FastBuds seedbank #1 with 10426 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10426 diaries on GrowDiaries
Affrettati! Acquista 1 Ottieni 1 gratis! Compra ora!

10 Miti Comuni Sulla Cannabis Autofiorente

Nonostante le autofiorenti impieghino meno tempo delle fotoperiodiche, a volte possono veramente sorprenderti!
08 October 2022
9 min read
10 Miti Comuni Sulla Cannabis Autofiorente

Contenuti:
  • 1. Mito #1: le autofiorenti sono ricche di cbd
  • 2. Mito #2: le autofiorenti non possono essere trapiantate
  • 3. Mito #3: tutte le autofiorenti sono meno potenti
  • 4. Mito #4: le autofiorenti non possono essere clonate
  • 5. Mito #5: tutte le autofiorenti producono basse rese
  • 6. Mito #6: non puoi cimare le autofiorenti
  • 7. Mito #7: le autofiorenti non hanno sapore
  • 8. Mito #8: le autofiorenti hanno bisogno di 24 ore di luce
  • 9. Mito #9: con le autofiorenti non si può fare training
  • 10. Mito #10: le autofiorenti impiegano più tempo di quanto specificato
  • 11. In conclusione

Le autofiorenti sono molto migliorate nel corso degli ultimi anni; infatti anche se un tempo erano meno potenti e producevano meno delle fotoperiodiche, tutto ciò appartiene ormai al passato. Se vuoi una pianta di cannabis in grado di produrre tanto quanto le fotoperiodiche in meno tempo, le autofiorenti ti lasceranno di stucco.

Prima delle varietà autofiorenti diventassero importanti non erano molto apprezzate dai coltivatori, tempo fa infatti non riuscivi a trovare molte autofiorenti e quando ne trovavi una probabilmente restavi deluso dalle rese e dalla qualità. Oggi le autofiornti si sono incrociate con varietà Sativa e Indica e sono state allevate per produrre raccolti enormi e un effetto più potente, consentendo ai coltivatori di ottenere la stessa qualità ed effetto mantenendo il tratto autofiorente.

Mito #1: Le autofiorenti sono ricche di CBD

AFFERMAZIONE: "LE AUTOFIORENTI SONO RICCHE DI CBD"

Rivendicato da: Pioneers of Autoflowering Growing 

Verifica dei fatti da parte di Fast Buds: Falso

 

È vero che la specie ruderalis contiene maggiormente CBD ed è anche vero che i ceppi autofiorenti hanno geni ruderalis ma da alcuni anni ormai gli allevatori hanno sviluppato ceppi autofiorenti ricchi di THC.

 

Anche se la specie ruderalis ha un alto livello di CBD, le autofiorenti più recenti possono essere estremamente potenti.
 

Anche se puoi trovare le autofiorenti al CBD adatte a pazienti medici o ai consumatori a cui non piace un effetto euforico, come la nostra CBD Auto 20:1, ci sono molte autofiorenti che hanno un alto contenuto di THC e possono avere la stessa potenza ( o anche più potente) dei ceppi fotoperiodici mantenendo il tratto autofiorente, permettendoti di avere fino a 3 raccolti quando invece ne avresti solo 1 con piante fotoperiodiche1.

Come forse già sai, sia il CBD che il THC appartengono a una classe di sostanze chimiche note come fitocannabinoidi. Diversi fattori ambientali possono influire sulla produzione di questi metaboliti secondari (molecole che le piante producono in gran parte per difendersi), ma la genetica ha l'influenza maggiore. Non troverai molto CBD o THC nei fiori di cannabis grezzi. Al contrario, possiedono alti livelli di CBDA e THCA, le forme acide di queste sostanze chimiche. Entrambi questi composti nascono come il cosiddetto "cannabinoide madre" CBGA.

Il fatto che una pianta di cannabis converta il CBGA in CBDA o THCA dipende dai geni che codificano per enzimi specifici che avviano queste reazioni. Incrociando esemplari di Ruderalis con ibridi moderni carichi di THC, i coltivatori sono riusciti ad aumentare i livelli di THCA sintasi in queste piante (l'enzima che converte il CBGA in THCA) e di conseguenza ad aumentare i livelli di THCA. Quando viene esposto al calore di bong, spinelli o forni, il THCA si converte in THC psicoattivo attraverso un processo noto come decarbossilazione. 

