FastBuds seedbank #1 with 9695 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10011 diaries on GrowDiaries

Come lavare le autofiorenti?

Scopri come e quando lavare le tue preziose piante di cannabis autofiorenti!
21 September 2022
8 min read
Come lavare le autofiorenti?

Contenuti:
  • 1. Cos'è il lavaggio?
  • 2. Perché sciacquare le piante di cannabis?
  • 3. Quando sciacquare le piante di cannabis?
  • 4. Perché le piante vengono lavate prima del raccolto?
  • 5. Perché le piante vengono sciacquate durante un blocco dei nutrienti?
  • 6. Come lavare le piante di cannabis autofiorenti?
  • 7. Si possono sciacquare le piante che crescono in un terreno organico?
  • 8. In conclusione

Sciacquare le tue piante di cannabis è importante se vuoi raccogliere dei bud fantastici. E' abbastanza semplice con le piante di cannabis normali, ma i coltivatori si chiedono sempre come sciacquare gli autofiorenti. Sciacquare le autofiorenti è fondamentalmente lo stesso che con le foto, ma dato che le autofiorenti hanno un tempo limitato per crescere, dovresti sciacquare solo durante l'ultima settimana. E questo ha tutto a che fare con la durata di vita delle autofiorenti. In questo articolo, imparerai tutto quello che c'è da fare sul lavaggio e quando farlo.

1. Cos'è il lavaggio?

Il flushing non è altro che la disintossicazione delle tue piante di cannabis. Viene fatto per rimuovere tutti i nutrienti che hai precedentemente dato alla pianta durante il suo ciclo di crescita e fioritura. Proprio come il corpo umano richiede a volte una disintossicazione, è importante rimuovere i nutrienti accumulati alla fine del ciclo.

 

Come lavare gli autofiorenti: cos'è il lavaggio?

Il lavaggio consiste nell'annaffiare con una maggiore quantità d'acqua per rimuovere l'eccesso di nutrienti dal substrato.
 

Il flushing si fa somministrando molta acqua semplice senza nutrienti. Generalmente, lo si fa alla fine del ciclo una volta che i germogli diventano ambrati. È importante però correggere il pH dell'acqua prima di risciacquare. Tuttavia, per disintossicare le piante di cannabis si deve usare acqua semplice senza nutrienti. Inoltre, acqua semplice significa acqua semplice. Non dovresti aggiungere nutrienti, sì, ma nemmeno usare altri integratori. Se sciacqui le piante con integratori aggiunti, lo scopo dello sciacquo diventa irrilevante.

2. Perché sciacquare le piante di cannabis?

Molti coltivatori di cannabis non si preoccupano del lavaggio. In realtà, non ci sono prove che il risciacquo sia effettivamente utile, perché le piante sintetizzano le sostanze nutritive in modo diverso. Tuttavia, noterai una leggera differenza di gusto se ti impegni a risciacquare. Inoltre, il risciacquo aiuta a rimuovere il cattivo sapore delle sostanze chimiche che possono ostacolare il risultato finale dei bud. Un altro fattore importante da ricordare è che il risciacquo aiuta a ridurre l'asprezza presente nei germoglio. Naturalmente, l'asprezza si riduce di solito se si curano i bud correttamente, ma il lavaggio contribuisce a rendere i bud molto più morbidi.

3. Quando sciacquare le piante di cannabis?

Lo svapo può migliorare la qualità dei bud, ma solo se è fatto bene, quindi quanto spesso bisogna svapare le autofiorenti? Beh, dipende dal motivo per cui lo fai, ma in generale, dovresti lavare fino a 3-5 volte, lasciando asciugare il substrato tra un lavaggio e l'altro, il che può richiedere 2-3 giorni, quindi il processo di lavaggio può durare fino a 1-2 settimane. Ora, se ti stai chiedendo quando dovresti iniziare a risciacquare gli autofiorenti, devi sapere che il risciacquo si fa in due condizioni, e sono:

 

  1. Appena prima del raccolto
  2. Durante un blocco dei nutrienti

4. Perché le piante vengono lavate prima del raccolto?

Come già accennato, le piante vengono sciacquate per alcune settimane (almeno 2 settimane, anche se dipende dallo stile di coltivazione)) prima del raccolto per rimuovere le sostanze nutritive in eccesso. Ad esempio, se la tua pianta ha un periodo di fioritura di circa 10 settimane, puoi iniziare il lavaggio una volta raggiunte le 8 settimane. Tuttavia, assicurati che le piante siano quasi pronte per il raccolto prima di sciacquarle. Ciò significa che dovete controllare i tricomi per capire quando la pianta è pronta per essere svapata. Nel caso in cui le cime siano piene solo di tricomi chiari e non di tricomi torbidi o ambrati, dovrai aspettare ancora un po'. Il modo migliore per verificare se le tue cime hanno raggiunto il loro apice e sono pronte per il raccolto è dare una buona occhiata ai tricomi.

