FastBuds seedbank #1 with 9695 diaries and a rating of Growdiaries 8.8/10 on GrowDiaries
Growdiaries 8.8/10 with 10011 diaries on GrowDiaries

Come Coltivare Cannabis Autofiorente All' Aperto

Scopri tutto ciò che devi sapere sulla coltivazione di Cannabis autofiorente all'aperto e tutto quello di importante da considerare.
08 September 2022
26 min read
Come Coltivare Cannabis Autofiorente All Aperto

Contenuti:
  • 1. Cosa devo considerare prima di piantare?
  • 1. a. Interno vs esterno
  • 1. b. Regione climatica e posizione
  • 1. c. Muffa e parassiti
  • 1. d. Proteggere le piante all'aperto
  • 1. e. Consigli per i principianti
  • 2. Condizioni ottimali
  • 2. a. Ciclo di luce e momento migliore per iniziare
  • 2. b. Temperatura
  • 2. c. Umidità
  • 2. d. Spaziatura
  • 2. e. I migliori nutrienti
  • 2. f. Genetica
  • 3. Guida passo-passo alla coltivazione della cannabis autofiorente all'aperto
  • 3. a. Fase 1: germinazione
  • 3. b. Fase 2: la piantina
  • 3. c. Fase 3: la fase vegetativa
  • 3. d. Fase 4: la fase di fioritura
  • 3. e. Fase 5: raccolta
  • 4. Essiccazione, potatura e stagionatura del raccolto auto all'aperto
  • 4. a. Essiccare le cime
  • 4. b. Tagliare le cime
  • 4. c. Curare le cime
  • 5. In conclusione

Se vivi in un luogo in cui la coltivazione dell'erba è legale, sei fortunato. Non tutti possono coltivare cannabis, soprattutto all'aperto, ma se hai questa opportunità sfruttala! Con un po' di conoscenza, potrete produrre un sacco di cime. Se sei qui per saperne di più su come coltivare piante autofiorenti all'aperto, continua a leggere e saprai tutto quello che c'è da sapere. Coltivare le autofiorenti all'aperto è facile perché non dipendono dalla luce per fiorire. È possibile coltivarle quasi tutto l'anno, semplicemente fornendo buone sostanze nutritive e proteggendole da parassiti e pioggia. Ricordati che la resa dipenderà dal ciclo di luce, quindi è meglio pianificare per tempo.

1. COSA DEVO CONSIDERARE PRIMA DI PIANTARE?

INTERNO VS ESTERNO

Questa è una domanda importante che i coltivatori si pongono prima di iniziare a coltivare la propria erba, perché entrambi hanno i loro pro e contro. Per prendere questa decisione, devi tenere in considerazione un paio di cose: l'ambiente, l'odore e, soprattutto, il costo.

Il costo è il più importante perché dovrai spendere un bel po' di soldi per acquistare una buona lampada, una ventola di scarico, un filtro e una tenda da coltivazione; anche se sembra molto, questo ti permetterà di controllare ogni aspetto dell'ambiente di coltivazione, ti consentirà di eliminare gli odori e di essere più discreto perché, a meno che tu non permetta a una persona di entrare, nessuno sarà in grado di vedere la tua operazione di coltivazione.

 

 VantaggiSvantaggi
Interno
  • Controllo completo dell'ambiente
  • Crescere in qualsiasi periodo dell'anno
  • Costi di avviamento più elevati
  • Insetti e parassiti possono facilmente diffondersi alle piante circostanti
Esterno
  • Il modo meno costoso per coltivare le piante
  • La luce del sole permette alla pianta di esprimere tutto il suo potenziale
  • Non si può controllare l'ambiente
  • Le piante sono esposte a maltempo, insetti e parassiti

Vantaggi e svantaggi della coltivazione della cannabis al chiuso o all'aperto.
 

Quando si coltiva all'aperto non si deve spendere molto se non per i vasi e i nutrienti, ma bisogna ricordare che quando si coltiva all'aperto non si è in grado di controllare il clima e si può soffrire di climi estremamente freddi o caldi e questo influenzerà la crescita delle piante. Un altro svantaggio è che le piante saranno visibili e l'odore può essere un problema se si vive in un luogo dove la cannabis non è legale.

REGIONE CLIMATICA E POSIZIONE

Se stai iniziando a coltivare cannabis proprio ora, probabilmente ti starai chiedendo: quando piantare? Beh, questo dipende dal clima previsto e da tutto ciò che ne consegue. Ci sono 6 regioni climatiche nel mondo, e in ognuna di esse la temperatura, l'umidità e la luce solare variano, quindi dovresti pianificare in base al tuo ambiente.

 

Come coltivare la cannabis all'aperto: pianificare in base all'ambiente.

CLIMI TROPICALI

Il clima tropicale si trova lungo la regione dell'equatore, in città come Brasília (Brasile), Miami (Stati Uniti) e Biak (Indonesia), ed è caratterizzato da un'alta temperatura e un alto tasso di umidità, con una temperatura media di 18°C per tutto l'anno.

CLIMI SUBTROPICALI

Il clima subtropicale è caratterizzato da estati calde e umide e da inverni freschi e miti e di solito si trova vicino alle coste come San Paolo (Brasile), Orlando (Stati Uniti) e Hong Kong (Cina). Questo tipo di clima si trova in tutti i continenti, con una media di 24-27°C di massima e 10-16°C di minima, con un'umidità moderata.

