FastBuds seedbank #1 with 10426 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10426 diaries on GrowDiaries
Affrettati! Acquista 1 Ottieni 1 gratis! Compra ora!

DIY Grow Room: Costruisci la tua stanza per la coltivazione della cannabis

Se vuoi iniziare a coltivare la tua medicina ma non riesci a trovare, ecco come costruire una tenda a buon mercato.
07 July 2022
16 min read
DIY Grow Room: Costruisci la tua stanza per la coltivazione della cannabis

Contenuti:
  • 1. Requisiti principali
  • 1. a. A prova di luce
  • 1. b. Impermeabile
  • 1. c. A tenuta d'aria (temperatura, umidità e flusso d'aria)
  • 2. Diversi tipi di costruzione
  • 2. a. Spazi domestici comuni che si possono facilmente utilizzare come grow room
  • 3. Costruire la propria crescita indoor passo dopo passo
  • 3. a. Tenda per la coltivazione
  • 3. b. Grow "box"
  • 4. Obiettivo
  • 5. Precauzioni di sicurezza: elettricità e prevenzione degli incendi
  • 6. Ventilazione
  • 6. a. Ventilatore oscillante
  • 6. b. Ventola di scarico
  • 6. c. Filtro al carbonio
  • 7. Apparecchio di illuminazione
  • 7. a. Tipi di luci di coltivazione
  • 8. In conclusione

Se vivete in un luogo dove la cannabis è illegale e volete coltivare la vostra, la migliore opzione è quella di coltivare le vostre piante al chiuso. Una tenda da coltivazione permette di controllare la temperatura, l'umidità e, soprattutto, di prevenire le perdite di luce e di eliminare l'odore. Nonostante quello che tutti pensano, è possibile costruire una grow box economica se si sa quali materiali usare e come costruirla, ecco un paio di idee di tende da coltivazione fatte in casa per aiutarvi a risparmiare denaro e iniziare a coltivare in poco tempo.

1. Requisiti principali

Prima di iniziare a costruire la vostra tenda da coltivazione, dovete avere un paio di cose in mente.

Anche se potete coltivare la cannabis ovunque vogliate, ciò che differenzia una tenda da coltivazione da qualsiasi altro spazio di coltivazione è la sua capacità di evitare che la luce fuoriesca, essendo a tenuta d'aria in modo che le ventole di scarico possano funzionare correttamente e si possa mantenere una temperatura e un'umidità stabili. Potete costruire una buona tenda da coltivazione stealth grande quanto volete, con tutto ciò di cui avete bisogno, dalla struttura appropriata per i dispositivi di illuminazione alla ventola di scarico e al filtro, e fintanto che riuscite a soddisfare i requisiti principali, avrete una tenda da coltivazione perfettamente funzionante. Una tenda da coltivazione fai da te non sta dietro una tenda da coltivazione che comprereste in un grow shop se usaste dei buoni materiali e vi prendeste il tempo necessario per farlo e, nonostante sembri una cosa difficile da fare, è abbastanza facile.

 

Diy stanza di crescita

Per evitare problemi, volete che la vostra grow room interna sia a prova di luce, a tenuta stagna e impermeabile.

A prova di luce

La tenda da coltivazione deve essere a prova di luce al 100%, questo per evitare lo spreco di luce preziosa ed evitare che le vostre piante si stressino.

Durante la fioritura, è necessario fornire un ciclo di luce 12/12, se c'è una fonte di luce vicino alla vostra tenda da coltivazione quando le luci sono spente, quella luce potrebbe entrare e stressare le vostre piante, facendole rivegetare o diventare ermafrodite.

Ecco perché una tenda da coltivazione deve essere a prova di luce al 100%, non solo vi permetterà di massimizzare l'utilizzo della luce, ma eviterà anche qualsiasi problema con le vostre piante.

Impermeabile

Se state progettando di costruire la vostra tenda da coltivazione con il compensato, per esempio, dovete coprire l'interno con un materiale impermeabile come un foglio di plastica (o qualcosa di simile).

In questo modo si mantiene il legno asciutto e si evita la putrefazione (tenendo la muffa lontano dalla tenda da coltivazione). Sarà anche più facile da pulire e non dovrete preoccuparvi di perdite d'acqua sul pavimento.

A tenuta d'aria (temperatura, umidità e flusso d'aria)

Come forse saprete, la coltivazione al chiuso ci permette di controllare e regolare la temperatura, l'umidità e l'intensità del flusso d'aria, per questo motivo la vostra tenda da coltivazione deve essere a tenuta d'aria.

