Choose another country or region to see content specific to your location.
Continue

Si possono coltivare gli autofiorenti in modo organico?

09 August 2022
Scopri come coltivare la cannabis autofiorente in modo biologico
09 August 2022
8 min read
Si possono coltivare gli autofiorenti in modo organico?

Contenuti:
Read more
  • 1. Perché coltivare autofiorenti in modo biologico?
  • 2. Cos'è esattamente la coltivazione biologica?
  • 3. Ricetta base del terriccio organico
  • 4. Conclusione

La cannabis è una pianta straordinaria che cresce praticamente ovunque. Si chiama 'erba' per una ragione. Eppure, ci sono così tante idee sbagliate quando si tratta di coltivare la cannabis che è sbalorditivo. Per esempio, molti coltivatori pensano che non riusciranno ad assaporare i bud sani se non usano il fertilizzante più hyped in città. I fertilizzanti sono costosi e pieni di sostanze chimiche, ma molti non ci pensano nemmeno.

Se state cercando di coltivare la cannabis nel modo più naturale possibile, siamo lieti di spiegarvi tutto il necessario. Sì, è possibile coltivare organicamente anche gli autofiorenti. E la parte migliore è che, una volta che l'avrete fatto, non tornerete mai più a usare fertilizzanti acquistati in negozio. Inoltre, la cannabis organica ha sicuramente un odore e un sapore diverso dalla marijuana coltivata con quella inorganica. Soprattutto, non dovrete mai più preoccuparvi delle sostanze chimiche e perdere la testa.

1. Perché coltivare autofiorenti in modo biologico?

Le piante in fotoperiodo hanno molto tempo per crescere e produrre fiori. Anche se sbagliate nella fase di crescita, potete aspettare che la pianta corregga il suo corso. Tuttavia, con gli autofiorenti questo non è possibile perché crescono secondo una certa età. Quindi, come è possibile coltivare gli autofiorenti in modo biologico?

In realtà, è possibile. E dovreste farlo. Non solo i boccioli hanno un sapore incredibile, ma noterete anche che non sono duri per i vostri polmoni. Naturalmente, questo non significa che potete fare a meno di curare la cannabis organica, perché dovreste. Tuttavia, non dovrete sciacquare le piante nella fase finale e i bud avranno comunque un sapore favoloso.

Inoltre, se pensate che la coltivazione biologica non funzioni bene come l'uso di fertilizzanti commerciali, vi sbagliate di grosso. La cannabis è come qualsiasi altra pianta, quindi perché non dovrebbe crescere come le altre colture agricole coltivate biologicamente? Qual è la differenza? Nulla. Potreste vedere una differenza di una settimana qua e là, ma anche la coltivazione biologica darà ottimi risultati.

 

La cannabis biologica ha un odore diverso a causa dei terpeni che contiene. I terpeni sono gli oli essenziali della pianta. Ed è per questo che ceppi come, per esempio, Green Crack, profumano di mango. È a causa del terpene Myrcene che è presente anche nel mango. Alcuni ceppi profumano di mela, mentre altri sanno di ananas. Sta tutto nei terpeni, e quando si coltiva organicamente, i terpeni sono presenti in tutta la loro forza.

La cannabis organica è colorata, umida e fantasticamente umida. Anche la cannabis coltivata in modo idroponico o con metodi inorganici produce roba buona, ma i bud diventano secchi in poco tempo. Tuttavia, la cannabis organica mantiene la sua brillantezza per molto tempo.

2. Cos'è esattamente la coltivazione biologica?

Questa è una domanda molto importante. Fondamentalmente, i fertilizzanti o il cibo per le piante che non sono processati in laboratorio possono essere considerati organici. Per esempio, puoi fare il tuo compost usando materiale di foglie marroni e verdi. La maggior parte degli agricoltori produce il proprio compost. È un modo meraviglioso di trasformare i rifiuti in cibo per le piante. Allo stesso modo, potete anche coltivare la cannabis usando il compost che fate in casa. Volete sapere la parte migliore? Non dovrete nutrire le piante ogni settimana come fareste con i nutrienti commerciali. Una volta piantati i semi, potete dimenticarvene fino a quando non saranno pronti per il raccolto. Certo, dovrete annaffiarle spesso, ma non dovrete seguire un calendario che è fondamentale mantenere quando si coltiva in modo inorganico.