Per farlo, dovrai prendere un lentino da gioielliere o, meglio ancora, un microscopio tascabile. Man mano che i tricomi maturano, cambiano aspetto: da chiari, diventano torbidi e infine assumono una tonalità ambrata. Tutti conosciamo le differenze negli effetti psicoattivi tra le varietà a predominanza Sativa e Indica, ma una cosa di cui molti coltivatori alle prime armi non si rendono conto è che anche la maturità dei tricomi ha un'influenza diretta su questo aspetto.

 

Come lavare gli autofiorenti: perché lavare prima del raccolto?

Il lavaggio prima del raccolto ti permette di ottenere un fumo molto più liscio, migliorando l'aroma e il sapore dei bud.
 

Più a lungo si lasciano maturare i tricomi e più questi diventano ambrati, più pesante sarà l'effetto "couch-lock" - fino a un certo punto, comunque. Se decidi di raccogliere le cime quando sono per lo più chiare, lo sballo si presenterà molto più edificante e chiaro. Se aspetti che ci sia un equilibrio di circa il 70% di tricomi ambrati e il 30% di nuvolosità (il punto di raccolta standard), allora dovresti ottenere le gemme al loro picco di produzione di THC. Alcuni coltivatori amano aspettare ancora di più, poiché una maggiore quantità di tricomi ambrati si traduce in una maggiore quantità di CBN. Questo è associato a uno sballo più rilassante e sedativo, con proprietà ansiolitiche.

Tutte le autofiorenti sono dotate di un ciclo di fioritura specifico, ma a volte i tempi cambiano a seconda dei nutrienti, dello spazio e del modo in cui le coltivate. Per esempio, se pianti una Gorilla Glue Auto che ha un ciclo di fioritura specificato di 8-9 settimane, inizierai a svapare quando raggiunge la sesta o settima settimana. Tuttavia, è possibile che abbia bisogno di almeno altre due settimane per completare effettivamente il suo ciclo. A volte può aver bisogno di 10-11 settimane. Questo può accadere a causa dei nutrienti che hai usato e anche a causa della temperatura. Quindi, è necessario controllare i tricomi e il colore dei pistilli prima di iniziare a svapare. Un altro modo per controllare quando sciacquare è controllare attentamente i tricomi con una lente d'ingrandimento. I tricomi sono i cristalli che si trovano sui bud di cannabis e sulle foglie. Generalmente, i tricomi appaiono chiari all'inizio. Poi, diventano torbidi fino a diventare di colore lattiginoso. Non appena cominciano ad apparire un po' torbidi o lattiginosi, puoi iniziare a sciacquarli. Sciacquare le tue autofiorenti dovrebbe essere un evento pianificato. Quindi, cronometralo bene. Cosa succede se si sciacqua nel momento sbagliato? Semplicemente costringi la pianta a sbarazzarsi del suo stesso cibo e la rende impotente.

5. Perché le piante vengono sciacquate durante un blocco dei nutrienti?

La quantità di sostanze nutritive che a volte somministrate ai vostri autofiorenti può aumentare a tal punto da provocare un blocco dei nutrienti in cui la pianta non può più nutrirsi. Questa situazione può essere minacciosa per la pianta e di solito si traduce in piccole rese. Se le foglie sembrano bruciate o hanno un colore verde scuro anomalo, è un segno di un blocco dei nutrienti. Anche la sovralimentazione può provocare un blocco dei nutrienti. Per esempio, l'eccesso di azoto può provocare una tossicità da azoto in cui le foglie cominciano ad avere l'aspetto di artigli. In queste situazioni, è importante riportare l'impianto alla normalità. E questo può essere fatto solo con il lavaggio. Il lavaggio rimuove tutti i nutrienti in eccesso e permette alla pianta di crescere normalmente. Naturalmente, non si può correggere il problema immediatamente, ma ci vogliono almeno 2-3 giorni perché la pianta si resetti e torni alla normalità.

 

Ricorda che mentre il risciacquo per rimuovere le sostanze chimiche in eccesso viene fatto durante la fase vegetativa, il risciacquo per rendere i bud più lisci viene fatto durante la fase finale della fioritura. C'è molta differenza tra le due cose. C'è molta differenza tra i due. Questo è uno dei motivi principali per cui noi di FastBuds consigliamo quasi sempre ai coltivatori alle prime armi di usare la fibra di cocco come substrato principale. La fibra di cocco è un substrato di coltivazione straordinario, in quanto combina molti dei vantaggi della coltivazione idroponica e di quella in terra, eliminando la maggior parte degli svantaggi associati a entrambi i substrati.