Se non riuscite a tenere l'aria all'interno, la vostra ventola di scarico non funzionerà correttamente, non manterrà l'odore di cannabis contenuta e sarà più facile prendere gli insetti.

Una tenda da coltivazione a tenuta d'aria è un must quando si coltiva in luoghi dove la cannabis è illegale, non riuscire a contenere l'odore (e la luce) nella tenda può facilmente indurre i vicini a denunciarvi alla polizia, quindi assicuratevi di controllarlo un paio di volte durante i vostri cicli di coltivazione, perché questo può essere facilmente riparato e vi risparmierà un sacco di mal di testa.

2. Diversi tipi di costruzione

Quando si costruisce la tenda da coltivazione, è possibile renderla grande quanto si vuole e con tutto ciò che si ha a disposizione, purché la si renda a prova di luce, a tenuta d'aria e impermeabile.

 

Grow room fai da te: struttura di una tenda da coltivazione

Struttura di una tenda da coltivazione fai da te.
 

I modi più semplici per realizzarlo sono con una struttura in metallo (legno o plastica) e un foglio di plastica che lo ricopra, oppure costruendo una struttura simile a un armadio con il compensato.

SPAZI DOMESTICI COMUNI CHE SI POSSONO FACILMENTE UTILIZZARE COME GROW ROOM

Ci sono diversi fattori da considerare quando si sceglie la giusta collocazione della nostra grow room. La privacy e la discrezione devono essere in cima alla vostra lista, sopratutto se state coltivando in un'area in cui la coltivazione della cannabis è ancora disapprovata. Assicuratevi di scegliere un luogo o una stanza in cui sia possibile controllare facilmente l'ambiente. Uno degli aspetti più utili della coltivazione indoor è la possibilità di gestire completamente la temperatura ambientale, l'umidità e il flusso d'aria per ottimizzare la resa. 

 

Un seminterrato o una cantina possono essere perfetti per la coltivazione. Le aree sotterranee beneficiano di un clima più fresco in estate e più caldo in inverno, con la terra stessa che funge da isolante per la stanza. Questa stabilità termica naturale rende la regolazione della temperatura molto più facile rispetto, ad esempio, a una soffitta. L'unico innegabile svantaggio degli scantinati è che possono essere un po' più umidi rispetto alle aree fuori terra, ma questo è facilmente controllabile con l'uso di un deumidificatore, purché i livelli di umidità siano ragionevolmente bassi. Per ovvie ragioni, non coltivate in uno scantinato umido e ammuffito.

La coltivazione in semiterrato puà anche aiutare a ridurre gli odori o i suoni indesiderati che fuoriescono dalla grow room. Anche acquistando i migliori ventialtori in linea e filtri a carbone e siglillando completamente la stanza, ci sarà un constante ronzio che accompagnerà la coltivazione. Le deliziose fragranze che si sprigionano nelle ultime settimane di fioritura possono essere difficili da contenere anche durante la manutenzione delle piante. I garage sono un altro luogo popolare per la coltivazione all'interiore. A seconda della posizione del garage e delle variazioni climatiche locali, si possono incontrare alcune difficoltà nel controllare i picchi di temperatura. Tuttavia, con le giuste attrezzature e la giusta pianificazione, la maggior parte dei nuovi coltivatori può superare questi problemi. La privacy può essere un problema per le coltivazioni in garage, quindi assicuratevi di valutare bene la situazione in anticipo.

 

Se all'inizio avete intenzione di coltivare su piccola scala, allora un armadio, un mobile o persino una dispensa potrebbero essere adatti. Lo spazio minimo richiesto per la coltivazione della cannabis è un argomento sempre dibatutto, ma qualsiasi cosa che superi i 2 piedi di larghezza x 2 piedi di altezza x 1 piede di profondità dovrebbe essere sufficiente per far partire qualcosa. Esistono innumerevoli guide scritte e video su Youtube sulla coltivazione in armadio, ed è un ottimo modo per immergersi nel gioco della coltivazione. Prendetevi il tempo necessario per valutare dove posizionare la vostra grow room. Una giusta collocazione può portare a cime di qualità superiore, a rese maggiori e a un'esperienza complessiva più piacevole.

3. Costruire la propria crescita indoor passo dopo passo

Per iniziare a costruire il vostro spazio di coltivazione indoor avrete bisogno di alcuni materiali e strumenti di base, alcuni dei quali potreste già avere a casa.

