FastBuds seedbank #1 with 9695 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10011 diaries on GrowDiaries

Come Ingrossare le Cime di Cannabis Prima della Raccolta

Tutti i suggerimenti che aumenteranno le dimensioni dei tuoi preziosi boccioli ...
12 September 2022
19 min read
Come Ingrossare le Cime di Cannabis Prima della Raccolta

Contenuti:
  • 1. Intensità della luce
  • 1. a. Spettro luminoso
  • 2. Temperatura, umidità e flusso d'aria
  • 2. a. Il flusso d'aria ottimale garantisce la migliore densità di cime
  • 3. Nutrienti
  • 3. a. Macronutrienti
  • 3. b. Micronutrienti
  • 3. c. Livello di ph
  • 3. d. Nutrienti sintetici
  • 3. e. Nutrienti organici
  • 3. f. Additivi e integratori per aumentare la densità
  • 4. Formazione delle piante
  • 4. a. Allenamento a basso stress
  • 4. b. Allenamento ad alto stress
  • 5. Raccogliere al momento giusto
  • 5. a. Stigmi
  • 5. b. Foglie ingiallite
  • 5. c. Stato dei tricomi
  • 6. La giusta genetica
  • 6. a. Dominante indica vs dominante sativa
  • 6. b. Limiti delle cime
  • 7. Come far crescere cime grandi?
  • 8. In conclusione

Ci sono molte variabili che possono determinare quanto grassi e ricchi di tricomi saranno i tuoi nugs, quindi in questo articolo ti spieghiamo come far crescere cime più grandi durante la fioritura, cosa considerare e come evitare cime popcorn più piccole e a bassa produzione. 

 

Scopri i migliori consigli su come coltivare enormi fiori di Cannabis da Sebastian Good.
 

La qualità dei fiori dipende dalle sostanze nutritive, dalla luce e dalle condizioni di coltivazione, quindi assicurati di avere tutto sotto controllo per ottenere cime più dense e grosse.

1. INTENSITÀ DELLA LUCE 

La luce è il fattore più importante quando si cerca di ottenere fiori di cannabis più densi, perché le luci aiutano le piante di cannabis a produrre zuccheri attraverso il processo di fotosintesi che le aiuta a crescere, ma ricorda che non qualsiasi luce va bene, l'erba ha bisogno di un'intensità luminosa ottimale per produrre cime grandi e grasse.

 

L'intensità luminosa corretta è fondamentale se volete che le vostre piante di marijuana prosperino e producano le cime più grandi.
 

I coltivatori all'aperto non devono preoccuparsi più di tanto perché coltivano sotto il sole, che è la luce migliore possibile per le piante; ovviamente, il numero di ore di luce che le piante ricevono all'aperto influisce sulla qualità, ma finché coltivate nella stagione all'aperto sarete a posto.

 

Potenza ottimale per ottenere fiori più densi
Numero di piantePotenza HPSPotenza LED
1100w120w
2250w200w
4400w280w
6600w350w

 

I coltivatori al coperto devono scegliere tra diversi dispositivi di illuminazione; al giorno d'oggi è facile trovare lampadine e LED adatti a ogni tenda da coltivazione e coltivatore, ognuno con i suoi pro e i suoi contro, per cui è necessario fare molte ricerche prima di acquistare attrezzature costose. In ogni caso, i coltivatori indoor professionisti forniscono circa 1000w per m2 per avere i migliori risultati, ovviamente non tutti i coltivatori domestici possono permettersi questo, ma assicurati di fornire almeno 100w per pianta per aumentare la densità delle cime.

SPETTRO LUMINOSO

Non solo l'intensità della luce, ma anche lo spettro luminoso emesso dalla vostra lampada influenzerà la densità delle tue cime. Ogni lunghezza d'onda dello spettro luminoso gioca un ruolo importante nel processo di crescita di una pianta di cannabis.

Come forse sai, le lampadine (come le MH e le HPS) non emettono uno spettro completo, mentre le MH emettono lo spettro blu, le HPS emettono lo spettro rosso: ecco perché le lampadine ad alogenuri metallici vengono utilizzate nella fase vegetativa, mentre le HPS nella fase di fioritura.

 

I LED sono il modo migliore per fornire uno spettro completo alle piante.
 

