FastBuds seedbank #1 with 10426 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10426 diaries on GrowDiaries

Coltivazione: Coltura Idroponica vs Suolo

Ogni mezzo ha i suoi pro e contro, fattori come l'ambiente e il prezzo possono influenzare la scelta giusta.
27 September 2022
7 min read
Coltivazione: Coltura Idroponica vs Suolo

Contenuti:
  • 1. Vantaggi della coltivazione di cannabis in suolo
  • 1. a. Relativamente economico e facile
  • 1. b. Meno esperienza necessaria
  • 1. c. Rendimenti maggiori (in alcuni casi)
  • 1. d. Bassa manutenzione richiesta
  • 2. Svantaggi della coltivazione nel suolo
  • 2. a. Tasso di crescita più lento
  • 2. b. Parassiti e insetti
  • 2. c. Meno terpeni (rispetto all'idroponica)
  • 3. Vantaggi della coltivazione di cannabis nelle installazioni idroponiche
  • 3. a. Meno probabilità di ottenere parassiti
  • 3. b. Tasso di crescita più veloce
  • 3. c. Migliore qualità generale
  • 4. Svantaggi della coltivazione di cannabis nelle installazioni idroponiche
  • 4. a. Costi di installazione costosi
  • 4. b. Alta manutenzione richiesta
  • 4. c. Difficile da ottimizzare l'alimentazione
  • 4. d. Difficoltà di impostazione idroponica outdoor
  • 5. Fibra di cocco- l'equilibrio perfetto tra suolo e idrocoltura?
  • 6. In conclusione

Uno dei più grandi dibattiti nel mondo della coltivazione è su quale mezzo si tradurrà in una migliore qualità e resa. Non ci sarà mai una risposta corretta in quanto dipende davvero da ciò che fa per te un coltivatore. Ogni mezzo ha i suoi pro e contro, fattori come l'ambiente e il prezzo possono influenzare la scelta giusta. Ecco un confronto tra idroponica e coltivazione del suolo per aiutarti a prendere la decisione migliore.

1. Vantaggi della Coltivazione di Cannabis in Suolo

Relativamente Economico e Facile 

Il terreno è il mezzo più semplice ed economico, non c'è molto bisogno di attrezzature diverse da vasi e un contenitore per annaffiare le tue piante. Le persone che hanno appena iniziato a crescere possono persino ottenere terreno dal parco locale o ovunque ci siano piante sane in crescita per evitare di spendere nel suolo.

 

Coltivare la cannabis in terra

Vantaggi della coltivazione di cannabis nel suolo.

Meno Esperienza Necessaria

Crescere nel suolo sembra essere quello che molte persone provano per prime quando si tratta di coltivazione di cannabis. Questa potrebbe essere la scelta migliore per i principianti se hai cresciuto o ti sei preso cura di qualsiasi altra pianta nel suolo perché avrai familiarità con il terreno.

Rendimenti Maggiori (in alcuni casi)

Quando si coltiva nel terreno all'aperto, ci si può aspettare rese più elevate rispetto alla coltura idroponica perché non si è limitati dallo spazio e le piante possono crescere grandi quanto vogliono, se si coltiva al chiuso è possibile applicare tecniche di allenamento e se applicato correttamente si avranno rese più grandi .

 

Vantaggi della coltivazione della cannabis nel terreno

Uno dei vantaggi della coltivazione di cannabis all'aperto nel suolo è un raccolto più grande rispetto alla coltivazione idroponica.

Bassa Manutenzione Richiesta

Dopo la configurazione iniziale, il costo principale del suolo sarà sostituire i vasi rotti quando necessario e cambiare il suolo dopo ogni raccolto. Non è consigliabile riutilizzare il terreno a meno che non si sappia come modificarlo poiché tutti i nutrienti sono stati assorbiti dalle piante.

2. Svantaggi della Coltivazione nel Suolo  

Tasso di Crescita più Lento

A causa della resistenza del suolo, le radici si svilupperanno più lentamente di quanto non facciano in terreni senza suolo come l'idroponica. Le piante in idro possono sviluppare radici più piccole ma cresceranno più velocemente soprattutto nella fase vegetativa.