CLIMI FREDDI (CLIMA SUBARTICO E ARTICO)

I climi freddi si verificano in città come Anchorage (Alaska), Sumedang (Indonesia) e Moosonee (Canada); in queste regioni climatiche l'umidità è piuttosto bassa, il clima è estremamente rigido, con una media di -10°C in inverno e non supera i 26°C in estate.

CLIMI TEMPERATI

I climi temperati si trovano in città come Sydney (Australia), Buenos Aires (Argentina) e Atlanta (Stati Uniti), hanno un'umidità relativa moderata, con una media di 10°C di minima durante 6 mesi dell'anno e una media di 22°C di massima.

CLIMI SECCHI (CLIMA ARIDO E SEMI-ARIDO)

I climi secchi si trovano in città come Lampedusa (Italia), Reno (Stati Uniti) e Jaipur (India); sono caratterizzati da un'umidità molto bassa, con temperature estremamente basse di notte, che raggiungono i -10°C, e temperature estremamente basse di giorno, intorno ai 45°C.

A seconda del luogo in cui vivi, dovrai pianificare in anticipo, conoscendo la temperatura prevista, l'umidità e la quantità di luce solare che le tue piante riceveranno può fare un'enorme differenza in termini di resa.

 

Quando scegli la posizione migliore per le tue piante autofiorenti, assicurati che siano rivolte verso l'alba.
 

Ad esempio, la California riceve in media 14:30 ore di luce solare in estate1 e circa 9:40 ore in inverno, quindi è necessario pianificare il ciclo di coltivazione in base al luogo in cui si vive.

MUFFA E PARASSITI

Quando si coltiva all'aperto può essere abbastanza facile contrarre insetti e parassiti. 

Le piante sono direttamente esposte all'ambiente, quindi bisogna fare attenzione alla pioggia, all'umidità elevata e alla temperatura; la giusta combinazione di questi elementi può attirare insetti o muffe sulle piante di cannabis e, non potendo controllare l'ambiente, può essere piuttosto difficile affrontarli.

PROTEGGERE LE PIANTE ALL'APERTO

Le piante di cannabis devono essere protette dalle condizioni climatiche avverse e dai predatori; a seconda del luogo di coltivazione, le piante possono essere attaccate da insetti o da animali più grandi come cani, gatti o roditori, per questo motivo è meglio circondarle con una recinzione in filo metallico, se necessario. La recinzione deve essere interrata e fuori terra intorno alla pianta e alle radici, anche se sembra eccessiva è essenziale perché animali come le marmotte e le talpe vivono sottoterra, cercano le radici per nutrirsi e possono mangiare un'intera pianta in una notte.

È anche una buona idea costruire una semplice struttura per proteggere le piante dalla neve e dalla pioggia; questa struttura può essere costruita con pali di legno e un telo di plastica e farà in modo che le piante non gelino o ammuffiscano.

 

Quando si pianta in piena terra, è essenziale proteggere le piante dalle talpe e dagli scarafaggi con una gabbia metallica.
 

Non c'è bisogno di spendere troppo per proteggere le piante, un recinto di filo metallico è abbastanza economico e se vuoi fare una casetta a cerchio può essere facilmente realizzata con un foglio di plastica e tubi di plastica, se vuoi una casetta più robusta puoi costruirne una in metallo o in legno ma la struttura sarà fondamentalmente la stessa.

CONSIGLI PER I PRINCIPIANTI

Se non hai mai coltivato cannabis prima d'ora, ci sono un paio di cose che devi tenere a mente. A seconda della città in cui vivete, devi assicurarti che il tuo spazio di coltivazione sia discreto, il che significa che non solo le piante non devono essere visibili, ma anche che i vicini non devono essere in grado di sentirne l'odore. Questo non vale solo per le piante in sé, ma anche per la luce. Di solito le lampade per la coltivazione sono molto luminose e possono essere viste da lontano se non ci si assicura che non ci siano perdite di luce. Mascherare l'odore all'aperto può essere un po' complicato perché non si ha modo di eliminare l'odore.

 

La cannabis si confonde con la vegetazione circostante.
 

Puoi coltivare in guerriglia sul tuo balcone usando molte piante aromatiche che ti aiuteranno a mimetizzare le piante di cannabis, ma non è detto che l'odore non infastidisca i tuoi vicini. Anche se puoi addestrare le tue piante, il modo migliore per evitare questo problema è coltivare piante a predominanza Indica, che tendono a crescere più corte e compatte, quindi non c'è bisogno di addestrarle (se non vuoi o sai come farlo).

Se desideri coltivare una varietà specifica che cresce in altezza, dovresti coltivare le piante in vasi più piccoli o formarle in modo che non possano essere viste dalle persone che passano o da altri balconi. Puoi anche costruire una struttura simile a un capanno intorno alle tue piante, coprendole con un telo di plastica puoi tenere lontana la pioggia, ridurre la luce come fanno la maggior parte dei coltivatori all'aperto con la tecnica della privazione della luce e avere una coltivazione di cannabis più furtiva.

2. CONDIZIONI OTTIMALI

CICLO DI LUCE E MOMENTO MIGLIORE PER INIZIARE

È importante capire il ciclo di vita di una pianta di Cannabis autofiorente e come si differenzia dalle normali cultivar fotoperiodiche. Come suggerisce il nome, queste varietà iniziano a fiorire automaticamente grazie al loro patrimonio di Ruderalis. Originariamente trovata in Siberia, la Ruderalis, di dimensioni nane e a bassa potenza, aveva la capacità di crescere in fase vegetativa e poi di fiorire automaticamente indipendentemente dal ciclo di luce. Una caratteristica incredibile che le varietà di cannabis autofiorenti possiedono oggi.

