo, e la mancata manutenzione essenziale può finire per influenzare il tuo raccolto, quindi ecco alcuni consigli per risparmiare tempo per i coltivatori molto impegnati.

1. Coltivare all'Aperto

Quando si coltiva in casa si deve praticamente giocare a madre natura per mantenere e regolare il proprio ambiente di coltivazione, questo può richiedere molto tempo a seconda dell'esperienza, quindi coltivare all'aperto è il modo migliore per risparmiare tempo.

 

9 consigli per risparmiare tempo: coltivare all'aperto

Quando si coltiva all'aperto, non si deve fare altro che innaffiare le piante.
 

Coltivare all'aperto al momento giusto garantisce alle vostre piante le migliori condizioni possibili senza molta manutenzione, quando coltivate in giardino o sul balcone non c'è molto da fare se non nutrire le tue piante e controllarle ogni due giorni, alcuni coltivatori controllano anche le loro piante una volta alla settimana senza influire sulla resa o sulla qualità del tuo raccolto.

Ma ricorda sempre che quando si coltiva all'aperto è consigliabile pianificare in anticipo, poiché le piante di cannabis a fotoperiodo inizieranno a fiorire solo quando avranno 12 ore di buio ininterrotto, a fine estate/autunno. Quindi, se, ad esempio, inizi il tuo ciclo di coltivazione 4 mesi prima dell'autunno, le tue piante probabilmente cresceranno in modo smisurato e questo non è sempre auspicabile. Le piante di cannabis hanno bisogno di circa 5-7 settimane per raggiungere dimensioni decenti, quindi se le dimensioni delle piante sono un problema, assicurati di pianificare per tempo. D'altra parte, le autofiorenti dipendono dalla loro età e non dal ciclo di luce per innescare la fioritura, quindi se vuoi mantenere le cose semplici è consigliabile optare per le autofiorenti, poiché fioriranno tutto l'anno, in qualsiasi stagione. 

2. Evitare il Fai Da Te

Costruire le cose da soli o improvvisare con gli articoli per la casa può essere un ottimo modo per risparmiare, ma si è anche più inclini a incontrare problemi lungo la strada. Ora, il fai da te è un'ottima scelta per i coltivatori di cannabis, ma se ti manca il tempo di prendervi cura delle tue piante non hai il tempo di riparare qualsiasi cosa si rompa in quel momento, quindi assicurati di acquistare attrezzature di buona qualità che possano durare a lungo senza bisogno di manutenzione.

3. Super Soil e terreno pre-modulato

Super soil è il modo in cui i coltivatori si riferiscono al suolo organico pre-modellato, questo tipo di suolo è super utile per i coltivatori indaffarati perché non c'è bisogno di preoccuparsi del pH o dei nutrienti.

 

9 time-saving tips: super soil

Il super terriccio contiene già tutte le sostanze nutritive di cui le vostre piante hanno bisogno, quindi dovete annaffiare solo ogni due giorni.
 

Quando coltivate in super soil (o terreno organico pre-modulato), invece di mescolare la tua soluzione nutritiva, stai rendendo disponibili i nutrienti nel terreno in anticipo e i microrganismi presenti in esso inizieranno lentamente a decomporre i minerali, rendendoli disponibili per le tue piante di cannabis. Quindi, quando coltivi in questo modo, hai appena messo il tuo seme nel terreno, annaffia le tue piante quando necessario, e gli organismi presenti faranno il resto.

Ricorda che non devi necessariamente spendere molto per creare il tuo super terriccio, puoi sempre comprarlo nel tuo negozio di coltivazione locale e puoi anche renderlo più semplice. Usando sostanze nutritive organiche in polvere potrai coltivare la cannabis in modo biologico dal seme al raccolto, senza nemmeno dover mescolare sostanze nutritive liquide: basta rabboccare una volta durante la fase vegetativa, una volta durante la prefioritura e un'altra volta a metà fioritura e le tue piante avranno tutto ciò di cui hanno bisogno per produrre bellissimi fiori.

4. Contenitori più grandi e il giusto mezzo

Come forse saprai, ci sono diverse ricette del terreno che forniscono una migliore ossigenazione o aumentano la ritenzione idrica e questo può essere usato a tuo favore. A seconda del numero di piante che stai coltivando, innaffiare le tue piante può richiedere molto tempo, quindi una pratica comune tra i coltivatori impegnati è quella di utilizzare la giusta combinazione di terra, fibra di cocco, perlite e contenitori più grandi in modo da poter innaffiare meno spesso.

 

9 consigli per risparmiare tempo: contenitori più grandi

I vasi più grandi trattengono più acqua, quindi dovrete innaffiare meno spesso.
 