 

1x1x2m Tenda di coltivazioneUnità1x1x2m Grow BoxUnità
Tubo in PVC da 100 cmx11Travi in legno da 100 cmx10-11
Tubi in PVS da 200 cmx8Foglio di compensato 100x100cmx1
Tubo PVC a 3 viex8Foglio di compensato 100x200cmx4
Raccordo PVCx6Cerniere per portex4
Foglio di plastica o Mylar12mFoglio isolante in gommaOpzionale

 

Tenda per la coltivazione

Una tenda da coltivazione è il miglior spazio di coltivazione fai da te perché (a seconda di come la si costruisce) si può facilmente smontare quando serve e poi montarla di nuovo senza bisogno di altro.

Per costruire una tenda da coltivazione, avrete bisogno di pali di legno, metallo o plastica e di un telo di plastica.

La dimensione dei pali dipende ovviamente dall'altezza e dalle dimensioni della tenda da coltivazione che si vuole costruire, ma ecco un esempio per costruire una tenda da coltivazione 1x1x2.

Per prima cosa, dovrete tagliare e assemblare i pali in qualcosa di simile:

 

Grow room fai-da-te: Struttura di una tenda da coltivazione

Struttura di base di una tenda da coltivazione.
 

Come si vede nell'immagine sopra, sono necessari 8 pali di 1m ciascuno per la parte superiore e inferiore della struttura, 1m x 3 pali per (E) e (F) e 2m x 8 pali per (C) e (B). Se si vuole rendere più facile la manipolazione e il montaggio, è possibile tagliare i pali da 2m in pali da 1m x 8 e collegarli con raccordi in PVC.

Avrete anche bisogno di 8 ginocchia in PVC a 3 vie per collegare (A) a (B) e (A) a (C), e 6 T in PVC per collegare i poli (E) e (F) ad (A).

Se si prevede di utilizzare un apparecchio leggero pesante (o più di uno) e una ventola di scarico con filtro al carbonio, è meglio utilizzare pali metallici in modo che la struttura possa sopportare il peso.

Dopo aver preparato tutti i poli e i connettori, è necessario tagliare il foglio di plastica.

 

Grow room fai da te: telo di plastica nero

Foglio di plastica nera usato per costruire una tenda da coltivazione.
 

Il foglio di plastica deve essere misurato sulla tenda da coltivazione prima del taglio in modo da non doverlo rifare, assicurarsi che non abbia fori per evitare perdite di luce e se non diventa troppo caldo dove vivete potete usare 2 strati del foglio per rendere la tenda più resistente.

Anche se il telo di plastica è impermeabile, dovrete rivestire l'interno della tenda da coltivazione con un materiale che riflette la luce come un foglio di mylar o un foglio di plastica bianca.

 

Grow room fai-da-te: mylar

Il mylar era usato per riflettere la luce in una tenda da coltivazione.
 

Nota: Invece di usare il mylar, si può usare un foglio di plastica bianca, che non riflette la luce come il mylar, ma funziona benissimo se non si riesce a trovare facilmente il mylar.

Grow "box"

Una grow box è più facile da costruire, anche se non è possibile smontarla in modo efficace e il compensato può marcire dopo un po' a causa dell'umidità e delle eventuali fuoriuscite d'acqua. Per realizzare una grow box in compensato e travi di legno, avrete bisogno di una struttura simile a quella di una tenda da coltivazione. 

 

Grow room fai da te: struttura di una grow box

La struttura di un grow box.
 

Sono necessari 1m x 8 travi di legno per (A), 2m x 8 travi di legno per (B) e 1m x 2 o x 3 travi per (C). La quantità di travi necessarie in cima dipende dal peso dell'apparecchio di illuminazione, del ventilatore di scarico e del filtro al carbonio.

Dopo aver montato la struttura, è necessario tagliare il compensato per iniziare a chiudere i lati della grow box.

Avrete bisogno di fogli di compensato 1x1m x 1 e 1x2m x 4, ricordate che devono adattarsi perfettamente in modo che non ci siano perdite di luce e la grow box è a tenuta d'aria come può essere.

Uno dei fogli di compensato 1x2m dovrà essere tagliato a metà (per la porta). Avrete anche bisogno di 4 cerniere della porta in modo da poter aprire e chiudere correttamente la grow box.

