FastBuds seedbank #1 with 9695 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10011 diaries on GrowDiaries

10 Errori comuni dei Nuovi Coltivatori e Come Evitarli

Se solo la coltivazione dell'erba fosse accompagnata da un manuale... Scopri gli errori più comuni dei nuovi coltivatori
21 September 2022
12 min read
10 Errori comuni dei Nuovi Coltivatori e Come Evitarli

Contenuti:
  • 1. Non avere idea di cosa stai crescendo
  • 2. Metodi di germinazione sbagliati
  • 3. Uso del mezzo sbagliato
  • 4. Sottovalutare l'importanza dei livelli di ph
  • 5. Mantenere una dieta sbagliata
  • 6. Tempo di raccolta non corretto
  • 7. Utilizzo di vasi non corretti
  • 8. Giudicare male l'importanza dell'umidità
  • 9. Non fornire una luce sufficiente e di alta qualità
  • 10. Renderlo troppo pubblico
  • 11. In conclusione

Coltivare le proprie piante di marijuana per la prima volta quando non hai nessuno a cui rivolgerti per chiedere aiuto può diventare una vera sofferenza. Abbiamo sentito storie di persone che hanno anche dovuto acquistare nuovi semi un paio di volte a causa di circostanze diverse che hanno portato le loro piante a non sopravvivere. 

Nessuno vuole recitare questa triste storia drammatica. Quindi, se sei un nuovo coltivatore e non vuoi rovinare il processo di crescita delle tue nuove piante da neonato, allora sei venuto nel posto giusto: ti aiuteremo a schivare alcuni errori comuni. 

Gli errori più comuni che fanno i nuovi coltivatori di cannabis sono: non essere consapevoli di ciò che stanno coltivando; usare tutto il terreno e le sostanze nutritive sbagliate; innaffiare e sovralimentare; non tenere traccia dei livelli di pH; e il più fatale di tutti, rendendolo troppo pubblico.

 

Benvenuti nel mondo della cannabis coltivata in casa!

Benvenuti nel mondo della cannabis coltivata in casa, nuovi coltivatori!
 

Tuttavia, non ci limiteremo a dirvi che quello che state facendo è sbagliato, ma vi aiuteremo a superare questi piccoli ostacoli in modo che possiate ottenere il massimo dalle vostre piante di marijuana.

1. Non avere idea di cosa stai crescendo

Un primo errore estremamente comune che i nuovi coltivatori commettono è quello di non conoscere un solo dettaglio sul tipo di semi che stanno coltivando. Sappiamo che è abbastanza normale che gli amici ti diano dei semi di ricambio che dicono di essere "il top della gamma".

Tuttavia, quando li accetti, sarebbe una buona idea farti qualche domanda, ad esempio se sono Indica, Sativa, autofiorenti, regolari, femminizzati e così via.

No, non stiamo esagerando. Quello che devi capire è che ogni diverso tipo di seme richiederà diverse specificità per ottenere il suo massimo potenziale durante la crescita. Non è così semplice come gettare alcuni semi nel terreno e la magia accade.

Per esempio, se si scopre che i semi erano maschi, dopo qualche mese ti renderai conto che tutta quella dedizione che stavi mettendo era per una bella pianta decorativa, dato che i maschi non fanno crescere i boccioli. 

D'altra parte, alcuni ceppi si adattano meglio ai climi più freddi, mentre altri potrebbero aver bisogno di un clima più caldo e soleggiato. Lo stesso vale per i nutrienti, alcune piante avranno bisogno di più nutrienti artificiali di altre che hanno solo bisogno di qualche sporadica poppata.

 

Sativa vs Indica

Ecco come sono fatte le cime di Sativa e Indica.
 

È importante non risparmiare qualche euro di differenza anche nella scelta dei semi. Pensala in una prospettiva a lungo termine: quando decidi di iniziare a coltivare le tue piante di marijuana ti impegni a prenderti cura di loro per più di un paio di mesi.

Quindi, non vorresti che i risultati finali fossero all'altezza di tutti gli sforzi che faresti con dei bei boccioli di alta qualità? L'acquisto di semi a basso costo non è il modo in cui ci si arriva. 

