FastBuds seedbank #1 with 10426 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10426 diaries on GrowDiaries

8 Errori Da Evitare Quando Si Coltiva Cannabis Con La Coltura Idroponica

8 errori da evitare quando si cresce con la coltura idroponica, nonché i nostri consigli
20 August 2022
8 min read
8 Errori Da Evitare Quando Si Coltiva Cannabis Con La Coltura Idroponica

Contenuti:
  • 1. Non controllare il ph
  • 2. Tirare a indovinare la e.c
  • 3. Non utilizzare un sistema a goccia
  • 4. Non utilizzare un timer
  • 5. Usare fertilizzanti organici troppo densi
  • 6. Una cisterna troppo fredda
  • 7. Dimenticare il lavaggio
  • 8. Tubi per l'irrigazione intasati
  • 9. Entrare nella stanza a luci spente
  • 10. Defogliazione eccessiva
  • 11. Acquistare attrezzature a basso costo
  • 12. In conclusione

Ci sono molti vantaggi quando si cresce con i sistemi idroponici, che vanno da rese su scala commerciale, mezzo di coltivazione minimo e assorbimento più rapido di nutrienti e crescita delle piante. Se sei nuovo nel mondo della idroponica, sarebbe utile essere consapevole di tutti gli errori da non commettere. In questo articolo trattiamo tutte le cattive abitudini da evitare e cosa tenere a mente la prossima volta che decidi di coltivare usando la coltura idroponica.

1. Non Controllare il pH

I livelli di pH della tua acqua svolgeranno un ruolo importante nell'assorbimento e nella disponibilità della tua soluzione nutritiva. Le piante di cannabis coltivate in sistemi idroponici richiedono un pH di 5,5-6,5, che è l'intervallo ottimale. Qualunque cosa inferiore a 5,5 provocherà un blocco dei nutrienti e causerà la mancata alimentazione delle piante. Naturalmente, le piante di cannabis inquineranno l'acqua permettendo loro di spostarsi di conseguenza tra la gamma ottimale. Dovrai acquistare una penna per il test del pH, che ti darà una lettura digitale che indica quanto sia acida o alcalina la fonte d'acqua. È sempre meglio aggiungere la soluzione nutritiva e successivamente aggiungere il pH su o giù, per bilanciare il pH nell'intervallo ottimale. Accertati che la penna pH sia calibrata correttamente prima di utilizzarla.

2. Tirare a Indovinare la E.C

La conducibilità elettrica della soluzione nutritiva sarà un'indicazione della purezza del contenuto. Fondamentalmente, più alti sono i livelli di E.C, più sostanze chimiche a base salina vengono somministrate alle piante, che aumenteranno con la maturazione delle piante e entreranno nella fase di fioritura del 12/12. Allo stesso modo, una penna viene utilizzata per il pH, lo stesso vale per le penne E.C. Immerse in una soluzione nutritiva per testare la conducibilità elettrica, queste penne ti permetteranno di vedere quanto sia debole o forte la soluzione nutritiva.

 

Controllo dei livelli di pH

Per il sistema di coltivazione idroponica l'acqua richiede un pH di 5,5 - 6,5.
 

Alcune cultivar sono in grado di assumere un E.C più elevato rispetto ad altre, quindi non dare sempre per scontato di alzare i livelli di nutrienti si tradurrà in piante enormi e felici ogni volta. Versa i nutrienti ad occhio può essere adatto per i prodotti organici, ma si dovrebbe adottare un approccio più professionale con l'idro.

3. Non Utilizzare Un Sistema a Goccia

Il sistema d'irrigazione a goccia è un modo eccellente per eliminare il faticoso lavoro dell' irrigazione manuale di ciascuna pianta. Esso infatti consente al mezzo di coltura di essere saturo con la stessa identica quantità di nutrienti liquidi ad ogni alimentazione e, se combinato con un tempo di segmento di 15 minuti, il ciclo di alimentazione sarà il più coerente possibile.

 

Goccia

Ottima opzione per i principianti. Tranne il controllo sul sistema di tanto in tanto non richiede molta azione pratica.
 

Assicurati che le cannule siano inserite correttamente nel cocco, lana di roccia o hydroton. Controlla tutte le irrigazioni nel tuo giardino e assicurati che non vi siano soluzioni nutritive che schizzano. La punta deve essere inserita 10 cm in profondità e in modo da gocciolare verso il basso.

• Suggerimento: passeggia per il tuo giardino e controlla che tutte le cannule di irrigazione siano collegate correttamente. Altrimenti, la portata complessiva ne risentirà.

