Affrettati! Acquista 1 Ottieni 1 gratis! Compra ora!
Affrettati! Acquista 1 Ottieni 1 gratis! XX XXX XXX XX Compra ora!

7 Errori comuni dei Nuovi Coltivatori e Come Evitarli

Se solo la coltivazione dell'erba fosse accompagnata da un manuale... Scopri gli errori più comuni dei nuovi coltivatori
20 January 2021
11 min read
7 Errori comuni dei Nuovi Coltivatori e Come Evitarli

Contenuti:

Coltivare le proprie piante di marijuana per la prima volta quando non hai nessuno a cui rivolgerti per chiedere aiuto può diventare una vera sofferenza. Abbiamo sentito storie di persone che hanno anche dovuto acquistare nuovi semi un paio di volte a causa di circostanze diverse che hanno portato le loro piante a non sopravvivere. 

Nessuno vuole recitare questa triste storia drammatica. Quindi, se sei un nuovo coltivatore e non vuoi rovinare il processo di crescita delle tue nuove piante da neonato, allora sei venuto nel posto giusto: ti aiuteremo a schivare alcuni errori comuni. 

Gli errori più comuni che fanno i nuovi coltivatori di cannabis sono: non essere consapevoli di ciò che stanno coltivando; usare tutto il terreno e le sostanze nutritive sbagliate; innaffiare e sovralimentare; non tenere traccia dei livelli di pH; e il più fatale di tutti, rendendolo troppo pubblico.

 

Welcome to the world of home-grown cannabis!

Benvenuti nel mondo della cannabis coltivata in casa, nuovi coltivatori!

 

Tuttavia, non ci limiteremo a dirvi che quello che state facendo è sbagliato, ma vi aiuteremo a superare questi piccoli ostacoli in modo che possiate ottenere il massimo dalle vostre piante di marijuana.

1. Non avere idea di cosa stai crescendo

Un primo errore estremamente comune che i nuovi coltivatori commettono è quello di non conoscere un solo dettaglio sul tipo di semi che stanno coltivando. Sappiamo che è abbastanza normale che gli amici ti diano dei semi di ricambio che dicono di essere "il top della gamma".

Tuttavia, quando li accetti, sarebbe una buona idea farti qualche domanda, ad esempio se sono Indica, Sativa, autoflowers, regolari, femminizzati e così via.

No, non stiamo esagerando. Quello che dovete capire è che ogni diverso tipo di seme richiederà diverse specificità per ottenere il suo massimo potenziale durante la crescita. Non è così semplice come gettare alcuni semi nel terreno e la magia accade.

Per esempio, se si scopre che i semi erano maschi, dopo qualche mese vi renderete conto che tutta quella dedizione che stavate mettendo era per una bella pianta decorativa, dato che i maschi non fanno crescere i boccioli. 

D'altra parte, alcuni ceppi si adattano meglio ai climi più freddi, mentre altri potrebbero aver bisogno di un clima più caldo e soleggiato. Lo stesso vale per i nutrienti, alcune piante avranno bisogno di più nutrienti artificiali di altre che hanno solo bisogno di qualche sporadica poppata.

 

Sativa vs Indica

Ecco come sono fatte le cime di Sativa e Indica.

 

È importante non risparmiare qualche euro di differenza anche nella scelta dei semi. Pensatela in una prospettiva a lungo termine: quando decidete di iniziare a coltivare le vostre piante di marijuana vi impegnate a prendervi cura di loro per più di un paio di mesi.

Quindi, non vorreste che i risultati finali fossero all'altezza di tutti gli sforzi che farete con dei bei boccioli di alta qualità? L'acquisto di semi a basso costo non è il modo in cui ci si arriva. 

Vi consigliamo di acquistare alcuni dei nostri migliori semi autofiorenti femminizzati, che garantiranno grandi fiori e una facile crescita. 

