FastBuds seedbank #1 with 10426 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10426 diaries on GrowDiaries

Problemi comuni legati alle piantine di cannabis e come risolverli

Avete notato che le vostre piantine non crescono bene? Imparate a identificarle e a sistemarle!
22 May 2022
10 min read
Problemi comuni legati alle piantine di cannabis e come risolverli

Contenuti:
  • 1. Piantine di cannabis sane
  • 2. Irrigazione eccessiva
  • 3. Scarsa irrigazione
  • 4. Nutrient problems
  • 4. a. Come rimediare
  • 5. Calore eccessivo
  • 5. a. Come rimediare
  • 6. Troppa (o troppo poca) luce
  • 6. a. Come rimediare
  • 7. Gushio del seme bloccato sulla piantina
  • 7. a. Come rimediare
  • 8. Cosa tenere a mente durante la fase di semina della cannabis
  • 8. a. L'ambiente perfetto
  • 8. b. Intensità della luce
  • 8. c. Annaffiare correttamente
  • 9. Domande sui problemi delle piantine di cannabis
  • 10. In conclusione

Foglie ingiallite o deformate, punte bruciate o anche una crescita lenta possono essere un segno che qualcosa non va, anche se la tua piantina può essere in grado di recuperare, può avere un pedaggio sulle dimensioni finali e sui raccolti delle vostre piante di cannabis. 

I problemi con le piantine sono comuni e possono finire per colpirle ulteriormente nel loro ciclo di vita, quindi è fondamentale individuarle e sistemarle il prima possibile.

Sicuramente non è difficile individuare quando qualcosa non va, ma se sei un nuovo coltivatore, prima di tutto dovresti sapere come appare una piantina sana.

1. PIANTINE DI CANNABIS SANE

Le piantine di cannabis iniziano con due piccole foglie rotonde chiamate "cotiledoni", queste foglie si formano già all'interno del seme e si aprono una volta che il seme è stato germinato con successo, dopo un paio di giorni, appariranno le prime foglie seghettate, il che indica che la vostra piantina sta iniziando a crescere.

 

Problemi comuni delle piantine di cannabis: piantine sane

Piantina di cannabis sana.
 

Come si inizia a sviluppare la piantina, apparirà il primo paio di foglie vere, le foglie vere sono le tipiche foglie a dita che tutti conoscono, tutte le foglie fino a questo punto dovrebbero essere di un verde brillante, se non lo sono, è un segno che qualcosa non va, per aiutarti a diagnosticare quello che potresti avere, ecco i problemi di cannabis più comuni.

2. IRRIGAZIONE ECCESSIVA

L'irrigazione eccessiva è uno dei problemi più comuni tra i coltivatori, anche se le piante hanno bisogno di acqua per crescere, hanno anche bisogno di ossigeno per svilupparsi correttamente, e quando si irriga troppo, si può finire per annegare le piante a causa della mancanza di ossigeno.

Si può pensare Che dire delle piante coltivate in idrocoltura? Beh, in impianti idroponici, circa ⅓ delle radici sono tenuti fuori dall'acqua, in questo modo possono respirare allo stesso tempo che assorbono l'acqua così anche se le radici sono in acqua, ottengono comunque l'ossigeno di cui hanno bisogno.

Problemi comuni delle piantine di cannabis: irrigazione eccessiva

Sintomi da cannabis innaffiata eccessivamente.
 

Quando le TUE piante non ricevono la quantità di ossigeno di cui hanno bisogno, le foglie cominceranno a cadere e se non le tratti a lungo, le foglie cominceranno a ingiallire. Se hai uno di questi sintomi, è molto probabile che il problema sia causato da un cattivo drenaggio o da un'irrigazione troppo frequente.

COME RIMEDIARE

  • Non lasciare le piante nell'acqua di deflusso.
  • Ottenere contenitori migliori come Smart pots o Air pots.
  • Mescolare la perlite nel terreno per aumentare il drenaggio e l'ossigenazione.
  • Praticare dei fori di drenaggio sul fondo del contenitore per consentire il drenaggio dell'acqua.

3. SCARSA IRRIGAZIONE

Proprio come l'irrigazione eccessiva, l'irrigazione insufficiente è molto comune, soprattutto tra i nuovi coltivatori che vogliono prevenire l'irrigazione eccessiva e può essere abbastanza confusa perché i sintomi sono fondamentalmente gli stessi di quando si irriga troppo.

 

Problemi comuni delle piantine di cannabis: immersione in acqua

Sintomi da cannabis arida.
 

È essenziale assicurarsi che le piante abbiano sempre accesso all'acqua, le radici devono essere mantenute sempre umide perché le piante perdono costantemente acqua attraverso il processo di traspirazione e devono essere in grado di reintegrare l'acqua nelle foglie.