Ti consigliamo di acquistare alcuni dei nostri migliori semi autofiorenti femminizzati, che garantiranno grandi fiori e una facile crescita. 

2. Metodi di germinazione sbagliati

Ha semplicemente senso dire che non riuscire a fare il primo passo in qualcosa di giusto si tradurrà probabilmente in un processo complessivo fallito. Per questo motivo è necessario informarsi su quale sia il modo migliore per far germogliare i propri semi prima di farlo effettivamente. Alcuni metodi comuni di germinazione includono:

  • Germinare direttamente nel terreno;
  • Il metodo dei piatti e della carta assorbente;
  • Germinazione in lana di roccia;
  • Metodo del bicchiere d'acqua.

Se sei alla ricerca di una guida completa su come far germinare i tuoi semi di cannabis, ti consigliamo di dare un'occhiata al seguente articolo sulla guida alla germinazione:

Un ultimo e importantissimo avvertimento è quello di non toccare troppo i semi a mani nude!

Contiamo tonnellate di oli essenziali e batteri sulla nostra pelle e toccando inutilmente i vostri semi potreste rovinare il loro potenziale, e non parliamo nemmeno di farli fallire nel processo di germinazione. 

Quindi ricordati: non toccare troppo!

3. Uso del mezzo sbagliato

Un altro aspetto da non sottovalutare è il mezzo di coltivazione. Pensala come la struttura di una casa, cosa succederebbe se si andasse a buon mercato, cercando di risparmiare un po' di soldi sui materiali?

È probabile che, dopo un paio d'anni dalla sua costruzione, la casa inizi a mostrare segni di danneggiamento, con problemi di tubi, umidità, ecc. ecc. Lo stesso vale per le piante infestanti.

 

Scegliere il terreno giusto

La scelta del giusto substrato di coltivazione influirà notevolmente sulla crescita della vostra pianta.
 

Il terreno che sceglierai renderà la struttura della tua casa. Vuoi che la tua casa cada a pezzi? Certo che no. Prima di tutto, non riutilizzare il terriccio.

Questo significa anche che non dovresti assolutamente usare lo sporco del tuo cortile, o qualsiasi altra fonte di cui non conosci la qualità. I terreni riutilizzati comportano il rischio di parassiti e contaminanti. 

Un terriccio adeguato per le tue piante dovrebbe essere arioso e leggero, idealmente includendovi anche un po' di perlite mescolata all'interno. In questo modo le radici potranno crescere senza ostacoli e garantiranno un adeguato drenaggio.

Le piante di cannabis hanno bisogno di nutrienti specifici per crescere correttamente in modo da raggiungere il loro massimo potenziale, quindi nutrire le tue piante con un terreno standard non sarà probabilmente in grado di fornire loro le condizioni di crescita ottimali.

Anche se quando coltivi le piante all'aperto, direttamente sul tuo terreno, le tuo piante conteranno con un'ampia varietà di nutrienti naturali, probabilmente avranno ancora bisogno di una piccola spinta energetica ad un certo punto del processo di crescita.

Per rimanere in sintonia con le esigenze nutrizionali delle tuo piante, dovrai anche tenere traccia dei livelli di pH, il che ci porta al prossimo errore comune.

4. Sottovalutare l'importanza dei livelli di pH

Quando si è un nuovo coltivatore può diventare travolgente quando ci si rende conto che, invece di limitarsi ad annaffiare le piante, è necessario attenersi ad alcune formule e reggimenti per ottenere buoni germogli.

 

3 strumenti indispensabili

3 Strumenti indispensabili per una piantagione di erbacce di successo: lettore di pH; termometro ambientale; lente a LED.
 

Forse hai già fatto qualche ricerca e ti sei imbattuto in alcune formule famose come PPM, NPK, pH, 18/6, 24/0, Lucas Formula, ecc. e speravi di riuscire a non vedere tutte queste informazioni e tornare alla semplice annaffiatura. 

Anche se alcune di queste formule sono ottime, potrebbero essere più adatte ai coltivatori più esperti. Tuttavia, quello che non si dovrebbe mai sottovalutare è il livello del pH. In generale, il pH determinerà la quantità di alcuni nutrienti che le radici delle tue piante di cannabis sono in grado di assorbire.

