FastBuds seedbank #1 with 9695 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10011 diaries on GrowDiaries

I Parassiti più Comuni Nella Cannabis: Ragnetto Rosso

I ragnetti rossi sono minuscoli acari, molto comuni nella cannabis e possono essere il peggior incubo per un grower
20 August 2022
8 min read
I Parassiti più Comuni Nella Cannabis: Ragnetto Rosso

Contenuti:
  • 1. Cosa sono i tetranichidi?
  • 2. Come si presentano i tetranichidi?
  • 3. Dove si trovano?
  • 4. Come danneggiano la pianta?
  • 5. Sintomi
  • 6. Come prevenirli?
  • 7. Come affrontarli?
  • 7. a. Fattori ambientali da tenere a mente
  • 7. b. Potatura regolare
  • 7. c. Irrorare regolarmente la coltura
  • 7. d. Insetti benefici
  • 7. e. Pesticidi biologici e oli essenziali
  • 8. In conclusione

I tetranichidi sono i parassiti più comuni nella cannabis. Questi minuscoli insetti vivono in spazi di coltivazione sporchi interni ed esterni dove si nutrono di clorofilla e linfa, tessendo ragantele su tutte le tue preziose piante.

1. Cosa sono I Tetranichidi?

I tetranichidi sono comuni nella cannabis: questi piccoli acari si nascondono all'interno delle cime, succhiando il liquido delle piante e lasciando ragnatele ovunque. È abbastanza facile eliminarli, ma assicurati di individuarli per tempo perché possono far marcire le cime, rovinando molto rapidamente l'intero raccolto. Questi minuscoli acari sono parenti di ragni, zecche e altri piccoli tetranicidi. Sono un insetto molto comune che attacca la cannabis, cercando luoghi bui nelle piante dove poter deporre le uova e continuare a riprodursi.

2. Come Si Presentano I Tetranichidi?

Sono di dimensioni molto ridotte (circa 0,5 mm). Possono essere rossi o neri e avere 8 zampe.

 

ragnetto rosso

Ragnetto rosso.
 

Essendo così piccoli, a meno che tu non abbia a disposizione un microscopio 10x, sarai in grado di vedere solo piccoli puntini che camminano intorno alla tua pianta.

3. Dove Si Trovano?

Possono essere trovati camminando per tutta la pianta ma di solito li troverai sul lato posteriore delle foglie a ventaglio. È lì che depongono le loro uova, proteggendole dal sole e da altri elementi che potrebbero danneggiarle.

4. Come Danneggiano La Pianta?

Questi acari si nutrono non solo di linfa ma anche di clorofilla, danneggiando la pianta. Anche se questo può avere un impatto sulla tua pianta, e questo non è nemmeno il danno peggiore. Possono infatti riprodursi molto velocemente, usando le ragnatele per proteggere le uova. Ciò significa che la tua pianta sarà coperta di ragnatele se non agisci rapidamente. Possono anche deporre le uova all'interno delle cime e quando le uova si schiudono, i ragnetti inizieranno a cibarsene dal'interno, causando la putrefazione delle cime.

 

Punture di acari di ragno

Gli acari del ragno non si nutrono solo di linfa ma anche di clorofilla, danneggiando le foglie.
 

Anche se la ragnatela non ucciderà la tua pianta, sarà impossibile rimuoverla se sei nella fase di fioritura poiché potrebbe rimanere attaccata alle cime. Quindi, sebbene non uccida la tua pianta, sarai costretto a buttare via tutto via se hai una grave infestazione durante la fioritura.

5. Sintomi

I sintomi che vedrai con gli acari sono solo segni della loro presenza. La prima cosa che vedrai sono minuscole macchie gialle o bianche, questo è il tipico segno lasciato dal morso degli acari e significa che si stanno nutrendo della tua pianta. Successivamente, inizierai a vedere piccole uova trasparenti sotto gli steli e le foglie, questo è un segno che l'infestazione sta iniziando a crescere.

 

Infestazione di acari di ragno

Infestazione durante la prefioritura.
 

Se non trattati per circa una settimana, vedrai cosa possono fare. Inizierai a vedere le ragantele intorno alla tua pianta e sarai in grado di vedere gli acari camminare su tutta la pianta.