Quando non c'è abbastanza acqua, le piante di cannabis smettono di eseguire i loro processi di base e si seccano, finendo per ucciderle, quindi, anche se bisogna fare attenzione quando si annaffia, bisogna assolutamente tenere le piante innaffiate.

COME RIMEDIARE

  • Assicurarsi che la parte superiore del terreno sia sempre umida.
  • Mescolare il terreno con fibra di cocco o vermiculite per migliorare la ritenzione idrica.

4. NUTRIENT PROBLEMS

Proprio come i sintomi di sovralimentazione o di sott'acqua, le piante che soffrono di un eccesso di nutrienti (sovralimentazione) inizieranno ad avere foglie gialle o macchie gialle, punte bruciate o a mostrare una crescita più lenta.

I problemi legati alle sostanze nutritive sono di solito causati dall'apporto di sostanze nutritive troppo presto, dall'apporto di troppe sostanze nutritive in una sola volta o da un super terreno "caldo" o da terreni preammati.

Dare troppi nutrienti alla volta può causare problemi durante la notte, quindi si consiglia di innaffiare la piantina con acqua semplice e di dare un'occhiata alla tabella seguente in modo da prevenire qualsiasi problema legato ai nutrienti.

 

L'ACQUA IDEALE PER LE PIANTINE

L'acqua ideale per le piantine
MezzopHPPM
Terriccio6.0-7.0100-250
Cocco, pellets di argilla e idro5.5-6.2300-400

 

Ricorda che si tratta di stime e dovresti controllare ogni giorno la presenza di problemi e ridurre o aumentare questi numeri se vedete segni di carenze. Dare nutrienti troppo presto sovraccaricherà il terreno e, di conseguenza, la tua piantina, quindi ricorda che non dovresti nutrirti per le prime due settimane o almeno dare una bassa dose di nutrienti. Questo può accadere anche con il super terriccio organico, anche se è organico, devi aspettare fino a quando il vostro super terriccio non è più "caldo", "caldo" significa che il mix è ancora in fase di attività biologica quindi dovrai aspettare circa 30-45 giorni prima di poterlo utilizzare, anche se questo non è il caso di tutti i super terricci quindi assicurati di ottenere maggiori informazioni sul prodotto che stai utilizzando.

COME RIMEDIARE

  • Assicurati di regolare la dose di nutrienti in base al terreno in cui stai crescendo.
  • Aspetta almeno 10 giorni prima di iniziare a nutrire le tue piante.
  • Leggi le istruzioni sui prodotti che stai utilizzando.

5. CALORE ECCESSIVO

Un calore eccessivo può anche influire sulle tue piante, che finiranno per mostrare segni di stress da calore, vedrai i bordi delle foglie che si rivolteranno come tacos e cominceranno a diventare secchi e croccanti, e in casi più estremi, le foglie cominceranno a mostrare un colore giallo-verde.

 

Problemi comuni delle piantine di cannabis: calore eccessivo

Sintomi di stress da calore da cannabis.
 

Questo può essere causato da temperature elevate, bassa umidità, o anche da una ventilazione troppo forte, ma per fortuna, questo può essere facilmente individuato prima che le tue piante comincino a mostrare i sintomi, perché vedrai che il terreno è secco e a volte inizierà a screpolarsi.

COME RIMEDIARE

  • Assicurarsi che la temperatura e l'umidità siano ai giusti livelli.
  • Metti la mano sotto la lampada, se fa troppo caldo per voi, lo è sicuramente per le tue piante.
  • Assicurati che i tuoi ventilatori non siano troppo forti per il palco in cui si trovano le tue piante.

6. TROPPA (O TROPPO POCA) LUCE

Un altro problema comune tra i nuovi coltivatori è quello di non fornire abbastanza o di fornire troppa luce nella fase di plantula, se le tue piantine non ricevono abbastanza luce, inizieranno a stirarsi e il gambo diventerà super lungo, il che è una brutta cosa perché possono rompersi facilmente e non c'è modo di aggiustarlo.

 

Problemi comuni delle piantine di cannabis: la luce

Sintomi di luce eccessiva o insufficiente sulle piantine di cannabis.
 

Ora, quando le tue piantine stanno ricevendo troppa luce, o le luci sono troppo vicine ad esse, la piantina si disidrata e le foglie si bruciano, mostrando sintomi come foglie bruciate e rugose.

COME RIMEDIARE

  • Regolare la distanza della lampada dalla piantina ogni giorno, cercare di trovare il punto giusto.
  • Utilizzare CFL al posto di potenti LED o HPS per evitare questo tipo di problemi.

