FastBuds seedbank #1 with 10786 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10786 diaries on GrowDiaries

Cos'è la coltivazione idroponica e come si fa?

Tutto sull'idroponica, i vari sistemi e substrati di coltivazione e la differenza tra le sostanze organiche.
10 October 2022
7 min read
Cosè la coltivazione idroponica e come si fa?

Contenuti:
  • 1. Un mezzo senza terreno
  • 1. a. Lana di roccia
  • 1. b. Cocco
  • 1. c. Hydroton
  • 2. I diversi tipi di sistemi idroponici
  • 2. a. Sistemi di gocciolatori
  • 2. b. Inondazione e drenggio
  • 2. c. Culture di acqua profonde
  • 2. d. Tecnica del film nutritivo
  • 3. Nutrienti idroponici spiegati
  • 4. Invece il ph e e.c?
  • 5. Qual è la differenza tra idroponica e aeroponica?
  • 6. In conclusione

Dopo aver trascorso molti anni a perfezionare l'arte del biologico, molti si orienteranno con fiducia verso l'idroponica. Visto come il modo più efficiente per la coltivazione su scala commerciale senza l'uso del suolo, o qualsiasi mezzo di coltivazione che ha un valore nutrizionale, la coltivazione della cannabis con l'idroponica ha molti benefici associati.

In questo articolo spieghiamo come funziona l'idroponica, i vari sistemi, e mezzi di coltura, una ripartizione delle sostanze nutritive, e spiegare circa pH e C.E.

1. Un mezzo senza terreno

L'agricoltura biologica tradizionale si basa sulla decomposizione naturale della materia organica, con l'aiuto di batteri e funghi benevoli. Come le radici di una pianta di Cannabis si legano ai microrganismi benefici e formano un rapporto simbiotico, la rete alimentare del suolo fornirà tutti i nutrienti primari e gli oligoelementi alle piante quando ne avranno bisogno. 

L'alimentazione di acqua semplice o di un liquido nutritivo a base di carbonio pesante è tutto ciò di cui un coltivatore ha bisogno per mantenere le piante felici. Il substrato organico agisce come un sistema tampone a lento movimento, permettendo al coltivatore di avere molta più flessibilità se sopra o sotto l'acqua.

Quando si tratta di idroponica, il mezzo di coltura che viene utilizzato sarà un mezzo inerte. Ciò significa fondamentalmente che, a differenza dei substrati organici, non contiene alcun valore nutritivo. Grazie alla diversità dei sistemi idroponici. Un coltivatore può scegliere quale mezzo di coltura preferisce utilizzare e quale è più pratico per loro.

Lana di roccia 

Lana di roccia - Una fibra di lana di colore giallo che viene prodotta dalla filatura di materiali rupestri. È anche la stessa roba usata per l'isolamento e l'insonorizzazione, quindi potresti avere più familiarità con la lana di roccia di quanto tu pensi.

 

Lana di roccia

Un mezzo senza terreno: Lana di roccia
 

I benefici

  • La lana di roccia può contenere fino a 18 volte il proprio peso in acqua
  • I sistemi a gocciolatore possono alimentare da 3 a 5 volte al giorno
  • Utilizzato nell'agricoltura commerciale per produrre rese massicce
  • Disponibile in formato cubo per cloni, lastre lunghe un metro e cubi di grandi dimensioni.
  • Ideale per trattenere l'acqua in caso di guasto della pompa o di interruzione di corrente.

Cocco

Cocco - Un substrato molto leggero e arioso prodotto dai peli dei gusci delle noci di cocco. Una volta trattata e lavata per gli eventuali sali accumulatisi durante la raccolta, la fibra di cocco è un ottimo terreno di coltura per favorire una zona radicale prolifica.

 

Cocco

Un mezzo senza terreno: Cocco.
 

Ci sono nutrienti che sono stati creati appositamente per il cocco, in quanto il modo in cui il cocco trattiene i nutrienti è diverso dalla lana di roccia e dall'idrotone. Spesso combinati in un rapporto di 50/50 con la perlite per creare l'ultimo periodo secco o umido tra un'alimentazione e l'altra.

I benefici

  • Il cocco contiene molte sacche d'aria che favoriscono una grande massa radicale.
  • La ritenzione idrica è molto alta con il cocco e non si annega facilmente.
  • Utilizzato principalmente per i sistemi a gocciolatore superiore che utilizzano il metodo del ruscellamento o del ricircolo.
  • Il cocco si mescola molto bene con altri substrati come perlite, idrotone e vermiculite.