6. Come Prevenirli?

Anche se, come per altri parassiti come le cocciniglie farinose, non c'è nulla che si possa fare per evitarli al 100%, se non mantenere un buon ambiente di coltivazione. Mantenere pulito lo spazio di coltivazione e mettere in quarantena i cloni (o altre piante) prima di introdurli nelle tue piante è un buon modo per prevenirli. Poiché gli acari non amano il vento, anche mantenere un ambiente di coltivazione ben ventilato può essere un modo efficace per prevenirli. Se vuoi fare tutto il possibile per prevenirli, potresti spruzzare un po' di insetticidi per evitare la loro comparsa, ma questo può avere ripercussioni sulla tua pianta. Il modo migliore è quello di mantenere uno spazio pulito, con temperatura, umidità e ventilazione adeguate.

7. Come Affrontarli?

Se individuato nelle prime fasi, può essere abbastanza facile rimuovere le uova manualmente o con uno spruzzatore ad alta pressione per abbatterle. Dopo aver rimosso l'eccesso, è possibile applicare olio di Neem o una miscela di alcool e acqua per eliminare il resto. Ora, se la tua pianta viene assalita e sopraffatta, sarà quasi impossibile rimediare, perché causeranno la putrefazione delle cime, nascondendosi all'interno di esse.

 

Come affrontare i parassiti

Dopo averli abbattuti, l'olio di Neem è un buon modo per trattare gli acari del ragno.
 

Dovrai prendere la dura decisione: o di eliminarli completamente applicando prodotti chimici, con il rischio di danneggiare la tua pianta oppure di applicare quotidianamente insetticidi organici e più sicuri, con il rischio però di perdere la pianta. Se la tua pianta è gravemente colpita, la cosa migliore da fare è buttarla per evitare che si diffonda alle altre piante e ricominciare da zero.

Gli acari del ragno sono notoriamente in grado di sviluppare rapidamente una resistenza naturale a molti dei pesticidi comunemente utilizzati, che possono avere un effetto dannoso anche su altri insetti benefici che divorano gli acari del ragno. Non c'è da preoccuparsi, però, perché ci sono alcuni modi per migliorare le possibilità di prevenzione e controllo dell'infestazione. Controllando l'ambiente di coltivazione, potando regolarmente le piante di cannabis e lavando le piante, ridurrete le probabilità che gli acari del ragno (e altri insetti) colpiscano il tuo raccolto.

FATTORI AMBIENTALI DA TENERE A MENTE

Gli acari del ragno sono noti per amare le condizioni secche e calde. Prosperano a temperature superiori ai 22ºC, che purtroppo è anche l'intervallo di temperatura perfetto per la coltivazione della cannabis. Prima di provare a usare qualsiasi pesticida contro gli acari del ragno, prova a portare la temperatura della grow room sotto i 20ºC e tienila lì per 2 o 3 giorni. Tieni d'occhio le piante per assicurarti che si adattino alle temperature più basse. Le femmine di ragnetto possono deporre fino a 100 uova durante i loro 70 giorni di vita. La schiusa delle uova può durare da 3 a 19 giorni, a seconda della temperatura ambiente. Più bassa è la temperatura, più lento sarà il periodo di gestazione e più tempo si avrà a disposizione per gestire le uova non schiuse. È una buona idea creare un flusso d'aria supplementare all'interno dello spazio di coltivazione, poiché gli acari del ragno odiano le condizioni di vento e deporranno le uova con minore frequenza se il flusso d'aria è ottimale in tutta la chioma.

POTATURA REGOLARE

La potatura regolare delle foglie a ventaglio più vecchie delle piante infestanti può essere molto utile per evitare che le infestazioni si diffondano e per bloccare la diffusione di eventuali piccole infestazioni. Esistono diversi metodi di potatura che i coltivatori attuano per favorire la distribuzione dei nutrienti e tutti questi metodi contribuiscono a eliminare le aree in cui i ragnetti possono deporre le uova. Se sei già alle prese con una piccola infestazione, controllate l'intera coltura da cima a fondo. Rimuovi ogni singolo punto in cui noti segni di infestazione. Non preoccuparti di rimuovere troppo materiale vegetale, perché è nell'interesse della pianta eliminare completamente gli acari. 

Se il tuo raccolto mostra i segni di un'infestazione su larga scala, potresti dover considerare di sacrificare le piante infette per salvare quelle sane. Le infestazioni da ragnetto possono diffondersi più rapidamente di un incendio e, una volta che un'infestazione di grandi dimensioni ha preso piede, può essere estremamente difficile controllarla. Che cosa è meglio, un paio di piante sane che arrivano al raccolto o un intero raccolto di piante infestate che non raggiungono il loro potenziale e forse così gravemente infestate da non poter godere delle gemme in ogni caso?