4.  Non Utilizzare un Timer

Uno dei fattori più importanti quando si cresce con l'idroponica è la portata, i tempi e la frequenza costanti della soluzione nutritiva. Tutto deve essere fatto in modo sistematico, utilizzando un timer segmento di 15 minuti. Scegliendo quando le piante verranno alimentate e inserendo manualmente la pompa sarà a lungo termine meno efficace rispetto alle piante di Cannabis che vengono alimentate tra 2-5 volte al giorno su base regolare. Solo se si utilizza un sistema di ricircolo che può essere lasciato attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7 con un mezzo di hydroton, è essenziale utilizzare un timer.

 

Timer per l'allestimento idroponico

A lungo termine il timer ti farà risparmiare un sacco di lavoro manuale e ti aiuterà a controllare il ciclo di alimentazione del tuo impianto.
 

Si nutre per esattamente 15 minuti al giorno, mirando a 2-3 volte al giorno quando si utilizza cocco e lana di roccia nella fase vegetativa e aumentando a 3-5 volte per fioritura. È una buona idea acquistare un timer di riserva da tenere in giro, nel caso in cui uno si guasta e interrompa il ciclo di alimentazione. Non acquistare un timer che ha solo segmenti di 30 minuti. 15 minuti dovrebbero essere il tempo di gocciolamento standard con un aumento della frequenza delle irrigazioni durante l'accensione delle luci.

5. Usare Fertilizzanti Organici Troppo Densi 

C'è un motivo per cui i produttori di nutrienti idroponici li producono in un certo modo. La dimensione dei nutrienti è molto più piccola dei composti organici, che possono essere utilizzati immediatamente. Tuttavia, l'uso di un nutriente a base organica in un sistema di gocciolamento, una coltura in acque profonde o un sistema N.F.T causerà diversi problemi con quello principale che è un blocco delle cannule di gocciolamento.

L'uso di nutrienti organici in un sistema idroponico progettato per terreni senza suolo e fertilizzanti chimici salini, sarà controproducente e influenzerà solo la produzione delle linee di gocciolamento. Nel tempo le linee si bloccano e si formano batteri aerobici all'interno delle linee e direttamente nel serbatoio. L'uso di nutrienti organici in un sistema idroponico può causare seri problemi, da pompe e linee di gocciolamento bloccate, batteri aerobici, agenti patogeni e attrarre insetti.

6. Una Cisterna Troppo Fredda

È essenziale mantenere il serbatoio che immagazzina la soluzione nutritiva e mantenerlo ricco di ossigeno e caldo. Ci sono due cose da considerare quando si tratta della temperatura ideale che preferiscono le radici di una pianta di Cannabis. Troppo freddo e sotto i 20 gradi saranno scomodi per le piante e tutto ciò che supera i 22 gradi Celsius può potenzialmente invitare agenti patogeni per infettare la zona della radice.

 

Controllo della temperatura nel DWC

Make sure to maintain the water temperature between 20 to 22 degrees Celsius.
 

È meglio impostare un riscaldatore per acquario all'interno del serbatoio e mantenere una temperatura costante di 20 gradi Celsius. Le radici potrebbero non crescere così velocemente a questa temperatura, tuttavia, impedirà la formazione di agenti patogeni indesiderati nel giardino. Tieni sempre una pietra d'aria all'interno del tuo serbatoio per garantire la produzione di ossigeno disciolto e per mantenere tutto fresco e privo di agenti patogeni. Controlla la potenza erogata e le dimensioni della pompa per assicurarti che riscaldi il serbatoio. Un riscaldatore per acquario ben fatto sarà costoso ma ne vale la pena.

7. Dimenticare il Lavaggio

Solo perché si coltiva con l'acqua non significa che non si debba irrigare. Dare alle piante di cannabis coltivate in sistemi idroponici la possibilità di consumare le loro riserve interne di sostanze nutritive e minerali, permette di ottenere un fiore dal sapore molto più morbido e di indurre i colori stagionali.

 

Lavaggio delle piante di cannabis

Sciacquare significa fornire abbastanza acqua per sciacquare il terreno di coltura per gli ultimi 14 giorni del ciclo di fioritura.
 

Fintanto che sciacqui correttamente le tue piante di cannabis, il risultato finale dovrebbe lasciarti con una cenere morbida e bianca quando fumi una canna, senza grattare in gola e liscio sui polmoni. L'uso degli enzimi è un modo eccellente per accelerare il processo di lavaggio e la scomposizione dei sali non sciolti. Dovrebbe esserci un periodo di risciacquo di 14 giorni, ed è durante questo periodo che le piante riveleranno uno spettro completo di colori. Questi mostreranno i nutrienti che sono completamente utilizzati fino al punto di esserne carenti.

