FastBuds seedbank #1 with 10426 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10426 diaries on GrowDiaries
Affrettati! Acquista 1 Ottieni 1 gratis! Compra ora!

I Migliori Livelli di pH per la Coltivazione di Cannabis Autofiorente

Quanto sono importanti i livelli di pH, come controllarli, la differenza tra organico e idroponico e cosa considerare.
05 July 2022
6 min read
I Migliori Livelli di pH per la Coltivazione di Cannabis Autofiorente

Contenuti:
  • 1. Il significato del ph
  • 2. Disponibilità di nutrienti e assorbimento nei medi biologici
  • 3. Disponibilità di nutrienti e assorbimento con la coltura idroponica
  • 4. Disponibilità e assorbimento dei nutrienti con i metodi di coltivazione in fibra di cocco
  • 5. Come controllare il tuo ph
  • 6. Come aggiustare il ph
  • 7. In conclusione

Il modo in cui le piante di Cannabis possono utilizzare le sostanze nutritive disponibili dipende dal pH della soluzione nutritiva che viene somministrata e dal pH del substrato quando si lavora con sostanze nutritive sintetiche, o dal pH dell'acqua e del terreno quando si lavora con tecniche di coltivazione biologica. Capire il significato del pH, la sua importanza e il ruolo che svolge nell'utilizzo dei nutrienti può darti una marcia in più quando si tratta di annaffiare e nutrire il giardino. In questo articolo ti spieghiamo tutto quello che c'è da sapere sul pH (potenziale idrogeno), su come influisce sull'equilibrio e sull'assorbimento dei nutrienti e su cosa tenere in considerazione.

1. Il Significato del pH

L'abbreviazione pH sta per potenziale idrogeno, che è un valore che indica la quantità di acqua e ossigeno presente in una fonte d'acqua o in una soluzione nutritiva. È anche un'indicazione di quanto sia acida o alcalina l'acqua, che alla fine ha un impatto importante sul modo in cui le piante di cannabis assorbono i nutrienti disponibili. Il pH è la misura dell'equilibrio tra ioni idrogeno e ioni idrossido.

CHE COS'È ESATTAMENTE UNO IONE?

In poche parole, uno ione è un atomo che ha guadagnato o perso un elettrone. Questo influisce sul fatto che abbia una carica positiva o negativa, e determinarlo ti darà la lettura che è così importante quando si considera la coltivazione della cannabis, o qualsiasi altra coltivazione. 

 

Cos'è il livello di pH

Scala del pH, come misurare metalli e minerali nell'acqua.
 

La scala del pH ha un valore logaritmico e va da 1 a 14, con il punto centrale di 7 che è neutro. I valori che vanno da 1 a 7 sono considerati acidi, mentre quelli da 7 a 14 sono alcalini. Il succo di pomodoro, il caff2 nero e le banane hanno tutti il valore di pH compreso tra 4 e 5, che li rende acidi. La candeggina, il detergente per il forno e l'acqua molto saponata raggiungono un valore di 11 e più, rendendoli sostanze alcaline. L'intervallo di pH per la coltivazione della cannabis cambia leggermente a seconda del metodo, quindi, senza perdere tempo, iniziamo subito a capire a quale pH dovresti puntare per la tua coltivazione di cannabis.

2. Disponibilità di Nutrienti e Assorbimento nei Medi Biologici

Quando si coltiva Cannabis nel suolo, il livello di pH ottimale dovrebbe essere compreso tra 6,0 e 7,0. I mezzi di coltivazione biologici consentono ai nutrienti di tamponarsi per un periodo di 72 ore e una volta tamponati saranno più prontamente disponibili per le radici a un intervallo ottimale.

I nutrienti primari (altrimenti noti come macronutrienti: azoto, fosforo e potassio), i nutrienti secondari (noti anche come micronutrienti) e gli oligoelementi saranno maggiormente disponibili a pH 6,5. Tuttavia, ci si dovrebbe aspettare che un coltivatore livelli livelli di pH si spostino naturalmente da una parte all'altra, in modo che una pianta possa usare esattamente ciò di cui ha bisogno, senza essere limitata a un numero specifico. Se una soluzione scende al di sotto del pH 5,5 o supera il 7,2, l'assorbimento dei nutrienti primari sarà minimo e ciò può causare una catena di carenze nelle piante. Ogni volta che preparate una soluzione di nutrienti o additivi, devi controllare i livelli di pH prima di somministrarla alle colture. Assicurati sempre che sia compreso tra 6,0 e 7,0. È lecito lasciarlo oscillare all'interno di questo intervallo fino a un certo punto. Anzi, è una buona pratica da seguire, poiché i diversi macro e micronutrienti vengono assorbiti dalla pianta in modo più efficiente a livelli di pH leggermente diversi. 

Cosa ricordare

  • I mezzi organici forniranno una zona tampone naturale per 72 ore.
  • Il terreno dipende dal pH dell'acqua o della soluzione nutritiva per spostarsi tra 6,0 e 7,0
  • Al di sotto di pH 5,5 è possibile accedere ai nutrienti primari.

3. Disponibilità di Nutrienti e Assorbimento con la Coltura Idroponica

A differenza della coltivazione biologica che consente un ciclo tampone naturale, in combinazione con batteri e funghi benefici, i sistemi idroponici sono molto meno tolleranti. Utilizzando mezzi di coltivazione come lana di roccia, hydroton, perlite e cocco, la capacità della pianta di assorbire i nutrienti deve essere dovuta all'attento lavoro del coltivatore. Quando si coltiva con metodi idroponici, l'intervallo di pH ottimale per l'assorbimento e la disponibilità dei nutrienti sarà compreso tra 5,5 e 6,5. A seconda dei vari tipi di agricoltura idroponica, alcuni sistemi possono utilizzare un serbatoio a ricircolo e altri utilizzano un metodo di gocciolamento per rifiuti. Poiché le piante di cannabis vengono alimentate più frequentemente con minerali di piccole dimensioni, è molto importante il requisito di avere il pH impostato nell'intervallo ideale, in combinazione con i livelli di E.C.