 

Ciclo di luce

18/612/12

Ore di luce

1812

Ore di buio

612

Vantaggi

Permette alle piante di riposare e sviluppare buone gemmePiù facile da pianificare, disponibile quasi tutto l'anno

Svantaggi

Non disponibile tutto l'annoCime poco sviluppate e aride

Pro e contro dei cicli di luce per le varietà di cannabis autofiorenti.
 

Una volta capito che è possibile piantare piante automatiche all'aperto in qualsiasi periodo dell'anno, si può iniziare a pianificare i cicli di coltivazione in base alla temperatura, all'umidità e alla luce solare del luogo in cui si vive, anche se bisogna tenere presente che all'aperto il ciclo di luce dipende dalla stagione in cui ci si trova e può differire da un luogo all'altro, determinando una maggiore o minore crescita delle piante e di conseguenza una migliore (o peggiore) resa.

Il momento migliore per iniziare a coltivare cannabis fotoperiodica dipende dalla quantità di luce che si riceve, ma con gli autofiorenti le cose sono diverse. Poiché crescono velocemente e non dipendono dalla luce per iniziare la fioritura, puoi coltivarle all'aperto quando vuoi. Naturalmente, la temperatura può influire sul risultato, ma molto probabilmente avrai dei bellissimi fiori dopo ogni raccolto.

TEMPERATURA

Grazie alla natura resistente che la Cannabis autofiorente possiede, a seconda della varietà, è facilmente possibile raccogliere le cime durante il periodo più freddo dell'anno, con le ore di luce più brevi, così come durante le giornate più calde e lunghe. È questa incredibile capacità di adattarsi a qualsiasi clima, da quello rigido e freddo a quello piacevole e caldo, che permette a qualsiasi coltivatore di ottenere un raccolto tutto l'anno.

Sebbene esista un ambiente ottimale che tutte le piante preferiscono, anche se le autofiorenti possono sopportare climi più rigidi, la temperatura migliore per coltivare piante di cannabis autofirenti è compresa tra 18 e 25 °C, con un'umidità relativa del 60% e preferibilmente 18 ore di luce al giorno.

 

Le condizioni ideali perché una pianta si sviluppi al massimo sono almeno 18h di luce, 60% di umidità relativa e una temperatura compresa tra 18 e 25°C.

COLTIVAZIONE IN ESTATE

Se coltivi in climi più caldi, dovrete regolare l'irrigazione e la quantità di sostanze nutritive. Questo perché le temperature più elevate tendono ad accelerare i processi della pianta, quindi dovrai adattare l'alimentazione alle tue esigenze. Inoltre, tieni presente che in estate i livelli di umidità aumentano, quindi è bene eseguire tecniche di LST per mantenere un buon flusso d'aria tra le cime e i rami ed evitare funghi o insetti.

COLTIVAZIONE IN INVERNO

Nei climi più freddi le piante tendono a rallentare il loro ritmo di crescita, quindi di solito si utilizzano meno sostanze nutritive. Tieni inoltre presente che in inverno i livelli di umidità sono più bassi, quindi dovrai annaffiare sporadicamente in modo che la pianta abbia il tempo di assorbire i nutrienti. Ricordati che se la temperatura è inferiore a 4°C, l'acqua può congelare le radici, quindi è meglio nutrire la pianta quando le temperature sono più alte.

SUGGERIMENTI:

  • Alcune automatiche possono sopportare sia il freddo che il caldo intenso.
  • È possibile piantare dall'inizio della primavera fino all'inverno inoltrato con ottimi risultati.
  • La cannabis autofiorente è molto resistente a muffe, funghi e vento. 
  • Evita di piantare i semi se il tuo giardino mostra segni di gelo.

UMIDITÀ

I livelli di umidità sono importantissimi per una pianta di cannabis, se l'umidità è troppo alta o troppo bassa la pianta farà fatica a "respirare", quindi è fondamentale sapere quali livelli di umidità aspettarsi per ogni fase di crescita della pianta prima di coltivarla. Nella fase di semina, le piante si svilupperanno meglio con un'umidità relativa del 60%, perché le piantine non amano un ambiente più secco e hanno bisogno di umidità extra per svilupparsi correttamente nelle prime settimane di vita.

 

La cannabis in fase vegetativa prospera con un'umidità relativa del 60%.
 

Nella fase vegetativa è necessario diminuire gradualmente l'umidità dal 60% al 50%, perché in questa fase le piante hanno già iniziato la fotosintesi e hanno bisogno di quel livello di umidità relativa per poterla svolgere correttamente. Una volta che la pianta è entrata nella fase di prefioritura, dovrai diminuire gradualmente il livello di umidità fino a circa il 40-45%; le cime sono piene d'acqua, quindi questo impedirà loro di ammuffire e si tradurrà in una pianta più sana.