 

I fiori coltivati biologicamente hanno di solito un odore più dolce e pungente.
 

Per coltivare cannabis organica, potete includere cose come guano di pipistrello, letame di mucca, letame di pecora e persino letame di cavallo. Assicuratevi che il letame sia stagionato perché NON potete coltivare piante con letame fresco. Potete anche usare estratti liquidi di pesce, alghe e persino fiori fermentati per aiutare le piante a crescere bene.  Seriamente, ci sono molte cose che si possono fare. Non c'è limite, basta che sia di origine organica.

3. Ricetta base del terriccio organico

Se sei un principiante, ti conviene acquistare del terriccio pre-fatto dal vivaio. Finché è organico, non importa cosa scegli. Tuttavia, se conoscete i pro e i contro della coltivazione della cannabis, potete provare a formulare una ricetta di base per conto vostro. La maggior parte dei coltivatori biologici preferisce il super terriccio, ma potete sostituire alcuni degli ingredienti se non sono disponibili.

Per questo, inizieremo con una semplice ricetta di super terreno: Il super terreno non è altro che una miscela di ingredienti ricchi di NPK - azoto, fosforo e potassio. Tutti i fertilizzanti commerciali sono fatti usando un po' di questi nutrienti che sono essenziali per la crescita delle piante. Il suolo contiene la maggior parte delle sostanze nutritive necessarie alle piante, ma esse cresceranno meglio se scegliete con . cura ciò che le nutrite. Avrete bisogno di:

 

  • Foglie marroni o oggetti secchi come ramoscelli e cannucce che forniscono carbonio.
  • Torba di cocco o fibre per creare un mezzo di aerazione.
  • Elementi ricchi di azoto come fondi di caffè usati, farina di sangue, letame di cavallo, letame di coniglio, alghe, polvere di lische di pesce, ecc.
  • Funghi come la micorriza per incoraggiare le radici a diffondersi ulteriormente.
  • Fosfato di roccia o farina d'ossa per il fosforo.
  • Gusci d'uovo per il calcio.
  • Polvere di buccia di banana per il potassio.
  • Sali di Epsom per gli oligoelementi come magnesio e zolfo.
  • Una tazza di calce dolomitica per gestire il pH
  • Melassa

Ci sono vari modi per fare il compost. Indipendentemente dal modo che scegliete, ricordate che il rapporto marrone:verde deve essere 2:1. Aggiungi i restanti ingredienti in piccole quantità. Per esempio, se stai usando un sacchetto di foglie secche per la materia marrone, usa una tazza di farina di sangue. Non usare nulla in grandi quantità, tranne gli elementi secchi, perché renderanno il terreno troppo caldo per le piante.

 

 

Ricordate che il rapporto marrone/verde deve essere di 2:1!
 

Abbiamo già un post sul super terriccio a cui potete fare riferimento, ma visto che siamo qui diamo una rapida occhiata a una ricetta di base per il super terriccio che vi garantirà bellissime gemme organiche pronte per il raccolto dopo appena 9-10 settimane. Ma prima, una breve lezione di storia...

"Super terriccio" è un termine relativamente nuovo. Lo straordinario coltivatore di cannabis Subcool ha reso nota la sua ricetta alla comunità dei coltivatori nel 2009, quando ha pubblicato un articolo sulla rivista High Times, all'epoca la più importante rivista di cultura della cannabis. SubCool coltivava erba da oltre dieci anni e aveva sperimentato diversi metodi di coltivazione, ma aveva sempre trovato che il prodotto finale dei metodi di coltivazione organica fosse un passo avanti in termini di qualità e sapore.