Con i LED questo problema non si pone, perché la maggior parte dei LED emette quasi tutto lo spettro, il che è fondamentale per raccogliere fiori più densi, perché ogni lunghezza d'onda è responsabile di un determinato aspetto della crescita di una pianta.

  • Lunghezza d'onda verde/blu (490-570 nm)

Queste lunghezze d'onda sono fondamentali nella fase vegetativa, perché favoriscono la crescita e l'assorbimento dell'acqua.

  • Lunghezza d'onda gialla (570-585nm)

Queste lunghezze d'onda incoraggiano le piante ad allungarsi e ad iniziare a germogliare; le piante le utilizzano per incoraggiare i fotorecettori ad assorbire più luce e ad ottenere cime più dense, aumentando le rese.

  • Lunghezza d'onda rossa (520-720 nm)

Queste lunghezze d'onda segnalano alla pianta di marijuana che l'autunno è vicino e questo non solo aumenta la produzione di resina, ma contribuisce anche ad aumentare le dimensioni delle cime.

DOMANDE FREQUENTI

Di quanta luce ho bisogno per coltivare cime grasse?

La quantità di luce può variare a seconda del tipo di luce e della marca, ma in generale si dovrebbe fornire un minimo di 75 W per pianta per ottenere buoni risultati.

Con i LED cresceranno cime più grandi? 

È possibile coltivare cime più grandi con i LED di alta qualità, ma si possono ottenere risultati simili anche con le lampadine; si tratta solo di sapere come usare e adattare il proprio spazio di coltivazione ai diversi tipi di illuminazione.

2. TEMPERATURA, UMIDITÀ E FLUSSO D'ARIA

Anche le condizioni di coltivazione hanno un'enorme influenza sulla densità delle cime: le piante di cannabis prosperano tra i 18 e i 26°C e con un'umidità relativa che parte dal 70% e diminuisce lentamente fino a raggiungere circa il 45% nelle ultime settimane di fioritura.

 

Umidità e temperatura ottimali per ottenere fiori più densi
Stadio della piantaSettimanaTemp. giornoTemperatura notturnaUmidità relativa
 122-28°C18-22°C70%
 222-28°C18-22°C70%
Vegetativo322-28°C18-22°C65%
 422-28°C18-22°C65%
Pre-fioritura520-26°C20-26°C60%
Prima metà della fioritura620-26°C20-26°C55%
 720-26°C20-26°C50%
Seconda metà della fioritura818-24°C17-20°C50%
 918-24°C17-20°C45%
 1018-24°C17-20°C40%

 

Se non riesci a mantenere le condizioni ottimali, le cime finiranno per diventare ariose, proprio come quelle dei popcorn, quindi è essenziale assicurarsi che le condizioni di coltivazione siano costanti e, se necessario, utilizzare attrezzature come ventilatori, riscaldatori o unità di condizionamento dell'aria per poterlo fare. A differenza dei coltivatori indoor, i coltivatori outdoor hanno meno controllo sulle condizioni, quindi è essenziale pianificare il momento della germinazione dei semi per avere le migliori condizioni possibili e, se necessario, costruire una serra o, se hai già una serra, installarvi dei ventilatori.

DOMANDE FREQUENTI

Come influiscono le condizioni di coltivazione sulle piante di cannabis?

La temperatura e l'umidità possono influenzare il modo in cui la pianta fotosintetizza e produce zuccheri, quindi in condizioni non ideali, la pianta può crescere più lentamente o meno e questo può rendere più difficile ottenere cime grandi. 

IL FLUSSO D'ARIA OTTIMALE GARANTISCE LA MIGLIORE DENSITÀ DI CIME

In natura, la cannabis è una pianta impollinata dal vento. Ciò significa che la pianta è geneticamente predisposta a spendere più energia nei siti di germinazione esposti a un flusso d'aria e a una luce ottimali. Ci sono un paio di modi in cui noi, come coltivatori, possiamo assicurarci che la pianta abbia le migliori possibilità di produrre pepite dense e succose, semplicemente massimizzando il ricambio d'aria nella chioma e nell'intera area di coltivazione. Se coltivi all'aperto, questo può essere semplice come distanziare correttamente le piante e rimuovere alcune foglie del ventaglio per consentire un migliore flusso d'aria. Puoi anche aiutare la tua coltivazione all'aperto assicurandoti che la coltura sia collocata in un'area che riceva un'elevata quantità di vento naturale. Questo, insieme ad altri stimoli esterni, aiuterà anche la forza complessiva delle piante e permetterà ai rami di crescere abbastanza spessi da sostenere quelle enormi cime. È come se andassimo in palestra a sollevare pesi. Più sforziamo i nostri muscoli, più crescono, e lo stesso vale per le piante di cannabis che si muovono nel vento.