Mito #2: Le autofiorenti non possono essere trapiantate

AFFERMAZIONE: "LE AUTOFIORENTI NON SI POSSONO TRAPIANTARE"

Rivendicato da: Pioneers of Autoflowering Growing 

Verifica dei fatti da parte di Fast Buds: Falso

 

Questo è in qualche modo vero, anche se puoi trapiantare le tue auto, dovresti stare molto attento perché se non si prendono le cure appropriate, potresti finire col scioccarle e ciò potrebbe influire sulla resa finale. Poiché le autofiorenti impiegano molto meno tempo dal seme alla raccolta, scioccare la tua pianta può arrestare la crescita, se si considera che le autofiorenti possono impiegare fino a 8 settimane per maturare completamente, anche un paio di giorni di recupero da un trapianto possono comportare un raccolto scadente.

 

Anche se si consiglia di coltivare le autofiorenti nel loro vaso finale, possono essere trapiantate purché si prenda cura di non stressarle troppo.
 

Ti consigliamo di piantare le tue autofiorenti in un vaso grande in modo da non doverle trapiantare ma, se necessario, assicurati di farlo delicatamente per cercare di ridurre al minimo lo stress, ecco alcuni suggerimenti:

  • Trapianta le tue autofiorenti nello stesso identico mix di terriccio.
  • Assicurati che il terriccio sia asciutto e che quello nel nuovo vaso sia umido.
  • Evita di schiacciare le radici, lascia un po 'di spazio e non premere troppo il terreno. In questo modo eviti di scioccarle e problemi alle radici.

Mito #3: Tutte le autofiorenti sono meno potenti

AFFERMAZIONE: "TUTTE LE AUTOFIORENTI SONO MENO POTENTI"

Rivendicato da: Pioneers of Autoflowering Growing 

Verifica dei fatti da parte di Fast Buds: Falso

 

Questa è la domanda più comune per quanto riguarda le autofiorenti e per un certo periodo è stata effettivamente vera, anche se ora abbiamo varietà autofiorenti estremamente potenti che possono avere fino al 27% di THC, essendo alla pari con le varietà fotoperiodiche.

Questa nuova genetica autofiorente ha un mix di genetiche Ruderalis, Indica e Sativa e può essere davvero sorprendente, un ottimo esempio è la nostra nuova Gorilla Cookies Auto, anche se è una varietà autofiorente, ha un alto livello di THC e offre un forte effetto che è un mix sia cerebrale che corporeo.

Mito #4: Le autofiorenti non possono essere clonate

AFFERMAZIONE: "LE AUTOFIORENTI NON SI POSSONO CLONARE"

Rivendicato da: Pioneers of Autoflowering Growing 

Verifica dei fatti da parte di Fast Buds: Falso

 

Per quanto sembri crederci, in realtà non è vero. In realtà puoi clonare le autofiorenti ma a causa del tratto autofiorente, i cloni non avranno molto tempo per svilupparsi e non cresceranno troppo.

 

Clonare le autofiorenti

Le autofiorenti di solito non vengono clonate a causa del tratto autofiorente, anche se è possibile non produrranno troppo.
 

I coltivatori di solito non clonano i ceppi automatici a causa del rischio di scioccare le tue piante, non vale la pena rischiare il tuo raccolto perché i cloni di solito crescono corti e non hanno il tempo di produrre grandi raccolti.

Le varietà autofiorenti entrano in fase di fioritura in base all'età e non alle condizioni di luce esterne; alcune varietà sono note per passare dal seme al raccolto in appena otto settimane. Poiché un clone crea una copia biologica della pianta madre, anche la talea condivide la stessa età. Ciò significa che la tua piccola talea potrebbe avere solo 5-6 settimane per stabilire una certa dimensione prima di andare in fiore, il che si traduce in cloni piccoli con rese minori.

Al contrario, le varietà a fotoperiodo dipendono da una riduzione della luce per avviare la fase di fioritura. Questo segnale indica l'avvicinarsi dell'autunno e le piante ricevono il messaggio che devono affrettarsi a riprodursi prima dell'arrivo delle gelate. I coltivatori possono utilizzare condizioni artificiali per mantenere le piante in fase vegetativa per tutto il tempo che ritengono opportuno. In questo modo hanno il tempo di far crescere i cloni fino a farli diventare piante grandi prima di forzarli alla fioritura. 