 

Intervallo di pH ottimale per la coltivazione idroponica

Intervallo di pH ottimale in caso di coltivazione idroponica.

Cosa ricordare

  • La coltura idroponica non ha zone di buffering, quindi il pH deve essere l'intervallo ideale.
  • È meglio lavorare tra pH 5,5-6,5 permettendo alle piante di andare alla deriva.
  • E.C dovrebbe essere preso in considerazione anche quando si usano l'idroponica o l'aeronica.
  • L'uso di calcoli ad aria per ossigeno disciolto aumenterà i livelli di pH nel tempo.

4. DISPONIBILITÀ E ASSORBIMENTO DEI NUTRIENTI CON I METODI DI COLTIVAZIONE IN FIBRA DI COCCO

Sebbene la fibra di cocco sia considerata un substrato idroponico, reagisce in modo leggermente diverso rispetto a un impianto idroponico puro, il che significa che anche gli intervalli di pH saranno leggermente diversi. La coltivazione della coco-coir è esplosa nell'ultimo decennio, grazie a:

 

  • Il fatto che offre molti dei vantaggi di entrambi i metodi di coltivazione, suolo e idroponica, combinati tra loro.
  • È un substrato totalmente inerte.
  • È naturalmente neutro, con un pH che di solito si aggira tra 5,8 e 6,4 della busta, il che lo rende perfetto per la coltivazione della cannabis.
  • È un substrato facile da lavorare ed estremamente indulgente, soprattutto per i coltivatori alle prime armi.

Quali sono gli intervalli di pH ideali per la coltivazione del cocco? L'intervallo più ampio suggerito per la coltivazione della coco-coir in termini di pH è compreso tra 5,5 e 6,5. Tuttavia, per ottenere risultati ottimali, si consiglia di mantenere un intervallo di pH compreso tra 5,8 e 6,0 durante il periodo di crescita vegetativa. Questo intervallo più piccolo consente un assorbimento ottimale dell'azoto, che è il macronutriente più importante durante la crescita vegetativa. Se 5,8-6,2 è perfetto per l'azoto, si consiglia di ampliare questo intervallo a 5,6-6,2 ogni pochi giorni per consentire l'assorbimento ideale degli altri macro e micronutrienti.

Per ottenere i migliori risultati possibili durante la fase produttiva della fioritura, si deve puntare a un intervallo di pH compreso tra 6,0 e 6,2. Ciò consente un assorbimento ottimale di fosforo e potassio, che sono più importanti dell'azoto durante la produzione di fiori. Anche in questo caso, lasciate che questo intervallo si abbassi una volta alla settimana per consentire l'assorbimento ottimale degli altri nutrienti.

5. Come Controllare il tuo pH

Esistono molte variabili che possono far differire il pH, quindi è importante disporre dell'attrezzatura giusta da misurare. Un metodo molto semplice consiste nell'utilizzare un kit per il test del pH, allo stesso modo, si testerebbe la qualità dell'acqua di una piscina dopo aver usato il cloro. Questi semplici kit richiedono l'aggiunta di 2 gocce di soluzione al campione d'acqua, quindi una volta diluito, il colore del campione fornirà una stima attenta del valore del pH.

Un approccio più professionale sarebbe quello di investire in una penna pH. Questi possono essere trovati nei negozi di coltivazione o nei negozi di acquari e ti daranno una lettura digitale accurata ogni volta che entri nella penna nell'acqua o nella soluzione nutritiva.

 

L'uso di una penna pH è molto più preciso e fornisce una lettura digitale a un punto decimale.
 

Se stai crescendo con sostanze organiche o idroponiche, si consiglia di controllare il pH dell'acqua del rubinetto o dell'acqua piovana in uso. Alcune fonti d'acqua potrebbero dover essere trattate con acido o alcalino per aumentare o diminuire i livelli di pH prima che sia classificato come adatto per le piante.

Punti da considerare

  • Accertarsi che la penna E.C e pH siano calibrate prima dell'uso.
  • Controllare sempre la fonte d'acqua che si sta utilizzando prima di aggiungere sostanze nutritive.
  • Testare il deflusso dalla base delle pentole indicherà il livello di pH del terreno.

6. Come Aggiustare il pH

Quando si coltiva Cannabis, potrebbero essere necessarie diverse volte per regolare il pH della fonte d'acqua o la soluzione nutritiva. Il modo in cui ciò può essere fatto è utilizzare una base acida o alcalina, che è più popolare come i prodotti "pH su" e "pH giù".

 

Regolazione del livello di pH

Come regolare il livello di pH.
 

Se avete intenzione di aggiungere uno di essi, si consiglia di farlo alla fine della preparazione della soluzione nutritiva. Ciò consentirà di regolare la scala del pH solo una volta, tuttavia sono necessarie quantità molto ridotte e questo atto di bilanciamento richiederà tempo, soprattutto se si utilizza la coltura idroponica.

7. In Conclusione

Potrebbe non rendersi conto di quanto sia importante il pH quando si coltiva la cannabis e quanto una deriva eccessiva su un lato della scala del pH possa influenzare l'assorbimento e la disponibilità di nutrienti. Assicurarti di avere gli strumenti giusti per monitorare i livelli di pH ti darà un vantaggio quando dai da mangiare alle tue piante di Cannabis autofiorenti e può essere il punto di differenza tra blocco dei nutrienti e carenze.

05 July 2022