Utilizzando vasi più grandi, le tue piante impiegheranno più tempo ad assorbire l'acqua, perché il substrato può contenere più acqua alla volta, questo permette ai coltivatori di annaffiare circa 2-3 volte a settimana invece di annaffiare ogni giorno o ogni paio di giorni.

5. Illuminazione appropriata

Se stai cercando un modo per risparmiare tempo, scegliere le luci adatte finirà per renderti la vita più facile.

I LED o una combinazione di MH/HPS (con la potenza adeguata) ti permettono di far crescere le tue piante dal seme al raccolto senza dover installare più luci o addirittura regolarne l'altezza, il tuo unico compito sarà quello di appenderle e dimenticarle, eventualmente regolandole quando passerai da una fase all'altra.

 

LED vs Lampadine

LED vs Lampadine
Apparecchio di illuminazioneProContro

LEDs

Risparmia fino al 70% di elettricità.Può costare fino a 1000 euro.

MH/HPS

Più facile da trovare e più economico.Emettono un sacco di calore.

 

Anche se le CFL sono più economiche, investire in buone luci è un must se si vuole risparmiare tempo, le CFL devono essere tenute a circa 10 cm dalle piante, quindi dovrai regolarle ogni giorno, ecco perché i LED o i MH/HPS di buona qualità sono un must per i coltivatori impegnati.

6. Ottimizzate il tuo spazio di coltivazione

Di solito, i coltivatori indoor hanno uno spazio limitato, quindi è essenziale che il tuo spazio di coltivazione sia organizzato, cose come prendere l'acqua, dover spostare le piante, o anche solo cercare strumenti essenziali come una penna pH o delle cesoie possono richiedere un paio di minuti del tuo tempo prezioso.

Facile accesso alla fonte d'acqua

L'irrigazione è una delle cose che dovrete fare più spesso e, a seconda di dove la prendete, può richiedere molto tempo.

  • Dal lavandino

Se stai prendendo l'acqua dal lavandino della tua cucina, per esempio, assicurati di usare un contenitore che si adatti perfettamente o di avere un tubo flessibile nelle vicinanze per facilitare il processo di ottenere l'acqua. A seconda del numero di piante, dovrai riempire un paio di secchi, quindi è essenziale avere un modo per accelerare questo processo.

 

9 consigli per risparmiare tempo: spazio ottimizzato

Ottimizzare e organizzare lo spazio di coltivazione è un ottimo modo per risparmiare tempo.
 

  • Dal tubo del giardino

Se stai prendendo l'acqua dal tuo tubo da giardino, puoi avere una prolunga pronta per l'uso, questo permetterà al tuo tubo di raggiungere ancora più vicino alla tua stanza di coltivazione e se hai una finestra lì dentro, anche innaffiare le tua piante con il tubo (o riempire i secchi attraverso la finestra).

Facilitare lo smaltimento dell'acqua

Quando innaffi le tue piante di cannabis, è essenziale innaffiare fino a quando non vedi circa il 20% di acqua di deflusso che esce dal fondo, questo è il modo migliore per assicurarsi di innaffiare bene le piante, ma questo comporta un problema. Se stai coltivando in vasi, avrai bisogno di un piattino per catturare l'acqua di deflusso, lasciandoci le tue piante sedute dentro può finire per far apparire le tue piante cadenti a causa dell'umidità in eccesso, quindi per risparmiare un po' di tempo, dovresti trovare un modo per accelerare questo processo.

 

9 consigli per risparmiare tempo: vassoio di plastica

Un vassoio di plastica è il modo migliore per catturare l'acqua di deflusso e smaltirla in modo efficace.
 

A seconda dello spazio che hai a disposizione e di quanto sei disposto a spendere, puoi investire in un vassoio di plastica, così invece di avere piattini individuali per ogni vaso, puoi acquistare un grande vassoio di plastica che cattura tutta l'acqua in eccesso, rendendone più facile lo smaltimento dopo. Se sei disposto a spendere un po' di più, puoi investire in un piccolo aspirapolvere per l'acqua, questo renderà più facile rimuovere l'acqua di deflusso senza nemmeno dover sollevare i tuoi vasi.

Facile accesso alle tue piante

Per prendersi cura correttamente delle tue piante è necessario dare una buona occhiata per vedere se hanno bisogno di più acqua, sostanze nutritive, o anche solo una semplice defogliazione. Questo può sembrare semplice, ma anche un paio di foglie in più possono ostruire la vista o rendere difficile l'accesso e spostarle può richiedere molto tempo, quindi è super importante tenere in ordine il giardino.

 

9 consigli per risparmiare tempo: facile accesso alle piante

Avere un facile accesso alle vostre piante è il modo migliore per risparmiare tempo quando si deve eseguire la manutenzione di base.
 

L'idea è quella di prendere il minor tempo possibile per controllare le tue piante in modo da poterle organizzare in modo da poter camminare facilmente tra di loro e mantenere le piante correttamente defogliate o legare i rami in modo da poter vedere tutto ciò di cui hai bisogno semplicemente aprendo la tenda da coltivazione.