Pertanto, acquista un tester di pH in modo da poter continuare a controllare frequentemente i livelli di pH o le tue piante ed evitare qualsiasi catastrofe. Se non lo si fa, i cattivi livelli di pH potrebbero addirittura portare le piante a morire. 

Quando il pH è al giusto livello, allora significa che le tue piante dovrebbero essere in grado di aspirare e trattenere le sostanze nutritive di cui potrebbero aver bisogno in qualsiasi momento. Pertanto, è fondamentale testare spesso il livello di pH.  

 

Terreno di coltura    Livelli di pH sani
Nel terrenotra 6.0 e 7.0
Sistemi idroponici, cocco o altri metodi senza suolotra 5.5 e 6.5

 

Questa tabella dovrebbe servirti come guida per seguire i livelli di pH sani per le tue piante.

5. Mantenere una dieta sbagliata

Facciamo un'altra analogia. Cosa succederebbe se una persona avesse solo cibo spazzatura per il resto dei suoi giorni? A.k.a., film documentario Super Size Me. 

È probabile che dopo qualche mese questa persona non sarà più in salute, e non parliamo nemmeno dei risultati delle analisi del sangue. Proprio come noi umani abbiamo bisogno di includere nella nostra dieta frutta e verdura sana, così anche le piante di cannabis. Una dieta sana per le piante di marijuana dovrebbe includere quantità equilibrate di:

  • Nitrogeno;
  • Potassio;
  • Fosforo;
  • Magnesio;
  • Calcio;
  • e sulfuri. 

Tuttavia, questo non significa che devi andare ad affogare le tue piante in questi nutrienti, ma piuttosto che devi fare un piano di alimentazione programmato con quantità precise di ogni nutriente. Quando si sovralimenta una pianta, questo potrebbe portare a un'ustione dei nutrienti, dove le foglie cominceranno a diventare marroni, o a un blocco dei nutrienti.

La maggior parte dei nutrienti sono forniti con un programma di alimentazione consigliato sulle loro confezioni, anche se tendono ad essere un po' troppo alti per i nostri gusti. Inizia semplicemente a provare con dosi più basse per evitare un'alimentazione eccessiva e controlla lentamente i risultati per conto tuo.

6. Tempo di raccolta non corretto

Un errore comune tra i nuovi coltivatori è la mancanza del giusto tempo di raccolta, sia che si tratti di un raccolto troppo precoce o troppo tardivo.

Forse sei riuscito ad evitare ciascuno degli errori che abbiamo elencato sopra, il che è fantastico, non fraintenderci. Tuttavia, un grande errore che si rischia di fare quando si raggiunge la linea finale è quello di non aver raggiunto il momento perfetto per la raccolta.

 

È già tempo di raccolto?

È già tempo di raccolto? Non siate impazienti!
 

Quando raccogli le tue piante troppo presto, le fermerai a metà strada per raggiungere il loro pieno potenziale. Al contrario, raccogliere troppo tardi potrebbe portare al tuo peggiore incubo: fiori marci. 

Quindi, come si fa a capire qual è il momento perfetto per la raccolta? Per tua fortuna, è abbastanza semplice.

  • È ancora troppo presto se: tutti i tricomi hanno un colore chiaro, o se hanno ancora un aspetto biancastro e offuscato. 
  • È il momento di raccogliere quando: la maggior parte dei tricomi appare bianca e torbida, con il 10-20% che si trasforma in una tonalità ambrata. 
  • Abbi perso il treno del raccolto se: quasi tutti i tricomi sono diventati di colore rosso/ambra e non ne sono rimasti di bianchi. Un altro segno che è troppo tardi è che le foglie della tua pianta sono diventate giallastre o appassite.

Si consiglia di procurarsi una lente di ingrandimento a LED per tenere traccia dei tricomi e inchiodare il momento del raccolto.