 

Grow room fai-da-te: arco di coltivazione

I lati di una grow box insieme al proiettore, al ventilatore di scarico e al filtro.
 

Suggerimento: anche se non è obbligatorio, è possibile incollare pezzi di foglio di gomma dove i fogli di compensato si incontrano e tra le porte per farvi mantenere i livelli di temperatura e umidità.

Poiché il legno può bagnarsi e marcire, è una buona idea coprire l'interno con 2 strati di materiale.

4. Obiettivo

Il risultato della vostra tenda da coltivazione fai da te o grow box dovrebbe essere qualcosa di simile a questo:

 

Grow room fai da te: grow room improvvisata

Box da coltivazione indoor fatto in casa.
 

Con qualche piccola differenza, ovviamente.

Dopo aver sistemato tutto, ci sono un paio di cose in più di cui hai bisogno per avere il tuo spazio di crescita pronto e funzionante, queste cose sono:

  • Sistema di ventilazione
  • Filtro al carbonio
  • Apparecchio di illuminazione

Purtroppo non si possono fare a casa (a meno che non si abbia esperienza con l'elettronica), quindi bisogna comprarli. Non importa se state acquistando o costruendo l'apparecchiatura di cui sopra: in entrambi i casi, dovrete assicurarvi di non sovraccaricare il circuito a causa di tutte le apparecchiature che utilizzerete, quindi dovrete fare molta attenzione per evitare incendi o altri problemi gravi.

5. PRECAUZIONI DI SICUREZZA: ELETTRICITÀ E PREVENZIONE DEGLI INCENDI

Ora che la struttura di base è pronta, è il momento di collegare il resto dell'attrezzatura, ma se non si hanno molte conoscenze elettriche o se non si prendono le precauzioni di base per la sicurezza, può essere piuttosto pericoloso; per aiutarvi a evitare le emergenze, ecco un paio di cose da tenere a mente.

Innanzitutto, è necessario sapere che tutte le prese di corrente fanno parte di un circuito, il che significa che non importa se state collegando la lampada a una presa e l'aspiratore a un'altra: se le prese si trovano nella stessa stanza, è molto probabile che appartengano allo stesso circuito e il circuito può sopportare solo una quantità specifica prima di sovraccaricarsi.

 

Controllare il pannello degli interruttori per verificare l'amperaggio e la tensione del circuito.
 

Per prima cosa è necessario identificare il circuito da utilizzare; se necessario, è possibile collegare l'apparecchiatura a due circuiti separati, ma è necessario utilizzare delle prolunghe, quindi per evitare tutti i problemi è sufficiente calcolare quanto può sopportare il circuito ed essere sicuri.

IDENTIFICARE IL CIRCUITO

Nonostante sembri un compito arduo, l'identificazione del circuito è davvero facile perché il pannello degli interruttori dovrebbe avere delle etichette che vi aiutano a identificare a quale circuito appartiene (camera da letto principale, stanza numero 2 o come volete chiamarla) e l'amperaggio di tale circuito.

 

Come calcolare la potenza massima.

Ora che avete identificato il circuito a cui volete collegare l'apparecchiatura, date un'occhiata all'amperaggio, che dovrebbe essere elencato come 5A, 15A o 20A, e dovrebbe indicare la tensione, che varia da luogo a luogo, ma in generale è di 110V o 220V.

CALCOLO DELLA CAPACITÀ DI POTENZA

Supponiamo che l'etichetta indichi 15A e 220V; ora avete le informazioni necessarie, quindi si tratta solo di applicarle alla seguente formula:

 

Tensione x Amperaggio = Potenza massima

220V x 15A = 3300W

 

Dopo aver fatto alcuni semplici calcoli, si è raggiunto il valore di 3000W e ora si sa che, ad esempio, se l'apparecchio di illuminazione consuma 400W e la ventola di scarico 150W, il totale è di 550W e il wattaggio massimo per quel circuito è di 3000W, quindi tutto dovrebbe funzionare senza problemi.

Ricordate però che si tratta della potenza massima che l'intero circuito può gestire e non della potenza massima che una singola presa può sopportare!