Quando coltiviamo erba indoor, vogliamo cercare di replicare l'ambiente esterno in alcuni modi. Oltre all'illuminazione, il flusso d'aria è estremamente importante. Ci sono due tipi principali di flusso d'aria che vogliamo creare in qualsiasi spazio di coltivazione:

SISTEMA DI SCARICO A SCAMBIO D'ARIA

Un apporto costante di aria fresca è uno degli aspetti più importanti da considerare quando si progetta uno spazio di coltivazione. Per il ricambio d'aria, si consiglia di posizionare lo sfiato in entrata vicino al fondo dell'area di coltivazione e quello in uscita vicino alla parte superiore. Questo perché il calore sale, quindi questo design aiuta a mantenere la grow room bella fresca. I ventilatori di scarico hanno un valore CFM (piedi cubi al minuto). Moltiplicando le dimensioni di altezza, larghezza e lunghezza della tua grow room, sarai in grado di calcolare facilmente il fabbisogno di ventilatori di scarico. Se possibile, è bene far circolare l'aria fresca nello spazio di coltivazione ogni 1-3 minuti.

FLUSSO D'ARIA ALL'INTERNO DELLA CHIOMA

L'opzione più semplice ed economica per creare un flusso d'aria all'interno del baldacchino è quella di posizionare alcune piccole ventole oscillanti (a seconda delle dimensioni della tua grow room) rivolte verso il baldacchino stesso. È preferibile scegliere ventole con diverse impostazioni di velocità, poiché una brezza bella forte è ottima per le piante mature, ma forse troppo forte per le piantine in via di sviluppo. Se l'unica opzione a vostra disposizione è troppo forte, orientatala lontano dalla chioma. Finché si trova all'altezza della chioma, l'aria verrà comunque scambiata. Inoltre, è bene posizionare i ventilatori in modo che la brezza provenga da diverse direzioni. Se riesci a trovare il modo di sistemarne alcuni in modo che uno sia puntato dall'alto, uno dal basso e uno o due a livello della chioma, allora fallo. Se nella tua area di coltivazione c'è spazio solo per uno, allora è meglio così. Uno è meglio di nessuno!

Questa configurazione non solo aiuterà le cime a ingrassare subito, ma ti aiuterà anche a controllare la temperatura e l'umidità della chioma e a combattere i problemi di muffa e parassiti.

3. NUTRIENTI

Le sostanze nutritive fanno un'enorme differenza, anche se puoi raccogliere le cime senza nutrire le tue piante, fornendo i giusti minerali nel rapporto corretto otterrai fiori più densi. Le piante di marijuana hanno bisogno di diverse sostanze nutritive, suddivise in macronutrienti e micronutrienti, che devono essere somministrate al momento giusto. Per sapere esattamente quanto e quando somministrarle è necessario conoscere il ciclo di vita della pianta, quindi sapendo approssimativamente per quanto tempo crescerà la tua auto e per quante settimane di fioritura prima del raccolto potrai avere un'idea di cosa somministrare e quando.

Ad esempio, se stai coltivando un'autofiorente che impiega circa 10 settimane dal seme al raccolto, saprai che ci vorranno circa 4-5 settimane per la vegetazione e altre 5-6 per la fioritura; sapendo questo sarai in grado di pianificare in anticipo e calcolare le dosi di nutrienti perché, come saprai, dovresti iniziare con una dose più bassa e aumentarla gradualmente quando coltivi autofiorenti.

MACRONUTRIENTI

I macronutrienti sono i più noti NPK e sono i minerali che le piante di cannabis usano di più. NPK significa Azoto, Fosforo e Potassio. L'azoto è responsabile della crescita delle piante nella fase vegetativa, il fosforo aiuta nella fotosintesi e il potassio è essenziale per la produzione di gemme e terpeni, quindi è essenziale fornire questi nutrienti se si vogliono ottenere buoni risultati.