IRRORARE REGOLARMENTE LA COLTURA

L'innaffiamento della coltura è un altro modo per prevenire le infestazioni e rallentare il tasso di diffusione in caso di presenza di ragnetti. Puoi innaffiare le piante con la normale acqua del rubinetto, ma in generale è bene prendere un flacone spray dal negozio di giardinaggio più vicino e usare acqua con pH bilanciato

Lavare le piante in questo modo aiuterà a rimuovere i ragnetti attivi e a rimuovere le uova non schiuse che inevitabilmente si nascondono da qualche parte. Il lavaggio può essere effettuato con la frequenza che ritieni opportuna, ma se la tua coltivazione è nelle ultime fasi del ciclo di fioritura, fai attenzione ai siti delle cime. 

Molti coltivatori di cannabis amano usare una miscela di acqua e alcol per spruzzare le piante. Va bene qualsiasi alcool per sfregamento, ma la miscela va preparata con un rapporto di 9 parti di acqua e 1 parte di alcool. Questa miscela ucciderà gli acari e le uova abbastanza rapidamente, mentre la pianta stessa rimarrà inalterata. 

INSETTI BENEFICI

Ci sono diversi insetti che si possono aggiungere alla grow room e che amano mangiare gli acari e altri insetti sgradevoli. Non influiscono in alcun modo sulle piante e, sebbene non siano adatti a grandi infestazioni, possono aiutare a controllare e prevenire problemi di minore entità. I migliori insetti da introdurre per il controllo dei ragnetti sono:

  • Coccinelle
  • Tignole
  • Minuscole cimici pirata
  • Acari predatori
  • Tripidi a sei macchie
  • Tripidi dei fiori occidentali

PESTICIDI BIOLOGICI E OLI ESSENZIALI

Oggi è disponibile sul mercato un'ampia gamma di pesticidi biologici, molti dei quali svolgono un ottimo lavoro di controllo e prevenzione delle infestazioni da ragnetto. Prodotti come lo Spinosad, l'Essentria IC3, l'SM-90 e il NukeEm sono tutti abbastanza economici e svolgono un ottimo lavoro di prevenzione dei ragnetti. Abbiamo già parlato brevemente dell'olio di neem, ma diamo un'occhiata più approfondita a questo fantastico prodotto. L'olio di neem è, senza ombra di dubbio, l'opzione biologica più popolare attualmente disponibile per la prevenzione degli acari dei ragni. Perché è così popolare?

Ci sono alcuni motivi fondamentali. È molto sicuro ed estremamente efficace nel controllare non solo gli acari, ma anche la maggior parte degli altri insetti e funghi che notoriamente attaccano le colture di cannabis, lasciando quasi magicamente inalterati gli insetti benefici che amiamo. Per preparare uno spray fogliare all'olio di Neem è sufficiente mescolare 500 ml di acqua, un cucchiaio di olio di Neem e un paio di gocce di sapone insetticida. Il sapone (o silice) aiuta a emulsionare l'olio e l'acqua, potenziando al contempo le qualità insetticide dello spray. Questo metodo può essere utilizzato regolarmente, anche prima che inizi a sospettare un problema di ragnetto nelle colture. Spruzza bene ogni pianta, da cima a fondo, e ricordati di spruzzare la parte inferiore di tutte le foglie.

Non usare questo spray nelle ultime 2 settimane circa di fioritura e proteggere sempre i siti di germinazione dallo spray, poiché l'olio di neem e la cannabis fumabile sono amici per la pelle. Non c'è alcun rischio per la salute in quanto tale, ma la miscela di oli può avere un effetto negativo sulla qualità e sulla resa del raccolto se applicata ai siti di germinazione. Se non hai accesso all'olio di neem, esiste una serie di altri oli essenziali che possono sostituirlo. Questi includono: 

  • Olio di limone
  • Olio di menta piperita
  • Olio di rosmarino
  • Olio di eucalipto
  • Olio di cannella
  • Olio di lavanda
  • Olio di Tea Tree

Anche se questi oli non sono efficaci come il neem, possono essere utilizzati allo stesso modo e avranno alcuni benefici insetticidi e fungicidi.

8. In Conclusione

I ragnetti o tetranichidi sono la cosa peggiore che possa succedere alla tua pianta. Anche se non si nutrono delle radici o di qualcosa di più serio come le sciaridi, possono deporre le uova all'interno dei germogli, potendo compromettere l'intera cima principale. La loro ragnatela può anche rimanere attaccata ai tricomi sulle gemme e sarà impossibile rimuoverli completamente, influenzando così rese e qualità. Come per tutti gli altri parassiti, ti consigliamo di controllare le tue piante ogni giorno e di agire non appena vedi i primi sintomi.

20 August 2022