Hydroton

Hydroton - Si tratta di piccole palline di argilla arancione tradizionalmente usate nel giardinaggio. Hydroton è spesso usato per mescolare con il cocco per aggiungere più sacche d'aria o è utilizzato esclusivamente in coltura di acqua profonda, e sistemi di gocciolamento superiore a ricircolo.

 

Hydroton

Un mezzo senza terreno: Hydroton
 

I benefici

  • È impossibile innaffiare troppo le piante quando si usa l'idrotone.
  • I sistemi di ricircolo che utilizzano Hydroton possono essere lasciati in funzione 24 ore su 24, 7 giorni su 7, se lo si desidera.
  • La miscelazione con il cocco ad un rapporto 50/50 fornirà un mezzo molto leggero e arioso.
  • Finché vengono lavati dopo un ciclo di coltivazione, possono essere riutilizzati ogni volta.

2. I diversi tipi di sistemi idroponici

Sistemi di gocciolatori

Recentemente c'è stato un aumento sui social media del coltivatore domestico che utilizza pali a goccia, con cocco, lana di roccia o idrotone puro. I sistemi a goccia sono l'entry-level per i coltivatori idroponici e non costano molto in termini di finanziamenti, tempo e manutenzione.

 

Allestimento idroponico: Sistemi a goccia

Hydroponic Setup: Sistemi a gocciolatore.
 

Durante la fase vegetativa si consiglia di nutrire le piante 1-3 volte al giorno a seconda della durata del periodo di crescita, e 3-5 volte durante la fioritura. I sistemi a gocciolatore sono fantastici per mantenere una soluzione nutritiva costante e fornire alle piante un tempo di alimentazione costante programmato con un timer a segmenti di 15 minuti.

Inondazione e drenggio

Non così popolare commercialmente come altri sistemi idroponici, inondazione e scarico produce enormi raccolti da piccole piante cresciute vicine. I tempi di alimentazione possono oscillare tra 5-10 alimentazioni al giorno in alcuni casi.

 

Impostazione idroponica: Allagamento e drenaggio

Hydroponics setup: Flood and Drain.
 

Si deve usare un mezzo di coltura di hydroton puro e piantare cloni o piantine in uno strato di 4-6 pollici di hydroton. Il vantaggio di utilizzare un tavolo di scarico e di inondazione è che l'ossigeno viene sciacquato intorno alle radici e poi inondato con una soluzione nutritiva.

Culture di acqua profonde

Utilizzando una pietra d'aria, una pompa ad aria, un secchio di plastica e un vaso a rete, la coltura in acqua profonda permette alle radici di una pianta di stare sospese nella soluzione nutritiva 24 ore su 24, 7 giorni su 7. D.W.C. sono ben noti per la produzione di rendimenti epici e produrrà alcuni nutrienti massicci, signore affamate.

 

Allestimento idroponico: Coltura in acqua profonda - DWC

Configurazione idroponica: Deep Water Culture (DWC).
 

Tra tutti i sistemi, la coltura in acque profonde richiede la maggior parte della manutenzione e può anche avere il più alto fattore di rischio di ricompensa.

Se si coltiva con D.W.C. è fondamentale che le radici non vengano infettate da agenti patogeni presenti nell'acqua, uccidendo potenzialmente il raccolto, soprattutto se si utilizza un sistema di coltura in acque profonde a ricircolo.

Tecnica del film nutritivo

Questi sistemi sono utilizzati per la coltivazione commerciale della lattuga e richiedono piante di piccole dimensioni. Quando si coltiva la Cannabis in un sistema N.F.T. che utilizza cubetti di lana di roccia, i risultati possono essere incredibili facendo crescere le radici così grandi da consumare l'intero serbatoio, compresa la pompa.

 

Tecnica del film nutritivo

La Nutrient Film Technique (N.F.T.) fornisce un accesso costante all'acqua per le radici della tua pianta, ai nutrienti e all'ossigeno.
 

Questi sistemi sono molto facili da usare, richiedono una piccola quantità di manutenzione e sono una scelta eccellente per i coltivatori principianti che vogliono cimentarsi nell'idroponica. Un altro vantaggio dell'utilizzo di un sistema N.F.t al chiuso è il fatto che le piante si trovano in basso, permettendo ai coltivatori con spazio limitato di non avere problemi.

