FastBuds seedbank #1 with 10426 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10426 diaries on GrowDiaries

Migliori Nutrienti Per Le Colture Idroponiche

La coltivazione idroponica significa coltivare senza terriccio, utilizzando un tipo molto specifico di nutrienti.
08 September 2022
6 min read
Migliori Nutrienti Per Le Colture Idroponiche

Contenuti:
  • 1. Coltivare senza terriccio
  • 2. Coltivazione della cannabis in fibra di cocco
  • 2. a. Quali sono i principali vantaggi dell'uso della fibra di cocco come substrato di coltivazione?
  • 3. Come scegliere buoni nutrienti idroponici?
  • 4. Cure necessarie quando usi nutrienti in idroponica
  • 5. In conclusione

La coltura idroponica è un modo di crescere dove non hai bisogno delle terra o di qualsiasi tipo di substrato  (anche se puoi). In questo modo espone le radici direttamente a una miscela ossigenata di acqua e sostanze nutritive, rendendo disponibili le sostanze nutritive quando la pianta ne ha bisogno.

1. Coltivare senza terriccio

 Essa può riferirsi a qualsiasi tipo di coltivazione in cui il terriccio non viene utilizzato (come la coltura idroponica o l'aeroponica).

I vantaggi di questi metodi sono che immergi le radici in una ricca soluzione nutritiva, permettendo alle tue piante di nutrirsi quando vogliono e strettamente con la quantità di cui hanno bisogno.

 

L'idroponica è il metodo più usato per crescere senza suolo.
 

Essendo direttamente esposti alla soluzione nutritiva, possono nutrirsi senza dover "combattere" contro il suolo, permettendo alla pianta di crescere più grande senza che le radici debbano crescere troppo. Ciò si traduce in uno sviluppo più rapido e può comportare un raccolto complessivamente più rapido.

2. COLTIVAZIONE DELLA CANNABIS IN FIBRA DI COCCO

Sebbene gli impianti idroponici puri e senza terriccio siano fantastici, presentano alcuni aspetti negativi. Possono essere piuttosto costosi da implementare, le malattie trasmesse dall'acqua sono comuni nei sistemi idroponici, le interruzioni di corrente possono distruggere rapidamente una coltura quando si usano timer e pompe e c'è una curva di apprendimento ripida da superare per i nuovi coltivatori. Esiste però un'altra opzione! La fibra di cocco (coco coir, pronunciata coco kwaar) - che a volte viene anche chiamata torba di cocco - è cresciuta di popolarità nell'ultimo decennio come substrato idroponico, ed è facile capire perché. Combina molti dei vantaggi della coltivazione in terra e in idrocoltura, riducendo al contempo alcuni degli svantaggi.

COS'È IL COCO-COIR?

Questo substrato di coltivazione idroponica, sempre più popolare, è costituito dalle parti intermedie tra il guscio e il rivestimento esterno della noce di cocco. Esistono due tipi principali di cocco: quello marrone e quello bianco. La maggior parte della fibra di cocco utilizzata nella coltivazione della cannabis è di colore marrone, in quanto è il tipo più resistente e più adatto alla crescita idroponica. Viene prodotta principalmente nei paesi del subcontinente: India, Sri Lanka e Bangladesh. Le più grandi aziende di forniture idroponiche hanno iniziato a produrre e vendere le proprie miscele di cocco circa un decennio fa, e da allora sono state effettuate numerose ricerche e sviluppi su questi prodotti. 

QUALI SONO I PRINCIPALI VANTAGGI DELL'USO DELLA FIBRA DI COCCO COME SUBSTRATO DI COLTIVAZIONE?

Oltre al fatto che la fibra di cocco è un ottimo substrato per i coltivatori che vogliono passare dal terreno all'idroponica, ci sono altri grandi vantaggi:

  • La fibra di cocco è una sostanza inerte

Questo substrato ha un pH naturalmente bilanciato e non contiene nutrienti aggiuntivi per la crescita. Ciò significa che si parte da una base pulita come quella di un impianto idro puro. Questo rende molto semplice il controllo e il monitoraggio del pH e dei nutrienti, poiché gli unici nutrienti presenti nella miscela saranno quelli con cui nutrite le tue piante.

  • Offre maggiori concentrazioni di ossigeno alla zona radicale

Rispetto alla coltivazione in terra, la fibra di cocco offre una migliore ossigenazione delle radici fino al 70%. Ciò significa che il tasso di crescita e la qualità del prodotto finale possono essere fortemente incrementati. 

  • Trattiene e drena bene l'acqua

La fibra di cocco è molto più facile da drenare rispetto al normale terriccio. Questo è ottimo se le tue piante stanno lottando contro carenze o problemi di sovralimentazione, in quanto il substrato può essere riportato rapidamente e facilmente a un livello di base inerte

  • È una risorsa ecologica e rinnovabile

Un tempo la buccia di cocco era un prodotto di scarto. Con la mania della fibra di cocco che ha travolto il mondo della coltivazione in generale, questo prodotto un tempo inutile può ora essere utilizzato in modo rinnovabile.