SPAZIATURA

Poiché le piante di cannabis crescono e sviluppano molti rami, è necessario lasciare spazio tra di loro; se non sai quanto spazio dovresti lasciare tra le piante, devi pensare alle dimensioni che avranno. Ad esempio, in 1 m2 si possono inserire circa 10 piante piccole, 6 piante medie e 3 piante grandi, oppure lasciare circa 30-45 cm tra le piante piccole, 50-60 cm tra le piante medie e 65-100 cm tra le piante grandi, anche se le piante autofiorenti di solito non crescono troppo, quindi se lasci circa 40 cm tra una e l'altra dovresti essere a posto.

 

Spazio ideale tra le piante di cannabis all'aperto.
 

Fornendo una distanza sufficiente tra le piante, si prevengono i problemi che potrebbero verificarsi più avanti nel ciclo di crescita, come la luce che non arriva abbastanza in profondità, le piante più alte che mettono in ombra quelle più piccole e altri problemi come la mancanza di flusso d'aria.

I MIGLIORI NUTRIENTI

A seconda di quello che riesci a trovare (o vuoi usare) ci sono due opzioni per nutrire le tue piante: nutrienti organici o sintetici, entrambi funzionano bene ma ognuno ha i suoi pro e i suoi contro. I nutrienti organici possono essere più difficili da usare per i coltivatori principianti, ma possono dare come risultato fiori dal sapore e dall'odore migliori e sarà più difficile bruciare le piante, mentre i nutrienti sintetici sono facilissimi da usare, basta seguire le istruzioni sulla confezione e magari aggiustare la dose con alcune piante, ma è abbastanza facile; ricordati che i nutrienti sintetici possono bruciare facilmente le piante, quindi devi nutrirle con cura, prestando attenzione ai segnali che la tua pianta ti dà.

In ogni caso, se si fornisce un rapporto NPK di 2-1-3 nella fase vegetativa e 1-3-2 nella fase di fioritura, la pianta crescerà alla grande.

GENETICA

Un grande problema quando si coltivano varietà autofiorenti è la genetica, anche se si fa tutto alla perfezione si può rimanere delusi dalla qualità e dalla quantità di fiori prodotti dalla pianta, perché per avere un buon raccolto è necessaria una buona genetica. A seconda del luogo in cui vivi, un certo tipo di varietà avrà un risultato migliore di un altro.

Se vivi in una parte del mondo con un clima più caldo, puoi coltivare qualsiasi tipo di varietà autofiorente, ma è consigliabile coltivare ibridi a predominanza Sativa. In questo modo otterrai il massimo da ogni seme, perché le Sativa di solito crescono più alte e con un maggior numero di siti di fioritura, con un conseguente maggior rendimento.

Orange Sherbet Auto
5 out of 5
Questa varietà già dalle ultime settimane di fioritura sprigiona un fortissimo odore agrumato, per lo più di arancia, mi piace molto!!
Nielsen.
Verified customer
Reviewed 20 ottobre 2020
 

Questa varietà, più esigente e dalla resa maggiore, fiorirà in un clima costantemente soleggiato.

Le automatiche possono davvero aiutare un coltivatore che sperimenta climi più freddi, si dovrebbero coltivare ibridi a dominanza Indica perché la loro eredità Indica li rende più resistenti al freddo e ad un livello elevato.

 

È molto resistente e sarà pronta a tagliare, anche dopo una forte pioggia o un'ondata di freddo.

3. GUIDA PASSO-PASSO ALLA COLTIVAZIONE DELLA CANNABIS AUTOFIORENTE ALL'APERTO

Coltivare cannabis autofiorente all'aperto può essere davvero semplice, seguendo questi passaggi che rappresentano la cronologia della crescita di una pianta di cannabis potrai coltivare con successo la tua medicina.

FASE 1: GERMINAZIONE

Prima di piantare i tuoi semi, dovrai farli germogliare, questo è il primo passo per un raccolto di successo. Ci sono un paio di modi per far germogliare i semi: puoi farli germogliare direttamente nel terreno, in carta assorbente o immergerli in un bicchiere d'acqua.

 

Prendi un bicchiere di vetro, riempilo per metà di acqua, mettilo in un luogo molto buio e immergi i semi.
 

Si consiglia di immergerli in acqua per circa 12 ore prima di piantarli o di trasferirli su carta assorbente. Ricordati che il guscio del seme deve essere umido per facilitare la crescita della piantina.

Bisogna anche ricordare che lasciare i semi in acqua per troppo tempo li farà annegare, quindi è consigliabile tenerli per un massimo di 24 ore se sono troppo vecchi, ma 12 ore sono sufficienti per avere dei buoni semi.

A CHE PROFONDITÀ PIANTARE I SEMI?

Dopo aver fatto germinare il seme, dovrai piantarlo nel substrato. Devi fare molta attenzione a questo processo perché la radichetta è molto fragile. Per evitare di danneggiarla, devi fare un piccolo foro con il dito fino alla prima linea dell'indice o circa 2-3 cm con una penna. È abbastanza profondo da permettere alla piantina di crescere in tempi relativamente brevi; assicurati inoltre di non pressare il terreno, ma di spargere un po' di terra in modo che non sia troppo compatto e la piantina non faccia fatica a uscire.

PIANTARE IN VASO O IN TERRA?

Una volta germinati i semi, dovrai decidere se coltivare in vaso o direttamente in terra. A volte è più logistico usare i vasi perché possono essere spostati in caso di necessità, tuttavia, se vuoi spendere meno e riesci a trovare un buon posto per le tue piante, puoi sicuramente piantarle in giardino, ad esempio. Fai attenzione quando pianti nel terreno, le marmotte e le talpe sono difficili da individuare perché vivono sottoterra e possono mangiare le tue piante, se vedi dei buchi nel terreno dovresti evitare quel posto. Questi animali si nutrono delle radici e delle fibre della pianta e la faranno sparire da un giorno all'altro.