7. GUSHIO DEL SEME BLOCCATO SULLA PIANTINA

A volte, quando una piantina esce dal substratto, si nota che il guscio del seme è bloccato sulla piantina e non si stacca naturalmente. In questo caso, la piantina non riesce a svilupparsi correttamente, probabilmente si allunga molto e, se lasciata troppo a lungo, può morire. Questo accade a causa dei livelli di umidità, quindi per minimizzare il danno ci sono un paio di cose da fare.

COME RIMEDIARE

Come già detto, questo accade a causa dei livelli di umidità, bassi per la precisione, quindi quello che devi fare è idratare il guscio del seme. Quindi, spruzza la piantina con semplice acqua o lascia cadere una o due gocce d'acqua sul guscio. Ricorda che a volte, il guscio del seme cade, ma la membrana che ricopre i cotiledoni può rimanere bloccata e la piantina non sarà in grado di aprirsi, quindi assicurati di prendere una pinzetta o di rimuovere la membrana con le dita con ulta attenzione.

 Se devi farlo al più presto e non vuoi aspettare che il guscio del seme cada, puoi rimuoverso a mano senza spruzzarlo, però ricorda che le radici della piantina non sono cresciute abbastanza, potresti dinire per staccare la piantina dal terreno, quindi non usare una forza eccessiva. Si consiglia vivamente di idratare il seme prima per evitare shick o stress, sopratutto per evitare di rimuovere completamente la piantina dal substrato.

  • Assicurati di mantenere i livelli di umidità nella norma con l'aiuto di un umidificatore.
  • Posiziona una cupola di plastica (come una bottiglia o un bicchiere di plastica ritagliato) sopra la piantina per mantenere livelli di umidità più elevati.

8. COSA TENERE A MENTE DURANTE LA FASE DI SEMINA DELLA CANNABIS

Per evitare tutti i problemi della cannabis menzionati nell'articolo, ecco i principali consigli che ti aiuteranno a evitarli e a mantenere le tue piantine di cannabis sane e felici.

L'AMBIENTE PERFETTO

L'umidità relativa e la temperatura influenzeranno direttamente la crescita della tua piantina, quindi assicurati che la luce non sia troppo forte ma che la tua cannabis riceva comunque abbastanza luce e che la temperatura si aggiri intorno ai 21-23 ºC e l'umidità relativa al 70-80%.

La mancanza di condizioni ottimali può influenzare la crescita delle piante e, in ultima analisi, può ucciderle se non vengono trattate per troppo tempo, qquindi ecco cosa aspettarsi nelle diverse condizioni:

Il substratto è troppo umido

Se il substrato è troppo umido, i semi possono annegare. Nonostante i semi siano germogliati in acqua, non va bene che il substratto sia estremamente bagnato, quindi assicurati sempre che il substratto sia umido ma non fradicio.

Il substrato è troppo secco

I semi di cannabis hanno bisogno di umidità per germinare, quindi assicurati che il substrato sia umido ma non eccessivamente bagnato, perché un'exxessiva secchezza può far sì che i semi non germoglino e muoiano.

I semi sono stati piantati troppo in profondità

1 - 3 cm è la profondità massima per fornire supporto alle radici e coprire i semi con il substrato. Se si piantano i semi troppo in profondità, la piantina potrebbe avere difficoltà a spuntare dal substrato, quindi non piantarla troppo in profondità.

L'ambiente non è abbastanza caldo

Le piantine preferiscono temperature più calde, comprese tra i 22 e i 26 gradi, e crescono più lentamente a temperature più basse.

L'ambiente è troppo umido

Si consiglia di utilizzare una cupola di plastica per le piantine appena nate, ma ricorda di rimuoverla non appena la piantina inizia a sviluppare il primo paio di foglie a un dito dopo i cotiledoni, poiché l'elevata umidità può causare l'inumidimento, che porta le piantine a ripiegarsi su se stesse e a morire.

INTENSITÀ DELLA LUCE

La luce della marijuana può effettivamente danneggiare le piante se la luce è troppo forte. Le piantine sono più fragili delle piante adulte, quindi assicurati di abbassare la luce o di regolare l'illuminazione dell'apparecchio per evitare di stressarle. Inoltre, se le piantine si allungano molto significa che hanno bisogno di più luce. In tal caso, aumenta l'intensità della luce o posiziona l'apparecchio più vicino.

ANNAFFIARE CORRETTAMENTE

Innaffiare correttamente le piantine di cannabis è la parte più difficile per i coltivatori principianti: inaffiare troppo può portare a una pianta d'erba poco anaffiata, quindi assicurati di iniziare a innaffiare con circa 100 ml e di aumentare la quantità in base alla crescita delle piante.