7. Scegliere Varietà Forti

Al giorno d'oggi si possono trovare varietà che sono state accuratamente selezionate per essere abbastanza resistenti ai climi più rigidi e ai parassiti, questo non significa che si possano maltrattare le piante, ma permette di fornire condizioni meno ideali e di ottenere comunque ottimi risultati.

OG Kush Auto
5 out of 5
Una delle migliori erbe che ho fumato da molto tempo. Sicuramente della roba notturna, che causa stanchezza e testa pesante.
420Farms.
Verified customer
Reviewed 6 novembre 2020
 

Per i coltivatori impegnati o per la prima volta consigliamo vivamente la nostra OG Kush Auto, questa robusta varietà può resistere a condizioni più calde (o più fredde), è super resistente alle muffe e non ha bisogno di molta manutenzione.

8. Coltivare autofiorenti

Le varietà autofiorenti ti danno davvero un vantaggio se non hai abbastanza tempo per mantenere le tue piante di cannabis. Grazie al fatto di essere più corte e di crescere compatte, puoi farla franca coltivandole in uno spazio più piccolo senza dover eseguire alcuna tecnica di training, inoltre non devi preoccuparti del programma di luce, perché le autofiorenti crescono con lo stesso programma di luce dal seme al raccolto, e il meglio di tutti, saranno pronte per il raccolto in circa 8-9 settimane.

 

9 consigli per risparmiare tempo: coltivare autofiorenti

La maggior parte delle autofiorenti impiega circa 8-9 settimane dal seme al raccolto, il che le rende perfette per i coltivatori che vogliono coltivare i bud di alta gamma molto velocemente.
 

L'unica cosa è che devi tenerli d'occhio, perché le autofiorenti possono essere bloccate se si stressano e questo può finire per influire sui tuoi rendimenti, ma oltre a tenerli d'occhio, non devi fare alcun lavoro extra. Tieni presente che gli autofiorenti hanno comunque bisogno di cibo, luce e delle giuste condizioni per crescere sani, quindi assicurati di mantenere la tua pianta ben nutrita e che l'umidità e le temperature rientrino nell'intervallo raccomandato. Ricorda che la maggior parte dei fertilizzanti è progettata per le varietà di cannabis a fotoperiodo, quindi si consiglia di somministrare agli autofiorenti il 50% del dosaggio di sostanze nutritive raccomandato, poiché il dosaggio completo potrebbe essere troppo forte per le giovani autofiorenti e potrebbe finire per causare una bruciatura delle sostanze nutritive che bloccherebbe la crescita e, in ultima analisi, potrebbe influire sui rendimenti.

9. Crescere ed imparare

Man mano che si acquisisce sempre più esperienza, si comincia ad imparare cosa funziona meglio e cosa si adatta meglio, questo è un must per tutti i coltivatori. Sapere esattamente cosa vuoi, come lo vuoi e come farlo ti farà risparmiare un sacco di tempo, ovviamente, quando hai appena iniziato dovrai sperimentare e molto probabilmente incontrerai dei problemi lungo la strada ma una volta stabilito il tuo stile di crescita e la tua impostazione, non dovrai sprecare un minuto di più.

 

9 consigli per risparmiare tempo: crescere e imparare

Sperimentare con strains e setup diversi è l'unico modo per sapere esattamente cosa è più adatto a voi.
 

Ricorda che coltivare cannabis non è affatto facile. Sì, con le basi riuscirai a coltivare fiori abbastanza decenti, ma se vuoi coltivare erba di prima qualità ti ci vorrà tempo, esperienza e tanti, tanti esperimenti, ma ne vale assolutamente la pena. Può non sembrare, ma ti renderai conto che tutto quel tempo è valso la pena una volta che avrai fumato quei deliziosi fiori coltivati da te!

10. In conclusione

Se sei una persona impegnata non c'è bisogno di preoccuparsi, puoi comunque coltivare ottime piante di cannabis senza dover passare troppo tempo a prenderti cura di loro. Tieni a mente che il tuo ambiente di coltivazione, sia all'interno che all'esterno, detterà il modo in cui le tue piante cresceranno, quindi assicurati di avere tutto correttamente regolato e iniziate a coltivare! Se sei un coltivatore impegnato e hai trovato altri modi per risparmiare tempo, sentiti libero di condividere i tuoi consigli e i tuoi trucchi con gli altri coltivatori, lascia un commento nella sezione commenti qui sotto!

Riferimenti esterni:

  1.  Soil improvement and amendments - soil testing. - Rana, Surinder. (2018). 
  2. Soil improvement and amendments - soil amendments and drainage. - Rana, Surinder. (2018).
24 September 2022