8. Tubi per L'Irrigazione Intasati

È facile vedere i residui di sale lasciati dai nutrienti idroponici, quando si esaminano le cannule di gocciolamento. Utilizzare il giusto trattamento per pulire a fondo i sistemi, le pompe e le cannule di gocciolamento è essenziale per mantenere un sistema completamente efficiente. Molte aziende di fertilizzanti offrono diverse versioni di prodotti per la pulizia di sistemi idrici. Qualunque cosa tu decida di utilizzare, segui le istruzioni e lava il sistema fino a quando non è completamente pulito senza segni visibili di residui di sale all'interno del serbatoio, della pompa o delle cannule di gocciolamento del serbatoio. Una buona idea è di lavare correttamente il sistema prima di iniziare un'altra coltura. Lasciare funzionare il sistema con il prodotto detergente e consentire il ricircolo.

9. ENTRARE NELLA STANZA A LUCI SPENTE

Sappiamo quanto sia eccitante coltivare erba, soprattutto per chi è alle prime armi. Ma una delle regole fondamentali che quasi tutti i nuovi coltivatori infrangono è quella di rimanere fuori dalla stanza di coltivazione quando il ciclo di luce è impostato sul buio. Questo può causare enormi problemi a causa delle perdite di luce che sono quasi inevitabili se si apre la stanza o la tenda durante il periodo di buio. Le perdite di luce possono causare una serie di problemi, il peggiore dei quali è la trasformazione delle vostre preziose signore in ermafroditi.  L'ermafroditismo nelle piante di cannabis è una caratteristica evolutiva che può salvare una pianta selvatica dall'impossibilità di tramandare il suo specifico codice genetico. Quando una pianta diventa ermafrodita, produce sia gli organi sessuali maschili che quelli femminili e, in poche settimane, una sola pianta può impollinare un intero raccolto di dimensioni commerciali. 

Se sospettate che una delle vostre piante infestanti si sia trasformata in un'erma, estraetela dal resto del raccolto. Se hai solo pochi sacchi pollinici, puoi rimuoverli con cura e sperare che non cresca più. Nel caso in cui abbia molte sacche, è meglio eliminarla e sperare che il resto della coltura stia bene.

10. DEFOGLIAZIONE ECCESSIVA

La defogliazione è la tecnica di rimozione delle foglie del ventaglio per aiutare la pianta a ridistribuire le sostanze nutritive ai siti di fioritura. Questa tecnica può essere estremamente vantaggiosa per la resa e la potenza di una pianta di cannabis, ma i coltivatori principianti devono fare molta attenzione a quanto e come rimuovere le foglie a ventaglio. Esistono diversi stili di defogliazione, dal lollipopping alla cimatura, fino alla tecnica estrema dello schwazzing (che sconsigliamo, anche ai coltivatori più esperti). 

L'opinione generale è che non si dovrebbe mai togliere più del 25% circa delle foglie del ventaglio in una sola volta, e di farlo con estrema cautela. I coltivatori esperti possono usare il metodo "pizzica e tira", ma noi riteniamo che usare un buon paio di forbici affilate sia un'idea migliore. Inoltre, quando si tratta di tipi di cannabis autofiorenti, non si dovrebbe mai defogliare in alcun modo. Non hanno abbastanza tempo per riprendersi dallo stress della defogliazione e questo probabilmente porterà a una diminuzione della resa e della potenza.

11. ACQUISTARE ATTREZZATURE A BASSO COSTO

Questo vale per qualsiasi tipo di coltivazione della cannabis, ma è ancora più importante per gli impianti idroelettrici. La quantità di schifezze assolute che circolano su internet (stiamo guardando eBay) è davvero sbalorditiva e, in base alla nostra esperienza personale, possiamo affermare al 100% che cercare di risparmiare sull'attrezzatura provocherà l'esatto contrario. È sempre meglio risparmiare per le cose buone, perché a lungo andare sarà inevitabile doverle acquistare quando le schifezze a basso costo si romperanno - e credici, si romperanno. Questo potrebbe anche finire per distruggere il tuo raccolto, quindi fai il grande passo e investisci in un'attrezzatura adeguata.

12. In Conclusione

La coltura idroponica è un hobby molto impegnativo che deve essere adottato con un approccio professionale, pulito e clinico. Essere superficiale ti darà solo problemi e potrebbe costarti caro costoso e ti renderai conto da solo che è meglio fare le cose correttamente.

Buona fortuna con la tua prossima coltivazione idroponica e assicurati di seguire l'elenco di sopra per un raccolto di successo.

20 August 2022