Questa ricetta elimina la necessità di qualsiasi additivo o alterazione durante l'intero ciclo di vita e rende il lavoro di coltivazione dell'erba molto più semplice. La ricetta di Subcool è la seguente:

  • 8 sacchi grandi di terriccio organico di prima qualità che include fibra di cocco e micorrize (questo funge da base per il superterriccio)
  • 35 libbre (di colate di vermi)
  • 5 libbre ciascuna di farina d'ossa, farina di sangue e guano di pipistrello
  • 3 libbre di fosfato di roccia
  • 0,75 tazze di sali di Epson
  • 0,5 tazze di calce dolce (dolomite)
  • 0,5 tazze di azomite (oligoelementi)
  • 2 cucchiai di acido umico in polvere
     

Una volta mescolato il super terriccio, bisogna lasciarlo "cuocere" al sole per almeno un mese, in modo che tutte le sostanze organiche possano fare il loro dovere e rendere questa miscela di terriccio pronta a produrre cime di prima qualità. Una volta preparato il vostro super terriccio, potete mescolarlo con il normale terriccio da giardino per preparare la vostra miscela di vasi. Ricordate che ci vuole un po' di tempo per fare il compost. Mentre alcuni processi richiedono 3 mesi, potreste dover aspettare anche 5 mesi per assicurarvi che tutti gli ingredienti siano compostati. Per accelerare il processo, potete anche utilizzare la polvere di compostaggio disponibile online.

 

Non coltivate le piante solo in superterriccio perché potrebbe essere troppo caldo per loro!
 

Non coltivare le piante usando solo il super terriccio perché può essere un po' troppo per le piante giovani. Invece, usa solo 1/4 del super terreno. La ricetta per un chilo sarebbe:

  • 250 grammi di super terriccio
  • 500 grammi di torba di cocco
  • 250 grammi di terriccio organico da giardinaggio

Potete anche aggiungere di tanto in tanto estratti di pesce liquidi quando gli autofiorenti sono in fase vegetativa. Tuttavia, smettete di usare estratti di pesce o qualsiasi cosa ad alto contenuto di azoto una volta che le piante raggiungono la fase di fioritura.

Assicuratevi solo di spargere il super terriccio sul fondo e di stratificarlo con il terriccio da giardino e la torba di cocco. In questo modo, le giovani piante avranno la possibilità di diffondere le loro radici e diventare stabili prima di entrare in contatto con il super terreno. Poiché il super terreno è così ricco di sostanze nutritive, le giovani piante possono bruciare a volte. Sì, è possibile bruciare le giovani piantine anche se coltivate in modo biologico!

PRO E CONTRO DELLA COSTRUZIONE DEL VOSTRO SUPERTERRENO PERSONALE

Come per molti aspetti di qualsiasi tipo di giardinaggio (e della vita in generale, se è per questo), si ottiene ciò che si mette dentro. Un po' di duro lavoro e di olio di gomito all'inizio del processo può andare molto lontano nel produrre un prodotto finale di cui si è soddisfatti. Quando si considera il super terriccio, i pro superano di gran lunga i contro.

VANTAGGI 

  • Ridurrete la necessità di utilizzare fertilizzanti sintetici, che non sono molto efficaci per l'ambiente.
  • Creare la vostra miscela di super terriccio vi permette di avere un controllo totale sull'alimentazione delle vostre piante.
  • La cannabis coltivata biologicamente offre una qualità di fumo senza pari.
  • Il super terriccio è sostenibile, ecologico e può essere riciclato più volte.
  • L'uso di una miscela di super terriccio elimina gran parte del duro lavoro durante il processo di coltivazione. Non è necessario controllare costantemente il pH, l'EC o il TDS.

SVANTAGGI 

  • La preparazione del super terriccio non è un'operazione rapida, ma se avete il tempo necessario sarete ricompensati a lungo termine.
  • Creare la propria miscela di super terriccio costerà di più che acquistarne una in negozio.

4. CONCLUSIONE

Questo è tutto. Non c'è nient'altro da fare se si coltivano autofiorenti in modo biologico. La parte difficile è creare il super terreno, ma potete anche coltivare gli autofiorenti usando del normale compost e del terriccio da giardinaggio disponibile nei vivai. Considerando che gli autoflowers crescono rapidamente, potrete raccogliere cannabis organica in poco meno di 3 mesi! macos/deepLFree.translatedWithDeepL.text