2. Metodi di germinazione sbagliati

Ha semplicemente senso dire che non riuscire a fare il primo passo in qualcosa di giusto si tradurrà probabilmente in un processo complessivo fallito. Per questo motivo è necessario informarsi su quale sia il modo migliore per far germogliare i propri semi prima di farlo effettivamente. 

Alcuni metodi comuni di germinazione includono:

  • Germinare direttamente nel terreno;
  • Il metodo dei piatti e della carta assorbente;
  • Germinazione in lana di roccia;
  • Metodo del bicchiere d'acqua.

Se siete alla ricerca di una guida completa su come far germinare i vostri semi di cannabis, vi consigliamo di dare un'occhiata al seguente articolo sulla guida alla germinazione:

Un ultimo e importantissimo avvertimento è quello di non toccare troppo i semi a mani nude!

Contiamo tonnellate di oli essenziali e batteri sulla nostra pelle e toccando inutilmente i vostri semi potreste rovinare il loro potenziale, e non parliamo nemmeno di farli fallire nel processo di germinazione. 

Quindi ricordate: non toccate troppo!

3. Uso del mezzo sbagliato

Un altro aspetto da non sottovalutare è il mezzo di coltivazione. Pensatela come la struttura di una casa, cosa succederebbe se si andasse a buon mercato, cercando di risparmiare un po' di soldi sui materiali?

È probabile che, dopo un paio d'anni dalla sua costruzione, la casa inizi a mostrare segni di danneggiamento, con problemi di tubi, umidità, ecc. ecc. Lo stesso vale per le piante infestanti.

 

Choosing the right soil

La scelta del giusto substrato di coltivazione influirà notevolmente sulla crescita della vostra pianta.

 

Il terreno che sceglierete renderà la struttura della vostra casa. Volete che la vostra casa cada a pezzi? Certo che no. Prima di tutto, non riutilizzate il terriccio.

Questo significa anche che non dovreste assolutamente usare lo sporco del vostro cortile, o qualsiasi altra fonte di cui non conoscete la qualità. I terreni riutilizzati comportano il rischio di parassiti e contaminanti. 

Un terriccio adeguato per le vostre piante dovrebbe essere arioso e leggero, idealmente includendovi anche un po' di perlite mescolata all'interno. In questo modo le radici potranno crescere senza ostacoli e garantiranno un adeguato drenaggio.

Le piante di cannabis hanno bisogno di nutrienti specifici per crescere correttamente in modo da raggiungere il loro massimo potenziale, quindi nutrire le vostre piante con un terreno standard non sarà probabilmente in grado di fornire loro le condizioni di crescita ottimali.

Anche se quando coltivate le piante all'aperto, direttamente sul vostro terreno, le vostre piante conteranno con un'ampia varietà di nutrienti naturali, probabilmente avranno ancora bisogno di una piccola spinta energetica ad un certo punto del processo di crescita.

Per rimanere in sintonia con le esigenze nutrizionali delle vostre piante, dovrete anche tenere traccia dei livelli di pH, il che ci porta al prossimo errore comune.

4. Sottovalutare l'importanza dei livelli di pH

Quando si è un nuovo coltivatore può diventare travolgente quando ci si rende conto che, invece di limitarsi ad annaffiare le piante, è necessario attenersi ad alcune formule e reggimenti per ottenere buoni germogli.

 

3 must-have tools

3 Strumenti indispensabili per una piantagione di erbacce di successo: lettore di pH; termometro ambientale; lente a LED.

 

Forse avete già fatto qualche ricerca e vi siete imbattuti in alcune formule famose come PPM, NPK, pH, 18/6, 24/0, Lucas Formula, ecc. e speravate di riuscire a non vedere tutte queste informazioni e tornare alla semplice annaffiatura. 

Anche se alcune di queste formule sono ottime, potrebbero essere più adatte ai coltivatori più esperti. Tuttavia, quello che non si dovrebbe mai sottovalutare è il livello del pH.

In generale, il pH determinerà la quantità di alcuni nutrienti che le radici delle vostre piante di cannabis sono in grado di assorbire.