Parassiti e Insetti

Un grosso svantaggio del suolo sono i parassiti. Questo mezzo è una sostanza organica e contiene materiale organico che attira molti tipi di insetti che possono vivere nel suolo, i coltivatori sembrano soffrire più spesso di parassiti e insetti nel suolo che nelle installazioni idroponiche.

Meno Terpeni (Rispetto all'Idroponica)

Come detto sopra, questo mezzo contiene sostanze organiche che possono influenzare l'odore e il sapore dei tuoi fiori. Ora, questo non significa che il tuo raccolto avrà un sapore cattivo ma perché sono nel terreno il loro gusto e il loro odore non saranno buoni come la cannabis coltivata fuori suolo.

3. Vantaggi della Coltivazione di Cannabis nelle installazioni Idroponiche  

Meno Probabilità di Ottenere Parassiti

Di tutti i mezzi, l'idroponica ha meno probabilità di essere attaccata da insetti. Sebbene sia ancora possibile, molti parassiti hanno bisogno del suolo come parte del loro ciclo di vita, la mancanza di suolo e materiale organico ridurrà significativamente la possibilità che i parassiti raggiungano le tue piante.

Tasso di Crescita più Veloce

Le piante in coltura idroponica coltivano le loro radici direttamente in un mix di acqua e sostanze nutritive, non c'è resistenza dal mezzo quindi tendono a crescere molto più velocemente nella fase vegetativa, questo può portare a una raccolta prima.

 

Vantaggi della coltivazione della cannabis in setup idroponici 

Le autofiorenti coltivate in configurazioni idroponiche cresceranno molto più alte e più veloci a causa di una costante alimentazione di nutrienti e acqua.

Migliore Qualità Generale

I coltivatori idroponici di solito ottengono i migliori fiori dal sapore e dall'odore in quanto non ti è alcun mezzo per influenzarlo. I coltivatori più esperti possono offrire alle loro piante condizioni di crescita ottimali e questo può comportare anche una resa maggiore.

4. Svantaggi della Coltivazione di Cannabis nelle installazioni Idroponiche 

Costi di installazione costosi

Le configurazioni idroponiche sono molto più costose da installare inizialmente rispetto alla crescita nel suolo, inoltre potrebbe richiedere un po 'di conoscenza. Ci sono configurazioni fai-da-te che riducono i costi ma ci sono attrezzature essenziali che non possono essere lasciate da parte.

Alta Manutenzione Richiesta

Alcuni metodi di idro-coltivazione richiedono una manutenzione relativamente elevata e possono richiedere parecchi controlli, misurazioni e regolazioni per ottenere i migliori risultati. Trascurare di controllare questi parametri può causare problemi alla radice. Questo è molto comune quando si coltiva idro perché le radici sono apertamente esposte alla soluzione e all'ambiente.

 

Coltivazione idroponica: Radici

Il metodo idroponico fornisce i nutrienti, l'acqua e l'ossigeno direttamente alle radici.

Difficile da Ottimizzare l'Alimentazione

Ottenere la giusta quantità di nutrienti può essere molto difficile per gli idro coltivatori, specialmente quando si combinano nutrienti di diverse aziende. In una configurazione idroponica hai il controllo completo sui nutrienti delle tue piante, questo significa che puoi correggere le carenze in modo rapido e semplice, ma anche l'alimentazione richiede un'attenzione speciale e deve essere monitorata attentamente.

Difficoltà di Impostazione Idroponica Outdoor

Coltivare in idroponica all'aperto è possibile ma in alcuni casi può essere molto difficile. Ad esempio, è necessario un ambiente sterile e il controllo del caldo / freddo che può essere estremamente difficile in alcune situazioni all'aperto. C'è anche la necessità di collegare l'apparecchiatura alla rete elettrica e talvolta ciò non è possibile all'esterno.

5. FIBRA DI COCCO- L'EQUILIBRIO PERFETTO TRA SUOLO E IDROCOLTURA?

Negli ultimi anni abbiamo assistito all'introduzione di un nuovo ed entusiasmante substrato di coltivazione: la fibra di cocco.