Mito #5: Tutte le autofiorenti producono basse rese

AFFERMAZIONE: "TUTTE LE AUTOFIORENTI PRODUCONO BASSI RENDIMENTI"

Rivendicato da: Pioneers of Autoflowering Growing 

Verifica dei fatti da parte di Fast Buds: Falso

 

Questo è un mito che potrebbe aver avuto origine quando apparvero le prime varietà autofiorenti, sebbene fosse vero, al giorno d'oggi è completamente falso. In effetti alcune autofiorenti possono avere rese più basse a causa delle loro dimensioni, ma ci sono molte genetiche autofiorenti che sono state sviluppate così bene e per così tanto tempo che possono crescere fino a 150 cm e produrre fino a 650gr/m2 in circa 10 settimane, è il caso della nostra Orange Sherbet Auto.

Orange Sherbet Auto
5 out of 5
Questa varietà già dalle ultime settimane di fioritura sprigiona un fortissimo odore agrumato, per lo più di arancia, mi piace molto!!
Nielsen.
Verified customer
Reviewed 20 ottobre 2020
 

Ricorda che, poiché la cannabis fotoperiodica cresce molto più a lungo, ha il tempo di crescere più alte e ciò si traduce in una maggiore resa, ma anche le autofiorenti possono produrre grandi rese e dipende esclusivamente dalla genetica e dalla tua attrezzatura per la coltivazione.

Mito #6: Non puoi cimare le autofiorenti

AFFERMAZIONE: "NON È POSSIBILE SUPERARE GLI AUTOFIORENTI"

Rivendicato da: Pioneers of Autoflowering Growing 

Verifica dei fatti da parte di Fast Buds: Falso

 

Questo mito sicuramente dividerà i coltivatori, alcuni coltivatori giurano che funziona e altri no. La verità è che non avrai sempre il risultato atteso quando fai topping perché questo dipende dalla tua esperienza e dalla genetica che stai coltivando.

 

 

Con la cimatura, il risultato dipenderà dalla tua esperienza di coltivatore e dalla genetica con cui hai a che fare.
 

Ad esempio, se stai pianificando di cimare un'autofiorente a predominanza Indica, probabilmente non otterrai il risultato atteso perché le Indica tendono a crescere compattie con pochi rami laterali e una piccola spaziatura internodale. Ora, se stai coltivando una varietà a predominanza Sativa più alta, come la nostra Tangie’matic, potresti effettivamente trarne beneficio (se eseguita correttamente).

Mito #7: Le autofiorenti non hanno sapore

AFFERMAZIONE: "LE AUTOFIORENTI SONO INSIPIDE"

Rivendicato da: Pioneers of Autoflowering Growing 

Verifica dei fatti da parte di Fast Buds: Falso

 

Una buona genetica autofiorente ha tutti gli stessi cannabinoidi e terpeni dei ceppi fotoperiodici2.

L'odore dipende esclusivamente dalla tua capacità di coltivatore e dalla genetica che stai crescendo, ovviamente, se hai esperienza e coltivi una cattiva genetica o se coltivi una buona genetica ma non hai esperienza, i risultati non saranno quelli che ti aspetti.

L'idea che le varietà di cannabis autofiorenti siano insapore affonda le sue radici in un'errata comprensione della fitochimica. Diversi gruppi di sostanze chimiche contribuiscono al sapore unico di ogni cultivar. Tra questi gruppi, i terpeni svolgono un ruolo fondamentale. Questi idrocarburi aromatici sono sintetizzati insieme ai cannabinoidi nei tricomi ghiandolari dei fiori di cannabis. Le piante di cannabis spendono risorse per produrre queste molecole per diversi motivi, tra cui la difesa dai raggi UV e dai parassiti. Alcuni dei terpeni più abbondanti nella cannabis sono il beta-cariofillene, il pinene, il mircene e il limonene. Questi componenti producono una serie di sapori, tra cui frutta, terriccio, dolcezza e asprezza. Dire che le autofiorenti sono insapori significa insinuare che non producono terpeni, il che è categoricamente errato. Per raccogliere deliziosi fiori da degustazione devi avere un po 'di esperienza che combinata con una buona genetica porterà a ciò che miri, ti consigliamo di coltivare la nostra Strawberry Pie Auto, che offre una bella combinazione di colori e odori che lascerà tutti con l' acquolina in bocca.