 

Diverse miscele di substrati per la coltivazione biologica di autofiorenti.
 

Se coltivi in vaso, scegli una miscela di substrati, come la fibra di cocco, la perlite e il terriccio. In questo modo le piante cresceranno più facilmente, ossigenando maggiormente le radici e favorendo il drenaggio dell'acqua durante le annaffiature.

SUGGERIMENTI:

  • I vasi possono essere spostati per seguire il sole. 
  • Le piante piccole possono essere facilmente mimetizzate.
  • Piantare in terra (in un terreno fertile) evita di dover acquistare terriccio e sostanze nutritive.
  • I nutrienti organici sono ricchi di microrganismi benefici.

FASE 2: LA PIANTINA

Circa 10 giorni dopo la germinazione dei semi e la loro collocazione nel substrato scelto, la piantina inizierà a emergere dal terreno. Se vuoi essere sicuro che le tue piantine siano sicure, puoi tenerle in casa e trasferirle all'aperto dopo aver visto le prime foglie vere.

 

Pianta di cannabis appena nata.
 

Le piantine di cannabis non hanno bisogno di molta luce, quindi possono crescere sotto una lampada CFL; ricordati che se tieni le piante sotto LED o lampadine, possono essere stressate quando vengono trasferite all'esterno, quindi dovresti trasferirle non appena vedi il primo paio di foglie vere completamente sviluppate per evitare questo problema. A questo punto, i cotiledoni hanno esaurito le sostanze nutritive e la pianta ha bisogno di luce solare e di nutrienti per svilupparsi correttamente.

FASE 3: LA FASE VEGETATIVA

Quando la tua pianta ha sviluppato il primo paio di foglie vere, è ufficialmente in fase vegetativa e questo è il momento in cui dovresti iniziare ad annaffiare con i nutrienti, iniziando con una dose bassa e aumentando gradualmente.

In questa fase, dovresti somministrare alle piante più azoto (N) e potassio (K), che sono i macronutrienti di cui una pianta ha bisogno per prosperare; dovresti anche decidere la tua posizione e quale parte del giardino o del terrazzo riceve più sole.

 

Piante di cannabis sane in fase vegetativa.
 

Posizionare la pianta nella direzione in cui sorge il sole è l'opzione migliore, il che significa che quando il sole tramonta, le piante riceveranno l'ultima quantità di luce solare ogni giorno, assicurando la luce solare più diretta possibile. Per essere sicuro al 100%, puoi facilmente cercare su internet in quale direzione sorge il sole, ad esempio Est a Manaus2 e Nord-Est a Sydney3.

OGNI QUANTO TEMPO DARE DA MANGIARE?

Il programma di irrigazione dipende dalla genetica e dall'ambiente, non c'è modo di dire esattamente quante volte e quanta acqua ha bisogno la tua pianta. Il modo migliore è innaffiare di nuovo quando il terreno è asciutto per circa il 65% o sollevando il vaso: se è pesante probabilmente contiene ancora acqua, se è leggero probabilmente è secco e ha bisogno di essere innaffiato.

PER QUANTO TEMPO CRESCONO LE PIANTE?

A seconda della varietà che si sceglie di coltivare, il tempo necessario per la completa maturazione può essere diverso. Anche se tutte le piante di cannabis autofiorenti sono ibridi, alcune hanno un'eredità Sativa e altre Indica, quindi le loro dimensioni e il tempo di crescita variano. Ad esempio, le varietà con eredità Indica possono richiedere circa 8 settimane per maturare, mentre le varietà con eredità Sativa possono richiedere fino a 11 settimane.

QUANTO DIVENTANO GRANDI LE PIANTE?

L'altezza di una pianta dipende dal suo patrimonio. Questo perché le Sativa di solito si allungano e fanno crescere meno foglie rispetto alle Indica, che crescono corte e cespugliose.

 

Decidi in anticipo, in base al tuo spazio di coltivazione, quali sono le dimensioni più adatte a te.
 

Quindi le dimensioni dipendono dalla loro genetica. Ad esempio, una varietà a predominanza Sativa può crescere fino a 150 cm, mentre un ibrido a predominanza Indica può raggiungere gli 80-100 cm.

FORMAZIONE DELLE PIANTE

Quando si coltiva Cannabis all'aperto, è bene pianificare in anticipo la formazione delle piante. Questo viene normalmente fatto nelle fasi iniziali e porterà grandi benefici alle piante una volta iniziata la fioritura. La formazione a basso stress è una tecnica molto semplice che ha molti vantaggi e può essere eseguita in diversi metodi e in vari modi; la tecnica più conosciuta è il metodo Tie-down.

 

Diverse tecniche di formazione per le piante di cannabis.
 

Le tecniche di formazione delle piante dovrebbero essere iniziate quando la tua autofiorente ha circa 3-5 paia di foglie e dovrebbero essere interrotte poco prima della fase di prefioritura o quando hai raggiunto la struttura e le dimensioni a cui miravi. In questo video in timelapse, il nostro coltivatore ti mostra una combinazione di metodi di formazione delle piante ad alto e basso stress, anche se non dovresti fare HST se non hai un po' di esperienza.