Pertanto, acquistate un tester di pH in modo da poter continuare a controllare frequentemente i livelli di pH o le vostre piante ed evitare qualsiasi catastrofe. Se non lo si fa, i cattivi livelli di pH potrebbero addirittura portare le piante a morire. 

Quando il pH è al giusto livello, allora significa che le vostre piante dovrebbero essere in grado di aspirare e trattenere le sostanze nutritive di cui potrebbero aver bisogno in qualsiasi momento. Pertanto, è fondamentale testare spesso il livello di pH.  

 

Terreno di coltura    Livelli di pH sani
Nel terrenotra 6.0 e 7.0
Sistemi idroponici, cocco o altri metodi senza suolotra 5.5 e 6.5

 

Questa tabella dovrebbe servirvi come guida per seguire i livelli di pH sani per le vostre piante.

5. Mantenere una dieta sbagliata

Facciamo un'altra analogia. Cosa succederebbe se una persona avesse solo cibo spazzatura per il resto dei suoi giorni? A.k.a., film documentario Super Size Me. 

È probabile che dopo qualche mese questa persona non sarà più in salute, e non parliamo nemmeno dei risultati delle analisi del sangue.

Proprio come noi umani abbiamo bisogno di includere nella nostra dieta frutta e verdura sana, così anche le piante di cannabis. Una dieta sana per le piante di marijuana dovrebbe includere quantità equilibrate di:

  • Nitrogeno;
  • Potassio;
  • Fosforo;
  • Magnesio;
  • Calcio;
  • e sulfuri. 

Tuttavia, questo non significa che dovete andare ad affogare le vostre piante in questi nutrienti, ma piuttosto che dovete fare un piano di alimentazione programmato con quantità precise di ogni nutriente. Quando si sovralimenta una pianta, questo potrebbe portare a un'ustione dei nutrienti, dove le foglie cominceranno a diventare marroni, o a un blocco dei nutrienti.

La maggior parte dei nutrienti sono forniti con un programma di alimentazione consigliato sulle loro confezioni, anche se tendono ad essere un po' troppo alti per i nostri gusti. Iniziate semplicemente a provare con dosi più basse per evitare un'alimentazione eccessiva e controllate lentamente i risultati per conto vostro.

6. Tempo di raccolta non corretto

Un errore comune tra i nuovi coltivatori è la mancanza del giusto tempo di raccolta, sia che si tratti di un raccolto troppo precoce o troppo tardivo.

Forse siete riusciti ad evitare ciascuno degli errori che abbiamo elencato sopra, il che è fantastico, non fraintendeteci. Tuttavia, un grande errore che si rischia di fare quando si raggiunge la linea finale è quello di non aver raggiunto il momento perfetto per la raccolta.

 

Is it already harvest time?

È già tempo di raccolto? Non siate impazienti!

 

Quando raccogliete le vostre piante troppo presto, le fermerete a metà strada per raggiungere il loro pieno potenziale. Al contrario, raccogliere troppo tardi potrebbe portare al vostro peggiore incubo: fiori marci. 

Quindi, come si fa a capire qual è il momento perfetto per la raccolta? Per vostra fortuna, è abbastanza semplice.

  • È ancora troppo presto se: tutti i tricomi hanno un colore chiaro, o se hanno ancora un aspetto biancastro e offuscato. 
  • È il momento di raccogliere quando: la maggior parte dei tricomi appare bianca e torbida, con il 10-20% che si trasforma in una tonalità ambrata. 
  • Avete perso il treno del raccolto se: quasi tutti i tricomi sono diventati di colore rosso/ambra e non ne sono rimasti di bianchi. Un altro segno che è troppo tardi è che le foglie della vostra pianta sono diventate giallastre o appassite.

Si consiglia di procurarsi una lente di ingrandimento a LED per tenere traccia dei tricomi e inchiodare il momento del raccolto.