A COLTIVAZIONE IN COCCO UTILIZZA LE STESSE MISCELE DI NUTRIENTI IDROPONICI DELL'IDROPONICA PURA?

No. Gli anni di ricerca e sviluppo dedicati alla coltivazione in fibra di cocco ci hanno fornito molte informazioni e, di conseguenza, sono nati molti prodotti legati al cocco. Naturalmente, ci sono moltissimi additivi che possono essere usati in tutte le coltivazioni idro e in terra. Tuttavia, quando si tratta di miscele di sostanze nutritive di base, è meglio attenersi a prodotti mirati alla cocco. Tutti i grandi nomi (come House and Garden, General Hydroponics, Canna, Fox Farms e Botanicare, solo per citarne alcuni) producono le loro miscele nutritive dedicate al cocco. Di solito si tratta di un set di due flaconi e molto probabilmente avrete bisogno di un flacone di cal-mag e di pH up o down (a seconda dell'acqua che utilizzate). Ricordati di somministrare sempre la metà della dose del flacone, per combattere eventuali problemi di sovralimentazione, e di controllare sempre il pH e i livelli di TDS o EC prima di somministrare alle tue signore.

3. Come scegliere buoni nutrienti idroponici?

Esistono molti nutrienti diversi per l'alimentazione delle piante in un impianto idroponico, il migliore dipenderà dal tuo budget e dalle tue capacità di coltivatore, anche se in un impianto idroponico i nutrienti vengono somministrati direttamente alle radici, quindi devi fare attenzione alla quantità somministrata. Quando stai cercando buoni nutrienti idroponici devi trovare un marchio che fornisca tutti i nutrienti di cui la pianta ha bisogno e nelle giuste quantità. Questa è una quantità media di fosforo (P) e un'elevata quantità di azoto (N) e potassio (K) nella fase vegetativa. E meno azoto (N) e un alto livello di fosforo (P) e potassio (K) nella fase di fioritura

 

N, P e K sono i principali nutrienti di cui le piante di cannabis hanno bisogno.
 

Dovresti usare solo sostanze nutritive appositamente progettate per i sistemi idroponici. Contengono una grande quantità di micronutrienti, tra cui magnesio, calcio, ferro e zolfo che la tua pianta ottiene dal terreno, ma poiché in questo metodo non c'è terreno, dovresti fornire tu stesso tutti i micronutrienti. Inoltre, tieni presente che quasi tutti i nutrienti organici hanno bisogno della materia organica per funzionare, dipendono dai microrganismi e i microrganismi dipendono dal suolo che non è disponibile in coltura idroponica, quindi fai molta attenzione quando acquisti i nutrienti.

Nota. Se stai utilizzando acqua filtrata, dovresti anche cercare di aggiungere i seguenti nutrienti: boro, cobalto, rame, manganese, molibdeno e zinco. Questo perché i filtri non solo rimuovono le impurità ma rimuovono anche i minerali nell'acqua, non fornendo tutti i micronutrienti può causare carenze.

4. Cure necessarie quando usi nutrienti in idroponica

Non c'è molto che devi fare durante l'alimentazione in idro, oltre a controllare e regolare il pH della soluzione quotidianamente. Poiché le radici sono esposte direttamente nell'idro, anche il minimo cambiamento nel livello del pH può scioccare le piante, arrestare la crescita e non consentire loro di assorbire correttamente i nutrienti.

 

Misuratore di pH

Un misuratore di pH è essenziale nella coltivazione idroponica per assicurarsi che le piante assorbano correttamente i nutrienti.

Per una crescita ottimale, avrai bisogno di un misuratore del pj e assicurati di mantenere un livello di pH compreso tra 5,5 e 6,5. Ciò dipenderà ovviamente dal ceppo e dai nutrienti utilizzati. Ricorda inoltre che il livello di pH può variare a seconda che la tua configurazione utilizzi qualsiasi mezzo (come fibra di cocco, lana di roccia, perlite, ecc.). È fondamentale fornire alle piante un ambiente di coltivazione perfetto perché saranno direttamente affettati dai nutrienti, a differenza di quando crescono in un terreno come il terreno che non espone le radici direttamente alla soluzione.

5. In conclusione

A differenza della coltivazione nel suolo, l'idroponica richiede un'attenzione e cure speciali. La coltura idroponica può consentire di coltivare fiori migliori rispetto al suolo, ma pagando il prezzo di dover essere presente 24 ore su 24, 7 giorni su 7, poiché un leggero malfunzionamento di qualsiasi attrezzatura nella tua installazione potrebbe causare la morte di tutte le tue piante. Consigliamo vivamente ai coltivatori di provare la coltura idroponica, ma ti consigliamo di avere bisogno di un po 'di esperienza per poter raccogliere con successo le tue piante.

08 September 2022