FastBuds seedbank #1 with 10426 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10426 diaries on GrowDiaries
Affrettati! Acquista 1 Ottieni 1 gratis! Compra ora!

Che cos'è il Livello di pH e perché è Importante per la Coltivazione di Cannabis

Come può un mezzo più acido o alcalino aiutare la tua autofiorente a diventare più sana?
21 September 2022
6 min read
Che cosè il Livello di pH e perché è Importante per la Coltivazione di Cannabis

Contenuti:
  • 1. Cos'è il ph?
  • 2. Come ci influenzano i livelli di ph?
  • 3. Come il ph influenza la cannabis?
  • 4. Controllo del ph per la coltivazione della cannabis
  • 5. In conclusione

Proprio come fornire l'ambiente di crescita ottimale, il controllo del pH è essenziale per l'assunzione di nutrienti della pianta. Mantenendo il corretto livello di pH e regolandolo per lo stadio in cui si trova la tua pianta, garantisci una pianta sana e in definitiva fiori di qualità migliore.

1. Cos'è il pH?

Il PH è un modo per misurare quanto sia acido o alcalino. Ha una scala che varia da 1 a 14, a partire dal livello 1 "acido della batteria" e termina con il livello 14 "drenaggio". L'acqua naturale ha un pH neutro di 7. Sulla base di queste informazioni possiamo vedere se una fonte d'acqua è buona o no per il consumo umano (e vegetale).

 

Scala del pH, come misurare metalli e minerali nell'acqua.
 

Un livello di pH inferiore a 7 indica che l'acqua è acida o "dolce", il che significa che ha un'alta quantità di metalli e può essere tossica (come ferro, manganese, rame, piombo). Dall'altro lato, un pH superiore a 7 significa che l'acqua è alcalina o "dura" e ha un'alta quantità di minerali (come calcio e magnesio). Prova a misurare sempre i livelli di pH quando ti sposti in una nuova città o casa, in questo modo assicurati che l'acqua sia buona non solo per il consumo ma anche per l'irrigazione delle tue piante.

2. Come ci Influenzano i Livelli di pH?   

Il consumo di acqua eccessivamente acida o alcalina è dannoso per l'uomo. Anche se l'acqua naturale ha un pH di 7, l'intervallo accettato è compreso tra 6,5 e 8,5. Nell'intervallo accettabile un pH leggermente alto o basso può essere spiacevole per diversi motivi. L'acqua con un livello di pH elevato (alcalino o "duro") ha una sensazione scivolosa, ha un sapore salato e può contribuire a un accumulo minerale che porta a calcoli renali. Un livello di pH basso (acido o "morbido") può avere un sapore amaro o metallico, non presenta danni all'uomo a meno che non abbia una grande concentrazione di piombo. Ad esempio, una grande concentrazione di metalli tossici può causare avvelenamento.

L'acqua è considerata accettabile per il consumo umano se ha un pH tra 6,5-8,5, perché sulla strada per casa entra in contatto con le tubazioni sotterranee e può raccogliere metalli e minerali.

3. Come il pH Influenza la Cannabis?

Il livello di pH è molto importante per la nutrizione delle piante perché influenza l'assunzione di nutrienti. Proprio come gli umani, la cannabis ha una gamma considerata accettabile. Il problema con le piante di cannabis è che sono in grado di assorbire i nutrienti solo in un piccolo intervallo di pH, tra 6-7 nel suolo e 5,5-6,5 nel suolo e nella coltura idroponica. Questi valori devono essere corretti affinché la nostra autofiorente assorba correttamente i nutrienti.

 

Tabella del pH, assorbimento ottimale dei nutrienti nella cannabis

Diagramma del pH per un assorbimento ottimale dei nutrienti nella cannabis.
 

Se i livelli di pH sono più alti o più bassi, la pianta non può assorbire sostanze nutritive (anche se sono presenti nel mezzo) e inizierà a mostrare segni di carenze nutrizionali. Come sai, tutte le piante richiedono nutrienti per una crescita sana. Richiedono macro, micronutrienti e minerali e, se le piante non possono accedere a questi nutrienti, porteranno a carenze e altri problemi di salute. Se cresci organicamente il pH non è un problema, i microrganismi all'interno regoleranno il pH e renderanno i nutrienti più disponibili per le radici. Tuttavia, i coltivatori che usano nutrienti liquidi inorganici dovranno adattare il pH ogni volta che si nutrono.