7. UTILIZZO DI VASI NON CORRETTI

Molti coltivatori principianti trascurano quanto sia fondamentale utilizzare vasi di dimensioni corrette per il risultato del loro raccolto. Certo, anche se le piante cresceranno e fioriranno in quasi tutti i vasi, la resa può essere fortemente compromessa se i contenitori di coltivazione sono troppo piccoli. La cosa più importante da fare è usare un contenitore abbastanza grande da permettere alla zolla di sviluppare correttamente le radici. La dimensione della zolla è in diretta correlazione con le dimensioni della pianta e le dimensioni del vaso sono quelle che determinano la crescita finale della zolla.

Anche l'utilizzo di un vaso troppo grande può comportare alcuni problemi, ma sono molto più gestibili. Tra questi ci sono le maggiori probabilità di crescita di funghi, di annaffiature eccessive, di alimentazione eccessiva e di marciume radicale. In generale, però, è meglio un po' più grande che più piccolo. Per le piante a fotoperiodo, consigliamo le seguenti dimensioni:

  • Dalla germinazione a 10 giorni - Cubo di lana di roccia
  • Da 11 giorni a 7 settimane - 14 L o 3,5 galloni
  • Da 7 settimane (inizio del ciclo di fioritura) alla fine della fioritura - da 20 L a 30 L (da 5 a 7 galloni).

Questa è solo una guida molto approssimativa. Se vuoi avere delle piante enormi, potresti volere dei vasi ancora più grandi. Ci sono anche alcune differenze tra le piante a fotoperiodo e quelle autofiorenti quando si tratta di scegliere il contenitore giusto. Ciò è dovuto al fatto che le piante a fotoperiodo possono essere costrette a rimanere in fase vegetativa, mentre le piante autofiorenti hanno solo un periodo prestabilito per la crescita vegetativa (di solito 3 - 5 settimane, a seconda della varietà). Perché questo è importante? Significa che le piante autofiorenti devono essere trattate con un po' più di attenzione rispetto a quelle a fotoperiodo. Qualsiasi tipo di stress può provocare una riduzione del tasso di crescita per alcuni giorni, compreso il trapianto della pianta da un vaso all'altro. Questo va bene con le piante di cannabis a fotoperiodo, perché si può semplicemente prolungare la fase vegetativa fino a quando i segni di stress non si sono dissipati, ma non è possibile farlo con le autofiorenti.

Quindi, con le autofiorenti, è meglio non trapiantare più di una volta - e mai, se possibile. Riteniamo che i migliori risultati si ottengano iniziando i semi di autofiorenti in un vaso da 12-20 litri (3-5 galloni) e lasciandoli crescere fino a raggiungere la loro dimensione completa senza mai trapiantarli. Assicurati solo di essere il più vigili possibile e di verificare che non ci siano segni di crescita fungina o di marciume radicale. A seconda dell'impianto di coltivazione, questo non è sempre possibile. Quindi, se devi sistemare i tuoi piccoli in vasi più piccoli, per cominciare assicurati che questi vasi siano abbastanza grandi da permettere alla zolla di avere almeno 20 giorni di sviluppo. Poi, e solo allora, trapianle CON CURAnella loro dimora definitiva per il resto della coltivazione. Anche il drenaggio è un fattore da tenere in grande considerazione. Anche questo è un fattore spesso trascurato dai coltivatori principianti. Assicurarsi che le tue dame abbiano un drenaggio sufficiente è in realtà una delle cose più importanti da considerare quando si scelgono i vasi. La maggior parte dei vasi acquistati in negozio è dotata di fori di drenaggio preforati, ma nella maggior parte dei casi non sono sufficienti per le dimensioni del vaso.

 

Con i vasi di plastica è facile aggiungerne altri. Basta usare un trapano o scaldare un pezzo di metallo (un cacciavite o un cucchiaio) e spingere il metallo caldo attraverso il fondo del vaso. I fori di drenaggio devono essere distribuiti uniformemente su tutto il bordo inferiore del vaso. Il vecchio detto "meno è meglio" non vale in questo caso, anzi è l'esatto contrario. Aggiungene quanti ne vuoi senza danneggiare l'integrità strutturale del vaso. Prima di aggiungere il substrato di coltivazione, è consigliabile foderare il fondo del vaso con sassolini o rocce di dimensioni adeguate. Questo aumenterà notevolmente la capacità di drenaggio. L'altra opzione è quella di scegliere uno smart pot o un air pot. Questi non solo aiutano il drenaggio, ma consentono anche di raggiungere concentrazioni di ossigeno molto più elevate nell'intera zolla. In effetti, se puoi permetterti questi vasi, sono sicuramente quelli che dovresti scegliere.