 

I LED sono il modo migliore per fornire uno spettro completo alle piante.

MICRONUTRIENTI

I micronutrienti sono minerali utilizzati in quantità minori, ma sono anch'essi essenziali per la crescita di una pianta di cannabis; il mancato apporto di questi elementi provocherà segni di carenza, anche se il loro fabbisogno è 10 volte inferiore a quello dei macronutrienti. Si tratta principalmente di oligoelementi come il boro, il rame, il calcio e il magnesio, tra gli altri, e tutti svolgono un ruolo nell'aiutare la pianta a raggiungere la struttura necessaria e a prepararla per affrontare con successo la fioritura.

Ora, le piante dipendono dal livello di pH per poter assorbire correttamente le sostanze nutritive, quindi è essenziale controllarlo e regolarlo, ma è fondamentale fornire solo ciò di cui le piante hanno bisogno, niente di meno, niente di più. È consigliabile iniziare con una dose inferiore a quella raccomandata, perché potresti finire per bruciare le piante, ottenendo l'effetto opposto a quello desiderato: invece di avere cime più dense, la tua pianta mostrerà sintomi di carenza.

 

Soluzione nutritiva leggera Programma di alimentazione della cannabis
SettimanaStadio

Nutrienti

1PiantineAcqua di pianura
2Vegetativa¼ di nutrimento per la crescita
3Vegetativa½ nutrimento per la crescita
4VegetativaNutrienti per la crescita a dose piena
5 Pre-fioritura⅛ crescita + ¼ fioritura
6Fioritura½ nutrienti per la fioritura
7FiorituraNutrienti per la fioritura a dose piena
8Fioritura e maturazione⅛ fioritura
9Maturazione e raccoltaAcqua di pianura

 

Per evitare ciò, dovreste nutrire le vostre piante con un rapporto 2-1-3 nella fase vegetativa e 1-2-3 in quella di fioritura, il che significa che dovrete somministrare più azoto mentre le piante crescono e più fosforo e potassio quando si sviluppano i fiori. Tieni presente che le diverse marche di sostanze nutritive hanno programmi di somministrazione diversi e che esistono diversi fertilizzanti per cannabis che possono essere molto diversi tra loro.

LIVELLO DI PH

Controllare e regolare il livello di pH è essenziale se volete davvero raccogliere ottime cime. Il pH varia da 1 a 14 ed è un modo per misurare quanto è alcalina o acida una soluzione liquida. L'acqua pura ha un pH neutro di 7. A seconda del substrato in cui si coltiva, il pH dovrebbe essere un po' più basso, ma non dovrebbe differire troppo, ad esempio, nel terriccio il pH dovrebbe oscillare tra 6,0-7,0 e nel substrato senza terriccio (come il cocco, i pellet di argilla o l'idro) dovrebbe oscillare tra 5,5-6,5.

 

Intervallo di PH per la cannabis in diversi terreni
MedioIntervallo di pH
Terreno6.0-7.0

Idro e senza terriccio (come pellet di cocco o argilla)

5.5-6.5

 

Mantenere questi livelli di pH è essenziale se si vuole che le piante assorbano correttamente le sostanze nutritive, perché le piante di marijuana dipendono da determinati livelli di pH per assorbire correttamente le sostanze nutritive.

NUTRIENTI SINTETICI

I nutrienti sintetici sono i più comuni fertilizzanti per cannabis disponibili, questi nutrienti in bottiglia contengono sali che alimentano direttamente le radici della pianta. Questo tipo di alimentazione è di solito più semplice ed economica rispetto ai nutrienti organici, ma come sicuramente saprai, dato che si alimentano direttamente le radici, è facilissimo sovralimentare e potrebbe portare ulteriori carenze se non hai mai coltivato erba prima d'ora.

NUTRIENTI ORGANICI

I nutrienti organici, a differenza di quelli sintetici, consistono nel mantenere un terreno sano e pieno di microrganismi benefici che hanno un rapporto simbiotico con le piante di marijuana.

 

Come funzionano i nutrienti organici.
 