4. CONTROLLO DEL PH PER LA COLTIVAZIONE DELLA CANNABIS

Ok, abbiamo parlato brevemente di cosa sia il pH e del perché sia un fattore importante per controllare tutti i tipi di coltivazione della cannabis. Ma come si fa a misurare e controllare i livelli di pH? Prima di tuffarci a capofitto in questo argomento, parliamo dei due diversi tipi di misurazione che devono essere effettuati. È importante non solo misurare la soluzione nutritiva (o acqua di alimentazione) prima di annaffiare le piante, ma anche il deflusso. Con queste due misurazioni è possibile capire esattamente cosa sta accadendo nella zona radicale e se ci sono problemi con i nutrienti. Esistono due modi principali per misurare il pH: con una soluzione chimica a gocce o con un misuratore di pH digitale. Consigliamo SEMPRE di investire in un misuratore digitale. Sono relativamente economici, facili da reperire e forniscono risultati molto precisi quasi istantaneamente. Le gocce vanno bene per controllare l'acqua della piscina, ma per ottenere i migliori risultati dalla tua coltura devi essere molto rigoroso sui livelli di pH.

Un misuratore digitale renderà il lavoro molto più semplice. Una volta calibrato il misuratore di pH (questa operazione deve essere effettuata solo al momento dell'acquisto e forse una volta ogni sei mesi circa), è semplice immergere l'estremità della sonda nell'acqua da testare e attendere un paio di secondi per consentire al misuratore di effettuare una lettura accurata.  Ok, quindi hai il tuo misuratore di pH in mano e sei pronto a fare i test. Cosa fare ora? La prima cosa da fare è mescolare la soluzione nutritiva. Se vuoi, puoi fare una lettura del pH prima, ma i nutrienti che aggiungi avranno un effetto sul pH, quindi non è molto utile farlo.  Una volta che la soluzione è pronta e adeguatamente dosata con i nutrienti richiesti, è il momento di immergere il misuratore e fare una lettura. Potresti essere fortunato e avere una miscela che si colloca nell'intervallo perfetto. Ma cosa succede se la soluzione è troppo alcalina o troppo acida?

La soluzione a questo problema non potrebbe essere più semplice. Ogni negozio di prodotti per l'idroponica ha diverse marche di soluzioni per l'aumento e la riduzione del pH che possono essere aggiunte per aiutare a bilanciare i livelli alla perfezione. Si tratta di sostanze potenti, quindi un po' di prodotto è molto utile. Poche gocce di una di queste sostanze possono avere un effetto piuttosto drastico, ma fortunatamente sono state progettate per non avere alcun impatto sulla crescita delle colture. Potrebbero essere necessari alcuni tentativi per capire esattamente la quantità da aggiungere, ma dopo un breve periodo ci si abituerà al processo. Una volta che l'acqua di alimentazione ha raggiunto i livelli desiderati, è il momento di somministrare il mangime. La lettura successiva da effettuare è quella del deflusso. Questa lettura ti darà una chiara indicazione dei processi che avvengono all'interno della zona radicale.  Si vuole vedere una lettura simile a quella dell'acqua di alimentazione. Se c'è una forte oscillazione verso l'alto o verso il basso, è un chiaro segno che il tuo terreno di coltura ha un pH errato. Per rimediare a questo inconveniente, è sufficiente sciacquare il sistema e ricominciare da capo.

In generale, consigliamo di utilizzare la fibra di cocco come substrato di coltivazione. Presenta i vantaggi dei metodi di coltivazione sia in terra che in idro, è facile e indulgente, è economica, ecologica ed è facilissima da risciacquare in caso di problemi di nutrienti o di pH. Se non sei un fan dei fertilizzanti o degli additivi sintetici, esistono alcune opzioni organiche per aumentare o abbassare i livelli di pH del substrato e del mangime. Le colate di vermi, i trucioli di legno, gli aghi di pino e i tè di compost sono tutti efficaci nell'abbassare il pH, ma richiedono tempo per entrare in azione. Se vuoi aumentare i livelli di pH, puoi aggiungere polvere di calcare o cenere di legno. 

5. In Conclusione

Se vuoi coltivare piante perfettamente sane, dovresti investire in un misuratore di pH. In questo modo puoi regolare il pH della soluzione che stai alimentando le tue piante. Si consiglia di misurare il livello di pH della soluzione in entrata e quindi di misurare il deflusso in uscita. In questo modo puoi anche controllare il livello di pH del mezzo in cui cresce la tua pianta. A volte il livello di pH della soluzione non è lo stesso del mezzo e questo può sicuramente causare problemi di salute per le tue autofiorenti in futuro.

21 September 2022