Mito #8: Le autofiorenti hanno bisogno di 24 ore di luce

AFFERMAZIONE: "LE AUTOFIORENTI HANNO BISOGNO DI 24 ORE DI LUCE"

Rivendicato da: Pioneers of Autoflowering Growing 

Verifica dei fatti da parte di Fast Buds: Falso

 

Questo non è in realtà un mito ma piuttosto una preferenza. È vero che alcune varietà crescono meglio in un ciclo di luce 24/0, ma altre crescono meglio in un ciclo di 16/8 perché preferiscono più oscurità e altre si sviluppano meglio in un ciclo di luce 18/6 o 20/4 perché non possono prendere troppa luce. Questo dipenderà da ciò che miri e da ciò che la tua varietà può sopportare, puoi ottenere rese più elevate fornendo più luce ma non tutti i ceppi riescono a sopportarla bene, quindi è solo una questione di sperimentazione.

 

Ciclo di luce 24/0 18/6 12/12
Ore di luce 24 18 12
Ore di bui 0 6 12
Vantaggi Non richiede un timer e può dare i migliori risultati Permette alle piante di riposare, di avere buone gemme e di risparmiare elettricità fino al 25% SRisparmio di elettricità fino al 50%
SvantaggiPuò essere costoso Richiede un timerBoccioli sottosviluppati e ariosi

Mito #9: Con le autofiorenti non si può fare training

AFFERMAZIONE: "LE AUTOFIORENTI NON POSSONO ESSERE ADDESTRATI"

Rivendicato da: Pioneers of Autoflowering Growing 

Verifica dei fatti da parte di Fast Buds: Falso

 

Questo mito è completamente falso, le autofiorenti possono essere addestrate e anche in alcuni casi dovrebbero, anche se ci sono diversi tipi di training delle piante che possono essere classificati in LST o HST, a seconda di quello che scegli, può stressare le tue piante.

Ti consigliamo di eseguire le tecniche LST con le auto, in questo modo puoi ottenere gli stessi risultati (anche se richiede un po 'più di lavoro) come faresti con l'allenamento delle piante ad alto stress minimizzando il tempo necessario al loro recupero, soprattutto con più piante resistenti che producono diversi rami laterali come la nostra Zkittlez Auto.

Mito #10: Le autofiorenti impiegano più tempo di quanto specificato

AFFERMAZIONE: "LE AUTOFIORENTI RICHIEDONO PIÙ TEMPO DI QUANTO SPECIFICATO"

Rivendicato da: Pioneers of Autoflowering Growing 

Verifica dei fatti da parte di Fast Buds: Falso

 

Questo non è un mito, devi ricordare infatti che il tempo specificato dagli allevatori è quando fornisci un ambiente di crescita ottimale per le tue piante, le tue piante possono e ne prenderanno di più se non hai umidità e temperatura sotto controllo, buone luci e sostanze nutritive. Ora non è una brutta cosa, perché se non hai un buon ambiente di coltivazione, i fiori non diventeranno super densi, quindi anche se ci metteranno di più, sarai soddisfatto dei risultati del tuo raccolto. Puoi sempre tagliarle prima che siano pronte, se necessario, ma il risultato non sarà lo stesso che se le facessi crescere un po 'più a lungo.

11. In conclusione

Anche se alcuni anni fa le autofiorenti non erano così buone, sono progredite molto, al giorno d'oggi puoi trovare varietà adatte a tutti i coltivatori e tratti selezionati dalle piante Indica e Sativa. Assicurati solo di fornire un buon ambiente di coltivazione e sarai ricompensato con cime dense super gustose; ti preghiamo di lasciare un commento qui sotto condividendo la tua esperienza con la cannabis autofiorente!

RIFERIMENTI ESTERNI:

  1. Therapeutic uses of cannabis - Association, British (2020). 
  2. Terpene synthases from Cannabis sativa - Booth, Judith & Page, Jonathan & Bohlmann, Joerg (2017).

 

08 October 2022