L'alimentazione organica è di solito più costosa, ma esistono diversi modi per preparare il proprio superterriccio, il KNF o il compostaggio domestico, dove è possibile personalizzarlo in base alle proprie esigenze. In questo modo non si nutrono direttamente le radici, ma si rendono disponibili i nutrienti nel terreno di coltura affinché i microrganismi li scompongano e ne facilitino l'assorbimento da parte delle piante quando lo desiderano e ne hanno bisogno, riducendo le possibilità di sovralimentazione e altre carenze.

DOMANDE FREQUENTI

Gli stimolatori di fioritura o i booster mi daranno cime più grandi?

Probabilmente non danneggeranno la tua pianta se usati correttamente, ma tieni presente che la maggior parte dei potenziatori di fioritura si limita a fornire fosforo e potassio, che qualsiasi fertilizzante di buona qualità progettato per la fase di fioritura è in grado di fornire.

Come posso identificare una carenza o un eccesso di NPK?

 

MineraliEccessoCarenza 
Azoto    Le foglie diventano più verdi, gli steli e il fogliame sono deboli e l'assorbimento dell'acqua è minore.Le foglie ingialliscono, le foglie piccole e le foglie si arricciano o cadono.
FosforoFoglie spuntate, punte bruciate e macchie sulle foglie.Steli viola, macchie marroni sulle foglie e crescita lenta.
PotassioPunte bruciate, macchie sulle foglie e punte bruciate.Steli deboli e foglie pallide, foglie color ruggine e fioritura lenta.

 

Quali sono i nutrienti che fanno crescere le cime più grandi?

Purtroppo, le sostanze nutritive da sole non sono sufficienti per ottenere cime d'erba grandi. Per far crescere cime più grandi è necessaria la giusta combinazione di sostanze nutritive di buona qualità, luce sufficiente e condizioni di crescita adeguate. Se stai già fornendo questi elementi e pensi di poter ancora migliorare il tuo raccolto, dovresti dare un'occhiata alle tecniche di formazione delle piante.

ADDITIVI E INTEGRATORI PER AUMENTARE LA DENSITÀ

Una volta definito il programma di somministrazione delle sostanze nutritive di base, è il momento di pensare agli integratori di cannabis. Anche se la giuria non è ancora convinta in termini di fatti scientifici concreti, la maggior parte dei coltivatori di cannabis esperti concorda sul fatto che l'uso di qualche forma di integrazione per la fioritura porterà a cime di qualità migliore e a rese maggiori. Questi integratori di solito contengono un mix di vitamine, acidi umici, oligominerali, aminoacidi e carboidrati complessi. Il più importante di tutti è il fosforo (P), uno dei tre macro principali. Questo nutriente è responsabile del trasporto dell'energia, che ha un enorme impatto sullo sviluppo delle gemme. Cercate un booster che li contenga.

Quasi tutte le aziende produttrici di sostanze nutritive per la cannabis producono un booster per la fioritura, ma ecco un paio di quelli più popolari preferiti dai coltivatori.

  • Cannabiogen Delta 9
  • Advanced Nutrients Bud Ignitor
  • Grotek Blossom Blaster
  • Top Crop Big One
  • CANNABOOST di Canna

Un'altra opzione favorita da molti coltivatori, e molto più conveniente per il portafoglio, è l'uso di melassa nera non zuccherata. Questo prodotto miracoloso contiene una serie di zuccheri complessi e una serie di sostanze nutritive che aiutano lo sviluppo delle piante e la salute del suolo. Oltre ai carboidrati, contiene ferro, selenio, rame, magnesio e calcio che contribuiscono allo sviluppo dei germogli. Ci sono due modi principali accettati per implementare la melassa nera nel vostro programma di alimentazione.

  • Si può aggiungere all'acqua di alimentazione in ragione di 5 ml per litro d'acqua due volte a settimana durante il periodo di crescita vegetativa e di 8-10 ml per litro durante la fase di fioritura, quando aumenta la richiesta di potassio.
  • È possibile utilizzare la melassa nera come spray fogliare. Aggiungene mezzo cucchiaino a un litro di acqua tiepida in un flacone spray, scuotilo bene e applicalo abbondantemente su tutta la pianta. Una volta ogni 10-14 giorni sarà più che sufficiente. Lo spray fogliare alla melassa funziona benissimo anche come efficace repellente per i parassiti e aiuta a trattare le infestazioni. Si può mescolare con olio di neem e sapone insetticida per aumentarne l'efficacia.