8. GIUDICARE MALE L'IMPORTANZA DELL'UMIDITÀ

Le piante di erba possono essere resistenti, ma senza le condizioni ideali non ci si può aspettare che producano cime di altissima qualità con i maggiori raccolti possibili. Controllare i livelli di umidità ti aiuterà molto ad assicurarti che i risultati siano soddisfacenti. I livelli di umidità ideali cambiano durante il ciclo di vita di una pianta di cannabis:

  • Piantine - 65-70%
  • Cloni - 70-80%
  • Fase vegetativa - 40-70%
  • Fase di fioritura - 40 - 50%
  • Essiccazione - 45 - 55%
  • Stagionatura - 60%

Controllare l'umidità della vostra grow room può essere un po' complicato, ma con l'aiuto di un umidificatore e di un deumidificatore, dovresti essere in grado di rimanere entro questi intervalli abbastanza facilmente.

9. NON FORNIRE UNA LUCE SUFFICIENTE E DI ALTA QUALITÀ

Può sembrare il fattore più elementare e ovvio da considerare per la coltivazione di qualsiasi pianta, ma saresti sorpreso di vedere quanti coltivatori principianti non illuminano correttamente la loro grow room. Non solo è necessario che le luci siano sufficientemente potenti, ma che forniscano anche lo spettro e l'intensità luminosa corretti per le dimensioni della stanza.

Non ha senso acquistare una singola lampada HID da 600W per una grow room di 2 x 2 m che ospiterà 10 piante, perché la luce sarà distribuita in modo eccessivo e solo le piante direttamente sotto la luce riceveranno la quantità corretta. Al giorno d'oggi è disponibile un'ampia gamma di opzioni di illuminazione e con l'avvento delle luci di coltivazione a LED non è mai stato così efficiente ed economico avviare una coltivazione indoor. Certo, possono essere costose da acquistare, ma consumano una quantità di energia così piccola che probabilmente non noterete nemmeno il cambiamento nelle bollette. Se hai intenzione di coltivare all'aperto, assicurati di trovare il posto più soleggiato possibile nel tuo giardino e di ricevere almeno 8 ore di luce solare al giorno.

10. RENDERLO TROPPO PUBBLICO

Ok, abbiamo capito, stai coltivando le tue piante di cannabis, non c'è bisogno di metterlo sul giornale. Questo è un errore molto comune tra i nuovi coltivatori: far sapere a tutti che si coltiva erba. Oh Dio...

Anche se hai detto tutto a poche persone, dovresti confidarti solo con le persone che ti sono veramente vicine. Immagina di passare tutto quel tempo a prendervi cura delle vostre piante e, per uno stupido errore come parlarne troppo, finire per perdere tutto.

"Tre possono mantenere un segreto, se due di loro sono morti". - Benjamin Franklin.

Anche se vorremmo che la cannabis fosse completamente accettata in tutto il mondo, non è ancora così. Purtroppo la coltivazione della cannabis è ancora illegale in molti Paesi, quindi più si è silenziosi e meglio è.

 

Non dire a tutti della tua piantagione di erba!
 

È semplice, basta tenere per sé i propri affari, non si sa mai con chi si potrebbe avere a che fare e cosa potrebbe fare. Anche se sembra un po' troppo paranoico, è meglio essere sicuri che pentirsene in seguito. 

11. In Conclusione

Chi ha detto che coltivare l'erba deve essere facile? E comunque, la vita non sarebbe noiosa se tutto fosse facile? 

Non è come se avessi bisogno di un dottorato per portare a termine con successo la tua piantagione di erba. Basta informarsi e leggere un po', non ti farà male, te lo promettiamo

Ti auguriamo buona fortuna come nuovo coltivatore! Chissà che non ti capiti anche la fortuna del principiante.

21 September 2022