9. DOMANDE SUI PROBLEMI DELLE PIANTINE DI CANNABIS

Ecco le domande più frequenti sui problemi delle piantine di cannabis per aiutarti a capirne un po' di più e ad affrontarli. Ricorda che problemi diversi possono avere sintomi simili, quindi assicurati di essere sicuro al 100% di quale sia il problema prima di prendere misure drastiche.

Perché le foglie della mia piantina stanno ingiallendo? Potrebbe essere una carenza di sostanze nutritive della cannabis?

Quando le foglie iniziano a ingiallire è probabilmente un segno di problemi di nutrienti, il che significa che mancano nutrienti, che ne ricevono troppi o che ne ricevono del tipo sbagliato.

Quando devo rimuovere la cupola di plastica delle piantine?

La cupola di plastica aiuta ad aumentare l'umidità per una germinazione più rapida, quindi è possibile rimuoverla non appena la pianta ha sviluppato completamente un paio di foglie (dopo i cotiledoni).

 

Problemi comuni delle piantine di cannabis: rimuovere la plastica

Rimuovere la cupola di plastica quando la piantina ha sviluppato il primo paio di foglie dopo i cotiledoni.
 

Perché le foglie della mia piantina di cannabis si arricciano verso il basso?

Di solito questo accade quando si annaffiano troppo le piantine o quando sono esposte a temperature più elevate, quindi assicurati che la temperatura sia compresa tra 20 e 25 ºC e fai attenzione alla quantità d'acqua con cui annaffi.

Quando è sicuro mettere le mie piantine di cannabis sotto la luce?

Beh, la piantina deve stare sotto la luce fin dalla germinazione, ma puoi usare una luce fluorescente da 15-20 W durante le prime 1-2 settimane e, una volta che la prima coppia di foglie vere si è sviluppata completamente, potete passare alla lampadina LED o MH.

Esiste un ciclo di luce migliore per le piantine di marijuana?

Il ciclo di luce migliore per le piantine di cannabis sia autofiorenti che a fotoperiodo è 18/6 a partire dai semi.

Il substrato è super importante per le piantine?

Naturalmente, il mix di substrati è importantissimo per un avvio sano. Alcuni coltivatori preferiscono una "miscela leggera" che può fornire nutrienti per le prime settimane, mentre altri creano le loro miscele con perlite e fibra di cocco. Non esiste un substrato migliore, ma l'ideale è una miscela che consenta una buona ossigenazione e ritenzione idrica.

 

Problemi comuni delle piantine di cannabis: usare un substrato

Il substrato è importantissimo per le piante di cannabis!
 

Perché le mie piantine di marijuana crescono così lentamente?

Questa è la domanda più difficile perché può essere causata da diverse cose. Le tue piantine di cannabis potrebbero essere carenti di sostanze nutritive o potrebbero essere causate dalla mancanza di un'illuminazione adeguata e da temperature o umidità estreme.

A che distanza deve trovarsi la luce di coltivazione dalla piantina di cannabis?

Se si utilizza una luce CFL, le luci dovrebbero trovarsi a 5-10 cm dalle piantine. Se si usano lampade HPS o MH, la luce dovrebbe essere a circa 25-40 cm dalle piantine e se si usano i LED, l'apparecchio dovrebbe essere a circa 75 cm dalle piantine con un'intensità luminosa del 40%, se possibile.

Quanto tempo ci vuole perché i semi germoglino e la piantina esca dal terreno?

Il processo di germinazione è di solito abbastanza veloce, ma a seconda della qualità dei semi, può richiedere fino a 5 giorni o anche di più. Una volta che i semi sono germogliati e sono stati piantati nel vaso, la piantina dovrebbe impiegare circa 3 giorni per uscire dal terreno se le condizioni di crescita sono adeguate.

È possibile conoscere il sesso della mia pianta durante la fase di semina?

No, potrai sapere se la tua pianta di marijuana è maschio o femmina solo durante la fase di prefioritura. Questo accade perché le piante di cannabis devono maturare sessualmente per mostrare sacche polliniche maschili o stigmi femminili.

10. IN CONCLUSIONE

Le piantine sono super fragili e sensibili, quindi dovreste prendervi cura di loro, evitare problemi in questa fase è fondamentale perché, anche se le tue piante neonate possono recuperare, le dimensioni e la struttura potrebbero risentirne, il che finirà per influenzare il tuo raccolto.

Se hai dei consigli che potete condividere con altri coltivatori per aiutarli a prendersi cura delle loro piante, sentiti libero di lasciare un commento nella sezione commenti qui sotto!

 

Riferimenti esterni:

  1. Seedlings. - Jenkins, Elwyn. (2020).
  2. Effect of seedling grades on seedling vigour of Azadirachta indica. - Mani, Gangadharan & A.Bharathi,. (2020).
22 May 2022