6. VENTILAZIONE

Quando si coltiva la cannabis, la ventilazione è importantissima; avere un sistema di ventilazione adeguato per la grow room non solo vi aiuterà a controllare l'umidità, ma anche a mantenere basse le temperature, tra gli altri vantaggi, quindi per coloro che pensano che non valga la pena spendere un paio di dollari, ecco alcuni altri vantaggi che vi faranno cambiare idea:

MIGLIORA LA FOTOSINTESI

Le piante di cannabis hanno bisogno di CO2 per effettuare la fotosintesi, fondamentale per la crescita delle piante. Durante questo processo, le piante assorbono acqua e CO2 e li convertono in zuccheri applicando l'energia che assorbono dalla luce, quindi con una buona ventilazione state effettivamente "iniettando" CO2 nella vostra grow room, fornendo ciò di cui hanno bisogno per questo processo vitale.

 

Un flusso d'aria adeguato è importantissimo per le piante di cannabis.

AIUTA A MANTENERE LE TEMPERATURE BASSE

Oltre ad avere un condizionatore per la grow room, la ventilazione è l'unico modo per mantenere bassa la temperatura. La maggior parte dei coltivatori che coltivano con i LED non dovrebbe avere problemi, ma se coltivate con le HPS, ad esempio, avrete sicuramente bisogno di ventilazione.

AIUTA A CONTROLLARE L'UMIDITÀ

Una corretta ventilazione aiuta anche a mantenere i livelli di umidità al punto giusto, perché è molto importante, soprattutto durante la fase di fioritura, quindi con un buon sistema di ventilazione potete eliminare l'umidità in eccesso causata dall'acqua che il substrato trattiene e dall'umidità che le piante rilasciano attraverso la traspirazione.

PREVIENE MUFFA E INSETTI

Un altro grande vantaggio è la prevenzione di muffe e insetti, perché la maggior parte dei parassiti prospera in ambienti caldi e umidi, quindi mantenendo l'umidità e la temperatura al punto giusto, è molto probabile che gli insetti non attacchino le piante.

VENTILATORE OSCILLANTE

Un ventilatore viene posizionato all'interno della grow room per creare un movimento d'aria al di sopra della chioma; questo non solo permette alle piante di raffreddarsi, ma le fa anche oscillare, favorendo una ramificazione più forte che sarà in grado di sostenere le cime pesanti che si svilupperanno durante la fase di fioritura.

 

I ventilatori oscillanti aiutano le piante a crescere forti e sane.
 

Tenete presente che è possibile che i ventilatori oscillanti siano troppo forti, quindi assicuratevi sempre che il ventilatore sia regolato in modo da non stressare o danneggiare le piante di cannabis.

Ventola di scarico

Il ventilatore di scarico di solito va sulla parte superiore dello spazio di coltivazione ed è collegato da un tubo al filtro al carbonio. I ventilatori di scarico assicurano un buon ricambio d'aria, questo è fondamentale per la crescita delle vostre piante, perché il ricambio d'aria fornirà la CO2 di cui le piante hanno bisogno, lasciando fuoriuscire l'ossigeno. Un buon sistema di ventilazione lungo un ventilatore di dimensioni decenti aiuterà anche il fusto della vostra pianta a svilupparsi più resistente, aiutandola a sostenere le pesanti cime nella fase di fioritura.

Filtro al carbonio

Il filtro a carbone va collegato direttamente alla ventola di scarico (a volte è collegato da tubi a condotto) ed è ciò che eliminerà il forte odore di cannabis prima di far uscire l'aria, un filtro a carbone è fondamentale se si coltiva al chiuso in un luogo dove la coltivazione della cannabis è illegale, questo eviterà problemi con i vicini e con la polizia.

 

Grow room fai da te: filtro a carbone

Un filtro al carbonio eliminerà il tipico odore di cannabis, in questo modo si evita di finire nei guai.
 

Ricordate che quando fate la vostra tenda o il vostro box da coltivazione, dovrete fare i fori dove il tubo del condotto entra ed esce.

7. Apparecchio di illuminazione

Come forse saprete, la luce è vitale per la coltivazione di qualsiasi tipo di pianta, compresa la cannabis.

A seconda del tipo di apparecchio di illuminazione che avete intenzione di usare, dovrete fare alcune regolazioni per poter regolare l'altezza della vostra luce.

 

Grow room fai da te: supporto per le luci

Se le vostre luci sono troppo pesanti, ricordatevi di testare la struttura per vedere se può sopportare il peso prima di iniziare il vostro prossimo ciclo di coltivazione.
 

Alcune luci sono più pesanti di altre o forse sarà necessario utilizzare più di una lampada. Quindi ricordatevi di testare la struttura che avete realizzato con la ventola di scarico, il filtro al carbonio e gli apparecchi di illuminazione (e magari aggiungere più supporto) in modo da non rischiare di uccidere le vostre piante se l'attrezzatura cade su di esse.