COS'È LA FIBRA DI COCCO?

Il cocco (o semplicemente cocco, come viene chiamato in gergo) si ottiene dalla buccia finemente macinata dello strato esterno e ispido delle noci di cocco e sta rapidamente diventando il substrato di coltivazione preferito da tutti i livelli di coltivatori, ma soprattutto dai coltivatori alle prime armi. Questo substrato inerte (cioè chimicamente inattivo o totalmente privo di sostanze nutritive), versatile e facile da lavorare può essere usato da solo, ma per la coltivazione della cannabis è meglio mescolarlo con la perlite per aumentarne le capacità di ossigenazione. 

PERCHÉ USARE LA FIBRA DI COCCO?

Ci sono un paio di ragioni principali per cui molti coltivatori di erba stanno passando alla fibra di cocco come substrato principale, ma il principale vantaggio è che offre molti dei vantaggi della coltivazione in terra e di quella idroelettrica ed è molto tollerante. I sistemi basati sul terreno sono sempre meno complicati rispetto a quelli idroelettrici. Con la fibra di cocco, si ottiene l'esperienza della coltivazione in terra, pur avendo un controllo molto maggiore sul programma di alimentazione della coltura. Con il cocco, si aggiungono nutrienti sintetici direttamente all'acqua di alimentazione, rendendo la misurazione dei nutrienti molto più semplice e diretta. Il cocco (anche senza l'aggiunta di perlite) consente un'ossigenazione delle radici fino al 70% migliore rispetto a un sistema di terriccio puro e, oltre a svolgere un ottimo lavoro nel fornire alla zolla tutte le sostanze nutritive e l'umidità di cui ha bisogno, consente anche un lavaggio più semplice in caso di problemi di carenza di nutrienti. Il cocco è un prodotto sostenibile ed è molto più ecologico di altre opzioni di coltivazione. Il cocco può anche essere riutilizzato tra una coltivazione e l'altra, ma assicurati di effettuare un lavaggio estremamente accurato tra un ciclo e l'altro.

Trattandosi, in sostanza, di un sistema idroponico, la crescita delle piante viene drasticamente potenziata rispetto a una coltivazione in terra pura. Questo perché le sostanze nutritive che la pianta riceve sono molto più accessibili, ma dato che il substrato imita il terreno, l'esperienza complessiva è meno complicata rispetto alle normali configurazioni idroponiche. L'unico vero svantaggio della coltivazione in cocco è che dovrai aggiungere del cal-mag al tuo programma di alimentazione. Non si tratta di un grosso problema e tutti i fornitori di prodotti per l'idrocoltura più affidabili dispongono di un'ampia scelta di cal-mag. Se decidi di seguire la strada della fibra di cocco, ti consigliamo di abbinarla a vasi d'aria. Questi vasi aumentano drasticamente i livelli di ossigenazione della zona radicale e favoriscono l'espansione delle radici come nessun altro vaso attualmente in commercio. 

Quando è comparsa sul mercato, la fibra di cocco era disponibile solo in grandi blocchi disidratati. Si trattava di opzioni di qualità piuttosto bassa e richiedevano l'aggiunta di acqua da parte del coltivatore per rompere il blocco compresso. Oggi, la gamma di opzioni di cocco specifico per la cannabis è piuttosto sorprendente. Tutti i principali marchi di nutrienti e integratori per l'erba hanno le loro opzioni disponibili, e la maggior parte di esse sono di alto livello. Noi consigliamo Fox Farm, Canna o House and Garden. Tutte e tre le aziende producono miscele di cocco di altissima qualità pronte per l'uso e hanno anche le loro miscele di nutrienti specifici per il cocco pronte per l'acquisto. 

6. In Conclusione

Consigliamo ai principianti di iniziare a crescere nel modo più semplice possibile e di avere un'idea di ciò che ti piace e non su tutti i mezzi. Ogni mezzo ha i suoi vantaggi e svantaggi. Una volta stabilito il metodo di crescita, inizierai naturalmente a migliorare la tua configurazione e alla fine raggiungerai una configurazione più complessa, come la coltura idroponica.

27 September 2022