7. Renderlo troppo pubblico

Ok, abbiamo capito, state coltivando le vostre piante di cannabis, non c'è bisogno di metterlo sul giornale. Questo è un errore così comune tra i nuovi coltivatori: far sapere a tutti che stanno coltivando erba. Oh Dio...

Anche se l'hai detto solo a poche persone, dovresti confidarti solo con persone che ti sono molto vicine. Immaginate di passare tutto quel tempo a prendervi cura delle vostre piante e, a causa di uno stupido errore, come parlare troppo, finite per perdere tutto.

"Tre possono tenere un segreto, se due di loro sono morti.” - Benjamin Franklin.

Anche se ci piacerebbe che la cannabis fosse completamente accettata in tutto il mondo, non è ancora così. Purtroppo, la coltivazione della cannabis è ancora illegale in molti paesi, quindi più si è tranquilli, meglio è.

 

Keep your weed plantation secret!

Non dire a tutti della tua piantagione di erba!
 

È semplice, tieni gli affari per te, non sai mai con chi potresti avere a che fare e cosa potrebbero fare. Anche se sembra tutto un po' troppo paranoico, è meglio essere sicuri che pentirsene in seguito. 

In Conclusione

Chi ha detto che coltivare l'erba deve essere facile? E comunque, la vita non sarebbe noiosa se tutto fosse facile? 

Non è come se avessi bisogno di un dottorato per portare a termine con successo la tua piantagione di erba. Basta informarsi e leggere un po', non ti farà male, te lo promettiamo. 

Ti auguriamo buona fortuna come nuovo coltivatore! Chissà che non ti capiti anche la fortuna del principiante.

Top 5 Strains for New Growers

BubbleGum Auto
BubbleGum Auto
Facile da coltivare, offre ricchi sapori alla fragola e una potenza al top
Buy seeds from 9,00 €
1 fem
9,00 €
2 fem
16,00 €
3 fem
24,00 €
5 fem
40,00 €
10 fem
70,00 €
25 fem
150,00 €
50 fem
250,00 €
100 fem
420,00 €
500 fem
1 450,00 €
1000 fem
2 400,00 €
Pack
3 fem
Aggiungi al carrello
24,00 €
OG Kush Auto
OG Kush Auto
Potenza di un livello superiore e quel delizioso sapore Kush
Buy seeds from 9,00 €
1 fem
9,00 €
2 fem
16,00 €
3 fem
24,00 €
5 fem
40,00 €
10 fem
70,00 €
25 fem
150,00 €
50 fem
250,00 €
100 fem
420,00 €
500 fem
1 450,00 €
1000 fem
2 400,00 €
Pack
3 fem
Aggiungi al carrello
24,00 €
Purple Lemonade
Purple Lemonade
La migliore varietà viola che abbiamo mai creato
Buy seeds from 13,00 €
1 fem
13,00 €
2 fem
24,00 €
3 fem
36,00 €
5 fem
55,00 €
10 fem
99,00 €
25 fem
215,00 €
50 fem
365,00 €
100 fem
590,00 €
500 fem
1 950,00 €
1000 fem
3 400,00 €
Pack
3 fem
Aggiungi al carrello
36,00 €
Wedding Cheesecake Auto
1 fem
13,00 €
2 fem
24,00 €
3 fem
36,00 €
5 fem
55,00 €
10 fem
99,00 €
25 fem
215,00 €
50 fem
365,00 €
100 fem
590,00 €
500 fem
1 950,00 €
1000 fem
3 400,00 €
Pack
3 fem
Aggiungi al carrello
36,00 €
Zkittlez Auto
Zkittlez Auto
Il nuovo standard per le genetiche autofiorenti
Buy seeds from 13,00 €
1 fem
13,00 €
2 fem
24,00 €
3 fem
36,00 €
5 fem
55,00 €
10 fem
99,00 €
25 fem
215,00 €
50 fem
365,00 €
100 fem
590,00 €
500 fem
1 950,00 €
1000 fem
3 400,00 €
Pack
3 fem
Aggiungi al carrello
36,00 €