 

Formazione sulle piante dei nostri biscotti Girl Scout da parte del nostro coltivatore Green75.
 

Come si può vedere, Green 75 ha distanziato i rami e tagliato il fogliame in eccesso in modo che i boccioli abbiano più spazio e luce per svilupparsi, il che incoraggia la pianta a sviluppare più siti per i boccioli, consente un maggiore flusso d'aria nei boccioli e alla luce di arrivare in profondità, con il risultato di boccioli più sviluppati e più grassi.

Quando si effettua la formazione delle piante autofiorenti non è sempre consigliabile utilizzare tecniche di formazione ad alto stress (HST) se non si è esperti, per questo motivo si consiglia di utilizzare tecniche di formazione a basso stress (LST) come quella illustrata sopra.

FASE 4: LA FASE DI FIORITURA

Dopo un paio di settimane di fase vegetativa, la pianta inizierà a mostrare dei peli bianchi (pistilli), segno che la pianta è pronta per iniziare a produrre fiori; in questa fase dovrete iniziare a somministrare i nutrimenti per la fioritura.

 

Pianta di cannabis quasi pronta per il raccolto.
 

La pianta ha bisogno di minori quantità di azoto (N) e di maggiori quantità di fosforo (P) e potassio (K) per sviluppare correttamente i fiori; se non si forniscono fosforo e potassio le cime si svilupperanno in modo arioso e leggero, è fondamentale nutrire correttamente la pianta se si vogliono cime dense e grasse.

COME INGRANDIRE LE CIME?

Non esiste un modo preciso per rendere le cime più grandi, le cime si sviluppano grandi e dense quando crescono con una combinazione di un buon ambiente e di buone sostanze nutritive, per questo motivo dovresti pianificare il tuo ciclo di coltivazione un paio di settimane prima della germinazione dei semi.

Ci possono essere enormi differenze nella quantità e nella qualità dei fiori tra una pianta cresciuta al freddo con meno ore di luce solare e una pianta cresciuta in condizioni migliori con più luce solare.

SOSTENERE LA CANNABIS AUTOFIORENTE ALL'APERTO

Le piante di cannabis all'aperto di solito non hanno un limite per smettere di crescere e, a meno che non si limitino le loro dimensioni piantandole in vasi più piccoli, possono diventare enormi.

 

Piante di cannabis all'aperto che crescono sane.
 

Sebbene le piante enormi non siano sempre un male, le gemme cresceranno grandi e dense e a volte i rami non saranno abbastanza forti da reggerle e si spezzeranno, per questo è necessario aggiungere un supporto. Esistono diversi modi per fornire un sostegno alle piante: si possono usare pali di bambù, una rete a traliccio o gabbie metalliche per pomodori.

QUANDO LE PIANTE INIZIANO A PROFUMARE?

Le autofiorenti di solito iniziano a profumare intorno alla 4-6° settimana, quando sono in fase di prefioritura; questo accade perché quando la pianta inizia a sviluppare i fiori produce anche i tricomi, che contengono terpeni e sono responsabili dell'odore.

 

Pianta di cannabis che inizia a fiorire.
 

Questo è il momento in cui dovreste installare il filtro a carbone o qualsiasi altro metodo per eliminare il tipico odore di cannabis, ricordati che questa è solo una linea guida e che alcune piante di cannabis possono iniziare a puzzare già alla terza settimana di crescita della pianta.

QUANTO RENDONO LE PIANTE?

La resa delle piante dipende dalla genetica, anche se, nonostante le dimensioni, le Indica possono produrre più delle Sativa o viceversa. Di solito, la quantità che producono dipende dalle condizioni di coltivazione, si possono raccogliere fino a 200g da una singola pianta o anche 40g. Dipende esclusivamente da come ci si prende cura delle piante e dalle loro caratteristiche genetiche, come la densità delle cime e la quantità di siti di cime.

PALETTI DI BAMBÙ

I paletti di bambù sono il modo più comune per sostenere i rami perché sono economici ed efficaci, anche se non possono essere usati a lungo perché sono esposti alla pioggia e quindi possono marcire e diffondere l'oidio alle piante.

 

Crystal Meth Auto del nostro coltivatore Centerwook di Grow Diaries.

RETE A TRALICCIO

Una rete a traliccio può essere usata non solo per sostenere i germogli, ma anche per controllare le dimensioni delle piante, anche se è un po' più difficile perché dovrete costruire la struttura (pali di metallo o di bambù intorno alla pianta) per fissare anche la rete.

 

A seconda di come si utilizza una rete a traliccio, essa può fornire un sostegno e controllare l'altezza delle piante.
 

Una rete a traliccio può essere utilizzata sia in orizzontale sopra le piante (come in Scrog) sia in verticale intorno alle piante (come una gabbia per pomodori); entrambi i modi funzionano benissimo ed è solo una questione di preferenze, se vuoi controllare l'altezza puoi posizionarla in alto ma se non ne hai bisogno, posizionala semplicemente intorno per sostenere i rami.

GABBIE METALLICHE PER POMODORI

Le gabbie metalliche per pomodori funzionano come una rete a traliccio intorno alle piante: sosterranno i rami da ogni lato, ma non controlleranno l'altezza.

 

Metodo di formazione con gabbia metallica per pomodori.
 

Le gabbie per pomodori possono essere utilizzate anche come struttura a cui legare i rami e sono abbastanza economiche, anche se dovrai aprirle per rimuovere le piante, quindi non sono riutilizzabili.