TIPI DI LUCI DI COLTIVAZIONE

Esistono 3 categorie principali di luci di coltivazione comunemente utilizzate per la coltivazione all'interiore della cannabis.

FLUORESCENTE (CFL)

Le luci di coltivazione a fluorescenza o CFL sono perfette per le coltivazioni su piccola scala e sono l'opzione più economica per chi stia iniziando il proprio percorso di coltivazione. Sono facili da installare e da usare, non producono calore indesiderato, consumano poca energia e sono disponibili in diverse potenze e sprettri di colore. Tuttavia, presentano alcuni aspetti. Non sono adatte per più di un paio di piccole piante, producono una resa complessiva molto inferiore e si consumano più rapidament rispetto alle opzioni. Le lampadine fluorescenti possono funzionare benissimo con una coltivazione in armadio e sono spesso usate per i cloni o le piantine.

SCARICA AD ALTA INTENSITÀ (HID)

Per decenni le luci di coltivazioneHIID hanno regnato sovrane come i cani da guardia nel settore della coltivazione. Con i recenti progressi delle luci di coltivazione a luci LED (di cui parleremo tra poco), hanno una concorrenza agguerrita, ma questo non significa che l'era delle luci di coltivazione HID sia vicina alla fine. Esistono due tipi principali di luci HIID: le HPS (High Pressure Sodium) e le mH (Metal Halide). Ciò è dovuto al fatto che producono due diversi spettri luminosi:le HPS producono una luce più rossatura che le piante da fiore preferiscono, mentre le MH emettono una luce più fredda, più adatta alla fase vegetativa. 

 

Il principale vantaggio delle luci HID rispetto alle loro controparti più recenti è il minor esborso iniziale di denaro. Si tratta di una tecnologia più vecchia e quindi ha un prezzo più basso. Inoltre, sono abbastanza facili da installare, mantenere e gestire. Producono rendimenti di prim'ordine e godono di un'ottima reputazione in termini di affibilità. Gli aspetti negativi dell'uso delle HID sono l'elevata quantità di calore che producono, che può essere un problema difficile da combattere. Per funzionare hanno bisogno di un alimentatore separato e bruciano una quantità considerevole di energia. Inoltre, sebbene abbiano una discreta durate, devono essere sosistuite di tanto in tanto.

LED

Le luci di coltivazione a LED sono i nuovi arrivati. Quando sono state introdotte per la prima volta, circa dieci anni fa, sono state giudicate troppo costose e poco potenti. Ma come sono cambiati i tempi! Negli ultimi 5 anni circa c'è stata un'esplosione di luci di coltivazione LED di alta qualità e questa tecnologia è ora vista come la via del futuro, Sebbene le luci di coltivazione a LED siano l'opzione più costosa da acquistare in negozio, sono molto più economiche da gestire rispetto alle luci HIID. Funzionano in modo pù freddo rispetto alle HID e producono quasi zero calore ambientale. Ciò significa che non è necessario acquistare costose ventole in linea e che possono essere appese molto più vicino alle piante, un aspetto da tenere in considerazione quando si valuta il prezzo della grow room. Inoltre, consumano molta meno energia, il che vi farà risparmiare nel corso del ciclo di coltivazione. 

 

Le moderne luci di coltivazione a LED coprono di solito l'intero spettro luminoso e possono essere regolate con precisione per replicare la luce naturale del sole. Se decidete di utilizzare le luci a LED, assicuratevi di scegliere un produttore affidabile, poiché su internet si trovano molte luci a LED di qualità inferiore. Al giorno d'oggi la maggior parte dei coltivatori di alto livello utilizza sia luci LED che HID, soprattutto nelle coltivazioni indoor su larga scala. Questa combinazione aiuta a replicare fedelmente lo spettro luminoso naturale e consente una maggiore penetrazione e diffusione della luce in tutta la stanza di coltivazione.

8. In conclusione

Se volete iniziare a coltivare la vostra cannabis non avete bisogno di spendere molto, nonostante il costo del sistema di ventilazione e delle luci, potete facilmente costruire il vostro spazio di coltivazione indoor da soli.

Assicuratevi di prendere le misure appropriate in modo che sia solido, stabile e possa sostenere l'attrezzatura per la coltivazione e avrete una tenda da coltivazione completamente funzionale, spendendo molto meno che comprarne una in un grow shop.

07 July 2022