4. FORMAZIONE DELLE PIANTE

Le piante di cannabis di solito crescono con una cola principale e diversi rami laterali, a seconda dello spazio di coltivazione potrebbe non essere un problema, ma questo modello di crescita non è l'ideale per molti coltivatori che vogliono sfruttare al meglio le loro attrezzature. Le tecniche di formazione delle piante, come l'LST e l'HST, possono essere usate per rimodellare il modo in cui cresce una pianta di marijuana, in questo modo i coltivatori possono aprire i rami e la chioma e, se fatto correttamente, i siti di fioritura riceveranno più luce e flusso d'aria, con il risultato di avere fiori più densi e, in ultima analisi, rese migliori.

ALLENAMENTO A BASSO STRESS

L'addestramento a basso stress (detto anche LST) è un metodo di addestramento delle piante che non le mutila; l'idea alla base di questa tecnica è quella di piegare i rami e il fusto orizzontalmente per migliorare l'utilizzo della luce, che si traduce in cime più grandi e rese migliori.

 

LST ti permette di dare forma alla tua pianta di cannabis con il minimo stress possibile!
 

Queste tecniche a bassa sollecitazione includono il metodo tie-down, SCRoG e SoG, che sono metodi diversi che si adattano meglio a scenari diversi ma che finiscono per avere gli stessi risultati.

 

La tecnica LST spiegata in 1 minuto.
 

Come puoi vedere nel video qui sopra, il nostro coltivatore non solo ha legato i rami, ma ha anche cimato la sua autofiorente. Se fatto correttamente, sarai in grado di raggiungere la struttura desiderata della pianta che può migliorare le rese e la qualità complessiva del tuo raccolto.

ALLENAMENTO AD ALTO STRESS

Gli addestramenti ad alto stress (detti anche HST) sono metodi di addestramento delle piante che consistono nel mutilare le piante di cannabis; tecniche come il Topping o il Fimming consistono nel tagliare le piante in un certo modo, ottenendo risultati simili a quelli offerti dall'LST, ma impiegando meno tempo e risultando più stressanti per le piante. Sebbene sia sconsigliato eseguire l'HST su autofiorenti se non si è abbastanza esperti, è possibile farla franca e ottenere ottimi risultati; inoltre, è comune tra i coltivatori eseguire l'LST in combinazione con l'HST per ottenere i risultati desiderati.

DOMANDE FREQUENTI

Qual è la differenza fondamentale tra l'allenamento a basso e ad alto stress?

Se stai cercando di ottenere cime più grandi, entrambi avranno risultati simili, con la differenza principale che l'allenamento a basso stress consiste nel modellare la pianta poco alla volta senza mutilarla, mentre l'allenamento ad alto stress consiste nel mutilare la pianta di cannabis per modellarla.

L'allenamento ad alto stress è migliore di quello a basso stress?

No, entrambe sono buone tecniche di formazione e daranno risultati simili, si tratta solo di sapere come applicarle correttamente e quando farlo.

5. RACCOGLIERE AL MOMENTO GIUSTO

I coltivatori principianti tendono a raccogliere prima o perché sono ansiosi e vogliono fumare le loro cime o semplicemente perché non sanno quando è il momento giusto per raccogliere. Come forse sai, le cime si sviluppano molto velocemente durante la fioritura e anche solo un paio di giorni possono fare una grande differenza nella qualità dei tuoi fiori.

STIGMI

Gli stigmi (pistilli) sono i peli bianchi che si iniziano a vedere nella fase di prefioritura, questi peli escono dai calici e quando le piante di marijuana sono pronte per essere raccolte, questi peli iniziano a diventare marroni e ad appassire.

 

Pistilli marroni su tutta la gemma di cannabis.
 

 Tieni presente che in alcuni ceppi questi peli iniziano a imbrunire prima e in altri la maggior parte non imbrunisce nemmeno, quindi non dovresti raccogliere solo in base agli stigmi.

FOGLIE INGIALLITE

Alla fine del ciclo di crescita, vedrai le grandi foglie a ventaglio ingiallire; questo potrebbe essere un grosso problema se si verifica in altre fasi, ma quando si avvicina il raccolto è del tutto normale ed è un segno che la tua pianta si sta preparando per essere raccolta.