Trattiene fino al 70% di ossigeno in più rispetto al terreno, offre un supporto e una protezione della zolla radicale di gran lunga migliori rispetto ai sistemi idroponici puri e può essere lavato con estrema facilità. Al giorno d'oggi quasi tutte le aziende produttrici di sostanze nutritive affidabili hanno una propria miscela di cocco, con il risultato che i prezzi per sacco sono crollati negli ultimi 4 anni circa. 

6. Come lavare le piante di cannabis autofiorenti?

Sciacquare le tue autofiorenti è piuttosto semplice. Immaginiamo che le tue piante siano pronte per essere svasate. Se stai somministrando 2-3 litri d'acqua, usa semplicemente dell'acqua normale dopo aver corretto il pH, senza alcun nutrimento. Se la dimensione del contenitore è di circa 3 galloni, puoiusare circa 6-10 galloni per rimuovere tutti i nutrienti in eccesso.

 

Come sciacquare i fiori autofiorenti: come sciacquare la cannabis autofiorente

Come lavare la cannabis autofiorente.
 

Generalmente, si usa l'acqua del rubinetto per sciacquare le piante. Tuttavia, assicurati di tenere d'occhio il pH. Se sei troppo preoccupati per il cloro nell'acqua di rubinetto, lascia l'acqua in uno spazio aperto per circa 24 ore e sarai pronti a partire.

Continua a versare l'acqua nei vostri vasi finché non la vedi scolare dal vaso. Inoltre, l'acqua drenata potrebbe sembrare sporca a causa dell'eccesso di sostanze chimiche. Usa il tuo misuratore di TDS per controllare i PPM. I PPM dell'acqua drenata saranno di solito alti. A volte può arrivare a 1500 PPM. Continua a sciacquare l'impianto fino a quando il PPM si riduce e scende a 50 PPM. Se non ci riesci, assicurati che i PPM corrispondano almeno a quelli dell'acqua di rubinetto che stai usando.

Una pratica comune è il metodo del doppio lavaggio. Si tratta di inzuppare i vasi con tutta l'acqua che possono contenere, aspettare una decina di minuti (o fino a quando la maggior parte dell'acqua non è defluita dai vasi) e poi colpirli di nuovo con la stessa quantità d'acqua. Questo metodo si è dimostrato molto efficace, soprattutto nella coltivazione della coco-coir. Tieni presente che, per ottenere i migliori risultati, dovresti cercare di sciacquare le piante con acqua tiepida. Perché? Perché la maggior parte dei nutrienti e delle sostanze chimiche che stiamo cercando di eliminare si dissolvono più facilmente con l'acqua tiepida che con quella fredda.

7. Si possono sciacquare le piante che crescono in un terreno organico?

C'è molta differenza tra coltivare in un terreno organico o super e usare prodotti chimici. E' meglio non risciacquare le tue piante se stanno crescendo in un terreno organico perché ucciderete tutti i microorganismi presenti nel terreno. Ci vuole tempo perché i microbi costruiscano un ecosistema adatto e voi potresti rovinare tutto. 

 

Come lavare gli autofiorenti: si può lavare in un terreno organico?

Non si consiglia di tirare lo sciacquone nel terreno organico perché potrebbe annegare i microrganismi benefici.
 

I microbi e gli altri microrganismi stanno già facendo un lavoro fantastico nel fornire i nutrienti alla pianta, quindi non hanno bisogno che tu interferisca. L'ecosistema è piuttosto delicato e il terreno per cui hai lavorato così duramente (se è il vostro super terreno) andrà tutto sprecato. Molte persone coltivano cannabis organica semplicemente perché non credono nell'uso di prodotti chimici. Non è necessario sciacquare queste piante perché non produrranno un sapore strano quando fumerete i bud. Naturalmente, devi curare i bud, sia che siano coltivati in modo organico o inorganico, ma il risciacquo non è necessario.

 

Infine, ma non meno importante, ricorda che lo svapo aiuta a migliorare il gusto dei bud. Puoi sperimentare svapando una pianta e sperimentare te stesso la differenza. Risciaquo + maturazione = gusto strabiliante, quindi non dimenticare di flushare le tue piante di cannabis autofiorenti!

8. IN CONCLUSIONE

Speriamo di aver spiegato il processo di lavaggio in un modo facile da capire e da implementare. È semplicissimo. Fai un doppio risciacquo con acqua tiepida, testa il deflusso per assicurarti che diminuisca a ogni risciacquo fino a scendere sotto i 50 PPM (o allo stesso numero dell'acqua del rubinetto con cui stai risciacquando) e risciacqua per almeno una settimana. Semplice!


Questo post è stato aggiornato di recente il 1 aprile 2021.

21 September 2022