3. Nutrienti Idroponici Spiegati

L'utilizzo di un mezzo idroponico inerte dipende fortemente dalla disponibilità di sostanze nutritive per le radici della pianta. Non c'è un periodo di buffering di 72 ore come associato con l'idroponica in modo che la cura supplementare e l'attenzione deve essere presa. Il modo migliore per descrivere la differenza tra i composti organici e idroponici è la dimensione. I nutrienti idroponici sono creati da sali chimici in minerali di dimensioni molto più piccole chelati, che possono essere assorbiti dalla pianta istantaneamente. Quando si investe in nutrienti, troverete che i marchi idroponici fornirà il mangime in 2 o 3 parti.

Ad esempio, Grow Nutrient Parte A + B conterrà tutti i nutrienti necessari, tuttavia, non può essere combinato e deve essere conservato in bottiglie separate etichettate. Quando si utilizzano i nutrienti chimici, è molto importante mescolare correttamente i nutrienti secondo la tabella di alimentazione.

4. Invece il pH e E.C?

Due parti essenziali per nutrire correttamente le vostre piante di Cannabis, che dettano la disponibilità e l'assorbimento dei nutrienti. La conducibilità elettrica determinerà la forza della soluzione nutritiva e sarà misurata in parti per milione (PPM).

Cosa considerare

  • L'aggiunta di soluzione nutritiva può causare una fluttuazione del pH, quindi aggiungere pH su o giù all'ultimo stadio della vostra miscela di soluzione nutritiva. Regolare i livelli di pH prima di aggiungere i numerosi nutrienti può essere un gioco a lungo termine che causerà solo frustrazione.
  • L'uso di una penna progettata per testare il pH e l'E.C. darà una lettura accurata mentre si preparano i nutrienti. Testando la conducibilità elettrica dello scarico per il deflusso dei rifiuti in un sistema di gocciolamento vi darà una buona indicazione di quanto le piante stanno utilizzando.
  • Le diverse cultivar sono più affamate di nutrienti rispetto ad altre, quindi non basare ogni ceppo sullo stesso E.C. È meglio iniziare dal basso e lavorare per salire, poi fare un salto mortale e scoprirlo nel modo più difficile.

5. QUAL È LA DIFFERENZA TRA IDROPONICA E AEROPONICA?

Pur funzionando in modo abbastanza simile, l'idroponica e l'aeroponica presentano piccole differenze, principalmente nel modo in cui forniscono i nutrienti alle radici. Negli impianti idroponici, le radici sono sempre sospese in acqua o sono alimentate da un flusso intermittente o continuo di soluzione nutritiva. Negli allestimenti aeroponici, invece, le radici non sono mai immerse nell'acqua, perché questo tipo di allestimento fornisce la soluzione nutritiva alle radici con ugelli nebulizzatori che spruzzano le sostanze nutritive direttamente sulle radici. In sostanza, la differenza principale è quella che dà il nome a ciascun metodo, poiché "aero" in Aeroponica significa aria mentre "idro" in Idroponica significa acqua.

I VANTAGGI E GLI SVANTAGGI DELL'AEROPONICA

Come ogni altra cosa nella vita, anche l'aeroponica ha i suoi pro e i suoi contro. Leggiamo quindi qualcosa di più su di essi.

VANTAGGI

  • L'assenza di terreno di coltura consente il massimo assorbimento dei nutrienti
  • Crescita esplosiva delle piante grazie all'esposizione costante delle radici all'ossigeno
  • Piante più grandi e rese maggiori
  • La maggiore efficienza si traduce in un minor consumo di acqua e di sostanze nutritive
  • Massimizza l'area di coltivazione, poiché è possibile coltivare diverse piante in un impianto aeroponico relativamente piccolo
  • Facilità di aggiunta di nuove piante al sistema, poiché non è necessario occuparsi di substrati

SVANTAGGI

  • Richiede un'attenzione costante a pH ed EC, poiché le radici sono direttamente esposte alla soluzione nutritiva 
  • Il costo iniziale di allestimento è più elevato rispetto ai normali metodi di coltivazione
  • Deve essere pulito e mantenuto regolarmente
  • Necessita di una supervisione costante in caso di rottura di una qualsiasi parte del sistema.
  • Si è in balia di interruzioni di corrente, poiché l'attrezzatura dipende dall'elettricità
  • È necessario un certo grado di conoscenza per impostare il sistema e mantenerlo in funzione correttamente.

6. In Conclusione

La coltivazione idroponica richiede un grande impegno, l'acquisto di nutrienti su base regolare, correndo il rischio di punti ciechi e agenti patogeni, e soprattutto l'abilità e l'esperienza. Ti consigliamo di trascorrere il tempo leggendo e guardando tutorial sulla coltivazione della cannabis in sistemi idroponici e imparare quale sistema è ideale per il tuo spazio di crescita, il livello di abilità, il budget e la manutenzione.

10 October 2022