FASE 5: RACCOLTA

QUANDO RACCOGLIERE?

Il momento migliore per raccogliere le piante di cannabis dipende dal tipo di effetto che si vuole ottenere, ci sono tre tipi di sballo che si possono ottenere osservando i tricomi. Non si dovrebbe raccogliere quando i tricomi sono chiari perché non si sono sviluppati abbastanza e la potenza si riduce.

 

Dovresti raccogliere la tua pianta quando circa il 40% dei tricomi è di colore ambrato, cioè quando i tricomi sono al massimo della loro potenza.
 

Quando i tricomi sono torbidi, si avrà un mix equilibrato di effetti cerebrali e corporei; è questo il momento in cui si dovrebbero raccogliere le piante se si vuole sperimentare tutta la potenza che una pianta può offrire. Se vuoi sperimentare l'effetto completo che una pianta ha da offrire, dovresti raccogliere quando circa il 30-50% dei tricomi è ambrato. Se raccogli quando la maggior parte dei tricomi è ambrata, avrai un effetto più corporeo perché i tricomi sono maturati un po' troppo.

 

Dovresti raccogliere la tua pianta quando circa il 40% dei tricomi è di colore ambrato, cioè quando i tricomi sono al massimo della loro potenza.
 

Non c'è un momento giusto per la raccolta, basta che si raccolga per ottenere l'effetto desiderato e si sarà soddisfatti del risultato.

CONSIGLI:

  • Controllate se le cime sono dense, gonfie e difficili da spremere. Anche se hai superato la data di raccolta consigliata, è meglio aspettare che i fiori siano il più densi e resinosi possibile. 
  • Con una lupa, esamina lo stato dei tricomi. Quando la maggior parte dei tricomi è di un bianco torbido e un po' ambrato è il momento migliore per tagliare e appendere.
  • Gli ibridi autofiorenti a predominanza Sativa possono richiedere più tempo rispetto a quelli a predominanza Indica, quindi preparati a dare alle tue piante una o due settimane in più se ne hanno bisogno.

4. ESSICCAZIONE, POTATURA E STAGIONATURA DEL RACCOLTO AUTO ALL'APERTO

Finalmente hai visto il tuo raccolto passare dalla semina alla raccolta. Che sensazione, vero? I livelli di eccitazione che circondano il pensiero di poter finalmente fumare quelle splendide e succulente caramelle che hai coltivato tu stesso sono ai massimi storici. Ma aspetta un attimo (o in realtà un po' più di un attimo). Ci dispiace essere i portatori di cattive notizie, ma sei ancora un po' lontano dal poter consumare i frutti del tuo lavoro. Certo, potresti seguire la strada dei montanari e mettere le cime nel forno alla temperatura più bassa possibile per farle seccare, ma in questo modo faresti un torto a te, al tuo duro lavoro e alla pianta stessa. 

Coltivare e raccogliere un raccolto è solo metà del lavoro. Per ottenere il meglio dalle cime, queste devono essere correttamente e accuratamente essiccate, tagliate e poi curate. Diamo un'occhiata approfondita alle fasi da seguire per ottenere i migliori risultati in termini di maturazione dei terpeni e qualità del fumo.

ESSICCARE LE CIME

L'essiccazione della cannabis non è una scienza missilistica ed è un'operazione piuttosto semplice da portare a termine, a patto che si disponga di un'impostazione corretta. Quindi, qual è l'impostazione corretta? Dipende dalla quantità di erba che si vuole essiccare. Se stai leggendo questa guida, è molto probabile che tu sia un coltivatore alle prime armi, quindi ci limiteremo a un'operazione su piccola scala. La prima decisione che devi prendere è quella di scegliere se vuoi tagliare a umido o a secco. Entrambi gli stili di cimatura presentano pro e contro, ma per la stragrande maggioranza dei coltivatori consigliamo di optare per la cimatura a secco. La cimatura a umido consiste nel rimuovere la maggior parte del materiale vegetale indesiderato non appena si raccoglie e prima che inizi il periodo di essiccazione. La cimatura a secco consiste nel lasciare la maggior parte delle foglie di zucchero attaccate alle cime mentre si lascia essiccare la pianta. È bene rimuovere le foglie a ventaglio più grandi, ma per la maggior parte si può semplicemente spezzare la pianta e appenderla per l'essiccazione.

 

Si consiglia di essiccare l'intera pianta invece di essiccare i singoli rami.
 

L'unico caso in cui suggeriamo la potatura a umido è se vivi in un'area in cui la temperatura e l'umidità relativa sono piuttosto elevate e non riesci a tenerle sotto controllo. Per il resto di questa guida, supporremo che abbia intenzione di essiccare il tuo raccolto. L'utilizzo di una grande scatola di cartone come area di essiccazione è una delle soluzioni più comuni per i coltivatori alle prime armi. Suggeriamo di usare dello spago per creare un gruppo di fili orizzontali lungo tutta la scatola e di appendere le cime o i rami direttamente a questi fili. Puoi anche usare la tua tenda da coltivazione per essiccare l'erba, ma questo mette fuori uso la tenda stessa per un paio di settimane. Un'altra soluzione comune è uno scaffale per l'essiccazione delle erbe.