STATO DEI TRICOMI

Oltre agli altri fattori che ti aiuteranno a capire quando è il momento giusto per tagliare la tua pianta, la pratica standard è quella di guardare lo stato dei tricomi, quindi non dovresti raccogliere le tue piante in base agli altri fattori prima di aver dato un'occhiata ai tricomi.

 

Lo stato dei tricomi è la pratica standard per sapere quando raccogliere.
 

A seconda del tipo di effetto che si preferisce, non si dovrebbe raccogliere a meno che la maggior parte dei tricomi non sia torbida (effetto cerebrale) o ambrata (effetto corporale), raccogliendo al momento giusto si otterranno non solo fiori più densi ma anche un effetto più potente, quindi ricorda che essere paziente è essenziale.

DOMANDE FREQUENTI

Cosa fa il lavaggio?

Il lavaggio rimuove l'accumulo di sostanze nutritive nel substrato e nelle radici, in questo modo la pianta non assorbirà altri minerali e finirà di consumare le sostanze nutritive immagazzinate prima del raccolto, fornendo cime dal sapore migliore senza quel fumo aspro che hanno alcuni fiori.

Perché i tricomi cambiano colore?

I tricomi non cambiano colore, quello che succede è che i cannabinoidi reagiscono alla temperatura e all'umidità, quindi il THC si trasforma in CBN in ambienti ossidanti. Per questo motivo è necessario controllare l'umidità relativa e, a volte, i livelli di ossigeno durante la stagionatura delle cime di cannabis.

6. LA GIUSTA GENETICA

La genetica è un fattore cruciale se stai cercando di coltivare cime dense, al giorno d'oggi ci sono molti ceppi che hanno caratteristiche diverse, che influenzano il tipo di effetto, l'aroma, il sapore, la struttura della pianta e anche la struttura delle cime.

 

Struttura delle gemme Indica e Sativa.
 

Alcuni ceppi (di solito a predominanza Sativa) producono cime ariose e soffici, ma questo non significa che non siano forti; le cime più leggere sono una caratteristica dei ceppi Sativa, mentre le Indica producono fiori più spessi e densi. Quindi ricorda che alcune varietà non produrranno fiori densi anche in condizioni ottimali, ma non significa che manchino di qualità.

 

Fortunatamente, è possibile trovare ibridi che contengono un buon mix genetico e offrono il meglio di entrambi i mondi, come la nostra Purple Lemonade Auto, che è un 30% di Sativa / 70% di Indica, con il risultato di cime super lunghe e dense.

DOMINANTE INDICA VS DOMINANTE SATIVA

Le piante di cannabis hanno dei nodi lungo i loro steli, da cui crescono le foglie e si formano le cime. Questo è lo stesso per tutte le piante di marijuana, ma le varietà a predominanza Indica tendono ad avere spazi internodali più corti, mentre quelle a predominanza Sativa hanno spazi internodali più lunghi, il che può influenzare la forma e la densità dei fiori.

 

Gli ibridi offrono il meglio di entrambi i mondi, c'è sicuramente una varietà che si adatta meglio a te.
 

Anche nelle stesse condizioni, i fiori di cannabis Indica di solito crescono più densi e in grappoli intorno ai nodi dello stelo e dei rami, con brevi spazi internodali tra di loro. Ora, le cime di Sativa di solito crescono più grandi di quelle di Indica, ma invece di avere i nodi tutti insieme, si sviluppano lungo tutto il ramo, per cui le cime tendono a pesare meno a causa della loro minore densità.

LIMITI DELLE CIME

Come detto in precedenza, alcuni ceppi hanno determinate caratteristiche che non cambiano nemmeno in condizioni ottimali. Ciò significa che anche se hai la migliore tenda da coltivazione del mondo, una varietà Indica avrà cime più dense di una varietà Sativa nelle stesse condizioni e non sarai in grado di cambiarlo anche se fornisci la migliore illuminazione, le migliori condizioni di coltivazione e le migliori sostanze nutritive.

 

Se le cime non diventano più dense, dovresti cercare altre genetiche che ti diano il risultato che desideri.
 

Ecco perché dovresti scegliere i ceppi con attenzione, innanzitutto tenendo conto di ciò che la tua tenda da coltivazione può gestire e, in secondo luogo, scegliendo ciò che preferisci. Ti consigliamo di optare per ibridi bilanciati, perché offriranno il meglio di entrambi i mondi in termini di effetto, densità, sapore e resa.

DOMANDE FREQUENTI

Gli autofiorenti sono uguali alle varietà a fioritura rapida?

No, le autofiorenti non dipendono da un ciclo di luce per innescare la fioritura, quindi si possono coltivare dal seme al raccolto con un ciclo di luce di 18/6, mentre le varietà a fioritura rapida sono fotoperiodiche, quindi bisogna comunque fornire un ciclo di luce di 18/6 per la coltivazione e di 12/12 per la fioritura, ma fioriranno più velocemente rispetto alle normali fotoperiodiche.

Quanto tempo ci vorrà perché la mia auto inizi a far crescere le cime? 

Dipende dalla genetica e dal fenotipo che si ottiene, ma la maggior parte delle autofiorenti inizierà a fiorire dopo 4-5 settimane dalla semina.

7. COME FAR CRESCERE CIME GRANDI?

Se stai seguendo tutte le indicazioni di cui sopra e stai ancora ottenendo cime popcorn, ecco alcuni consigli extra per aiutarti a ottenere la densità di cime che desideri.

NUTRITEVI CORRETTAMENTE DURANTE LA FASE DI FIORITURA

Le piante di cannabis sono solitamente più indulgenti nella fase vegetativa, potete nutrirvi leggermente di più o di meno e non avrà molta importanza perché le tue piante cresceranno comunque verdi e sane; ovviamente, nutrirsi molto di più stresserà la pianta, ma avrai un margine di errore minimo. Una volta che siete nella fase di fioritura e le cime si stanno sviluppando le cose cambiano, quando le tue piante di cannabis stanno fiorendo devi fare più attenzione perché le sostanze nutritive che fornisci influenzano la qualità e la densità delle cime.

 

Suggerimenti per ottenere i boccioli più grandi!

EVITARE UN ECCESSO DI AZOTO QUANDO I FIORI SI STANNO FORMANDO

L'irrigazione con alti livelli di azoto nella fase vegetativa provoca una bruciatura dei nutrienti che fa ingiallire le foglie e, nei casi più gravi, le fa seccare e morire, ma questi sintomi sono fondamentalmente estetici e non influiscono sui fiori perché non hanno ancora iniziato a formarsi. Ora, nella fase di fioritura, somministrare troppo azoto può influire sullo sviluppo dei germogli e finire per comprometterne la densità; per fortuna, la tossicità da azoto è facilissima da risolvere, basta ridurre la dose e la pianta si riprenderà.

NON IGNORARE LE CARENZE NUTRITIVE

Come forse sai, le piante di cannabis in fioritura hanno bisogno di più fosforo, potassio e meno azoto, quindi quando le cime si stanno formando dovresti somministrare le sostanze nutritive Bloom nella giusta quantità.

8. IN CONCLUSIONE

Alcune cultivar di cannabis hanno una resa maggiore di altre, come nel caso degli ibridi a predominanza sativa, che crescono con fiori impilati e producono naturalmente grandi raccolti. Anche gli ibridi a predominanza Indica sono buoni candidati perché la maggior parte degli ibridi finisce per essere un'alimentazione pesante e sono ben noti per produrre cime grandi e grasse. 

Quindi, se ti stavi chiedendo come aumentare la resa della cannabis, devi sapere che c'è un gioco di equilibri quando si tratta di potenziare le piante durante la fioritura: l'aggiunta di troppe sostanze nutritive durante la fioritura può causare la bruciatura delle piante, mostrare carenze e, nel peggiore dei casi, rovinare i tuoi raccolti.

Se sei un coltivatore esperto, sentiti libero di lasciare i tuoi consigli e trucchi per aiutare i coltivatori principianti a ottenere cime più grandi! 

RIFERIMENTI ESTERNI:

1. Improving Cannabis Bud Quality and Yield with Subcanopy Lighting. HortScience. - Hawley, Dave & Graham, Thomas & Stasiak, Michael & Dixon, Mike. (2018). 
2. Apical bud removal increased seed yield in hemp ( Cannabis sativa L.). - Ačko, Darja & Flajšman, Marko & Trdan, Stanislav. (2019).

12 September 2022