Per essiccare correttamente la cannabis è necessario poter controllare l'ambiente di essiccazione, a meno che non si abbia la fortuna di vivere in condizioni ambientali perfette. Per quanto riguarda le temperature, si consiglia di mantenere una temperatura compresa tra i 60 e i 70°F (15-22°C). Per quanto riguarda l'umidità relativa, un intervallo compreso tra il 55 e il 65% è perfetto. Il risultato dovrebbe essere un'essiccazione lenta, tra i 10 e i 14 giorni. Se si va più veloci si corre il rischio di distruggere il profilo terpenico, se si va più lenti si rischia di avere problemi di muffa. Per ottenere un risultato corretto potrebbe essere necessario utilizzare un kit, a seconda delle condizioni ambientali attuali. Un condizionatore può essere utile se fa troppo caldo, così come un deumidificatore (o un umidificatore). Si possono anche usare dei ventilatori o un piccolo riscaldatore elettrico. Tutto dipende dalla tua configurazione. Ricorda che l'igrometro è il tuo migliore amico e ti darà tutte le informazioni necessarie per avere successo nell'essiccazione del tuo raccolto.

TAGLIARE LE CIME

Tagliare l'erba a secco non è un lavoro difficile, ma può essere super noioso, soprattutto se hai un mucchio di bud da gestire. Per rendere la vita più facile possibile, non usare un paio di forbici qualsiasi. Le forbici da taglio renderanno il processo molto più rapido e semplice. E assicurati di prendere un vassoio per trim decente, come l'OG Trim Bin. I vassoi per il trim fanno un ottimo lavoro nel raccogliere tutti i tricomi caduti che altrimenti andrebbero persi.

 

Si consiglia di essiccare l'intera pianta invece di essiccare i singoli rami.
 

Quando si taglia, la regola d'oro è di non rasare mai i boccioli. È necessario usare le punte delle forbici per scavare nei fiori e tagliare i gambi delle foglie di zucchero, lasciando indisturbati i calici e i pistilli. Ora che l'essiccazione e la rifinitura sono terminate, deve essere finalmente il momento di fumare, vero? No! A questo punto, le cime vanno bene per essere fumate, ma se vuoi davvero ottenere il meglio da loro, devi lasciarle essiccare. 

CURARE LE CIME

È meglio pensare al processo di stagionatura come all'invecchiamento del vino o del whisky. Senza di esso, il prodotto non sarà al suo massimo splendore. Fortunatamente non richiede tanto tempo quanto l'invecchiamento dell'alcol, ma richiede comunque un po' di pazienza. Quanto tempo occorre per completare il processo di stagionatura? 

Dipende dalle condizioni ambientali, dalla varietà e dalla densità delle cime. La risposta dipende anche da chi lo chiede, ma per la maggior parte dei ceppi, un periodo di stagionatura da 2 a 4 settimane dovrebbe andare bene. Detto questo, alcune varietà possono richiedere fino a 6 mesi per maturare correttamente, quindi anche se pensi che il processo sia finito è meglio lasciarle nei loro contenitori di stagionatura. Affinché il processo di maturazione abbia successo è necessario creare le condizioni giuste, il che non è troppo difficile se si dispone dell'attrezzatura e dello spazio adeguati. 

Per prima cosa, è necessario procurarsi dei contenitori ermetici. La maggior parte delle persone sceglie barattoli di vetro, ma in realtà va bene qualsiasi cosa che sia richiudibile. Una regola d'oro da tenere a mente è quella di non riempire troppo i contenitori. Cerca di tenerli pieni per meno del 75%, in modo che le gemme abbiano un po' di spazio per respirare.

 

Ricordati di utilizzare barattoli di vetro ermetici per la stagionatura.
 

Conserva i vasetti in un luogo fresco e buio e, se possibile, procurati un igrometro separato per ogni vasetto. Questi sono dotati di sonde che possono essere posizionate all'interno del vaso, mentre il corpo principale è all'esterno. Per quanto riguarda le temperature, dovresti cercare di mantenerle intorno ai 22°C con un livello di umidità relativa del 60-65%.

Questi vasetti dovranno essere ruttati due volte al giorno per i primi 10 giorni circa, e poi due volte a settimana per il resto del periodo di stagionatura. Non allarmarti se le cime sembrano diventare un po' più umide nei primi 3 giorni: si tratta solo dell'umidità interna residua che fuoriesce. Dovresti invece allarmarti se quando li rutti senti un odore simile a quello dell'ammoniaca, perché questo è un segno rivelatore di muffa. In tal caso, svuota rapidamente il barattolo e rimetti le gemme nell'area di essiccazione per un giorno o due, pregando che la muffa scompaia. Una volta trascorso un mese, le gemme dovrebbero essere più che pronte per essere fumate!

5. IN CONCLUSIONE

Quindi, se ti stavi chiedendo come coltivare la Skunk all'aperto o qualsiasi altra varietà di tua preferenza, ora sai tutto ciò che ti serve. Nonostante sembri difficile, i coltivatori inesperti possono coltivare con successo le varietà autofiorenti con facilità, purché si forniscano luce, acqua e sostanze nutritive, sarai in grado di coltivare la tua erba in meno di 10 settimane. Se sei interessato alle nostre genetiche o le hai già coltivate all'aperto, lasciaci un commento qui sotto!

RIFERIMENTI ESTERNI:

1. NOAA’S National Weather Service - https://w2.weather.gov/climate/

2 & 3 ESRL Global Monitoring Laboratory - https://www.esrl.noaa.gov/gmd/grad/solcalc/

 

 

08 September 2022